Letteratura inglese

David Copperfield

Dickens Charles

Descrizione: David, orfano di padre, vive una infanzia felice con la madre, ma questa poi si risposa con il signor Murdstone, un uomo crudele che la porta alla tomba. Privo di affetti, David sperimenta la dura scuola del maestro Creakle. Il patrigno gli impone un lavoro avvilente in un negozio di Londra. Disperato fugge a piedi a Dover, dove una zia, Betsey, accetta di occuparsi di lui. Lo manda a Canterbury, per educarlo, in casa del suo avvocato, padre di Agnes, una dolce fanciulla. Divenuto cronista parlamentare e conquistata anche fama letteraria, David sposa Dora che pochi anni dopo muore. Il giovane allora si accorge della dolce Agnes che sposa, dopo aver salvato il futuro suocero dalle trame del suo amministratore.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788806177058

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

Aggiungerò soltanto, a quanto ho già scritto della mia perseveranza in quell’epoca della mia vita e di un’energia paziente e costante che cominciò a maturare in me e che so essere la parte forte del mio carattere (se ho  forza di qualche tipo), che qui, volgendomi  a guardare indietro, riconosco la fonte della mia riuscita. Sono stato fortunatissimo nelle cose materiali: molti hanno lavorato più di me e non hanno ottenuto metà dei miei risultati; ma io non avrei mai potuto fare quello che ho fatto senza le abitudini maturate in quel periodo, abitudini d’ordine, di puntualità, di diligenza, senza la determinazione di concentrarmi su un oggetto alla volta, anche se  seguito a brevissima distanza da un altro. Sa il cielo che non scrivo questo con spirito di autoesaltazione. L’uomo che passa in rassegna la propria vita, come faccio io qui svolgendola pagina per pagina, deve essere stato davvero se può farlo senza che la coscienza gli rimproveri molte qualità neglette, molte occasioni perdute, molti sentimenti contrastanti e perversi sempre in lotta nel suo cuore e continuamente vittoriosi su di lui. Posso dire di non avere una sola dote naturale di cui non abbia abusato. Voglio soltanto dire che, qualsiasi cosa io abbia cercato di fare in vita mia, ho cercato di farla bene, con tutta l’anima; a qualunque cosa mi sia dedicato, mi sono dedicato interamente; che, nelle cose grandi e nelle piccole, ho sempre fatto veramente sul serio.

Charles Dickens nasce il 7 febbraio 1812 a Landport, una cittadina vicina a Portsmouth, Inghilterra. Il David Copperfield esce a puntate nel corso del 1849 ed è certamente il suo romanzo maggiormente autobiografico, in cui Dickens ripercorre tante vicissitudini della sua vita, dagli studi legali ai primi approcci alla scrittura, dai debiti paterni che lo costringono a un periodo di prigionia alla morte della prima donna amata.

Il personaggio di David parla direttamente al lettore attraverso una maschera, paradossalmente non ingannevole, di ironia e ingenuità, che spesso permette di seguirne le disavventure con un lieto sorriso sul volto. David Copperfield è un romanzo in crescendo, che inizialmente si presenta come semplice cronaca e biografia. Somiglia a un insieme di puntini che poi, allontanandosi pian piano, svela un intero quadro.

Tanti sono i personaggi che prendono parte alla vita del piccolo David, e ciascuno di loro ha caratteristiche proprie che riescono a renderlo unico e reale. Alcuni cambiano, mostrando un lato più sensibile e giustificando così un atteggiamento inizialmente burbero, mentre altri riconoscono semplicemente la propria debolezza e vi si arrendono, spegnendosi come dei bellissimi ma caduchi fiori sbocciati troppo presto.

La figura femminile è descritta in questo romanzo con una gentilezza e una poeticità che raramente si trovano nei romanzi odierni; tutte le donne che ruotano attorno a David, dalla madre alla prima moglie Dora, dall’affettuosa bambinaia Peggotty alla saggia Agnes, sono per lui dei fari che lo aiutano ad orientarsi nella vita, e vengono presentate come completamento irrinunciabile per la formazione di quella figura di uomo adulto che il protagonista rincorre per tutta la vita.

La bontà che contraddistingue i personaggi maggiori dell’opera non perde occasione di seminare qualche traccia anche in chi, come Steerforth, sembra irrimediabilmente perduto, e riesce comunque a migliorare il loro ricordo, come se una luce migliore risplendesse anche suoi meno meritevoli proprio grazie all’intervento del buon cuore di David. La cattiveria senza scrupoli attribuita a Heep o al patrigno di David è invece descritta da Dickens attraverso stratagemmi particolari (come l’abitudine di compiere certi gesti) che li rinchiudono in una dimensione di uomini dannati da cui è impossibile scappare.

Se inizialmente il buon cuore di David viene presentato al lettore come la sua maggiore debolezza, con il tempo la lettura lascia intravedere una sorta di giustizia divina, che pareggia sempre i conti e restituisce il raccolto seminato a chi di dovere. La fiducia nel prossimo e l’intramontabile volontà di fare del bene sono erti a simbolo di un’esistenza giusta, unici mezzi per riuscire a conquistare una felicità che è possibile. Il dubbio, in cui cade lo stesso David e da cui rischia di essere schiacciato, è permesso e anzi quasi richiesto dall’autore, che lo indica come indispensabile per giungere ad affrontare una riflessione che richiede non poco tempo per essere portata a termine in maniera soddisfacente.

David Copperfield è un romanzo incredibile, capace di far passare dal sorriso alle lacrime in una sola pagina, che arricchisce chi riesce a non farsi spaventare dalla sua mole e che, senza dubbio, lascia il lettore con un piccolo vuoto nel cuore al suo termine, spazio in precedenza occupato da personaggi che non si può evitare diamare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Dickens

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dickens Charles


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Erri De Luca e la scoperta della musica. La musica della scrittura, certo, ma anche la musica che si ascolta, che colma le nostre giornate, la musica che si canta. Questa "musica provata" comincia sui banchi del liceo con il celebre invito omerico alla musa "cantami o diva del pelide Achille", con la Napoli delle canzoni ottocentesche, con Ciccio Formaggio, con le incisioni beethoveniane di Arturo Toscanini, e prosegue dentro i canti di Pete Seeger negli anni Sessanta, Il disertore di Boris Vian, le canzoni scritte o rimaneggiate insieme all'amico Gian Maria Testa, l'armonica di Mauro Corona. Ci sono le bombe di Sarajevo e la memoria dei canti della fatica, quelli legati alla terra, quelli legati al lavoro operaio, c'è la musica di Stefano Di Battista e la voce di Nicky Nicolai. C'è il Mediterraneo. C'è tutta una vita che prova a intonare la voce.

La musica provata

De Luca Erri

Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto

Succedono cose nella vita in grado di ferirci terribilmente, cose per le quali non sempre esiste una spiegazione. Accadono e basta. Jennifer, tutto questo, lo sa fin troppo bene. Sono passati quasi tre anni dal giorno in cui la sua vita è cambiata drasticamente. Nulla è mai più tornato come prima, nemmeno lei è la stessa di un tempo. Sì è chiusa a riccio, in un silenzio ostinato dal quale si sente protetta. In pochi sanno la sua storia, in molti la giudicano, la prendono in giro, l'allontanano. Nessuno vuole una "sfigata" come lei nella propria cerchia di amici, come se frequentarla fosse la peggiore delle condanne. Jennifer non può fare a meno di sentirsi di troppo, inadatta e fuori luogo. Si sente incompresa e diversa da tutti, o meglio... è così che gli altri la fanno sentire. È sola e ha paura di esserlo per sempre, ma un giorno alla sua porta si presenta Cedric, un ragazzo pronto ad aiutarla. Riuscirà a fidarsi di lui?

Ascolta il mio silenzio

Cassie L.

Antologia sui confini voluta da ARCI Nazionale e composta da Emmanuela Carbé, Francesca Genti, Carlo Lucarelli, Monica Massari, Giuseppe Palumbo, Antonio Pascale, Gipi, Christian Raimo. Verrà presentata al festival di «Internazionale» a Ferrara, settembre zoi6."Scrivo questa nota la notte del 7 marzo 2016, nell'ottantesimo anniversario della nascita di Georges Perec, che subito dopo la seconda guerra mondiale era un bambino senza ricordi d'infanzia. 'Non ho ricordi d'infanzia' scrive. 'Fino ai dodici anni, più o meno, la mia storia occupa qualche riga: ho perduto mio padre a quattro anni, mia madre a sei; ho passato la guerra in varie pensioni di Villard-de-Lans. Nel 1945, la sorella di mio padre e suo marito mi hanno adottato. Questa assenza di storia mi ha, a lungo, rassicurato: la sua secchezza oggettiva, la sua apparente evidenza, la sua innocenza mi proteggevano"."Perec è nato in Francia, ma non è francese. 'Ho un nome francese' scrive `Georges, un cognome francese o quasi: Perec che tutti scrivono Pérec o Perrec: il mio cognome non si scrive esattamente come si pronuncia. A questa contraddizione insignificante si associa il sentimento tenue, ma insistente, insidioso, ineluttabile, di essere in un certo modo straniero rispetto a qualcosa di me stesso, di essere 'diverso', ma non tanto diverso dagli 'altri' quanto diverso dai 'miei'; non parlo la lingua che parlavano i miei genitori, non condivido nessuno dei ricordi che essi poterono avere"."Perec è cresciuto in un mondo, l'Europa occidentale del dopoguerra, che a me sembra l'abbia protetto dalla sua solitudine e abbia avuto interesse a tramandare la sua storia. Una delle domande che credo salteranno fuori da questa antologia è: il nostro mondo, è in grado di proteggere qualcuno dalla sua solitudine? Gli interessa tramandare le storie dei Perec di oggi?” (Paolo Nori)

Ma il mondo non era di tutti?

A cura di Paolo Nori