Giallo - thriller - noir

Dare e avere

Novelli & Zarini

Descrizione: Indagini di routine per l'investigatore privato genovese Michele Astengo. Ma alcuni piccoli dettagli della sua vita stanno per cambiare. Il suo lavoro ha una svolta inaspettata dopo un tragico fatto di cronaca che si accende a pochi passi dal suo ufficio in Salita San Matteo. Qualcosa che ben presto finisce col rientrare nella sua sfera di competenza nell'istante in cui un certo Gilberto Ruggeri, importante imprenditore locale, gli chiede di recuperare alcune carte conservate in uno schedario all'interno del Credito Navale Genovese. Un incarico non semplice per Astengo, soprattutto perché dalle informazioni raccolte dal fido Corrado, qualcosa non è ben chiaro sull'operato di quella banca. Mentre il rapporto con la sua assistente Dalia ha degli sviluppi inaspettati, Michele Astengo si trova nuovamente invischiato in un meccanismo che mette in gioco più di quello che sembra. Perché la vita di numerosi imprenditori finisce in rovina dopo essere diventati clienti della Cre.Na.Ge? Morti sospette, forze oscure strisciano nella mente di Michele Astengo, mentre Genova si mette in maschera, assumendo il suo aspetto più inquietante. Un'indagine che porterà Michele Astengo a smarrire anche sé stesso, facendo riemergere frammenti della sua vita che teneva sepolti. La suggestione può essere l'ultimo passo verso la fine.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Fratelli Frilli Editore

Collana: I Tascabili

Anno: 2019

ISBN:

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Torna l’investigatore Michele Astengo in Dare e avere di Novelli & Zarini. Michele Astengo, ex poliziotto, ora investigatore privato, un uomo misantropo, fortemente avezzo ad ogni forma di sentimento, di lui si dice che conosce perfettamente “l’arte dell’approssimazione”, ovvero: “Stratega io, quasi una barzelletta. Sun Tzu, l’arte della guerra. Michele Astengo, l’arte dell’approssimazione.”

Nel lavoro, abile e intuitivo, a volte privo di qualunque scrupolo, che lo porta ad agire spesso modo discutibile: “Niente di più disdicevole e meschino. Mi capita spesso di essere, diciamolo pure, una merda. Fa parte del lavoro. La parte del lavoro più oscuro. Manipolare le persone fino a farle dire quello che mi serve.”

In questo romanzo si occupa di un caso oscuro e difficile. Il suo cliente è un noto imprenditore locale, Gilberto Ruggeri che, dopo aver assistito incredulo al suicidio del nipote (si è dato fuoco gettandosi una tanica di benzina sul corpo), decide di indagare su una strana finanziaria chiamata Cre.Na.Ge. e affida ad Astengo l’incarico di recuperare i documenti personali finiti per sbaglio nelle loro mani. Inizia così per il nostro investigatore una discesa agli inferi brutale e contraddittoria, dove nulla è come appare, e lui stesso finisce per rischiare la vita.

Un libro ben congegnato, dalla trama avvincente e trascinante. Un viaggio nel mondo dell’alta finanza, compiuto con distacco e notevole dose di cinismo, che colpisce nel profondo per l’attinenza con la realtà quotidiana. Il dipinto di una società priva di scrupoli, dove la ricchezza è obiettivo precipuo di vita, da raggiungere a qualunque costo, anche al prezzo di sacrificio umano. Un “Dare e avere” sbilanciato, con totale sprezzo del pericolo e della vita.

Il sito web di Fratelli Frilli Editori

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Zarini

&

Novelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Novelli & Zarini


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Farfalla

"È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Full of life (Una vita piena)

Fante John

Jean Rhys divenne improvvisamente un caso letterario alla metà degli anni Sessanta, con la pubblicazione del romanzo Il grande mare dei Sargassi (un caso diffusosi dall'Inghilterra assieme alla scoperta della letteratura femminile come genere letterario specifico). In quel momento, Jean Rhys era quasi ottantenne, e aveva alle spalle una vita ricca di ferite e delusioni, iniziatasi, come per altre scrittrici del secolo, nel declino del colonialismo europeo. E aveva alle spalle una conclusa stagione di racconti, degli anni Venti e Trenta, i cui ricorrenti protagonisti erano donne vinte in tristi stanze londinesi o parigine. Poi, a trent'anni di distanza, il suo maggior romanzo. E questa autobiografia di un'infanzia e adolescenza in Dominica, in cui il teatro del mondo delle ultime colonie dà un respiro profondo e un orizzonte infinito al racconto di una diversità che si fa progressivamente emarginazione, lontananza spirituale. Smile please, ordinava inutilmente la mamma a una bambina distratta davanti al fotografo; e quella incapacità di sorridere a comando, dal primissimo ricordo infantile, diventa l'emblema di una vita.

SMILE PLEASE

Rhys Jean

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett