Narrativa

Dacci oggi il nostro pane quotidiano

Fiorello Catena

Descrizione: Un padre che rientra a casa dalla caserma in cui lavora, a Siracusa, e chiede alla moglie, impegnata a far quadrare i conti di casa cucinando piatti semplici: "Stasera cosa mangiamo, grilli?". E una ragazzina di tredici anni, alta, magra, con i capelli a caschetto, che fraintende lo scherzo e immagina un'invasione di insetti sulla tavola intorno alla quale siedono insieme a lei i fratelli Rosario, Beppe e Anna. Comincia così questo libro intimo, commovente, esilarante in cui Catena Fiorello racconta attraverso ricordi personali - legati ai sapori e ai profumi tipici della cucina siciliana e di una tradizione povera del gusto - la sua visione non soltanto dell'arte gastronomica, ma dei valori che si apprendono mangiando. Un libro per riscoprire l'incanto di stare insieme e di condividere il calore della tavola e della famiglia.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788817037570

Recensito da Ornella Lodin

Le Vostre recensioni

Solo quando avesse parlato di argomenti che conosceva in prima persona, Jo March sarebbe stata una grande scrittrice. Questo fu il consiglio del professor Fritz Bhaer alla giovane amica.

Si può forse affermare lo stesso con l’ultima opera, in ordine di tempo, dell’autrice Catena Fiorello.

Già nota al pubblico con Picciridda e Casca il mondo casca la terra, in “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” si perde l’artificio della composizione letteraria e viene fuori ciò che l’autrice effettivamente conosce: il suo vissuto.

La storia della famiglia Fiorello, l’infanzia dei genitori tra gli stenti, figli del dopoguerra, figli della fame e della miseria più nera e la quotidianità di una famiglia come tante, tra gli anni ’60 e ’90, divisa tra piccoli paesi di provincia: Letojanni e Augusta.

La cucina, fulcro del focolare domestico, dove l’immaginifica Catena studia mentre la mamma cucina e dove consuma i suoi pasti con i fratelli. Il menù “grilli”, ovvero come una madre accorta e di mezzi limitati riesca a creare in cucina piatti gustosi con ingredienti semplici e rigorosamente di stagione per la sua famiglia.

L’autrice non manca di sottolineare tra le pagine le scarse finanze e mezzi della famiglia come leitmotiv a volte sin troppo ripetitivo, quasi come a voler abbassare i toni al grande successo dei Fiorello”s”, persone come altre, che la fama e la ricchezza non sono che sopraggiunte in seguito, dopo tanta gavetta, con aspettative e aspirazioni spesso spezzate, a causa proprio di quelle restrizioni economiche, oppure inaspettatamente realizzate nonostante i limiti. Tra i messaggi della Fiorello vi è quello che la scarsa disponibilità di denaro, tolte le spese che permettono di mandare avanti la gestione della casa e della dispensa, devono essere prese non come fonte di abbrutimento ma come sprone ad aguzzare l’ingegno. Il darsi da fare, rimboccarsi le maniche: da qui i loro successi.

Nelle pagine trasuda tutto l’affetto che la Fiorello ha nutrito per i genitori, e quando descrive il padre sembra quasi di rivedere quel Modugno interpretato dal fratello minore.

Il termine giusto per definire questo romanzo-ricettario (a fine narrazione della quotidianità della famiglia Fiorello, l’autrice elenca le ricette del “menù grilli”) èevocativo, o forse lo è per coloro che sono cresciuti essi stessi tra quelle vie dei piccoli paesi descritti tra le pagine, riconoscendo con stupore, seppure con qualche decennio generazionale, le botteghe e le persone, e ancor più: la mentalità.

Ci si domanda se la bellezza di questo lavoro sia oggettiva o soggettiva, perchè alcuni lettori riconoscono i luoghi descritti e il modo di viver, da qui la bellezza evocativa della narrazione, e se lettori di altri paesi vi scorgano, nonostante appartengano a luoghi diversi, la stessa bellezza, quindi, oggettiva.

Ancor più, quando la Fiorello tende a battersi per ribadire, contro il preconcetto “pubblichi perchè sei la sorella di…” che se non avesse avuto un contenuto degno un editore non lo avrebbe accettato, per quanto dobbiamo darle atto che sia una bella storia, vera, ben scritta, non possiamo non chiederci: la storia della famiglia Fiorello è sì una storia tra tante ma se invece  fosse stata la vita di una famiglia X, con le stesse vicissitudini ma con i componenti che non diventano noti personaggi dello spettacolo bensì onesti padri e madri di famiglia, magari realizzati nel loro ruolo di genitori e nell’ambito lavorativo di operaio in fabbrica e commessa di un supermarket, avrebbero trovato un editore pronto a crederci?

Nonostante tutti i “perchè”, Dacci oggi il nostro pane quotidiano, rimane comunque un testo che val la pena leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Catena

Fiorello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fiorello Catena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Arthur Bramhall, un professore di letteratura dell’università del Maine, durante il suo anno sabatico lavora, in una fattoria, alla realizzazione di un libro. Ma quando la fattoria brucia il manoscritto segue la sua stessa fi ne. Con i soldi dell’assicurazione, Arthur si costruisce un rifugio dove comincia la seconda stesura del suo libro Destiny and Desire. Una volta fi nito il romanzo lo sotterra sotto un pino prima di andare a festeggiare in paese. Mentre Arthur se la spassa un orso affamato scopre la valigetta con il mascritto e dopo una veloce lettura decide che il libro può diventare un best seller. L’orso, Hal Jam, viaggia fino a New York dove viene acclamato come autore di successo e ospite d’eccezione per i party mondani, mentre la disperazione animalesca di Bramhall cresce sempre di più fino a portalo all’isolamento dai suoi vecchi amici.

L’ORSO CHE VENNE DALLA MONTAGNA

Kotzwinkle William

Buon compleanno Barbara, dalla redazione di www.i-libri.com

Aurora nel buio

Baraldi Barbara

Quando facciamo una scelta - che si tratti di amore, lavoro, casa, figli - il più delle volte non è il 100% di noi a prendere la decisione. Una parte non piccola continua a essere innamorata dell'uomo che si sta lasciando, dell'appartamento da cui si sta traslocando, delle pause caffè con i colleghi di sempre. Queste cose non scompaiono come avviene nei film o nei romanzi. Lí, il protagonista sceglie di cambiare vita, si sposa o divorzia, emigra, butta all'aria la carriera, diventa un ladro o una spia. Ma comunque vadano le cose, quello che si è lasciato alle spalle rimane, appunto, alle spalle. Nella vita reale, invece, le scelte che non abbiamo fatto continuano a vivere accanto a noi, e non occorre provare rimpianto per volere un po' di bene a quelle vite scartate per un soffio. Il più delle volte scegliamo tra due opzioni che non sono vestite una di bianco e una di nero, sono due nuances di grigio. E finiamo per scegliere quella che convince di più una parte di noi, il 51%, ad esempio. E il restante 49%, quello rimasto in panchina, non scompare, rimane lì. Capita di rincontrarlo. O di andare a cercarlo, come succede in questo libro. Nelle facce e nelle storie delle persone che, invece, hanno scelto di fare proprio le cose a cui noi abbiamo rinunciato.

Le scelte che non hai fatto

Perosino Maria

Enrica è una ragazza di diciassette anni, che vive in uno squallido quartiere di Roma, e studia con poca voglia. Abbandonata a se stessa da un padre eccentrico e stravagante, che passa il tempo a costruire invendibili gabbie per uccelli, e da una madre che si logora in un piccolo impiego, Enrica si ostina a inseguire Cesare, eterno studente in legge, già fidanzato con una ragazza stupida e ricca. Un rapporto soprattutto sessuale, che Enrica vive come in uno stato di freddo sonnambulismo, e che la porterà a subire con la stessa indifferenza le premure di Carlo, un compagno di scuola, e gli sfoghi di Guido, un maturo avvocato in cerca di avventure erotiche. La paura della vita la paralizza, qualsiasi rapporto con gli altri diventa irreale e assurdo: Enrica, come molti adolescenti, non sa capire quanto le accade intorno. Anche se prigioniera di un mondo di sensazioni e gesti estranei, la ragazza muove i suoi passi come seguendo il disegno segreto di una imprevista "educazione sentimentale", alla ricerca di una sua vera identità.

L’ETA’ DEL MALESSERE

Maraini Dacia