Fantascienza

Darkside

Gaggioli Alessandra

Descrizione: "Ero stata dichiarata irrecuperabile e pericolosa. Per questo mi trovavo imprigionata in una zattera spaziale lanciata oltre i confini del sistema solare. Sarei stata abbandonata sul pianeta Darkside a meno di incontrare qualcuno disposto a salvarmi da questo destino per condurmi con sé, rischiando la morte ogni attimo della sua vita; un Umano talmente forte da resistere alle mie lusinghe. Alle mie mani. Ai miei occhi. Al gelo delle mie labbra. Quando incrociai il cargo spaziale del capitano Thomas Traümer pensai che la mia fine fosse arrivata. Invece era solo un nuovo inizio."

Categoria: Fantascienza

Editore: Amarganta

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788899344023

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Dispersa nello spazio, oltre i confini del sistema solare, una navicella vaga carica di un bagaglio molto particolare. È una zattera, spinta alla deriva per condurre sul pianeta Darkside il suo unico passeggero, una reietta colpevole di omicidio. Lei è Breeze e dovrà scontare la sua pena sul pianeta più freddo e buio della galassia, salvo che qualcuno non decida di interrompere il suo viaggio e trarla in salvo, ma in tal caso costui diverrebbe responsabile della sua vita e delle sue azioni future. Chi mai potrebbe essere così avventato da accollarsi la responsabilità di un pluriomicida? Chi vorrebbe salvare un rifiuto umano?

È per puro caso che il Capitano Thomas Traümer incrocia la rotta della zattera spaziale, ed è un istinto irrazionale che lo spinge a farsi carico del suo contenuto.

Quando Breeze è accolta sulla nave di Thomas, è certa che la sua vita stia per finire, che ucciderà ancora e poi sarà uccisa. Sente che il buio che si è impossessato della sua anima, risucchierà chiunque la avvicini…ma spesso il destino riserva colpi di scena inaspettati e Breeze non sa che, forse, quello che le sembra un triste finale, potrà trasformarsi in un nuovo inizio.

Già nota nel mondo della letteratura con lo pseudonimo di Federica Gnomo, Alessandra Gaggioli ha pubblicato numerosi racconti in prestigiose antologie e nel 2013 ha pubblicato con la Gremese Editore, il suo romanzo d’esordio Il ragazzo alla pari. Se con Il ragazzo alla pari, l’autrice ci aveva fatto vivere l’amore attraverso gli occhi di una donna matura e madre di due bambini, con Darkside ci conferma la sua maestria nell’intessere storie dalle molteplici sfaccettature che non si fermano all’apparenza di un genere narrativo, ma scavano nell’animo umano e affrontano dilemmi, anche complessi, portandoci alla catarsi dei personaggi con ritmo e limpidezza. Lo stile della Gaggioli è nitido, piacevole e d’impatto. La storia che ci racconta non ha punti morti, ci prende per mano e ci mostra, attraverso paesaggi fantascientifici e idee e situazioni ben congegnate, le galassie infinite del tormento umano, l’involuzione e l’evoluzione dello spirito.

Darkside è dunque un romanzo di fantascienza ma non solo. È una storia di vita e di scelte, di sentimenti e tormenti. Darkside, come già in precedenza ci aveva abituato Alessandra Gaggioli, alias Federica Gnomo, ci induce a porci delle domande senza privarci della piacevolezza di una storia emozionante e ricca di sentimenti.

Alessandra Gaggioli è Nata e vive a Viterbo. Laureata in Architettura e direttrice di un’azienda tessile. È stata direttore editoriale di una piccola Casa editrice per oltre due anni ed è redattrice di diversi blog.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandra

Gaggioli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gaggioli Alessandra


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È una sera di ottobre del 1942. La locanda di Proskurov è gremita di militari in trasferta. Il pastore venuto ad assistere un condannato a morte deve dividere la stanza con un capitano in partenza per il fronte di Stalingrado. È la guerra, la guerra di Hitler. La notte è nera e tempestosa, la follia nazista e la morte ammorbano l'aria, eppure in quella stanza trionfa la vita. La bella Melanie sale le scale di nascosto e viene ad abbracciare per l'ultima volta il suo capitano. In tre dividono pane e miele, un sorso di caffè vero. Poi, mentre gli amanti si appartano in un angolo, il pastore si immerge nella storia dell'uomo che verrà fucilato per diserzione: negli atti del processo trova la strada per giungere al suo cuore. E in carcere, più tardi, pastore e condannato si dicono addio come fratelli. All'alba il plotone d'esecuzione si metterà in marcia, l'aereo del capitano decollerà per Stalingrado. Ma in quella notte inquieta sguardi, abbracci, voci e parole uniscono per sempre, e rendono giustizia assoluta.

NOTTE INQUIETA

Goes Albrecht

Loro ci sono. Loro sono di là. O forse sono altrove. Se li chiami, c'è anche il rischio che rispondano. Ma con che risultato? Loro sono riconoscibilissimi - ma chi li ha visti crescere teme sempre che possano essere stati sostituiti. Inquietanti o inquieti? Loro passano gran parte del tempo in una posizione orizzontale che non è necessariamente quella del sonno. Ma certamente dormono quando gran parte del mondo è sveglia. Loro sono gli adolescenti, anzi i figli adolescenti. Così se li immagina Michele Serra: sdraiati. Gli sdraiati fanno paura, fanno tenerezza, fanno incazzare. Eppure se interrogati a volte sorprendono per intelligenza, buon senso, pertinenza. E allora? Bisogna raccontarli, guardarli, spiarli. Cosa che Michele Serra fa con l'ansia del padre, con lo spirito del moralista, con l'acutezza del comico. Gli sdraiati è un romanzo, un saggio, un'avventura. Ed è anche il "monumento" a una lunga generazione che si è allungata orizzontalmente nel mondo, nella società, e forse da quella posizione sta riuscendo a vedere cose che gli "eretti" non vedono più, non vedono ancora, hanno smesso di vedere.

Gli sdraiati

Serra Michele

"Se c'è una parola che mi pervade l'animo quando penso a O, questa è pudore. Sarebbe troppo arduo motivarla. E quel vento che corre incessante, che attraversa tutte le stanze. Così soffia anche in O uno spirito, non saprei dir quale, sempre puro e violento, senza tregua, senza ombre. Uno spirito decisivo, che nulla può turbare, né i sospiri né gli onori, né l'estasi né la nausea. L'Histoire d'O, dall'inizio alla fine, procede come un'azione travolgente. Evoca un discorso più che una mera effusione; una lettera più che un diario intimo. Ma a chi è indirizzata la lettera? E chi vuole persuadere il discorso? A chi domandarlo? Non so neppure chi lei sia." (Jean Paulhan)

HISTOIRE D’O

Réage Pauline

La vita di Agapitu, detto "Matoforu", il contastorie di Thilipirches, in Barbagia: il venditore di metafore. Dalla sua nascita avvolta nel mistero, fino a quando, oramai adulto e tra i pochi sopravvissuti alla Grande Carestia che ha colpito il suo paese, decide di vivere raccontando le vite degli altri. Il romanzo è l'insieme di tutte queste vite: quella del becchino, del nano, di Giovanna Garofano, dell'inventore della macchina cancellapeccati, dell'aggiustaossa e del mai cresciuto... Matoforu racconta sulla piazza o davanti al sagrato di un paese che cambia ad ogni racconto. Eppure, pur essendo coinvolto da queste esistenze comuni e prodigiose, il lettore si appassiona anche alla vita di colui che narra, dall'incontro col cane che lo accompagna nel corso dei suoi viaggi, ai carabinieri che lo minacciano e gli impongono di smettere di fare il contastorie perché disturba l'ordine pubblico, ai mesi trascorsi nascosto in una grotta come un latitante, all'amore per Anzelina la contadora, la donna con la quale trascorrerà il tempo che gli è rimasto da vivere...

Il venditore di metafore

Niffoi Salvatore