Narrativa

Dacci oggi il nostro pane quotidiano

Fiorello Catena

Descrizione: Un padre che rientra a casa dalla caserma in cui lavora, a Siracusa, e chiede alla moglie, impegnata a far quadrare i conti di casa cucinando piatti semplici: "Stasera cosa mangiamo, grilli?". E una ragazzina di tredici anni, alta, magra, con i capelli a caschetto, che fraintende lo scherzo e immagina un'invasione di insetti sulla tavola intorno alla quale siedono insieme a lei i fratelli Rosario, Beppe e Anna. Comincia così questo libro intimo, commovente, esilarante in cui Catena Fiorello racconta attraverso ricordi personali - legati ai sapori e ai profumi tipici della cucina siciliana e di una tradizione povera del gusto - la sua visione non soltanto dell'arte gastronomica, ma dei valori che si apprendono mangiando. Un libro per riscoprire l'incanto di stare insieme e di condividere il calore della tavola e della famiglia.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788817037570

Recensito da Ornella Lodin

Le Vostre recensioni

Solo quando avesse parlato di argomenti che conosceva in prima persona, Jo March sarebbe stata una grande scrittrice. Questo fu il consiglio del professor Fritz Bhaer alla giovane amica.

Si può forse affermare lo stesso con l’ultima opera, in ordine di tempo, dell’autrice Catena Fiorello.

Già nota al pubblico con Picciridda e Casca il mondo casca la terra, in “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” si perde l’artificio della composizione letteraria e viene fuori ciò che l’autrice effettivamente conosce: il suo vissuto.

La storia della famiglia Fiorello, l’infanzia dei genitori tra gli stenti, figli del dopoguerra, figli della fame e della miseria più nera e la quotidianità di una famiglia come tante, tra gli anni ’60 e ’90, divisa tra piccoli paesi di provincia: Letojanni e Augusta.

La cucina, fulcro del focolare domestico, dove l’immaginifica Catena studia mentre la mamma cucina e dove consuma i suoi pasti con i fratelli. Il menù “grilli”, ovvero come una madre accorta e di mezzi limitati riesca a creare in cucina piatti gustosi con ingredienti semplici e rigorosamente di stagione per la sua famiglia.

L’autrice non manca di sottolineare tra le pagine le scarse finanze e mezzi della famiglia come leitmotiv a volte sin troppo ripetitivo, quasi come a voler abbassare i toni al grande successo dei Fiorello”s”, persone come altre, che la fama e la ricchezza non sono che sopraggiunte in seguito, dopo tanta gavetta, con aspettative e aspirazioni spesso spezzate, a causa proprio di quelle restrizioni economiche, oppure inaspettatamente realizzate nonostante i limiti. Tra i messaggi della Fiorello vi è quello che la scarsa disponibilità di denaro, tolte le spese che permettono di mandare avanti la gestione della casa e della dispensa, devono essere prese non come fonte di abbrutimento ma come sprone ad aguzzare l’ingegno. Il darsi da fare, rimboccarsi le maniche: da qui i loro successi.

Nelle pagine trasuda tutto l’affetto che la Fiorello ha nutrito per i genitori, e quando descrive il padre sembra quasi di rivedere quel Modugno interpretato dal fratello minore.

Il termine giusto per definire questo romanzo-ricettario (a fine narrazione della quotidianità della famiglia Fiorello, l’autrice elenca le ricette del “menù grilli”) èevocativo, o forse lo è per coloro che sono cresciuti essi stessi tra quelle vie dei piccoli paesi descritti tra le pagine, riconoscendo con stupore, seppure con qualche decennio generazionale, le botteghe e le persone, e ancor più: la mentalità.

Ci si domanda se la bellezza di questo lavoro sia oggettiva o soggettiva, perchè alcuni lettori riconoscono i luoghi descritti e il modo di viver, da qui la bellezza evocativa della narrazione, e se lettori di altri paesi vi scorgano, nonostante appartengano a luoghi diversi, la stessa bellezza, quindi, oggettiva.

Ancor più, quando la Fiorello tende a battersi per ribadire, contro il preconcetto “pubblichi perchè sei la sorella di…” che se non avesse avuto un contenuto degno un editore non lo avrebbe accettato, per quanto dobbiamo darle atto che sia una bella storia, vera, ben scritta, non possiamo non chiederci: la storia della famiglia Fiorello è sì una storia tra tante ma se invece  fosse stata la vita di una famiglia X, con le stesse vicissitudini ma con i componenti che non diventano noti personaggi dello spettacolo bensì onesti padri e madri di famiglia, magari realizzati nel loro ruolo di genitori e nell’ambito lavorativo di operaio in fabbrica e commessa di un supermarket, avrebbero trovato un editore pronto a crederci?

Nonostante tutti i “perchè”, Dacci oggi il nostro pane quotidiano, rimane comunque un testo che val la pena leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Catena

Fiorello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fiorello Catena

Piccolo blu e piccolo giallo adorano giocare insieme. Ma quando si abbracciano diventano tutti verdi.

Piccolo blu e piccolo giallo

Lionni Leo

“Una foschia rosso porpora” è la più scrupolosa e dettagliata biografia di Jimi Hendrix mai scritta, uno sterminato mosaico di informazioni e dati che non ha eguali nella letteratura rock. Il volume di Shapiro e Glebbeek si estende dalla musica a immagini rare, ai dischi, a quella labirintica “Discoteca di Babele” che fra opere ufficiali, antologie e bootleg conta centinaia di pezzi, qui sistemati dagli autori con precisione maniacale. A quarant’anni dalla morte di Jimi Hendrix ritorna in libreria l’opera definitiva su un maestro ancora influente e venerato, che con la sua chitarra ha ridisegnato i confini della musica americana del Novecento.

Una foschia rosso porpora

Glebbeek Caesar

Ninella ha cinquant'anni e un grande amore, don Mimì, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato in uno degli angoli più magici della Puglia. Gli occhi dei 287 invitati non saranno però puntati sugli sposi, ma sui loro genitori. Ninella è la sarta più bella del paese, e da quando è rimasta vedova sta sempre in casa a cucire, cucinare e guardare il mare. In realtà è un vulcano solo temporaneamente spento. Don Mimì, dietro i baffi e i silenzi, nasconde l'inquieto desiderio di riavere quella donna solo per sé. A sorvegliare la situazione c'è sua moglie, la futura suocera di Chiara, che a Polignano chiamano la "First Lady". È lei a controllare e a gestire una festa di matrimonio preparata da mesi e che tutti vogliono indimenticabile: dal bouquet "semicascante" della sposa al gran buffet di antipasti, dall'assegnazione dei posti alle bomboniere - passando per l'Ave Maria -, nulla è lasciato al caso. Ma è un attimo e la situazione può precipitare nel caos, grazie a un susseguirsi di colpi di scena e a una serie di personaggi esilaranti: una diciassettenne che deve perdere cinque chili e la verginità; un testimone gay che si presenta con una finta fidanzata; una zia che da quando si è trasferita in Veneto dice "voi meridionali" e un truccatore che obbliga la sposa a non commuoversi per non rovinare il make-up. Io che amo solo te è un romanzo sulle gioie segrete, sull'arte di attendere e sulle paure dell'ultimo minuto. Tra ironia e commozione, quello di Luca Bianchini è un avventuroso viaggio sull'amore, che arriva - o ritorna - quando meno te lo aspetti, ti rimette in gioco e ti porta dove decide lui. Come il maestrale, che accompagna i tre giorni di questa storia, sullo sfondo di una Puglia dove regnano ancora antichi valori e tanta bellezza.

IO CHE AMO SOLO TE

Bianchini Luca

Così scrive Maria, la protagonista del nuovo, sorprendente romanzo di Paulo Coelho, all’inizio del suo diario. Maria è una ragazza del sertão brasiliano che, dopo aver incontrato un impresario teatrale sulla spiaggia di Rio de Janeiro, si lascia sedurre dal miraggio di una vita diversa. Trasferitasi a Ginevra, sfumato rapidamente il sogno di lavorare come ballerina di samba, la ragazza, con l’ingenuo cinismo di chi non ha ancora conosciuto il vero amore, affronterà la vita come un’avventura, cercando di conoscere il mondo e l’anima delle persone attraverso la lente dei fugaci incontri che la sua attività le impone, finché un pittore non saprà aprirle le porte di una nuova consapevolezza. Dall’autore di L’Alchimista, una sconvolgente meditazione sul sesso come strumento di conoscenza e di esplorazione di sé, un meraviglioso percorso di risveglio sensuale, emotivo e spirituale.

UNDICI MINUTI

Coelho Paulo