Saggi

Cult

Grossi Giuseppe, Cuomo Antonio, Liguori Luca

Descrizione: Tutto il cinema che ha lasciato un'impronta indelebile nella nostra vita. Personaggi iconici, frasi memorabili, sequenze indimenticabili e tanto altro in cui sei inciampato almeno una volta nella vita. Al fianco di grandi successi, ecco anche pellicole di nicchia, clamorosi flop e opere bocciate troppo in fretta da critica e pubblico. Tutte rigorosamente cult, dalla prima all'ultima. Basta con Viale del tramonto, Ombre rosse, I sette samurai, Lawrence d'Arabia, La finestra sul cortile. Qui non troverai niente di tutto questo. Perché sarebbe troppo facile rispolverare i soliti grandi classici della settima arte, ormai imparati a memoria come fossero una filastrocca cinefila. No, in questo manuale abbiamo voglia di film cult. Ovvero il cinema che ha lasciato impronte indelebili, frasi memorabili, sequenze indimenticabili, immagini, locandine e personaggi in cui sei inciampato almeno una volta nella vita. Un cinema non sempre fortunato, a volte troppo in anticipo per essere compreso e apprezzato. Un cinema d'avanguardia, coraggioso, di rottura, che si è appellato al passare del tempo per conoscere la meritata gloria. Così, al fianco di grandi successi, ecco anche pellicole di nicchia, clamorosi flop, opere bocciate troppo in fretta da critica e pubblico. Siamo qui per rimediare, chiedere scusa e riscoprire il lato fiero del cinema più popolare e apprezzato e amato da tutti. Orgoglioso di essere cult. Prefazione e vignetta di Lorenza Di Sepio.

Categoria: Saggi

Editore: Multiplayer.it

Collana: CulturaPop

Anno: 2019

ISBN: 9788863554885

Recensito da Tommaso De Beni

Le Vostre recensioni

L.Liguori, A. Cuomo, G.Grossi, Cult – I film che ti hanno cambiato la vita, Multiplayer edizioni, 274 pp.

La pagina Facebook del sito Movieplayer ha più di 200 mila followers, a dimostrazione di quanto esso sia un punto di riferimento per gli appassionati di cinema. Ora, con questo libro, impreziosito da bellissime illustrazioni e tutto sommato snello, Movieplayer ha la sua “bibbia” con cui ridefinire il concetto di classico. Non si tratta di un manuale, ma di un sunto abbastanza chiaro di cosa sia il postmoderno nel cinema e di un vero compendio di cultura pop. C’è tutto il background di almeno tre generazioni plasmate dal cinema americano e cresciute con fumetti e videogiochi. C’è qualche puntatina negli anni ’60-’70-’90 e 2000 e in Paesi quali Italia, Francia, Giappone, Cina, Corea, Inghilterra, ma a farla da padrone sono gli anni ’80 e gli Stati Uniti e il concetto preponderante è che la diversità è un valore. I generi infatti si mescolano e non sono più definiti come nelle decadi precedenti. I film selezionati, poco più di un centinaio, lo sono in base all’impatto che hanno avuto nell’immaginario collettivo: se la loro eco si risente in canzoni, videoclip, fumetti, serie Tv e altri film allora possono essere definiti cult. Senza di loro non potreste mai capire tutti i meme che da anni circolano sui social. Ognuno può divertirsi a stilare la propria classifica personale, sia per testare quanti di questi film abbia visto e quindi come il proprio immaginario sia stato influenzato (e rendersi conto di non essere solo) sia per andare subito a recuperare quelli che non ha ancora visto. Oppure per consigliare altri film da aggiungere, in un ipotetico secondo volume, scoprendo di avere avuto un percorso personale nel cinema cult. Per quanto mi riguarda, per esempio, avrei aggiunto Batman Returns, il secondo film di Tim Burton sull’uomo pipistrello dei fumetti, forse meno conosciuto rispetto al primo, con Jack Nicholson nei panni di Joker, ma a mio avviso ancora più segnante. Burton ha infatti influenzato i fumetti facendoli svoltare, dopo quel film, verso uno stile dark e horror, cioè più adulto. L’intuizione di far diventare il Pinguino un mostro e di affrontare il tema dei diversi che vengono emarginati dalla società, sepolti nelle fogne, ma che prima o poi emergeranno pretendendo il loro posto, ha anticipato anche le versioni successive di film della DC-Warner, dal secondo e terzo Batman di Nolan fino all’ultimo Joker di Phoenix-Phillips. Oltre al fatto di non riuscire a dimenticare la conturbante Catwoman/Selina Kyle di Michelle Pfeiffer. L’unica finora che ha portato sullo schermo la morbosità ben presente nei fumetti del suo rapporto con Wayne/Batman. Cult- I fiml che ti hanno cambiato la vita, oltre ai già citati disegni, è impreziosito anche da molti aneddoti e curiosità attorno alle pellicole, delle vere e proprie chicche che i veri cinefili apprezzeranno senz’altro.

 

 

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cuomo

Giuseppe,

Grossi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grossi Giuseppe, Cuomo Antonio, Liguori Luca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La congiura di Catilina

Sallustio

Giovanni ha diciotto anni, trascorsi quasi tutti a Verona, dove è nato. Una vita tranquilla, qualche amico e, ogni giorno, i lunghi allenamenti in piscina per prepararsi alle gare. Anche a casa regna la quiete: Giovanni vive solo con suo padre, notaio, in quel genere di grande appartamento abitato da due uomini che ogni donna può immaginarsi. Selvaggia ha diciotto anni, molte amiche e diversi spasimanti, vive sul mare e assapora l'estate appena iniziata quando sua madre le sconvolge la vita: si trasferiranno per ragioni di lavoro. Selvaggia cambierà scuola, dovrà ricominciare tutto da capo e lo dovrà fare a Verona, la città dove è nata e da cui proprio la mamma, tanti anni prima, l'aveva portata via, separandola dal padre e dal fratello gemello. Quando Selvaggia varca per la prima volta la soglia della nuova casa, Giovanni è rintanato in camera sua. Gli basta la voce di lei per capire che nulla sarà più come prima. Giovanni scopre quella voce come un regalo, ma al tempo stesso la riconosce, è un suono che vive da sempre dentro di lui: Selvaggia, la sorella perduta, è tornata nella sua vita, per sempre. Lei a Verona non conosce nessuno: solo Johnny - come lo ha subito ribattezzato - può farle da guida e tenerle compagnia nei tre lunghi mesi che devono trascorrere prima della ripresa scolastica. Selvaggia è bellissima, piena di fascino ma anche capricciosa fino allo sfinimento, croce e delizia per il fratello ritrovato. Presto tra i due si sprigiona un'elettricità, un magnetismo, un'affinità che ha un solo nome, per loro impronunciabile: desiderio. Questo romanzo è la cronaca dell'amore tra due ragazzi che si affacciano alla vita, un amore meraviglioso e impossibile nel modo più crudele, perché non è la diversità a separare i due innamorati - non sono una sirenetta e un principe, un vampiro e una fanciulla - ma, proprio nella terra dei Montecchi e dei Capuleti, è la vicinanza assoluta a condannarli. Densissimo di echi letterari eppure diretto come il diario di un teenager, Le affinità alchemiche ha il candore e l'intensità per rinnovare nel nostro cuore un'emozione senza tempo, per ammaliarci ancora una volta con il miracolo e la tragedia della seduzione. Selvaggia e Johnny: ricordatevi questi nomi, la loro fiamma brucia alta nel cielo

LE AFFINITA’ ALCHEMICHE

Coltorti Gaia

Circondata dalle inseparabili amiche – le Donne del Club Omicidi – la detective Lindsay Boxer ha finalmente coronato il suo sogno d’amore, sposando l’agente dell’FBI Joe Molinari. L’eco della marcia nuziale si è appena spenta che già Lindsay deve tornare al suo difficile lavoro, perché un caso delicato richiede tutta la sua esperienza di investigatrice e di donna. È stata ritrovata un’adolescente in fin di vita: dai primi accertamenti è chiaro che ha partorito da poco, ma lei non ha alcuna intenzione di dire che cosa è stato del bambino né chi sia il padre. Mentre menzogne e false piste si sovrappongono, Lindsay cerca la verità, soprattutto per salvare la vita del neonato scomparso. Anche per il procuratore Yuki Castellano c’è un caso difficile, nel quale si gioca la carriera. Yuki rappresenta la pubblica accusa nel processo contro la dottoressa Candace Martin, imputata per l’omicidio del marito. Yuki è certa della sua colpevolezza, ma il processo riserverà più di un colpo di scena... Per fortuna c’è sempre il momento in cui le quattro amiche possono ritrovarsi da Susie’s per un margarita e qualche tacos, per parlare di lavoro e di uomini, di problemi e di sogni e trovare insieme una soluzione ai difficili casi che le impegnano. Perché la loro forza sta nella loro straordinaria amicizia.

La cerimonia

Patterson James

Un pericoloso maniaco, detto il Collezionista di occhi, rapisce i bambini e li nasconde. Uccide la madre. Il padre ha quarantacinque ore a disposizione per scoprire il nascondiglio. Questo è il gioco. Quando l’ultimatum scade, la vittima muore. Ma l’orrore non finisce qui, perché al cadavere del bambino manca qualcosa: l’occhio sinistro. L’assassino però non vuole essere considerato un collezionista, ma un giocatore. E in questo gioco sinistro è intrappolato anche il reporter Alexander Zorbach, un ex poliziotto, narratore in prima persona, che man mano che la storia procede si rende conto che sta diventando sempre di più una pedina in un duello mortale. Il Collezionista di occhi finora non ha lasciato tracce. Ma improvvisamente compare una testimone misteriosa: Alina Gregoriev, una psicoterapeuta cieca, che sostiene di poter vedere nel passato dei suoi pazienti attraverso il semplice contatto fisico. E forse, ieri, ha avuto in terapia proprio il Collezionista di occhi…

IL GIOCO DEGLI OCCHI

Fitzek Sebastian