Narrativa

Cuore primitivo

De Carlo Andrea

Descrizione: Mara Abbiati, scultrice italiana, e suo marito Craig Nolan, famoso antropologo inglese, hanno una piccola casa di vacanza vicino a Canciale, paesino ligure arrampicato tra il mare e l’Appennino. Un mattino d’estate Craig sale sul tetto per controllare da dove sia entrata la pioggia di un temporale estivo, e la vecchia copertura gli cede sotto i piedi. I Nolan, alla ricerca di qualcuno che gli aggiusti la casa, vengono in contatto con Ivo Zanovelli, un costruttore dall’aspetto ribelle e con molte ombre nella vita. Nel corso di pochi giorni di un luglio incandescente l’equilibrio già precario di ognuno dei tre si rompe, facendo emergere con violenza dubbi, desideri, contraddizioni fino a quel momento dormienti.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria italiana

Anno: 2014

ISBN: 9788845277405

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il teatro di “Cuore Primitivo”, l’ultimo romanzo di Andrea De Carlo, è un paesino ligure: “Canciale gli era sembrato un luogo rude, sciatto, semidesolato; l’umida, sparsa periferia campestre di un paesino preappenninico arrampicato sulle ripide coste di monte tra luce e ombra”.

Lì, nella casa di vacanza, si attua l’agonia sentimentale di Mara Abbiati (“una giovane scultrice di talento appena uscita faticosamente da una lunga e difficile storia con un liutaio ciclotimico”), artista specializzata nella scultura di gatti (“i suoi gatti sono il risultato di un lungo percorso di ricerca e affinamento, l’unico soggetto a cui si dedica da anni”), e del marito, l’antropologo Craig Nolan, “uomo diffidente, iperrazionale, emotivamente sorvegliato”, che sta lavorando alla “uscita dell’edizione italiana di Cuore primitivo”.
Dopo la rovinosa caduta dal tetto di Craig, la coppia decide di affidare il ripristino della copertura a Ivo Zanovelli (“con quella catena d’oro al collo, quelle maniche tagliate per mettere in mostra le spalle e le braccia muscolose, i tatuaggi tribali”) e questa è l’occasione per far emergere conflitti e incomprensioni astiose della coppia (“i balcanici indemoniati picconano il tetto come furie, lo squarcio nel soffitto… si allarga a vista d’occhio, la polvere satura l’aria…”).

Andrea De Carlo approfitta di una trama in sé semplice per dare libero sfogo alle abilità espressive che lo contraddistinguono: spaziando dall’analisi psicologica dei personaggi (“No grazie, sono vegetariana”… “A lei sembra che sia un buon punto di separazione tra le loro due visioni radicalmente diverse della vita, un elemento simbolico d’importanza decisiva in termini etici e intellettuali”), all’immedesimazione nei lori punti di vista, all’approfondimento delle dinamiche umane, l’autore conduce il lettore nei meandri socio-culturali e perfino lessicali (“Del resto sarcasmo non deriva dal greco sarkazein, che vuol dire strappare la carne, digrignare i denti per la rabbia?”) che articolano la complessità della vita relazionale.

La ricerca narrativa che abbiamo conosciuto in “Treno di Panna”, la profondità drammatica di “Due di due”, l’umorismo sottilmente intellettuale di “Giro di vento” e la caratterizzazione dei personaggi di Uto confluiscono in quest’opera nella quale si assapora il gusto dell’espressione e dell’analisi.

Lo stile è quello che rende Andrea De Carlo riconoscibile a colpo d’occhio: nel climax delle domande (“L’ipotesi dell’ossessione erotica per un maschio non evoluto, favorita da un equivoco semantico?”), negli echi culturali (un capitolo sembra riproporre in versione contemporanea l’inno alla velocità del futurismo: “Quello che gli piace è essere la bestia, corpo ruote telaio motore”), nell’utilizzo frequente di onomatopee da fumetto (“Stonk! Sbam-sbam-sbam!…”), nell’attenzione per le manifestazioni corporee ed esteriori (“Craig Nolan e sua moglie restano per qualche secondo sul prato in atteggiamenti generici… Per quanto la posizione eretta di un essere umano fermo possa sembrare statica, le misurazioni strumentali mostrano uno stato di oscillazione continua dalla caviglia al piano saggitale, quasi inavvertibile allo sguardo”), nella conduzione di retropensieri paralleli alla dinamica superficiale dei dialoghi (come nel colloquio tra Craig e la vicina Launa che stende la biancheria: “Le possibili ragioni per cui un’anziana signora come questa indossi biancheria intima non puramente funzionale”).

Un romanzo molto psicologico (per alcuni passaggi mi ha ricordato “Scene da un matrimonio” di Bergman) ed etnologico. Intellettualmente divertente.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Carlo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Carlo Andrea

Il male supremo, quello banale e terrestre, disappropriante e dissociativo, esiste. Il male è Luciano Lualdi, l’impresario più importante dello star system nostrano, l’uomo che influisce sulla vita politica e sottoculturata dell’Italia targata talent. Demiurgo spietato di tronisti palestrati e starlette anoressiche, Lucio succhia dall’interno la linfa vitale dei nuovi ragazzi di vita: la folla votata al palcoscenico per imporre il proprio nome, le proprie vocazioni inesistenti, la propria inconsistenza – cifra di un’intera nazione ipnotizzata davanti allo schermo televisivo. Ingenua vittima sacrificale è Christian Russo, muscoloso, ventenne, occhi chiari trasparenti, con una malattia che gli rode l’anima e una che gli toglie il respiro. Christian, il burattino, e Lucio, l’arbitro dei destini: un incastro tra identità speculari, perfetto fino quando l’ironia tragica della realtà stravolge quell’equilibrio. A raccontare questa storia è Teresa Ciabatti, cantrice della nostra contemporaneità, con meccanismo narrativo perfetto, che si intrude nel vilipendio morale e fisico che è la cifra del nostro presente. La scrittura affonda il bisturi laddove la malattia scintilla, sprofondando nell’epica trash italiana di oggi, che in Tuttissanti si narra e trionfa, in una ricognizione drammaturgica del disagio e del formidabile di un’epoca. Una forma di racconto che pendola tra realismo apparente e trance, tutt’altro che immaginaria.

TUTTISSANTI

Ciabatti Teresa

A Fercolo, piccolo centro dell’entroterra calabrese, vive l’umanità del romanzo. Un’umanità complessa e dolorosa, caratterizzata da situazioni irrisolte e trasversali nell’incertezza dei rapporti. Un professore precario, un politico navigato, una prostituta, un ragazzino alla ricerca del vero padre, due studenti dagli opposti destini, un maresciallo a caccia di un omicida. Un viaggio in pulmino, tra strade e paesi di Calabria, una terra con le sue smemoratezze, “i suoi caratteri, il rammarico profondo per tutto quello che potrebbe essere e non è.” Un viaggio che, seppur breve, rimescola le carte e i rapporti, rimette in discussione le singole vite, stravolgendole: dopo non sarà più come prima. Vicende umane, tra derive e riscatti, paesaggi del cuore e di una regione che, aspra e dura, cerca tenerezza. Prefazione di Pino Aprile.

L’assenza che volevo

Talarico Olimpio

Fausto si è rifugiato in montagna perché voleva scomparire, Silvia sta cercando qualcosa di sé per poi ripartire verso chissà dove. Lui ha quarant'anni, lei ventisette: provano a toccarsi, una notte, mentre Fontana Fredda si prepara per l'inverno. Intorno a loro ci sono Babette e il suo ristorante, e poi un rifugio a piú di tremila metri, Santorso che sa tutto della valle, distese di nevi e d'erba che allargano il respiro. Persino il lupo, che mancava da un secolo, sembra aver fatto ritorno. Anche lui in cerca della sua felicità.

La felicità del lupo

Cognetti Paolo

Terzo incontro del Circolo de i-LIBRI: Il vangelo secondo Gesù Cristo di Josè Saramago