Saggi

Cult

Grossi Giuseppe, Cuomo Antonio, Liguori Luca

Descrizione: Tutto il cinema che ha lasciato un'impronta indelebile nella nostra vita. Personaggi iconici, frasi memorabili, sequenze indimenticabili e tanto altro in cui sei inciampato almeno una volta nella vita. Al fianco di grandi successi, ecco anche pellicole di nicchia, clamorosi flop e opere bocciate troppo in fretta da critica e pubblico. Tutte rigorosamente cult, dalla prima all'ultima. Basta con Viale del tramonto, Ombre rosse, I sette samurai, Lawrence d'Arabia, La finestra sul cortile. Qui non troverai niente di tutto questo. Perché sarebbe troppo facile rispolverare i soliti grandi classici della settima arte, ormai imparati a memoria come fossero una filastrocca cinefila. No, in questo manuale abbiamo voglia di film cult. Ovvero il cinema che ha lasciato impronte indelebili, frasi memorabili, sequenze indimenticabili, immagini, locandine e personaggi in cui sei inciampato almeno una volta nella vita. Un cinema non sempre fortunato, a volte troppo in anticipo per essere compreso e apprezzato. Un cinema d'avanguardia, coraggioso, di rottura, che si è appellato al passare del tempo per conoscere la meritata gloria. Così, al fianco di grandi successi, ecco anche pellicole di nicchia, clamorosi flop, opere bocciate troppo in fretta da critica e pubblico. Siamo qui per rimediare, chiedere scusa e riscoprire il lato fiero del cinema più popolare e apprezzato e amato da tutti. Orgoglioso di essere cult. Prefazione e vignetta di Lorenza Di Sepio.

Categoria: Saggi

Editore: Multiplayer.it

Collana: CulturaPop

Anno: 2019

ISBN: 9788863554885

Recensito da Tommaso De Beni

Le Vostre recensioni

L.Liguori, A. Cuomo, G.Grossi, Cult – I film che ti hanno cambiato la vita, Multiplayer edizioni, 274 pp.

La pagina Facebook del sito Movieplayer ha più di 200 mila followers, a dimostrazione di quanto esso sia un punto di riferimento per gli appassionati di cinema. Ora, con questo libro, impreziosito da bellissime illustrazioni e tutto sommato snello, Movieplayer ha la sua “bibbia” con cui ridefinire il concetto di classico. Non si tratta di un manuale, ma di un sunto abbastanza chiaro di cosa sia il postmoderno nel cinema e di un vero compendio di cultura pop. C’è tutto il background di almeno tre generazioni plasmate dal cinema americano e cresciute con fumetti e videogiochi. C’è qualche puntatina negli anni ’60-’70-’90 e 2000 e in Paesi quali Italia, Francia, Giappone, Cina, Corea, Inghilterra, ma a farla da padrone sono gli anni ’80 e gli Stati Uniti e il concetto preponderante è che la diversità è un valore. I generi infatti si mescolano e non sono più definiti come nelle decadi precedenti. I film selezionati, poco più di un centinaio, lo sono in base all’impatto che hanno avuto nell’immaginario collettivo: se la loro eco si risente in canzoni, videoclip, fumetti, serie Tv e altri film allora possono essere definiti cult. Senza di loro non potreste mai capire tutti i meme che da anni circolano sui social. Ognuno può divertirsi a stilare la propria classifica personale, sia per testare quanti di questi film abbia visto e quindi come il proprio immaginario sia stato influenzato (e rendersi conto di non essere solo) sia per andare subito a recuperare quelli che non ha ancora visto. Oppure per consigliare altri film da aggiungere, in un ipotetico secondo volume, scoprendo di avere avuto un percorso personale nel cinema cult. Per quanto mi riguarda, per esempio, avrei aggiunto Batman Returns, il secondo film di Tim Burton sull’uomo pipistrello dei fumetti, forse meno conosciuto rispetto al primo, con Jack Nicholson nei panni di Joker, ma a mio avviso ancora più segnante. Burton ha infatti influenzato i fumetti facendoli svoltare, dopo quel film, verso uno stile dark e horror, cioè più adulto. L’intuizione di far diventare il Pinguino un mostro e di affrontare il tema dei diversi che vengono emarginati dalla società, sepolti nelle fogne, ma che prima o poi emergeranno pretendendo il loro posto, ha anticipato anche le versioni successive di film della DC-Warner, dal secondo e terzo Batman di Nolan fino all’ultimo Joker di Phoenix-Phillips. Oltre al fatto di non riuscire a dimenticare la conturbante Catwoman/Selina Kyle di Michelle Pfeiffer. L’unica finora che ha portato sullo schermo la morbosità ben presente nei fumetti del suo rapporto con Wayne/Batman. Cult- I fiml che ti hanno cambiato la vita, oltre ai già citati disegni, è impreziosito anche da molti aneddoti e curiosità attorno alle pellicole, delle vere e proprie chicche che i veri cinefili apprezzeranno senz’altro.

 

 

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cuomo

Giuseppe,

Grossi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grossi Giuseppe, Cuomo Antonio, Liguori Luca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il solido matrimonio di Edoardo e Carlotta viene scosso dall’arrivo del Capitano e della giovanissima Ottilia. Ben presto le affinità elettive tendono a unire da una parte Edoardo e Ottilia e dall’altra Carlotta e il Capitano. Se Edoardo si abbandona alla passione, inebriato dai propri sentimenti, Carlotta cerca invece di frenarsi e far vincere la ragione, mentre Ottilia, «la piú dolce figlia della natura che sia uscita dalle mani di un artista» (Thomas Mann), risponde alla legge dell’istinto con un sentimento totale ma rigoroso e castissimo. Con un saggio di Thomas Mann e una nota introduttiva di Massimo Mila

Le affinità elettive

Goethe Johann Wolfgang

La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna

Fiore, Marilena, Luisa, Elisabetta, Rirì: donne forti, deboli, dal passato tormentato, donne diverse che incrociano i loro destini. In questo libro fatto di incontri e rimandi, dove ciascun personaggio si specchia nel fondo della propria anima e si rispecchia negli sguardi altrui, Caterina Falconi ha ritratto un microcosmo di provincia intessuto di amori divenuti cenere, famiglie disfunzionali, fantasmi sempre all'erta: c'è la dottoressa in crisi, la vecchia maestra prigioniera dei ricordi, l'ex infermiera stanca della routine. Gli uomini, sì, ci sono, ma sullo sfondo. Figure marginali che pure tutto muovono, passioni e gelosie. "Sotto falsa identità" è un romanzo sulla ricerca del proprio vero sé - mortificato dalle delusioni, perduto assieme al tempo e alla giovinezza - che solleva il velo delle finzioni quotidiane, costringendo ciascun personaggio a fare i conti con un presente bislacco e maltrattato, in cui nulla o quasi è andato come ci si attendeva. È, insomma, un libro che racconta fratture e riconciliazioni, un agrodolce inno alla speranza, la narrazione della seconda chance che ci aspetta.

Sotto falsa identità

Falconi Caterina

Sorridere è un esercizio del viso e dello spirito, minimo e, in entrambi i casi, salutare e cosmetico. Farlo di giorni inventati; di amori che, come cani, riportano piccioni raccolti per strada; di calzini appaiati, smarriti se lasciati da soli; di abiti che se interrogati, rispondono; di una nonna che fa la rana e di una vagina che si dà nomi. Farlo sull'amore, sulla parola futuro, sulla fine del mondo. Un mondo con meno rughe che, a ben vedere, è lo stesso che abitiamo. Poesia divertita, incantata, agguerrita, femminile, pop, che fa compagnia come le piccole verità.

Poesie antirughe

Racca Alessandra