Saggi

Cronache dal Big-Bang

AA.VV.

Descrizione: Vorrei poter scrivere un libro che fosse solo un incipit, che mantenesse per tutta la sua durata la potenzialità dell'inizio, l'attesa ancora senza oggetto. (Italo Calvino, Se una notte d'inverno un viaggiatore)".Questo è un libro "solo di incipit": i più significativi della letteratura mondiale (da Omero alla letteratura contemporanea) narrati, con "svolgimenti molteplici, inesauribili", da una ventina di scrittori, a cui si aggiungono le testimonianze sulla "potenzialità" e difficoltà dell'inizio" di Raffaele La Capria, Dacia Maraini, Melania Mazzucco, raccolte dallo scrittore e magnifico "conversatore" Paolo Di Paolo.

Categoria: Saggi

Editore: Hacca

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788889920695

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

 

Quelli di Hacca da qualche mese han pubblicato un libro sui libri. Anzi, sugli incipit dei libri. Non che siano i primi a portar questa idea in libreria. Ad esempio ci avevano costruito un quiz Fruttero e Lucentini, che nel 1993 hanno curato Incipit. 757 inizi facili e meno facili. Un libro di quiz e di lettura, curiosità non taciuta ma anzi raccontata da Lidia Sirianni che in questo libro di Hacca scrive una bella divagazione sugli incipit in fondo alla raccolta.

Ma che bellezza leggere questo libro: sebbene i lettori più assidui troveranno citati incipit ben noti, è sempre un piacere quasi corporeo assaporare le parole messe in scritto proprio in quel delizioso ordine che ci ha colpito la prima volta che abbiamo letto un romanzo. Quel carattere, quella forza di trascinarti dentro un mondo racchiuso tra le pagine che non ti consente di riemergere fino alla fine del viaggio: ecco dove sta la forza di questi bellissimi incipit scelti e raccontati, analizzati quasi scientificamente e al contempo venerati da sedici autori che raccontano il loro incipit preferito, seguiti da due pezzi di più ampio respiro di Lidia Sirianni e Giulio Ferroni e conclusi magicamente da quattro conversazioni sugli incipit tra Paolo di Paolo e quattro big della nostra letteratura. Tra cui il compianto Antonio Tabucchi. E ci mancherebbe. Se non si parlasse di lui, o meglio con lui degli incipit, si tralascerebbe uno degli inizi più incisivi, e originali, e incalzanti degli ultimi decenni: quel Sostiene Pereira, reiterato quasi ossessivamente, che regge il ritmo di tutto il suo romanzo più noto.

Ognuno ha il suo preferito, di incipit. Ma ammettiamolo, spesso son le prime righe di un libro a fissare l’impressione che abbiamo dell’opera: a volte un incipit di carattere, da solo ci fa perdonare intere pagine di noia. Un po’ come un colpo di fulmine, noi lettori ci innamoriamo di una folgorazione, un’impressione attraente, un’affermazione arguta.

Così mi sono incantata con i miei libri preferiti, come un’innamorata che col batticuore incrocia il primo sguardo con lui. E i primi amori non si scordano mai, si dice. E infatti son quei libri che ho letto e riletto fino a mandarne alcuni passaggi – e sempre gli incipit – a memoria. Lettrice superficiale, potrei dirmi, come ingenuo è un colpo di fulmine, che prescinde dalla sostanza.

Può darsi. Ma non sarà un caso che molti di quegli incipit sian ripresi in questo libro. E che leggendo quelli di cui si son innamorati altri qui, nelle Cronache del big bang, mi sia venuta voglia di entrare in libreria, e procurarmi anch’io quelle avventure.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aa.vv.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA.VV.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1928. Le sorelle Torres abitano nella villa più bella di Málaga. Il padre l'ha costruita per loro, perché vivessero come delle principesse. Rosario, la maggiore, di una bellezza elegante e decisa, ama il canto ed è la preferita della famiglia. Remedios cresce nella sua ombra, comunque felice di dividere con lei i giochi nel loro posto magico: il giardino della villa, che di volta in volta si trasforma in un'isola deserta infestata dai pirati o in un castello incantato. Fino al giorno in cui l'idillio finisce. Una delle navi con cui il padre commercia spezie, tessuti e tappeti affonda. La bancarotta è una tragedia dalla quale l'uomo non si riprenderà più. Rosario e Remedios rappresentano il futuro della casata. Un fardello troppo pesante per due giovani donne. Ma, come la pianta simbolo della loro famiglia, il geranio, devono essere forti e coraggiose. Devono pensare alla primavera che, immancabilmente, torna a sbocciare dopo ogni inverno. Ed è proprio un seme di quel fiore che portano con loro a Barcellona, dove decidono di ricominciare. Tra le vie della grande e colorata città, all'inizio si sentono perse e il loro legame è tutto quello che hanno per affrontare il presente. Eppure Rosario e Remedios, anno dopo anno, si scoprono più diverse di quello che immaginavano. Una fa di tutto per trovarsi un lavoro e un marito che possa darle sicurezza, mentre l'altra insegue ancora i propri sogni e si innamora di un uomo ribelle come lei. Ma anche quando sembra che si siano perse per sempre, i balconi e le finestre delle loro case saranno pieni di gerani in fiore. Non è possibile dimenticare le proprie radici. Perché entrambe hanno una missione: restituire l'onore alla famiglia Torres.

I gerani di Barcellona

Pobla Carolina

Cantico di borgata

Vergoni Gianfranco

Ucciderò i tuoi desideri, uno alla volta, fin quando sarò io il tuo unico desiderio....

Amore inverso

Panzacchi Francesca

Nei villaggi delle Alpujarras è esploso il grido della ribellione. Stanchi di ingiustizie e umiliazioni, i moriscos si battono contro i cristiani che li hanno costretti alla conversione. È il 1568. Tra i rivoltosi musulmani spicca un ragazzo di quattordici anni dagli occhi incredibilmente azzurri. Il suo nome è Hernando. Nato da un vile atto di brutalità – la madre morisca fu stuprata da un prete cristiano –, il giovane dal sangue misto subisce il rifiuto della sua gente. La rivolta è la sua occasione di riscatto: grazie alla sua generosità e al coraggio, conquista la stima di compagni più o meno potenti. Ma c’è anche chi, mosso dall’invidia, trama contro di lui. E quando nell’inferno degli scontri conosce Fatima, una ragazzina dagli immensi occhi neri a mandorla che porta un neonato in braccio, deve fare di tutto per impedire al patrigno di sottrargliela. Inizia così la lunga storia d’amore tra Fatima ed Hernando, un amore ostacolato da mille traversie e scandito da un continuo perdersi e ritrovarsi. Ma con l’immagine della mamma bambina impressa nella memoria, Hernando continuerà a lottare per il proprio destino e quello del suo popolo. Anche quando si affaccerà nella sua vita la giovane cattolica Isabel...

LA MANO DI FATIMA

Falcones Ildefonso