Giallo - thriller - noir

Darkland

Grugni Paolo

Descrizione: Il romanzo è ambientato in Germania, nella Foresta Nera. Da qui il titolo, “Darkland”, terra oscura, ovvero la Foresta Nera, ma al tempo stesso la Germania. Karl Jerzyck, un professore di criminologia di Monaco, scopre casualmente delle ossa in un bosco vicino a Karlsruhe. I resti appartengono a delle persone scomparse 25 anni prima in circostanze mai chiarite. Il criminologo e Arno Schulze, l’ispettore della Kripo che aveva seguito il caso all’epoca, riprendono a indagare. Nel corso delle indagini, i due protagonisti si trovano coinvolti nelle trame di gruppi neonazisti collegati a sette esoteriche e occulte. Un viaggio che il riporterà indietro nel tempo. Un viaggio che li riporterà ai campi di sterminio nazisti. La ripresa delle indagini coincide con una serie di nuove sparizioni, questa volta a Friburgo. Perché sono riprese? Cosa sta succedendo nella Foresta Nera? Perché è stata scelta proprio questa zona della Germania? Jerzyck e Schulze scopriranno che qualcuno ha deciso di riprendere gli esperimenti mai conclusi ad Auschwitz da Joseph Mengele, l’angelo della morte. A che scopo? Perché il mondo del neonazismo è in fermento? Chi c’è veramente dietro gli omicidi? Per arrivare a capirlo dovranno richiedere l’aiuto del Bundesverfassungschutz, i servizi segreti. E cosa dovrà essere annunciato di sconvolgente dai neonazisti il 30 aprile del 2015, in occasione del 70° anniversario della morte di Adolf Hitler?

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Melville

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788899294007

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Il primo concetto che viene alla mente leggendo Darkland, l’ultimo lavoro di Paolo Grugni,è che se fumi quaranta Lucky Strike al giorno come fa il commissario Schulze ti vieneil cancro ai polmoni. Matematico.

Il secondo è che se abiti in una casa prestata ai margini della Foresta nera difficilmente ti imbatti in una serata di pizzica salentina organizzata dalla pro Loco tedesca, ma più probabilmente escono cadaveri dal terreno mentre ti allacci una stringa degli scarponcini. Casualità romanzesca.

La raccontiamo tutta d’un fiato: un professore in crisi con la moglie rinviene delle ossa umane nella Foresta Nera durante un periodo di relax da disturbo postraumatico da stress, scoprendo che sono sparite delle persone decenni prima e altre ne spariranno ancora, sequestrate da neonazisti che vogliono rinverdire le buone pratiche del Furer e cercano gloria per vie traverse, tipo fare dono all’umanità di scoperte scientifiche sensazionali nel giorno dell’anniversario del processo di Norimberga, con contorno di omicidi, inseguimenti, scopate con bionde alte e fighe (come la vuoi immaginare una neonazi tedesca?) e amici biologi che celano di essere anche medici sperimentalisti. In Italia di solito succede che si spacci per vera una laurea falsa.

É evidente che dopo la fine della Guerra Fredda il genere spy story e noir attinge alle vicende mediorientali, neonazi, islamiche. A volte da tutte insieme come sta succedendo realmente con le guerre sante che creano profughi e infiltrati e movimenti di vero razzismo come contraccolpo.

Lo stile è asciutto, c’è un buon ritmo, per niente ridondante, moderno senza arcaicismi.
Si impara un fracco di roba: che i Nazisti erano amanti degli animali, tendenzialmente vegetariani, molto dediti agli esperimenti scientifici (facevano i froci col culo degli altri, gli ebrei… ndr).
Vi sono delle immagini molto poetiche, tipo Schulze, quello del tumore ai polmoni, che dice all’amore della sua vita che avrà tutta la morte davanti per stare insieme.
Si apprendono molte informazioni sull’esoterismo dei nazisti e sulle sue origini, su tanti gerarchi e sulle loro vite, sul dottor Mengele, su simpatizzanti misconosciuti. Konrad Lorenz, sì, quello che amava gli animali, razzista pure lui.

I tedeschi fecero come gli italiani col fascismo: tutti nazisti e nessuno nazista un attimo dopo il crollo del Reich. Vi fu una sorta di eccitazione sessuale verso il Furer e verso la voglia di sottomissione anche sessuale degli ebrei. Nefandezze a gogò.

La parte bibliografica è imponente, meglio di una tesi universitaria. Ogni dettaglio è frutto di ricerca e consultazione di testi letterari e storici. E bravo Grugni!
C’è una massima meravigliosa: la vita è una malattia che porta alla morte. Chapeau!
Come va a finire non è bello dirlo, soltanto avverto di diffidare dei monaci benedettini. Buoni, quelli.

Sandro Salerno

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Grugni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grugni Paolo

Il mare che si allontana, scintillante nella calura. La fiumara da risalire, gonfia di pietre luminose, i ruderi dei mulini, il bosco di lecci chiazzato del giallo delle ginestre e infine lo scroscio sempre più intenso: è così che Francesco e i suoi amici scoprono un'oasi di pace presso la cascata refrigerante del Giglietto, sopra il paese di Spillace, in Calabria. Il luglio è afoso, e i bagni nel laghetto, seguiti dai saporitissimi pranzi, sono il diversivo ideale per la piccola comitiva di ragazzi e ragazze nemmeno diciottenni, affamati di vita e di emozioni. Ma quel luogo incantevole cela un mistero: in uno dei mulini abbandonati Francesco e Marta - la bellissima compaesana che vive a Firenze e scende al mare per le vacanze - incrociano gli occhi atterriti e insieme fieri di un vagabondo, che si comporta come un uomo braccato, cerca di allontanarli ed è addirittura armato. Ma la curiosità buona dei due ragazzi, gli sguardi leali scambiati nell'ombra, hanno la meglio: e presto l'uomo misterioso rivela qualcosa di sé, della ferita che lo ha condotto a nascondersi... Luglio, agosto, giorni in cui la vampa dell'estate si accompagna ai sapori dei fichi maturi, delle olive in salamoia, del pane preparato in casa con un rito affascinante, sul far del mattino. Giorni in cui nemmeno la calura spegne il desiderio d'amore, che vibra tra i ragazzi e accende gli animi come peperoncino vivo sulle labbra. E poi settembre, l'estate che si va spegnendo, il ritorno alla scuola e alla vita usata, la maggiore età che si avvicina: e con essa la consapevolezza che l'incanto non è nulla senza il coraggio, senza l'impegno che ogni vita adulta richiede. Con freschezza e passione, Carmine Abate dà vita a un intenso romanzo di formazione che si svolge nel tempo di pochi mesi e insieme racconta il senso racchiuso in una vita intera. L'uomo "selvatico" del Giglietto sarà per i protagonisti il testimone più alto della dignità, del rifiuto della prepotenza, della solidarietà che rendono grande ogni esistenza, e restituiscono a ogni luogo la sua bellezza. Valori che si incarnano nel gesto antico e attuale di baciare il pane, per celebrarne il dono e il mistero.

IL BACIO DEL PANE

Abate Carmine

La storia di una protagonista del Rinascimento: Isabella Morra, poetessa lucana entrata a pieno titolo nella storia della letteratura italiana. Il ritratto di una nobile figura femminile che affronta con coraggio il proprio tempo, scegliendo di vivere nel nome dell'arte e della cultura in un'epoca in cui essere donna significava sottomettersi e in qualche modo essere schiave del volere degli uomini. La storia di Isabella fornisce all'autore anche l'occasione per mettere in evidenza la bellezza del paesaggio lucano, la sua antica storia risalente ai primi coloni greci, le sue tradizioni, attingendo a fonti storiche e documenti inediti. La poesia e l'arte diventano in questo romanzo gioia, salvezza e fonte di riscatto di fronte alle avversità della vita.

Le favole di Isabella

Zizola Franco

Al centro della narrazione sta la "Provvidenza", la barca più illustre della letteratura italiana, la più vecchia delle barche da pesca del villaggio. La vicenda ruota intorno alla sventura dei Malavoglia, innescata proprio dal naufragio della "Provvidenza" carica di lupini presi a credito. Si snoda così una trama straordinariamente complessa che non abbandona mai lo svolgersi doloroso del dramma; una serie di rovesci, colpo su colpo contro i Malavoglia, ogni volta che a forza di rassegnazione e coraggio riescono a rialzarsi dal colpo precedente.

I Malavoglia

Verga Giovanni

La quarta indagine dell’avvocato Pasquero

Landandé

Sicardi Stefano