Narrativa

Cuore primitivo

De Carlo Andrea

Descrizione: Mara Abbiati, scultrice italiana, e suo marito Craig Nolan, famoso antropologo inglese, hanno una piccola casa di vacanza vicino a Canciale, paesino ligure arrampicato tra il mare e l’Appennino. Un mattino d’estate Craig sale sul tetto per controllare da dove sia entrata la pioggia di un temporale estivo, e la vecchia copertura gli cede sotto i piedi. I Nolan, alla ricerca di qualcuno che gli aggiusti la casa, vengono in contatto con Ivo Zanovelli, un costruttore dall’aspetto ribelle e con molte ombre nella vita. Nel corso di pochi giorni di un luglio incandescente l’equilibrio già precario di ognuno dei tre si rompe, facendo emergere con violenza dubbi, desideri, contraddizioni fino a quel momento dormienti.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria italiana

Anno: 2014

ISBN: 9788845277405

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il teatro di “Cuore Primitivo”, l’ultimo romanzo di Andrea De Carlo, è un paesino ligure: “Canciale gli era sembrato un luogo rude, sciatto, semidesolato; l’umida, sparsa periferia campestre di un paesino preappenninico arrampicato sulle ripide coste di monte tra luce e ombra”.

Lì, nella casa di vacanza, si attua l’agonia sentimentale di Mara Abbiati (“una giovane scultrice di talento appena uscita faticosamente da una lunga e difficile storia con un liutaio ciclotimico”), artista specializzata nella scultura di gatti (“i suoi gatti sono il risultato di un lungo percorso di ricerca e affinamento, l’unico soggetto a cui si dedica da anni”), e del marito, l’antropologo Craig Nolan, “uomo diffidente, iperrazionale, emotivamente sorvegliato”, che sta lavorando alla “uscita dell’edizione italiana di Cuore primitivo”.
Dopo la rovinosa caduta dal tetto di Craig, la coppia decide di affidare il ripristino della copertura a Ivo Zanovelli (“con quella catena d’oro al collo, quelle maniche tagliate per mettere in mostra le spalle e le braccia muscolose, i tatuaggi tribali”) e questa è l’occasione per far emergere conflitti e incomprensioni astiose della coppia (“i balcanici indemoniati picconano il tetto come furie, lo squarcio nel soffitto… si allarga a vista d’occhio, la polvere satura l’aria…”).

Andrea De Carlo approfitta di una trama in sé semplice per dare libero sfogo alle abilità espressive che lo contraddistinguono: spaziando dall’analisi psicologica dei personaggi (“No grazie, sono vegetariana”… “A lei sembra che sia un buon punto di separazione tra le loro due visioni radicalmente diverse della vita, un elemento simbolico d’importanza decisiva in termini etici e intellettuali”), all’immedesimazione nei lori punti di vista, all’approfondimento delle dinamiche umane, l’autore conduce il lettore nei meandri socio-culturali e perfino lessicali (“Del resto sarcasmo non deriva dal greco sarkazein, che vuol dire strappare la carne, digrignare i denti per la rabbia?”) che articolano la complessità della vita relazionale.

La ricerca narrativa che abbiamo conosciuto in “Treno di Panna”, la profondità drammatica di “Due di due”, l’umorismo sottilmente intellettuale di “Giro di vento” e la caratterizzazione dei personaggi di Uto confluiscono in quest’opera nella quale si assapora il gusto dell’espressione e dell’analisi.

Lo stile è quello che rende Andrea De Carlo riconoscibile a colpo d’occhio: nel climax delle domande (“L’ipotesi dell’ossessione erotica per un maschio non evoluto, favorita da un equivoco semantico?”), negli echi culturali (un capitolo sembra riproporre in versione contemporanea l’inno alla velocità del futurismo: “Quello che gli piace è essere la bestia, corpo ruote telaio motore”), nell’utilizzo frequente di onomatopee da fumetto (“Stonk! Sbam-sbam-sbam!…”), nell’attenzione per le manifestazioni corporee ed esteriori (“Craig Nolan e sua moglie restano per qualche secondo sul prato in atteggiamenti generici… Per quanto la posizione eretta di un essere umano fermo possa sembrare statica, le misurazioni strumentali mostrano uno stato di oscillazione continua dalla caviglia al piano saggitale, quasi inavvertibile allo sguardo”), nella conduzione di retropensieri paralleli alla dinamica superficiale dei dialoghi (come nel colloquio tra Craig e la vicina Launa che stende la biancheria: “Le possibili ragioni per cui un’anziana signora come questa indossi biancheria intima non puramente funzionale”).

Un romanzo molto psicologico (per alcuni passaggi mi ha ricordato “Scene da un matrimonio” di Bergman) ed etnologico. Intellettualmente divertente.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Carlo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Carlo Andrea

IL PARADISO E’ ALTROVE – di Mario Vargas Llosa

Per fare bene il mestiere di malato bisogna essere sani! È questa la paradossale conclusione a cui giunge la narratrice di questa complessa storia di malattia. Il mestiere di malato richiede infatti "mente lucida, nervi saldi, grande pazienza". Quel "mondo dei sani", che è stato il suo fino a poco tempo prima, diventa ora un territorio nuovo, estraneo, da scoprire, da esplorare. Nulla è più indicativo di questo sconvolgimento relazionale del rapporto con le badanti, e a ragione la narratrice dedica ad esso molte pagine. "Badante" non è una professione né un mestiere; non è in genere neanche una scelta, un progetto di vita. Si tratta di donne costrette ad abbandonare casa e affetti per necessità economica; donne per le quali l'assistito rappresenta più che una persona un'opportunità economica. Denuncia con intenzionale consapevolezza le difficoltà in cui incorre quotidianamente l'ammalato cronico: nella relazione con il sistema sanitario e l'apparato medico, con l'assistenza privata, con il mondo esterno e nella gestione delle vita quotidiana. La malattia diventa veicolo di indagine e di crescita interiore.

YURI E IL MISTERO DELLE SCARPE BLU

Magro Elvira

Yuko è in grado di vedere cose che gli altri non vedono, e di indovinare i desideri e i pensieri di chi le sta intorno grazie a una sensibilità fuori dal comune. Nell’autunno dei suoi quattordici anni, tutto sembra assumere sfumature misteriose, e il mondo si popola di bizzarre creature. Yuko sta imparando ad assegnare un colore a ogni stato d’animo e a ogni emozione; a insegnarglielo è Kyu, il suo maestro di disegno, che ha il doppio dei suoi anni. Quando dal fusto di una pianta fuoriescono degli strani omini verdi, loro sono gli unici a vederli. Nello stesso istante, Yuko assapora l’incanto sottile del primo amore. Sospesa tra realtà e immaginazione, un’adolescente va incontro alla vita accompagnata dagli affetti più cari, e scopre, giorno dopo giorno, i turbamenti del cuore, la tenerezza dei sentimenti e la difficoltà di diventare grande.

HIGH & DRY. PRIMO AMORE

Yoshimoto Banana

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO – di Elettra Groppo