Narrativa

C.U.B.A.M.S.C. Con Una Bomba A Mano Sul Cuore – di Marco Cubeddu

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

cubeddubombaTitolo: C.U.B.A.M.S.C. Con Una Bomba A Mano Sul Cuore
Autore: Marco Cubeddu
Editore: Mondadori
Anno: 2013

Titolo impronunciabile, copertina fuorviante, storia tragicamente crudele, stile originale.
In sintesi, U.B.E. = Un Buon Esordio.

Cinico, immorale, diretto e dissacrante, il libro del giovane Cubeddu è la storia di un’ossessione amorosa, di una follia in crescendo.

Alessandro Spera, famoso scrittore, è latitante. Nessuno ha più sue notizie da dieci anni, ossia dalla strage compiuta a Barcellona in occasione del matrimonio tra Mallory in Wonderland, suo grande amore, e il surfista australiano, Toby Paramore.

Adesso però l’avvocato V.V. ha inaspettatamente ricevuto un manoscritto contenente la confessione di Spera, 354 pagine in cui il pluriomicida ricostruisce le vicende che lo hanno indotto a massacrare, armato di mitra e machete, ben 17 persone nell’abbazia di Santa Maria Montalegre la mattina del 15 novembre 2019.

C.U.B.A.M.S.C. dunque è l’antefatto, la spiegazione ragionata di un dramma che si è già consumato, il racconto inquietante di una vita solitaria e malata.

L’immaginario dell’autore è lucidamente perverso, ma in modo irresistibilmente innocente, e la rocambolesca storia di Spera si intreccia con diversi avvenimenti della cronaca recente, come il G8 di Genova e l’incidente della Thyssenkrupp, rendendo più realistico lo scenario generale. Tuttavia proprio questa mescolanza risulta eccessiva, e spesso la sensazione che si ha è di trovarsi di fronte a un calderone di idee non tutte strumentali alla trama e al progetto originario. Ciò emerge soprattutto nella ridondanza di alcuni paragrafi e svela un’incontenibile (e forse un po’ immatura) voglia di raccontare anche il superfluo, di mettere su carta tutto ciò che si è accumulato nella mente.

Belle le pagine nostalgiche, quelle dedicate ai miti della generazione di Spera; sottile e raffinata è la descrizione dei sentimenti del protagonista; azzeccato il finale.

Nel complesso, libro interessante e autore colto e più che promettente.

Voto i-LIBRI:

4stelle

 

 

   button acquista feltrinelli

  

  

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un romanzo nel quale il corpo passa da oggetto del desiderio a soggetto che desidera e cerca di appagare i propri sogni.

EMMANUELLE

Arsan Emmanuelle

La guerra è finita da due anni e Charlie St Clair non ha ancora notizie della cugina Rose, dispersa in Francia. Stanca di quell'incertezza e dell'atteggiamento rassegnato della famiglia, per cui l'intraprendenza di Rose è sempre stata motivo d'imbarazzo, Charlie scappa di casa per andare a cercarla. Con sé ha un unico indizio: l'indirizzo di una donna di Londra. Tuttavia Eve Gardiner si rifiuta di collaborare. Sta per mettere alla porta quella ragazzina insolente, quando Charlie fa il nome di René, l'uomo per cui lavorava Rose. Allora Eve ci ripensa. Perché, cercando Rose, potrebbe finalmente trovare la vendetta che aspetta da trent'anni... Nel 1915, Eve Gardiner arriva a Lille con un documento falso e con l'entusiasmo dei suoi diciassette anni. Con quel faccino innocente, è la spia perfetta. Infatti viene subito assunta in un bistrot e gli ufficiali tedeschi che lo frequentano non si fanno remore a discutere i loro piani davanti a lei. L'unico che sembra accorgersi della sua presenza è il proprietario, René Bordelon, un collaborazionista scaltro e spregevole, che inizia a corteggiarla. Eve ancora non lo sa, ma René segnerà il suo trionfo e la sua rovina... Charlie ed Eve sono molto diverse, eppure condividono la stessa determinazione, lo stesso coraggio nel combattere per quello in cui credono. Facendo affidamento l'una sull'altra, intraprenderanno un cammino costellato di tradimenti e di segreti e, insieme, riusciranno finalmente a ritrovare la verità e, con essa, la pace.

Fiori dalla cenere

Quinn Kate

Maria Rosa ed Eugenia appartengono a due mondi diversi. La prima è cresciuta a Napoli in una famiglia aristocratica. L'altra è nata in un paesino del Nord e sogna di diventare medico. Se non fosse stato per la guerra, non si sarebbero mai incontrate. E invece è il primo conflitto mondiale a unire le due ragazze, partite come infermiere volontarie al fronte. È il duro lavoro in un ospedale sul Carso a permettere loro di conoscersi, diventare amiche, innamorarsi. Una volta tornata la pace, sperano di rimanere insieme, a costo di fingere, nascondersi, lottare. Ma adesso ogni istante è prezioso: in mezzo al caos, possono rubare un tempo per l'amore e vivere fino in fondo i propri sentimenti.

Le regole del fuoco

Rasy Elisabetta

«Stizzita per la scemenza dei suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci, la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI, lunga e secca come quasi tutte le Pizie che l’avevano preceduta, ascoltò le domande del giovane Edipo, un altro che voleva sapere se i suoi genitori erano davvero i suoi genitori, come se fosse facile stabilire una cosa del genere nei circoli aristocratici, dove, senza scherzi, donne maritate davano a intendere ai loro consorti, i quali peraltro finivano per crederci, come qualmente Zeus in persona si fosse giaciuto con loro». Con queste parole spigolose e beffarde ha inizio La morte della Pizia e subito il racconto investe alcuni dei più augusti miti greci, senza risparmiarsi irriverenze e furia grottesca. Ma Dürrenmatt è troppo buono scrittore per appagarsi di una irrisione del mito. Procedendo nella narrazione, vedremo le storie di Delfi addensarsi in un «nodo immane di accadimenti inverosimili che danno luogo, nelle loro intricatissime connessioni, alle coincidenze più scellerate, mentre noi mortali che ci troviamo nel mezzo di un simile tremendo scompiglio brancoliamo disperatamente nel buio». L’insolenza di Dürrenmatt non mira a cancellare, ma a esaltare la presenza del vero sovrano di Delfi: l’enigma. La morte della Pizia è stato pubblicato da Dürrenmatt all’interno del Mitmacher nel 1976.

La morte della Pizia

Durrenmatt Friedrich