Recensioni

Dare il resto e poi sorridere di Laura Angeloni

Angeloni Laura

Descrizione: Londra, i ricordi, la giovinezza trascorsa ma non ancora sepolta, una libreria molto particolare, un'amica che sembra svanita nel nulla, un buffo editore, una vitalità che si rifiuta di essere domata, nonostante le disillusioni. Uno scavo leggero e spesso ironico nei miti giovanili, in ciò che ci si aspetta dalla vita, nella forza di rigenerazione di chi sa mantenere, nonostante tutto, la grande dote della leggerezza.

Categoria: Recensioni

Editore: Echos Edizioni

Collana: Latitudini

Anno: 2015

ISBN: 9788898824298

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Dare il resto e poi sorridere di Laura Angeloni racconta un viaggio spaziale e temporale che la protagonista compie sotto gli occhi perplessi dei lettori.

Dopo la fine di un amore Arianna abbandona l’Italia alla volta di Londra, dove ha trascorso una parte importante della sua giovinezza. Qui spera di ritrovare l’amica di un tempo che rappresenta forse la se stessa di allora, una ragazza piena di aspettative ma senza angosce per il futuro. Sembra svanita nel nulla, inabissata dal tempo, ma poi è la tenacia a mettere luce sulla sua simbolica “fine”.

Vado via. Perché io non sono fatta così come si deve. Sono fatta tutta sbagliata. E allora vado via, per farmi di nuovo.

Il viaggio di Arianna corrisponde in realtà alla sua voglia di liberazione da legami diventati troppo pesanti e  al desiderio di una nuova personalità che abbia il coraggio di vivere pienamente senza farsi condizionare dalle convenzioni.
Anche la forma è piuttosto originale: alle parti narrative in prima persona si alterna uno scambio epistolare con l’editore che è in attesa del manoscritto che la donna sta tentando di scrivere, metafora anch’esso della nuova vita. Lo stile è sincopato, con un uso abbondante ed efficace di periodi brevi in cui spesso il contenuto si ripete con piccole variazioni. Così l’autrice coinvolge in modo attivo il lettore, gli fa percepire lo sforzo e le emozioni della protagonista fino al finale inaspettato e sorprendente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laura

Angeloni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Angeloni Laura


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La porta di Allah

Sulla tua parola. Letture della messa per vivere la parola di Dio. Settembre-ottobre 2014

Satira della società, specchio di un’infanzia che osserva l’assurdo mondo dei “grandi”, storia di un sogno e bibbia del bizzarro. “Alice” è un magico gioco di intelletto e parole, che affascina da 150 anni i lettori di tutto il mondo. Con le eccentriche e argute annotazioni del matematico americano Gardner, le illustrazioni del più noto incisore di epoca vittoriana e la traduzione di un raffinato scrittore italiano, questa edizione, completa di entrambi i libri di Carroll, “Alice nel paese delle meraviglie” e “Dietro lo specchio”, riesce a rivelare tutte le curiosità e gli enigmi di un capolavoro letterario senza tempo.

Alice nel paese delle meraviglie

Carroll Lewis

Platone, avaro e pomposo aristocratico, avido di popolarità, vuole sbancare con un best-seller, e , costi quel che costi, concretizzare la propria idea di Stato giusto. Socrate è un beone geniale e alla moda, non manca un solo banchetto, ma ha il vizio di rubacchiare qua e là monili e statuette con cui rimpingua la bottega di antiquariato della moglie, la bionda Santippe. Platone decide di sfruttare la situazione, ricatta Socrate e gli offre denaro in cambio dei dialoghi che solitamente getta al vento. Alla celebre coppa di cicuta Socrate giunge per motivi diversi da quelli tradizionalmente noti: snocciolando i lati oscuri di quegli antichi geni, il demiurgo Durrenmatt intavola un dibattito sul rapporto fra concreto e astratto, pubblicità e vero sapere, ambizione e qualità. Lucido e sorprendente, abile nel giocare con i grandi pensieri e la storia come fossero biglie di vetro, Durrenmatt chiama alla riflessione, anche con poche battute.

La morte di Socrate