Narrativa

C.U.B.A.M.S.C. Con Una Bomba A Mano Sul Cuore – di Marco Cubeddu

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

cubeddubombaTitolo: C.U.B.A.M.S.C. Con Una Bomba A Mano Sul Cuore
Autore: Marco Cubeddu
Editore: Mondadori
Anno: 2013

Titolo impronunciabile, copertina fuorviante, storia tragicamente crudele, stile originale.
In sintesi, U.B.E. = Un Buon Esordio.

Cinico, immorale, diretto e dissacrante, il libro del giovane Cubeddu è la storia di un’ossessione amorosa, di una follia in crescendo.

Alessandro Spera, famoso scrittore, è latitante. Nessuno ha più sue notizie da dieci anni, ossia dalla strage compiuta a Barcellona in occasione del matrimonio tra Mallory in Wonderland, suo grande amore, e il surfista australiano, Toby Paramore.

Adesso però l’avvocato V.V. ha inaspettatamente ricevuto un manoscritto contenente la confessione di Spera, 354 pagine in cui il pluriomicida ricostruisce le vicende che lo hanno indotto a massacrare, armato di mitra e machete, ben 17 persone nell’abbazia di Santa Maria Montalegre la mattina del 15 novembre 2019.

C.U.B.A.M.S.C. dunque è l’antefatto, la spiegazione ragionata di un dramma che si è già consumato, il racconto inquietante di una vita solitaria e malata.

L’immaginario dell’autore è lucidamente perverso, ma in modo irresistibilmente innocente, e la rocambolesca storia di Spera si intreccia con diversi avvenimenti della cronaca recente, come il G8 di Genova e l’incidente della Thyssenkrupp, rendendo più realistico lo scenario generale. Tuttavia proprio questa mescolanza risulta eccessiva, e spesso la sensazione che si ha è di trovarsi di fronte a un calderone di idee non tutte strumentali alla trama e al progetto originario. Ciò emerge soprattutto nella ridondanza di alcuni paragrafi e svela un’incontenibile (e forse un po’ immatura) voglia di raccontare anche il superfluo, di mettere su carta tutto ciò che si è accumulato nella mente.

Belle le pagine nostalgiche, quelle dedicate ai miti della generazione di Spera; sottile e raffinata è la descrizione dei sentimenti del protagonista; azzeccato il finale.

Nel complesso, libro interessante e autore colto e più che promettente.

Voto i-LIBRI:

4stelle

 

 

   button acquista feltrinelli

  

  

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marianna appartiene a una nobile famiglia palermitana del Settecento. Il suo destino dovrebbe essere quello di una qualsiasi giovane nobildonna ma la sua condizione di sordomuta la rende diversa: "Il silenzio si era impadronito di lei come una malattia o forse una vocazione". Le si schiudono così saperi ignoti: Marianna impara l'alfabeto, legge e scrive perché questi sono gli unici strumenti di comunicazione col mondo. Sviluppa una sensibilità acuta che la spinge a riflettere sulla condizione umana, su quella femminile, sulle ingiustizie di cui i più deboli sono vittime e di cui lei stessa è stata vittima. Eppure Marianna compirà i gesti di ogni donna, gioirà e soffrirà, conoscerà la passione.

La lunga vita di Marianna Ucria

Maraini Dacia

«Tutti temiamo di vestire i panni della vittima. Viviamo nell'incubo di venire derubati, ingannati, aggrediti, calpestati. Preghiamodi non incontrare sulla nostra strada un assassino. Ma quale ostacolo emotivo dobbiamo superare per immaginare di poter essere noi, un giorno, a vestire i panni del carnefice?» "Le parole di Nicola Lagioia ci portano dentro il caso di cronaca più efferato degli ultimi anni. Un viaggio per le strade buie della città eterna, un'indagine sulla natura umana, sulla responsabilità e la colpa, sull'istinto di sopraffazione e il libero arbitrio. Su chi siamo, o chi potevamo diventare. Nel marzo 2016, in un anonimo appartamento della periferia romana, due ragazzi di buona famiglia di nome Manuel Foffo e Marco Prato seviziano per ore un ragazzo più giovane, Luca Varani, portandolo a una morte lenta e terribile. È un gesto inspiegabile, inimmaginabile anche per loro pochi giorni prima. La notizia calamita immediatamente l'attenzione, sconvolgendo nel profondo l'opinione pubblica. È la natura del delitto a sollevare le domande più inquietanti. È un caso di violenza gratuita? Gli assassini sono dei depravati? Dei cocainomani? Dei disperati? Erano davvero consapevoli di ciò che stavano facendo? Qualcuno inizia a descrivere l'omicidio come un caso di possessione. Quel che è certo è che questo gesto enorme, insensato, segna oltre i colpevoli l'intero mondo che li circonda. Nicola Lagioia segue questa storia sin dall'inizio: intervista i protagonisti della vicenda, raccoglie documenti e testimonianze, incontra i genitori di Luca Varani, intrattiene un carteggio con uno dei due colpevoli. Mettersi sulle tracce del delitto significa anche affrontare una discesa nella notte di Roma, una città invivibile eppure traboccante di vita, presa d'assalto da topi e animali selvatici, stravolta dalla corruzione, dalle droghe, ma al tempo stesso capace di far sentire libero chi ci vive come nessun altro posto al mondo. Una città che in quel momento non ha un sindaco...

La città dei vivi

Lagioia Nicola

Dopo la scomparsa del grande giornalista, il ricordo di una autobiografia intitolata Mister Moonlight pubblicata da Minimum Fax

Mister Moonlight

Stagno Tito

Magda Tiller era una moglie felice. Ora non più. Suo marito l’ha tradita e deve pagare il suo tradimento. Nella villa isolata nella campagna toscana dove i due coniugi trascorrono da anni le vacanze, non è difficile commettere un crimine senza essere visti. E nascondere un cadavere… Magda ha pianificato tutto nei minimi dettagli. Finché un piccolo granello non inceppa la catena perfetta delle sue azioni…

SENZA PERDONO

Thiesler Sabine