Saggi

Cronache dal Big-Bang

AA.VV.

Descrizione: Vorrei poter scrivere un libro che fosse solo un incipit, che mantenesse per tutta la sua durata la potenzialità dell'inizio, l'attesa ancora senza oggetto. (Italo Calvino, Se una notte d'inverno un viaggiatore)".Questo è un libro "solo di incipit": i più significativi della letteratura mondiale (da Omero alla letteratura contemporanea) narrati, con "svolgimenti molteplici, inesauribili", da una ventina di scrittori, a cui si aggiungono le testimonianze sulla "potenzialità" e difficoltà dell'inizio" di Raffaele La Capria, Dacia Maraini, Melania Mazzucco, raccolte dallo scrittore e magnifico "conversatore" Paolo Di Paolo.

Categoria: Saggi

Editore: Hacca

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788889920695

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

 

Quelli di Hacca da qualche mese han pubblicato un libro sui libri. Anzi, sugli incipit dei libri. Non che siano i primi a portar questa idea in libreria. Ad esempio ci avevano costruito un quiz Fruttero e Lucentini, che nel 1993 hanno curato Incipit. 757 inizi facili e meno facili. Un libro di quiz e di lettura, curiosità non taciuta ma anzi raccontata da Lidia Sirianni che in questo libro di Hacca scrive una bella divagazione sugli incipit in fondo alla raccolta.

Ma che bellezza leggere questo libro: sebbene i lettori più assidui troveranno citati incipit ben noti, è sempre un piacere quasi corporeo assaporare le parole messe in scritto proprio in quel delizioso ordine che ci ha colpito la prima volta che abbiamo letto un romanzo. Quel carattere, quella forza di trascinarti dentro un mondo racchiuso tra le pagine che non ti consente di riemergere fino alla fine del viaggio: ecco dove sta la forza di questi bellissimi incipit scelti e raccontati, analizzati quasi scientificamente e al contempo venerati da sedici autori che raccontano il loro incipit preferito, seguiti da due pezzi di più ampio respiro di Lidia Sirianni e Giulio Ferroni e conclusi magicamente da quattro conversazioni sugli incipit tra Paolo di Paolo e quattro big della nostra letteratura. Tra cui il compianto Antonio Tabucchi. E ci mancherebbe. Se non si parlasse di lui, o meglio con lui degli incipit, si tralascerebbe uno degli inizi più incisivi, e originali, e incalzanti degli ultimi decenni: quel Sostiene Pereira, reiterato quasi ossessivamente, che regge il ritmo di tutto il suo romanzo più noto.

Ognuno ha il suo preferito, di incipit. Ma ammettiamolo, spesso son le prime righe di un libro a fissare l’impressione che abbiamo dell’opera: a volte un incipit di carattere, da solo ci fa perdonare intere pagine di noia. Un po’ come un colpo di fulmine, noi lettori ci innamoriamo di una folgorazione, un’impressione attraente, un’affermazione arguta.

Così mi sono incantata con i miei libri preferiti, come un’innamorata che col batticuore incrocia il primo sguardo con lui. E i primi amori non si scordano mai, si dice. E infatti son quei libri che ho letto e riletto fino a mandarne alcuni passaggi – e sempre gli incipit – a memoria. Lettrice superficiale, potrei dirmi, come ingenuo è un colpo di fulmine, che prescinde dalla sostanza.

Può darsi. Ma non sarà un caso che molti di quegli incipit sian ripresi in questo libro. E che leggendo quelli di cui si son innamorati altri qui, nelle Cronache del big bang, mi sia venuta voglia di entrare in libreria, e procurarmi anch’io quelle avventure.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aa.vv.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA.VV.

Per Tom è l'ultimo giorno di vacanza in Uruguay prima di tornare a Buenos Aires, dove insegna inglese, quando sulla spiaggia si imbatte in un pinguino coperto di petrolio. Riesce a salvarlo, ma nel momento in cui tenta di ricondurlo al mare, il pinguino inizia a seguirlo. Tom non se la sente di abbandonarlo e lo porta a Buenos Aires con sé. Così ha inizio la grande amicizia fra Tom e Juan Salvador il pinguino, fatta di corse su una motocicletta per vedere il mare, di cene a base di pesce crudo e partite della squadra di rugby, nella scuola in cui il professore insegna e di cui l'animale diventa la mascotte. Perché Juan Salvador è un pinguino speciale e cambia la vita di tutti quelli che lo conoscono. Soprattutto quella di un ragazzo che ha troppa paura dell'acqua: insieme a lui, forse, anche il pinguino troverà il coraggio di tornare a nuotare...

Storia del pinguino che tornò a nuotare

Michell Tom

"Nel mondo come era quando avevo otto anni tutti morivano, chi prima e chi dopo. Adesso nessuno è sicuro neanche di questo". Un medico si confronta con strani fenomeni mentre sua moglie sogna una voce. Un uomo anziano racconta il mondo com'era, ma soprattutto come è diventato: la stasi, l'immobilità, un evento che ha bloccato e sospeso ogni cosa, anche la separazione tra vita e morte. Per strada si aggirano persone in cerca di carne. Non sono aggressivi, pericolosi, vanno avanti per inerzia e si mettono in fila per il cibo. Ognuno ha un parente passato dall'altra parte. Nessuno sa se sono contagiosi. Nel dubbio, bisogna evitare di toccarli. E mentre i sani si organizzano, l'uomo ricorda, la storia si ripiega su se stessa, alla ricerca dell'inizio o verso nuove direzioni da seguire. Un romanzo narrativamente perfetto, enigmatico, affascinante. «"La carne" ha emozionato, commosso e meravigliato, con la sua enorme bellezza, un essere umano; e questo è, in fondo, tutto quello che voglio dire» (Paolo Zardi)

La carne

Chiapparino Cristò

Amleto

Shakespeare William

Una storia sul Risorgimento, dalle delusione del 1848 alla riscossa del '59, attraverso il dramma di un fervente cattolico modernista e di sua moglie, liberale e tiepida credente.

Piccolo mondo antico

Fogazzaro Antonio