Saggi

La cucina diet_etica

Barbero Emanuela

Descrizione: I due terzi delle malattie croniche - come cancro, infarto cardiaco, angina, ictus, diabete, ipertensione, osteoporosi e obesità - che flagellano la società occidentale dipendono dalla dieta: possiamo ammalarci e morire non solo per l’insufficienza ma anche per il troppo cibo. Poiché la nostra salute dipende da ciò che mangiamo, è importante conoscere i principali nutrienti, le calorie e i gruppi di cibi vegetali, e le raccomandazioni particolari per garantire l’adeguatezza nutrizionale della dieta. Ogni ricetta è corredata da un breve commento introduttivo con gli abbinamenti più adatti e da tabelle con i valori nutrizionali, per venire incontro alle esigenze di mangiare bene, tenendo sotto controllo il peso e la propria salute. Ricette gustose e per tutte le esigenze e un intero capitolo dedicato alle pizze e ai «calzoni» vegan.

Categoria: Saggi

Editore: Sonda

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788871066646

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Lo studio, il lavoro, gli spostamenti in mezzo al traffico da un lato all’altro della città… Ci sembra di non avere mai abbastanza tempo per noi, nè per alleggerire la mente, che necessita di svago, nè per dedicarci al corpo, che intasiamo di cibi spazzatura.
Naturalmente è soprattutto alla cura di quest’ultimo che si rivolge “La cucina diet_etica”, ma non solo. Non siamo infatti in presenza di un semplice ricettario.

Luciana Baroni, medico chirurgo, ed Emanuela Barbero, esperta di alimentazione nonviolenta e cucina vegan, si sono conosciute attraverso il web e hanno deciso di condividere e integrare le rispettive esperienze.

Il risultato è un manuale illustrato, semplice e pratico, sul corretto comportamento alimentare, ricco di consigli e suggerimenti.
La prima parte è incentrata sui rapporti tra malattie e cibo, sugli elementi nutritivi e, in particolare, sui gruppi vegetali. La seconda comprende centinaia di ricette che utilizzano ingredienti di origine vegetale, corredate di tabelle nutrizionali e tempi di preparazione.
Se non siete vegetariani, non traete subito la conclusione che questo libro non faccia per voi: innanzitutto è sempre positivo prendere in esame e valutare nuove prospettive; in secondo luogo, potrete ricavarne ottime alternative da inserire nella vostra dieta per renderla più varia.

Nutrirsi in modo sano non significa rinunciare al gusto: anche i piatti naturali possono gratificare i palati più esigenti quando sono ben preparati.

… E i golosi? Troveranno pizza e dolci per i loro denti!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emanuela

Barbero

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barbero Emanuela

Ai margini della Roma che tutti conosciamo, dove il Tevere crea un'ampia ansa prima di correre verso il mare, vivono uomini e donne che sembrano essersi incontrati solo grazie alle rispettive necessità. Fra baracche e chiatte, uniti dalla gestione di una trattoria improvvisata, mentre si alternano in piccoli lavori nei campi e nella guida dei turisti cittadini attratti dai loro lavori arcaici, essi hanno formato una specie di strana comunità fuori dal tempo e dal mondo in cui siamo abituati oggi a vivere. Cesare, uno degli ultimi anguillari romani, suo fratello Guido, un bizzarro lettore di testi sacri, Victoria, una cuoca sudamericana e due ragazze dell'est dal mestiere equivoco, hanno accolto già da qualche anno un uomo in fuga. Lo chiamano tutti "il dottore" perché, se il suo nome non ama rivelarlo, sembra venuto a offire le sue cure a chi vive lì e nei dintorni. Zingari, reietti, osti, piccoli criminali, pastori clandestini, tutti chiedono al dottore di essere curati. Tutti del resto hanno intuito che questo cinquantenne vissuto sempre in città è venuto in realtà a curare se stesso. Ma qual è il suo passato? Quale l'immenso dolore che lo ha strappato alla sua casa?

È giusto obbedire alla notte

Nucci Matteo

Una goccia di splendore

LA PARATA

Landini Filippo

Le sue clienti la chiamano l’Amantide. Detesta questo soprannome. È così banale. E poi lei non è un’assassina. Come sanno bene gli usurai, i morti non pagano i loro debiti. È a Nizza, nel cuore della Costa Azzurra, in compagnia di un omuncolo che si illude di essere in vacanza con la sua amante. L’atmosfera sembra quella giusta, l’illusione si accende. Ma la fiaba erotica dura poco. La realtà torna a mostrare il suo vero volto, fatto di sopraffazione. Il divertimento è finito, è arrivata l’ora di tirare fuori i punteruoli da ghiaccio. L’Amantide deve portare a termine il suo lavoro.

L’AMANTIDE. Nizza, Francia

Di Martino Antonella