Saggi

Cult

Grossi Giuseppe, Cuomo Antonio, Liguori Luca

Descrizione: Tutto il cinema che ha lasciato un'impronta indelebile nella nostra vita. Personaggi iconici, frasi memorabili, sequenze indimenticabili e tanto altro in cui sei inciampato almeno una volta nella vita. Al fianco di grandi successi, ecco anche pellicole di nicchia, clamorosi flop e opere bocciate troppo in fretta da critica e pubblico. Tutte rigorosamente cult, dalla prima all'ultima. Basta con Viale del tramonto, Ombre rosse, I sette samurai, Lawrence d'Arabia, La finestra sul cortile. Qui non troverai niente di tutto questo. Perché sarebbe troppo facile rispolverare i soliti grandi classici della settima arte, ormai imparati a memoria come fossero una filastrocca cinefila. No, in questo manuale abbiamo voglia di film cult. Ovvero il cinema che ha lasciato impronte indelebili, frasi memorabili, sequenze indimenticabili, immagini, locandine e personaggi in cui sei inciampato almeno una volta nella vita. Un cinema non sempre fortunato, a volte troppo in anticipo per essere compreso e apprezzato. Un cinema d'avanguardia, coraggioso, di rottura, che si è appellato al passare del tempo per conoscere la meritata gloria. Così, al fianco di grandi successi, ecco anche pellicole di nicchia, clamorosi flop, opere bocciate troppo in fretta da critica e pubblico. Siamo qui per rimediare, chiedere scusa e riscoprire il lato fiero del cinema più popolare e apprezzato e amato da tutti. Orgoglioso di essere cult. Prefazione e vignetta di Lorenza Di Sepio.

Categoria: Saggi

Editore: Multiplayer.it

Collana: CulturaPop

Anno: 2019

ISBN: 9788863554885

Recensito da Tommaso De Beni

Le Vostre recensioni

L.Liguori, A. Cuomo, G.Grossi, Cult – I film che ti hanno cambiato la vita, Multiplayer edizioni, 274 pp.

La pagina Facebook del sito Movieplayer ha più di 200 mila followers, a dimostrazione di quanto esso sia un punto di riferimento per gli appassionati di cinema. Ora, con questo libro, impreziosito da bellissime illustrazioni e tutto sommato snello, Movieplayer ha la sua “bibbia” con cui ridefinire il concetto di classico. Non si tratta di un manuale, ma di un sunto abbastanza chiaro di cosa sia il postmoderno nel cinema e di un vero compendio di cultura pop. C’è tutto il background di almeno tre generazioni plasmate dal cinema americano e cresciute con fumetti e videogiochi. C’è qualche puntatina negli anni ’60-’70-’90 e 2000 e in Paesi quali Italia, Francia, Giappone, Cina, Corea, Inghilterra, ma a farla da padrone sono gli anni ’80 e gli Stati Uniti e il concetto preponderante è che la diversità è un valore. I generi infatti si mescolano e non sono più definiti come nelle decadi precedenti. I film selezionati, poco più di un centinaio, lo sono in base all’impatto che hanno avuto nell’immaginario collettivo: se la loro eco si risente in canzoni, videoclip, fumetti, serie Tv e altri film allora possono essere definiti cult. Senza di loro non potreste mai capire tutti i meme che da anni circolano sui social. Ognuno può divertirsi a stilare la propria classifica personale, sia per testare quanti di questi film abbia visto e quindi come il proprio immaginario sia stato influenzato (e rendersi conto di non essere solo) sia per andare subito a recuperare quelli che non ha ancora visto. Oppure per consigliare altri film da aggiungere, in un ipotetico secondo volume, scoprendo di avere avuto un percorso personale nel cinema cult. Per quanto mi riguarda, per esempio, avrei aggiunto Batman Returns, il secondo film di Tim Burton sull’uomo pipistrello dei fumetti, forse meno conosciuto rispetto al primo, con Jack Nicholson nei panni di Joker, ma a mio avviso ancora più segnante. Burton ha infatti influenzato i fumetti facendoli svoltare, dopo quel film, verso uno stile dark e horror, cioè più adulto. L’intuizione di far diventare il Pinguino un mostro e di affrontare il tema dei diversi che vengono emarginati dalla società, sepolti nelle fogne, ma che prima o poi emergeranno pretendendo il loro posto, ha anticipato anche le versioni successive di film della DC-Warner, dal secondo e terzo Batman di Nolan fino all’ultimo Joker di Phoenix-Phillips. Oltre al fatto di non riuscire a dimenticare la conturbante Catwoman/Selina Kyle di Michelle Pfeiffer. L’unica finora che ha portato sullo schermo la morbosità ben presente nei fumetti del suo rapporto con Wayne/Batman. Cult- I fiml che ti hanno cambiato la vita, oltre ai già citati disegni, è impreziosito anche da molti aneddoti e curiosità attorno alle pellicole, delle vere e proprie chicche che i veri cinefili apprezzeranno senz’altro.

 

 

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cuomo

Giuseppe,

Grossi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grossi Giuseppe, Cuomo Antonio, Liguori Luca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Città reali scomposte e trasformate in chiave onirica, e città simboliche e surreali che diventano archetipi moderni in un testo narrativo che raggiunge i vertici della poeticità.

Le città invisibili

Calvino Italo

Federico Rampini ha vissuto nella Silicon Valley nei primi tempi della new economy e ha sempre seguito con attenzione i temi del digitale e della rete. Ma quello che una volta sembrava contenere in sé i semi di una nuova economia, più favorevole al consumatore e più competitiva, e di una nuova società, più aperta e informata, oggi si presenta ai suoi occhi in modo molto diverso. Ormai siamo tutti connessi, sempre, e la nostra attenzione è diventata sempre più superficiale, la nostra vita sempre più multitasking, la nostra privacy sempre più esposta allo sguardo virtuale di amici e non solo. Intanto i cosiddetti "nativi digitali" vivono in un mondo dominato da "app" che sembrano poter colonizzare ogni aspetto della loro vita. I giganti del web sembrano non porsi limiti nella loro corsa alla supremmazia: vogliono mappare tutte le informazioni del mondo, connettere tutte le persone del mondo, essere il negozio unico per tutto il mondo, occupare il tempo libero di tutti. Ma possiamo permettere che tutto sia nelle mani di pochissimi? Che le nostre vite intime, professionali, politiche siano affidate alle grandi aziende digitali? E che succederebbe se dovessimo scoprire che alcune di loro sono diventate davvero cattive?

Rete padrona

Rampini Federico

Tamara nasce in una ricca famiglia di Varsavia – nel 1898, dicono i suoi biografi, ma le date non sono fatte per le signore: Tamara è sempre giovane e sempre moderna, sempre bella e spregiudicata. A nove anni, crea dei fiori finti che vende fuori dalla porta di casa perchè è decisa a mantenersi da sola. Il giorno dopo le nozze con un nobile playboy, si lascia corteggiare da un diplomatico siamese. Incontra Marinetti e decide di andare a bruciare il Louvre. Questi e altri brillanti episodi hanno fatto di Tamara un’icona straordinaria dei ruggenti anni Venti, armata di fascino, pennelli e sigarette: la matita e gli acquarelli di Vanna Vinci ne restituiscono perfettamente l’eleganza sfrontata, la sensualità irrequieta, il talento precoce e inesausto. Una graphic novel interamente dedicata alla romanzesca vicenda di Tamara de Lempicka, protagonista del bel mondo di San Pietroburgo, Parigi, Hollywood, New York, e pittrice talentuosa di inconfondibili figure di donne, ricche, emancipate e malinconiche come lei.

Tamara De Lempicka

Vinci Vanna

C'è chi farebbe di tutto per pubblicare un libro e raggiungere il successo. Lo sa bene M. Ronzini, ormai da anni aspirante scrittore di belle speranze, con un armadio pieno di pagine scritte, ma poche possibilità di pubblicazione. Ma potrebbe essere arrivata la sua grande occasione: una non meglio precisata casa editrice lo chiama a colloquio nei suoi Uffici. Lo scopo? Commissionargli un libro senza eguali, destinato a un successo planetario. Niente di meno che la riscrittura di un'importantissima opera del passato, ma ribaltata nei suoi fondamentali significati. Il contratto, sia pur stringato, prevede enormi vantaggi, e il direttore degli Uffici prospetta al disorientato Ronzini grande onore, infinito successo e una valanga di soldi. E per metterlo in condizioni di consegnare presto la sua opera, gli fa arrivare a casa una dattilografa bellissima e provocante che si mette a sua disposizione.

IL CONTRATTO

Vichi Marco