Narrativa

LA CURA DELLE PAROLE

Piazza Tania

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni Si

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Tania Piazza è una grande manipolatrice di parole. Sin dalle prime pagine mostra una padronanza di scrittura che stordisce e affascina al tempo stesso, anche perché il romanzo, che segue due diverse storie intrecciate tra loro e che oscilla tra il presente e i ricordi, è di struttura complessa, badando più che agli eventi alla psicologia dei personaggi e allo studio delle loro anime.

“La cura delle parole” è infatti la storia di due anime. Elsa, proprietaria di una libreria, ha un marito che la ama ma la soffoca; apparentemente è una donna realizzata però il cruccio che le danna l’esistenza è la mancanza di un figlio generato dal suo utero anziché, come per le cose che scrive, solo dalle sue cellule cerebrali. Gabriele, più giovane di lei, ha un lavoro, una bella casa e una bella classica famiglia con moglie e due figli, ma si porta dentro troppe situazioni irrisolte. 

L’incontro tra i due sembrerebbe posititvo per le loro anime in pena mentre porta con sé solo fraintendimenti e dolore.

La scrittrice accompagna il lettore fino alla conclusione, lasciandolo però “libero” (secondo lo stile ereditato dai grandi della letteratura del Novecento, da Henry James a Italo Svevo. Vedasi il rapporto controverso tra Gabriele e suo padre, che ricorda la relazione tra Zeno e il suo genitore).

Il pathos è crescente fino alla catarsi conclusiva; il desiderio di risolvere le angosce dei due protagonisti può paragonarsi all’ansia che vive un lettore di gialli in attesa di conoscere l’identità dell’assassino.

Una bella prova di scrittura, un romanzo originale, mai piatto, che va letto tutto d’un fiato e poi riguardato per comprendere meglio e giustificare i bisogni  dei due personaggi centrali della vicenda.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tania

Piazza

Libri dallo stesso autore

Intervista a Piazza Tania


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Claudio Roveri è un informatore medico scientifico. Conduce una vita di apparenze. Apparentemente è un professionista affermato, ha una famiglia felice, nessun motivo per non sentirsi soddisfatto. In realtà le cose non vanno così bene. Claudio Roveri cova il disagio. Odia Bologna, che è diventata una città così diversa da come se la ricordava. Negri, punkabbestia e zingari ai semafori, e quella sensazione di degrado che ha ogni volta che cammina per il centro. Claudio odia, ma non fa nulla. Si rifugia nella famiglia, negli amici di sempre, nel lavoro. Fino a quando decide di reagire, assecondando la sua vera natura. Asciutto, affilato, coinvolgente, “Non fare la cosa giusta” conferma il talento di Alessandro Berselli e la sua capacità di non fermarsi allo sguardo superficiale della contemporaneità.

NON FARE LA COSA GIUSTA

Berselli Alessandro

Non è affatto un giorno come un altro. Le loro vite stanno per cambiare. Quando Katherine Evans incontra Armand non sa che dietro quelle sembianze da bello e dannato si cela uno dei più potenti Generali dell'Antica Stirpe. Non può immaginare che sarà proprio lui la sua salvezza o la sua rovina, né può conoscere il suo piano crudele e oscuro come le tenebre. Una verità agghiacciante sta per essere svelata. Nessuno è al sicuro, i protagonisti stanno per essere soffocati dalle loro stesse esistenze. Ognuno di loro nasconde un segreto, nessuno può permettersi di fallire. Una sola certezza: quando supera se stesso, l'amore può uccidere.

IMPLOSION

Heron M. J.

Nel 1929 Washington Irving soggiornò a Granada all’interno dell’Alhambra, il massimo monumento dell’arte moresca in Spagna, “uno dei luoghi più belli, romantici, deliziosi del mondo”, come scrisse a un amico. Per lo scrittore americano, molto noto anche in Europa, il soggiorno all’Alhambra rappresentò un porto tranquillo, un luogo incantato e incantevole dove potersi dedicare alla scrittura e anche una fonte di argomenti che appassionavano l’immaginazione dei lettori dell’epoca, dominata dalla passione per il Romanticismo europeo e per le storie esotiche e orientaleggianti. Dal periodo trascorso all’Alhambra nacque così la raccolta di bozzetti, storie e leggende, The Alhambra, un libro che ebbe un grandissimo successo e che fu tradotto in molte lingue, rinnovando così la notorietà dello scrittore alla vigilia del suo ritorno negli Stati Uniti dopo il lungo soggiorno europeo.

I racconti dell’Alhambra

Washington Irving

Questo volume raccoglie gli scritti firmati personalmente da Carla Lonzi e quelli firmati collettivamente dal gruppo Rivolta Femminile che, dalla primavera del 1970 ai primi mesi del 1972, segnarono una rottura teorica con "il monologo della civiltà patriarcale". Prefazione di Maria Luisa Boccia.

Sputiamo su Hegel

Lonzi Carla