Narrativa

LA CURA DELLE PAROLE

Piazza Tania

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni Si

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Tania Piazza è una grande manipolatrice di parole. Sin dalle prime pagine mostra una padronanza di scrittura che stordisce e affascina al tempo stesso, anche perché il romanzo, che segue due diverse storie intrecciate tra loro e che oscilla tra il presente e i ricordi, è di struttura complessa, badando più che agli eventi alla psicologia dei personaggi e allo studio delle loro anime.

“La cura delle parole” è infatti la storia di due anime. Elsa, proprietaria di una libreria, ha un marito che la ama ma la soffoca; apparentemente è una donna realizzata però il cruccio che le danna l’esistenza è la mancanza di un figlio generato dal suo utero anziché, come per le cose che scrive, solo dalle sue cellule cerebrali. Gabriele, più giovane di lei, ha un lavoro, una bella casa e una bella classica famiglia con moglie e due figli, ma si porta dentro troppe situazioni irrisolte. 

L’incontro tra i due sembrerebbe posititvo per le loro anime in pena mentre porta con sé solo fraintendimenti e dolore.

La scrittrice accompagna il lettore fino alla conclusione, lasciandolo però “libero” (secondo lo stile ereditato dai grandi della letteratura del Novecento, da Henry James a Italo Svevo. Vedasi il rapporto controverso tra Gabriele e suo padre, che ricorda la relazione tra Zeno e il suo genitore).

Il pathos è crescente fino alla catarsi conclusiva; il desiderio di risolvere le angosce dei due protagonisti può paragonarsi all’ansia che vive un lettore di gialli in attesa di conoscere l’identità dell’assassino.

Una bella prova di scrittura, un romanzo originale, mai piatto, che va letto tutto d’un fiato e poi riguardato per comprendere meglio e giustificare i bisogni  dei due personaggi centrali della vicenda.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tania

Piazza

Libri dallo stesso autore

Intervista a Piazza Tania


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un'isola. Il capitano e la sua pupilla abitano in un castello da dove sono stati eliminati tutti gli specchi, perché la giovane Hazel non veda il suo viso. È prigioniera? L'infermiera Françoise, chiamata a curare la fanciulla, scopre gli elementi di un mistero. Doppio finale a sorpresa...

Mercurio

Nothomb Amélie

Lino Mastromarino dialoga con Lilly

Emozioni, storie, passioni all’ombra di una palla ovale, simbolo dello sport che più si è imposto all’attenzione del pubblico italiano in questi ultimi anni. Proprio nei giorni dedicati al Sei Nazioni, che vede il quindici azzurro impegnato contro i maestri francesi e britannici, escono i racconti rugbystici di Andrea Pelliccia, che rappresentano una ghiotta occasione per conoscere più da vicino il mondo del rugby e la sua magia. Dalla partita d’esordio di un quattordicenne non troppo convinto della propria passione per il rugby, alle emozioni di un arbitro italiano impegnato per la prima volta a Twickenham, autentica cattedrale della palla ovale; dalle vicende della squadra giovanile del Petrarca Padova in trasferta, viste con gli occhi dell’autista che li porta verso Parma, alla storia di una strana amicizia incentrata su un passato sportivo comune (ma un presente completamente opposto) fra un avvocato di successo e un mendicante; fino alla cronaca particolare di un allenamento con la Nazionale Italiana e al racconto thriller di due amanti rapiti da misteriosi malviventi, dove l’unico indizio è un portachiavi con un piccolo pallone ovale. Affrontando storie e generi diversi, Pelliccia regala un felice affresco dello sport nel quale, più che in altri, conta il rispetto della fatica e degli avversari.

Up & Under

Pelliccia Andrea

Quando una donna viene lasciata, tanto più se di punto in bianco, le ambasce del cuore possono travolgerla e spingerla a entrare nel tortuoso tunnel delle supposizioni, delle attese spasmodiche - più o meno sensate - di un segnale, magari nella speranza che non sia proprio l'ultimo e che lui ritorni. Ma così non va. C'è una cosa che le donne dovrebbero imparare dagli uomini, e cioè l'arte di dimenticare. Nessuno ci insegna come si fa ad amare, a evitare di essere infelici, a dimenticare, a spezzare le lancette dell'orologio dell'amore. Come si fa a non tormentarci, a lottare contro la tirannia delle piccole cose, a neutralizzare il complotto dei ricordi e ignorare un telefono che resta muto. Esiste qualcuno che, mentre siamo lì a singhiozzare per un torto d'amore, ci dice che un giorno rideremo di quella stessa cosa che oggi ci fa piangere? Attraverso le confidenze di amiche e conoscenti, proverbi e una ricchissima raccolta di aforismi di personaggi famosi - poeti, scrittori, filosofi arabi e non - questo libro è una sapiente e gustosa raccolta di pillole di saggezza per prendere le distanze da una storia finita e creare i presupposti per una nuova. Una meditazione piena di stile e ironia su come sopravvivere all'amore e ai suoi danni.

L’ARTE DI DIMENTICARE

Mosteghanemi Ahlam