Narrativa

Cuore primitivo

De Carlo Andrea

Descrizione: Mara Abbiati, scultrice italiana, e suo marito Craig Nolan, famoso antropologo inglese, hanno una piccola casa di vacanza vicino a Canciale, paesino ligure arrampicato tra il mare e l’Appennino. Un mattino d’estate Craig sale sul tetto per controllare da dove sia entrata la pioggia di un temporale estivo, e la vecchia copertura gli cede sotto i piedi. I Nolan, alla ricerca di qualcuno che gli aggiusti la casa, vengono in contatto con Ivo Zanovelli, un costruttore dall’aspetto ribelle e con molte ombre nella vita. Nel corso di pochi giorni di un luglio incandescente l’equilibrio già precario di ognuno dei tre si rompe, facendo emergere con violenza dubbi, desideri, contraddizioni fino a quel momento dormienti.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria italiana

Anno: 2014

ISBN: 9788845277405

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il teatro di “Cuore Primitivo”, l’ultimo romanzo di Andrea De Carlo, è un paesino ligure: “Canciale gli era sembrato un luogo rude, sciatto, semidesolato; l’umida, sparsa periferia campestre di un paesino preappenninico arrampicato sulle ripide coste di monte tra luce e ombra”.

Lì, nella casa di vacanza, si attua l’agonia sentimentale di Mara Abbiati (“una giovane scultrice di talento appena uscita faticosamente da una lunga e difficile storia con un liutaio ciclotimico”), artista specializzata nella scultura di gatti (“i suoi gatti sono il risultato di un lungo percorso di ricerca e affinamento, l’unico soggetto a cui si dedica da anni”), e del marito, l’antropologo Craig Nolan, “uomo diffidente, iperrazionale, emotivamente sorvegliato”, che sta lavorando alla “uscita dell’edizione italiana di Cuore primitivo”.
Dopo la rovinosa caduta dal tetto di Craig, la coppia decide di affidare il ripristino della copertura a Ivo Zanovelli (“con quella catena d’oro al collo, quelle maniche tagliate per mettere in mostra le spalle e le braccia muscolose, i tatuaggi tribali”) e questa è l’occasione per far emergere conflitti e incomprensioni astiose della coppia (“i balcanici indemoniati picconano il tetto come furie, lo squarcio nel soffitto… si allarga a vista d’occhio, la polvere satura l’aria…”).

Andrea De Carlo approfitta di una trama in sé semplice per dare libero sfogo alle abilità espressive che lo contraddistinguono: spaziando dall’analisi psicologica dei personaggi (“No grazie, sono vegetariana”… “A lei sembra che sia un buon punto di separazione tra le loro due visioni radicalmente diverse della vita, un elemento simbolico d’importanza decisiva in termini etici e intellettuali”), all’immedesimazione nei lori punti di vista, all’approfondimento delle dinamiche umane, l’autore conduce il lettore nei meandri socio-culturali e perfino lessicali (“Del resto sarcasmo non deriva dal greco sarkazein, che vuol dire strappare la carne, digrignare i denti per la rabbia?”) che articolano la complessità della vita relazionale.

La ricerca narrativa che abbiamo conosciuto in “Treno di Panna”, la profondità drammatica di “Due di due”, l’umorismo sottilmente intellettuale di “Giro di vento” e la caratterizzazione dei personaggi di Uto confluiscono in quest’opera nella quale si assapora il gusto dell’espressione e dell’analisi.

Lo stile è quello che rende Andrea De Carlo riconoscibile a colpo d’occhio: nel climax delle domande (“L’ipotesi dell’ossessione erotica per un maschio non evoluto, favorita da un equivoco semantico?”), negli echi culturali (un capitolo sembra riproporre in versione contemporanea l’inno alla velocità del futurismo: “Quello che gli piace è essere la bestia, corpo ruote telaio motore”), nell’utilizzo frequente di onomatopee da fumetto (“Stonk! Sbam-sbam-sbam!…”), nell’attenzione per le manifestazioni corporee ed esteriori (“Craig Nolan e sua moglie restano per qualche secondo sul prato in atteggiamenti generici… Per quanto la posizione eretta di un essere umano fermo possa sembrare statica, le misurazioni strumentali mostrano uno stato di oscillazione continua dalla caviglia al piano saggitale, quasi inavvertibile allo sguardo”), nella conduzione di retropensieri paralleli alla dinamica superficiale dei dialoghi (come nel colloquio tra Craig e la vicina Launa che stende la biancheria: “Le possibili ragioni per cui un’anziana signora come questa indossi biancheria intima non puramente funzionale”).

Un romanzo molto psicologico (per alcuni passaggi mi ha ricordato “Scene da un matrimonio” di Bergman) ed etnologico. Intellettualmente divertente.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Carlo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Carlo Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato nel 1911, il Bestiario, o Il corteggio d’Orfeo, prima raccolta di poesie di Guillaume Apollinaire, si colloca in un felice punto d’intersezione tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, momento di forte crescita della poesia europea. Tratto distintivo della raccolta è quell’aggancio realistico che equilibra la continua tentazione verso il nonsense, quell’intrattenibile e abbagliante pienezza del sentimento che genera una straordinaria congiunzione tra la «fatuità » del Mallarmé minore e la gustosa sapienzialità terrestre dei bestiari medievali. Incredibilmente sospeso tra le sinuose eleganze dell’Art Nouveau e la solida concretezza delle scomposizioni cubiste, il poeta crea effetti stilistici unici, senza mai rinunciare a sfruttare gli spazi aperti della sua immaginazione formale, cassa di risonanza della sua malinconia, della sua vitalità, del suo male di vivere. Ricchissima di senso metrico e sonoro, fondata sul valore espressivo della parodia e del falsetto, la poesia di Apollinaire è proposta nell’attenta traduzione di Giovanni Raboni a cui fanno da indispensabile complemento le incisioni di Raoul Dufy, presenti già nell’edizione originale.

Bestiario

Apollinaire Guillaume

La violenza degli adulti irrompe nel mondo dei ragazzi, troncando i sogni e le speranze per portarvi in cambio, inaspettata e apparentemente casuale, la tragedia. Ispirandosi a un fatto di cronaca, l’autore descrive con occhio acuto e grande sensibilità le vite, straordinarie nella loro quotidianità, di un gruppo di adolescenti, in una taciuta ma ben riconoscibile città del Meridione italiano. La scuola e gli amori, i progetti per il futuro e le difficoltà dell’oggi, i problemi familiari e l’accettazione di sé sono gli elementi che vanno a formare un quadro realistico, ma dalle tinte delicate.Uno straordinario affresco corale, ora poetico e ora ruvido, dedicato a tutti quei ragazzi che, tra mille difficoltà, non accettano di perdere la speranza.

IL MARE DI SPALLE

Sofia Antonio

Ci sono mondi che da lontano sembrano brutti e grigi. Mondi poveri, in cui il cibo era poco, in cui la libertà di scelta era poca, in cui la fatica sembrava non finire mai. Eppure, proprio di questi mondi, pur ricordandone tutte le ombre, decenni dopo si sente nostalgia, si avverte la mancanza. Confrontata all’anonimato consumistico contemporaneo, la Russia d’un tempo, la Grande Russia del socialismo, rappresentava una fede, una identità, una sfida. Attraverso le testimonianze di decine e decine di donne e uomini che hanno attraversato e creduto alla Perestrojka, Svetlana Aleksievic ci racconta l’utopia di un mondo finito, che non ha saputo restituire al suo popolo l’orgoglio di un tempo.

Tempo di seconda mano

Alesksievič Svetlana