Narrativa

LA SCOPA DEL SISTEMA

Foster Wallace David

Descrizione: Un romanzo fluviale, comico e insieme profondo: un atto di fede nella forza delle storie, e nella loro capacità di prendere per il collo e raccontare il mondo. Le avventure di Lenore, che si mette alla ricerca della bisnonna, antica studiosa di Wittgenstein, fuggita dalla sua casa di riposo insieme a venticinque tra coetanei e infermieri; del fratello LaVache, piccolo genio con una passione smodata per la marijuana; del pappagallo di famiglia, Vlad l'Impalatore, che recita sermoni cristiani su una Tv via cavo; di Norman Bombardini, re dell'ingegneria genetica, che si ingozza di cibo e sogna di ingurgitare il mondo intero; di Rick Vigorous, il capo e l'amante di Lenore, negazione vivente del suo stesso cognome. Una galleria di personaggi uno piú esilarante e paradossale dell'altro, sullo sfondo di un'America impazzita, grottesca, piú vera del vero. «La scopa del sistema è una grandissima sorpresa, che emerge direttamente dalla tradizione dell'eccesso praticata da Thomas Pynchon in V o da John Irving ne Il mondo secondo Garp. La principale qualità di Wallace è la sua esuberanza - personaggi che sembrano cartoni animati, storie a incastro, coincidenze impossibili, un amore sincero per la cultura pop e soprattutto quello spirito giocoso e quell'umorismo che sembravano scomparsi dalla maggior parte della narrativa piú recente».

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero Big

Anno: 2008

ISBN: 9788806181048

Trama

Le Vostre recensioni

Per capire cosa si deve aspettare il lettore che affronta La scopa del sistema, romanzo di esordio di David Foster Wallace, basta citare la frase che chiude il primo capitolo: “Fuori, nel croccante prato marzolino, alonata dai fasci di luce che spiovono dai lampioni, tra capannelli di ragazzi in blazer blu che risalgono il vialetto rifinendosi l’alito a colpi di mentine, assapora una breve epistassi.”

Non serve molto altro per intendere come mai David Foster Wallace è considerato da molti il più grande talento della scrittura postmoderna americana.

La scopa del sistema, pubblicato nel 1987 a soli 24 anni, è la sua opera prima e anche la meno complessa, ma già propone le tematiche che ritroveremo in Infinite Jest: il mondo del college con i suoi meccanismi contorti di passaggio dall’adolescenza all’età adulta, il corpo come nucleo di ambiguità, la mancata identificazione dell’Io.

Raccontare questo testo cercando di definire una trama sarebbe riduttivo. La narrazione non lineare e intervallata da inserzioni parte dalla scomparsa di Lenore, bisnonna dell’altra Lenore (quella dell’epistassi di cui sopra, per intenderci), dalla casa di riposo in cui è ospitata, per poi deviare su tutta una serie di personaggi e surreali storie parallele la cui conclusione ci viene negata o solo accennata: l’uccellino parlante di Lenore (nipote) dall’improbabile nome di Vlad l’Impalatore che finisce a fare il predicatore in tv, il poco virile fidanzato dallo stridente cognome Vigorous, il fratello Stonecipher detto “l’Anticristo” che nasconde nella gamba di legno la droga ottenuta in cambio di favori accademici.

Qui non ci sono eroi, ma solo perdenti un po’ nerd che si rifiutano di affrontare i problemi pratici della vita adulta e fanno finta che tutto vada per il verso giusto.

L’ambiente non è da meno. L’Ohio, dove la storia prende piede, è uno stato talmente benestante che il governo ha dovuto costruire il DIO, un deserto artificiale il cui scopo ufficiale è ricordare all’uomo la forza selvaggia della natura, di come essa sia stata sottomessa ma rimanga come monito:

“Ragazzi, lo Stato sta perdendo le palle. Sento puzza di spallamento. Finirà per diventare una specie di grosso centro commerciale. Troppo sviluppo. La gente si sta ammosciando. Hanno dimenticato che questo Stato è il frutto storico della lotta dell’uomo contro la natura avversa. Finita la lotta per la sopravvivenza è finita ogni tensione. […] Signori, ci serve un deserto. […] Sissignori, un deserto. Un punto di riferimento primordiale per le buone genti dell’Ohio. Un luogo da temere e amare. Un luogo selvaggio. Qualcosa che ci rammenti contro cosa abbiamo lottato e vinto.

L’ironia con cui tutto questo è condito non lascia indifferenti e vi strapperà anche qualche risata, ma non lasciatevi ingannare: il sottointeso è pesante e lascia trasparire una certa insoddisfazione da parte del narratore. La vita secondo Wallace – seguendo la filosofia di Wittgenstein abbondantemente citata nel testo – è un grande racconto che esiste solo perché qualcun altro lo narra, quindi la vita è un palcoscenico e la scena può essere gestita come vogliamo, con le relative conseguenze.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Wallace

Foster

Libri dallo stesso autore

Intervista a Foster Wallace David


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Terzo incontro del Circolo de i-LIBRI: Il vangelo secondo Gesù Cristo di Josè Saramago

Ksenia, giovane e bella siberiana, è costretta dalla povertà e dalla mancanza di prospettive a credere ciecamente a un fascinoso italiano che le ha promesso un matrimonio da favola. Un atroce inganno che la rende prigioniera del suo stesso sogno. Da sola non ce la farebbe a uscire dall'incubo ma con l'aiuto di Luz, Eva e di un'altra misteriosa donna, il riscatto può avere inizio e la vendetta compiersi. Senza esclusione di colpi.

Le Vendicatrici: Ksenia

Carlotto Massimo, Videtta Marco

Pubblicato nel 1836, il romanzo - che narra l"iniziazione" del giovane Grinev sullo sfondo della rivolta di Pugacev - sfugge a classificazioni precise, perché sospeso tra generi diversi. Prevalgono tuttavia in esso l'ironia, il superamento delle convenzioni romantiche e un interesse così acuto per la storia che sembra presupporre, da parte dello scrittore, una presa di posizione di tipo ideologico. Ma Puskin non era un rivoluzionario, né un ammiratore del popolo russo in quanto forza progressista. Nel "Capitolo omesso", qui riportato in Appendice, si legge infatti: "Quelli che da noi progettano impossibili rivolte o sono giovani e non conoscono il nostro popolo oppure sono persone dal cuore crudele, per le quali la testa altrui vale un quarto di copeco e la propria pelle ne vale uno". Con buona pace della critica "sociale", Puskin non era schiavo di alcuna ideologia.

La figlia del capitano

Puškin Aleksandr Sergeevič

ROXANNE

Mearini Elena