Letteratura inglese

David Copperfield

Dickens Charles

Descrizione: David, orfano di padre, vive una infanzia felice con la madre, ma questa poi si risposa con il signor Murdstone, un uomo crudele che la porta alla tomba. Privo di affetti, David sperimenta la dura scuola del maestro Creakle. Il patrigno gli impone un lavoro avvilente in un negozio di Londra. Disperato fugge a piedi a Dover, dove una zia, Betsey, accetta di occuparsi di lui. Lo manda a Canterbury, per educarlo, in casa del suo avvocato, padre di Agnes, una dolce fanciulla. Divenuto cronista parlamentare e conquistata anche fama letteraria, David sposa Dora che pochi anni dopo muore. Il giovane allora si accorge della dolce Agnes che sposa, dopo aver salvato il futuro suocero dalle trame del suo amministratore.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788806177058

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

Aggiungerò soltanto, a quanto ho già scritto della mia perseveranza in quell’epoca della mia vita e di un’energia paziente e costante che cominciò a maturare in me e che so essere la parte forte del mio carattere (se ho  forza di qualche tipo), che qui, volgendomi  a guardare indietro, riconosco la fonte della mia riuscita. Sono stato fortunatissimo nelle cose materiali: molti hanno lavorato più di me e non hanno ottenuto metà dei miei risultati; ma io non avrei mai potuto fare quello che ho fatto senza le abitudini maturate in quel periodo, abitudini d’ordine, di puntualità, di diligenza, senza la determinazione di concentrarmi su un oggetto alla volta, anche se  seguito a brevissima distanza da un altro. Sa il cielo che non scrivo questo con spirito di autoesaltazione. L’uomo che passa in rassegna la propria vita, come faccio io qui svolgendola pagina per pagina, deve essere stato davvero se può farlo senza che la coscienza gli rimproveri molte qualità neglette, molte occasioni perdute, molti sentimenti contrastanti e perversi sempre in lotta nel suo cuore e continuamente vittoriosi su di lui. Posso dire di non avere una sola dote naturale di cui non abbia abusato. Voglio soltanto dire che, qualsiasi cosa io abbia cercato di fare in vita mia, ho cercato di farla bene, con tutta l’anima; a qualunque cosa mi sia dedicato, mi sono dedicato interamente; che, nelle cose grandi e nelle piccole, ho sempre fatto veramente sul serio.

Charles Dickens nasce il 7 febbraio 1812 a Landport, una cittadina vicina a Portsmouth, Inghilterra. Il David Copperfield esce a puntate nel corso del 1849 ed è certamente il suo romanzo maggiormente autobiografico, in cui Dickens ripercorre tante vicissitudini della sua vita, dagli studi legali ai primi approcci alla scrittura, dai debiti paterni che lo costringono a un periodo di prigionia alla morte della prima donna amata.

Il personaggio di David parla direttamente al lettore attraverso una maschera, paradossalmente non ingannevole, di ironia e ingenuità, che spesso permette di seguirne le disavventure con un lieto sorriso sul volto. David Copperfield è un romanzo in crescendo, che inizialmente si presenta come semplice cronaca e biografia. Somiglia a un insieme di puntini che poi, allontanandosi pian piano, svela un intero quadro.

Tanti sono i personaggi che prendono parte alla vita del piccolo David, e ciascuno di loro ha caratteristiche proprie che riescono a renderlo unico e reale. Alcuni cambiano, mostrando un lato più sensibile e giustificando così un atteggiamento inizialmente burbero, mentre altri riconoscono semplicemente la propria debolezza e vi si arrendono, spegnendosi come dei bellissimi ma caduchi fiori sbocciati troppo presto.

La figura femminile è descritta in questo romanzo con una gentilezza e una poeticità che raramente si trovano nei romanzi odierni; tutte le donne che ruotano attorno a David, dalla madre alla prima moglie Dora, dall’affettuosa bambinaia Peggotty alla saggia Agnes, sono per lui dei fari che lo aiutano ad orientarsi nella vita, e vengono presentate come completamento irrinunciabile per la formazione di quella figura di uomo adulto che il protagonista rincorre per tutta la vita.

La bontà che contraddistingue i personaggi maggiori dell’opera non perde occasione di seminare qualche traccia anche in chi, come Steerforth, sembra irrimediabilmente perduto, e riesce comunque a migliorare il loro ricordo, come se una luce migliore risplendesse anche suoi meno meritevoli proprio grazie all’intervento del buon cuore di David. La cattiveria senza scrupoli attribuita a Heep o al patrigno di David è invece descritta da Dickens attraverso stratagemmi particolari (come l’abitudine di compiere certi gesti) che li rinchiudono in una dimensione di uomini dannati da cui è impossibile scappare.

Se inizialmente il buon cuore di David viene presentato al lettore come la sua maggiore debolezza, con il tempo la lettura lascia intravedere una sorta di giustizia divina, che pareggia sempre i conti e restituisce il raccolto seminato a chi di dovere. La fiducia nel prossimo e l’intramontabile volontà di fare del bene sono erti a simbolo di un’esistenza giusta, unici mezzi per riuscire a conquistare una felicità che è possibile. Il dubbio, in cui cade lo stesso David e da cui rischia di essere schiacciato, è permesso e anzi quasi richiesto dall’autore, che lo indica come indispensabile per giungere ad affrontare una riflessione che richiede non poco tempo per essere portata a termine in maniera soddisfacente.

David Copperfield è un romanzo incredibile, capace di far passare dal sorriso alle lacrime in una sola pagina, che arricchisce chi riesce a non farsi spaventare dalla sua mole e che, senza dubbio, lascia il lettore con un piccolo vuoto nel cuore al suo termine, spazio in precedenza occupato da personaggi che non si può evitare diamare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Dickens

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dickens Charles

Da ventisette anni il sacerdote Niccolò Moretti varca le porte della Basilica di San Pietro, si genuflette di fronte alla Confessione e sale sull'impalcatura che avvolge il baldacchino del Bernini. Sta per iniziare il restauro in vista della Quaresima quando nota qualcosa disteso a terra e, mentre scende a vedere, si accorge che non è un uccello con un'ala rotta o una sciarpa dimenticata da qualche turista, come aveva pensato. È il cadavere di una donna. Pochi minuti dopo il Vaticano ha già contattato una persona fidata capace di sbrogliare quel mistero rapidamente e senza destare scalpore: Gabriel Allon, restauratore e imprendibile spia del nucleo più segreto dei servizi israeliani. Scampato per miracolo all'ultima missione, Allon si trova già a Roma per presenziare ai lavori di restauro della Deposizione di Cristo di Caravaggio e non ci mette molto ad accorrere nel luogo dell'incidente. Secondo gli inquirenti, la vittima, Claudia Andreatti, si sarebbe suicidata buttandosi di sotto dall'impalcatura del baldacchino, ma a Gabriel i conti non tornano: perché una studiosa giovane e affermata che ogni giorno lui incontrava sorridente avrebbe dovuto togliersi la vita? E, inoltre, perché l'avrebbe fatto nell'unico momento in cui le telecamere di sicurezza erano spente? Seguendo il misterioso invito di monsignor Luigi Donati, l'enigmatico segretario privato di papa Paolo VII, la spia israeliana accetta di non collaborare con la polizia ma inizia un'indagine solitaria.

L’angelo caduto

Silva Daniel

"'Come un'Odissea' ha come sottotitolo "appunti di viaggio", non un viaggio vero e proprio ma le impressioni di esso scolpite nella mente della protagonista, che è però poeta e sceglie le parole come mezzo per fissare le sue immagini non una macchina fotografica né una cinepresa: è soggetto, mezzo e scopo. Il riferimento è chiaro: Itaca è la meta che dà senso al viaggio, ma dopo non sarà più uguale, non sarai più uguale." (dalla prefazione di Angela Lo Passo)

Come un’Odissea

Crisafulli Mariapia L.

Premio Rapallo Carige Opera Prima per la donna scrittrice 2015. Alento è un borgo abbandonato che sembra rincorrere l'oblio, e che non vede l'ora di scomparire. Il paesaggio d'intorno frana ma, soprattutto, franano le anime dei fantasmi che Estella, la protagonista di questo intenso e struggente romanzo, cerca di tenere in vita con disperato accudimento. Voci, dialoghi, storie di un mondo chiuso dove la ricchezza e la miseria sono impastate con la stessa terra nera. Capricci, ferocie, crudeltà, memorie e colpe di un paese condannato a ritornare alla terra. Come tra le quinte di un teatro ecco aggirarsi un anarchico, un venditore di vasi da notte, una donna che non vuole sposarsi, un banditore cieco, una figlia che immagina favole, un padre abile nel distruggerle. Con Carmen Pellegrino l'abbandonologia diviene scienza poetica. E questo modo particolare di guardare le rovine, di cui molto si è parlato sui giornali e su internet, ha finalmente il suo romanzo.

Cade la terra

Pellegrino Carmen

Nel 1929 Washington Irving soggiornò a Granada all’interno dell’Alhambra, il massimo monumento dell’arte moresca in Spagna, “uno dei luoghi più belli, romantici, deliziosi del mondo”, come scrisse a un amico. Per lo scrittore americano, molto noto anche in Europa, il soggiorno all’Alhambra rappresentò un porto tranquillo, un luogo incantato e incantevole dove potersi dedicare alla scrittura e anche una fonte di argomenti che appassionavano l’immaginazione dei lettori dell’epoca, dominata dalla passione per il Romanticismo europeo e per le storie esotiche e orientaleggianti. Dal periodo trascorso all’Alhambra nacque così la raccolta di bozzetti, storie e leggende, The Alhambra, un libro che ebbe un grandissimo successo e che fu tradotto in molte lingue, rinnovando così la notorietà dello scrittore alla vigilia del suo ritorno negli Stati Uniti dopo il lungo soggiorno europeo.

I racconti dell’Alhambra

Washington Irving