Letteratura inglese

David Copperfield

Dickens Charles

Descrizione: David, orfano di padre, vive una infanzia felice con la madre, ma questa poi si risposa con il signor Murdstone, un uomo crudele che la porta alla tomba. Privo di affetti, David sperimenta la dura scuola del maestro Creakle. Il patrigno gli impone un lavoro avvilente in un negozio di Londra. Disperato fugge a piedi a Dover, dove una zia, Betsey, accetta di occuparsi di lui. Lo manda a Canterbury, per educarlo, in casa del suo avvocato, padre di Agnes, una dolce fanciulla. Divenuto cronista parlamentare e conquistata anche fama letteraria, David sposa Dora che pochi anni dopo muore. Il giovane allora si accorge della dolce Agnes che sposa, dopo aver salvato il futuro suocero dalle trame del suo amministratore.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788806177058

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

Aggiungerò soltanto, a quanto ho già scritto della mia perseveranza in quell’epoca della mia vita e di un’energia paziente e costante che cominciò a maturare in me e che so essere la parte forte del mio carattere (se ho  forza di qualche tipo), che qui, volgendomi  a guardare indietro, riconosco la fonte della mia riuscita. Sono stato fortunatissimo nelle cose materiali: molti hanno lavorato più di me e non hanno ottenuto metà dei miei risultati; ma io non avrei mai potuto fare quello che ho fatto senza le abitudini maturate in quel periodo, abitudini d’ordine, di puntualità, di diligenza, senza la determinazione di concentrarmi su un oggetto alla volta, anche se  seguito a brevissima distanza da un altro. Sa il cielo che non scrivo questo con spirito di autoesaltazione. L’uomo che passa in rassegna la propria vita, come faccio io qui svolgendola pagina per pagina, deve essere stato davvero se può farlo senza che la coscienza gli rimproveri molte qualità neglette, molte occasioni perdute, molti sentimenti contrastanti e perversi sempre in lotta nel suo cuore e continuamente vittoriosi su di lui. Posso dire di non avere una sola dote naturale di cui non abbia abusato. Voglio soltanto dire che, qualsiasi cosa io abbia cercato di fare in vita mia, ho cercato di farla bene, con tutta l’anima; a qualunque cosa mi sia dedicato, mi sono dedicato interamente; che, nelle cose grandi e nelle piccole, ho sempre fatto veramente sul serio.

Charles Dickens nasce il 7 febbraio 1812 a Landport, una cittadina vicina a Portsmouth, Inghilterra. Il David Copperfield esce a puntate nel corso del 1849 ed è certamente il suo romanzo maggiormente autobiografico, in cui Dickens ripercorre tante vicissitudini della sua vita, dagli studi legali ai primi approcci alla scrittura, dai debiti paterni che lo costringono a un periodo di prigionia alla morte della prima donna amata.

Il personaggio di David parla direttamente al lettore attraverso una maschera, paradossalmente non ingannevole, di ironia e ingenuità, che spesso permette di seguirne le disavventure con un lieto sorriso sul volto. David Copperfield è un romanzo in crescendo, che inizialmente si presenta come semplice cronaca e biografia. Somiglia a un insieme di puntini che poi, allontanandosi pian piano, svela un intero quadro.

Tanti sono i personaggi che prendono parte alla vita del piccolo David, e ciascuno di loro ha caratteristiche proprie che riescono a renderlo unico e reale. Alcuni cambiano, mostrando un lato più sensibile e giustificando così un atteggiamento inizialmente burbero, mentre altri riconoscono semplicemente la propria debolezza e vi si arrendono, spegnendosi come dei bellissimi ma caduchi fiori sbocciati troppo presto.

La figura femminile è descritta in questo romanzo con una gentilezza e una poeticità che raramente si trovano nei romanzi odierni; tutte le donne che ruotano attorno a David, dalla madre alla prima moglie Dora, dall’affettuosa bambinaia Peggotty alla saggia Agnes, sono per lui dei fari che lo aiutano ad orientarsi nella vita, e vengono presentate come completamento irrinunciabile per la formazione di quella figura di uomo adulto che il protagonista rincorre per tutta la vita.

La bontà che contraddistingue i personaggi maggiori dell’opera non perde occasione di seminare qualche traccia anche in chi, come Steerforth, sembra irrimediabilmente perduto, e riesce comunque a migliorare il loro ricordo, come se una luce migliore risplendesse anche suoi meno meritevoli proprio grazie all’intervento del buon cuore di David. La cattiveria senza scrupoli attribuita a Heep o al patrigno di David è invece descritta da Dickens attraverso stratagemmi particolari (come l’abitudine di compiere certi gesti) che li rinchiudono in una dimensione di uomini dannati da cui è impossibile scappare.

Se inizialmente il buon cuore di David viene presentato al lettore come la sua maggiore debolezza, con il tempo la lettura lascia intravedere una sorta di giustizia divina, che pareggia sempre i conti e restituisce il raccolto seminato a chi di dovere. La fiducia nel prossimo e l’intramontabile volontà di fare del bene sono erti a simbolo di un’esistenza giusta, unici mezzi per riuscire a conquistare una felicità che è possibile. Il dubbio, in cui cade lo stesso David e da cui rischia di essere schiacciato, è permesso e anzi quasi richiesto dall’autore, che lo indica come indispensabile per giungere ad affrontare una riflessione che richiede non poco tempo per essere portata a termine in maniera soddisfacente.

David Copperfield è un romanzo incredibile, capace di far passare dal sorriso alle lacrime in una sola pagina, che arricchisce chi riesce a non farsi spaventare dalla sua mole e che, senza dubbio, lascia il lettore con un piccolo vuoto nel cuore al suo termine, spazio in precedenza occupato da personaggi che non si può evitare diamare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Dickens

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dickens Charles


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Alice Allevi, finalmente specialista in Medicina legale, ha dovuto affrontare scelte difficili sia sul piano professionale che su quello sentimentale. Dopo un lungo e burrascoso corteggiamento, sembrava che tra lei e Claudio Conforti, l'affascinante e imprevedibile medico legale con il quale ha condiviso ogni disavventura dai tempi della specializzazione, fosse nato qualcosa. Per un attimo, Alice ha creduto finalmente di aver raggiunto un periodo di serenità, almeno al di fuori dell'Istituto di Medicina legale. Ma in un momento di smarrimento sentimentale chiede un trasferimento. E lo ottiene: a Domodossola. Per sua fortuna, o suo malgrado, Alice non avrà molto tempo per indugiare sul proprio destino, perché subito un nuovo caso la travolge. Durante quella che credeva essere un'autopsia di routine, Alice ritrova un diamante nello stomaco del cadavere. Una pietra di notevole caratura e valore, ma anche una prova materiale importante per il caso. Per questo, Alice si premura di convocare un ufficiale giudiziario a cui consegnarlo in custodia. L'ufficiale che si presenta da lei è un uomo distinto ed elegante, dai modi cortesi ed impeccabili, e Alice non esita ad affidargli il diamante. Ed è a quel punto che il fantomatico ufficiale sparisce nel nulla e i guai per Alice iniziano a farsi enormi...

Il ladro gentiluomo

Gazzola Alessia

Un fiore non è solo un fiore. Ogni petalo, ogni foglia, ogni bocciolo comunicano un’emozione diversa e parlano di noi, di quello che proviamo o di quello che vogliamo esprimere agli altri. Fiducia con la primula, amicizia con la fresia, dichiarazione d’amore con il tulipano, ma anche rabbia, con la peonia, oppure odio, con il basilico. Ogni fiore parla un linguaggio segreto, che trova le sue antiche radici nell’epoca vittoriana. Allora, come adesso, i fiori accompagnano ogni occasione della nostra vita. per una promessa di fedeltà, un augurio di pronta guarigione, un matrimonio, un regalo di benvenuto. Questo libro ti aiuterà a trovare il fiore giusto per te e i tuoi regali. Contiene un dizionario dei fiori e un dizionario di tutte le emozioni che possiamo esprimere attraverso di loro, un selezione di fiori scelti per il loro significato storico e letterario e infine tantissime idee per creare il bouquet perfetto e anche più originale in ogni occasione della tua vita. perché a volte ciò che non riusciamo a comunicare con le parole si può dire con un fiore. E dietro la spina di un cactus potrebbe nascondersi inaspettatamente una confessione di amore appassionato…

I MESSAGGI SEGRETI DEI FIORI

Kirby Mandy

l mio corpo aveva assorbito il cibo del Führer, il cibo del Führer mi circolava nel sangue. Hitler era salvo. Io avevo di nuovo fame... Fino a dove è lecito spingersi per sopravvivere? A cosa affidarsi, a chi, se il boccone che ti nutre potrebbe ucciderti, se colui che ha deciso di sacrificarti ti sta nello stesso tempo salvando? La prima volta che entra nella stanza in cui consumerà i prossimi pasti, Rosa Sauer è affamata. “Da anni avevamo fame e paura,” dice. Con lei ci sono altre nove donne di Gross-Partsch, un villaggio vicino alla Tana del Lupo, il quartier generale di Hitler nascosto nella foresta. È l’autunno del ’43, Rosa è appena arrivata da Berlino per sfuggire ai bombardamenti ed è ospite dei suoceri mentre Gregor, suo marito, combatte sul fronte russo. Quando le SS ordinano: “Mangiate”, davanti al piatto traboccante è la fame ad avere la meglio; subito dopo, però, prevale la paura: le assaggiatrici devono restare un’ora sotto osservazione, affinché le guardie si accertino che il cibo da servire al Führer non sia avvelenato. Nell’ambiente chiuso della mensa forzata, fra le giovani donne s’intrecciano alleanze, amicizie e rivalità sotterranee. Per le altre Rosa è la straniera: le è difficile ottenere benevolenza, eppure si sorprende a cercarla. Specialmente con Elfriede, la ragazza che si mostra più ostile, la più carismatica. Poi, nella primavera del ’44, in caserma arriva il tenente Ziegler e instaura un clima di terrore. Mentre su tutti – come una sorta di divinità che non compare mai – incombe il Führer, fra Ziegler e Rosa si crea un legame inaudito. Rosella Postorino non teme di addentrarsi nell’ambiguità delle pulsioni e delle relazioni umane, per chiedersi che cosa significhi essere, e rimanere, umani. Ispirandosi alla storia vera di Margot Wölk (assaggiatrice di Hitler nella caserma di Krausendorf), racconta la vicenda eccezionale di una donna in trappola, fragile di fronte alla violenza della Storia, forte dei desideri della giovinezza...

Le assaggiatrici

Pastorino Rosella

Giulio Cesare non è morto, durante la congiura delle Idi di marzo...

Cesare il conquistatore

Forte Franco