Letteratura latina

De divinatione

Cicerone Marco Tullio

Descrizione:

Categoria: Letteratura latina

Editore: Garzanti

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Scritto prima e dopo l’assassinio di Cesare, il saggio ha come obiettivo (insieme a molte altre opere di carattere speculativo) l’istruzione della nuova classe dirigente: questo diventa ancora più evidente nel proemio del secondo libro, composto ormai dopo il tirannicidio.

L’autore, convocato di nuovo a provvedere alla Repubblica, propone un modello indirizzato soprattutto ai giovani che saranno alla guida del nuovo Stato. Le speranze del politico, retore e filosofo, sono grandi: poter restaurare le libertà della Repubblica e considerare l’esperienza di Cesare una mera parentesi. Sappiamo, però, che la Storia non prese questa direzione.
Quinto, portavoce della dottrina Stoica, afferma l’importanza della divinazione, ricorrendo a numerosissimi esempi (tratti dalla storia latina e non) e sostenendone la legittimità in virtù dell’autorevolezza delle fonti che la confermano e della continua osservazione di determinati fenomeni che, secondo gli stoici, permettono di equiparare la divinazione a qualsiasi altra autorevole tecnica.

Se lo stoicismo si adatta facilmente alla tradizione politico-religiosa romana, il probabilismo neoaccademico, ideato proprio da Cicerone, è lo strumento di un’indagine il cui fine è quello di scardinare una serie di credenze che non farebbero altro che danneggiare la nuova classe dirigente. Attraverso le tematiche di Carneade (ricorrendo anche allo stoico Panezio) l’autore confuterà ogni forma di divinazione, sia quella artificiale, nella quale nemmeno Quinto crede, sia quella naturale, ritenuta invece fonte di profezie veritiere.
L’obiettivo non è quello di indurre l’ateismo in un intero corpo sociale: l’autore sostiene, sia all’inizio che alla fine dell’opera, la liceità della religione. Questa tuttavia deve essere epurata dalla superstizione, che inganna gli ingenui.
Un’opera indubbiamente importante, non solo per il periodo storico e culturale che rappresenta, ma anche in quanto fonte essenziale per conoscere l’arte divinatoria degli antichi.

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tullio

Marco

Cicerone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cicerone Marco Tullio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel 1832 mentre il colera imperversa a New York, un uomo si aggira per la città fantasma, lottando contro gli spettri del proprio passato, mentre la morte si avvicina a passi felpati...Nel 1859, la vita del giovane rampollo di una ricca famiglia di Manhattan viene sconvolta dalla fulminante apparizione e dalla misteriosa sparizione di una modella irlandese... Nel 2001, una donna perseguitata dal fantasma dell'amante, morto negli attacchi contro le Torri gemelle, intreccia un'ambigua relazione con un avvocato nella cui mente si annidano pericolose turbe... Dal maestro delle atmosfere gotiche, tre raccontiche comunicano, attraverso enigmatici echi sotterranei, tre amori che sconfinano nella follia, uno sguardo inquieto sul volto segreto di New York.

La città fantasma

McGrath Patrick

Monique ha sempre creduto nel suo matrimonio. Soprattutto, ha sempre creduto nel suo ruolo di moglie: muoversi sicura per casa, gestire la vita familiare, provvedere agli altri con la certezza di essere necessaria. Ma è bastata una frase di Maurice: "C'è una donna". E se Monique è tradita dal marito, la madre di Philippe lo è dal figlio, che al progressismo materno preferisce lo spirito pratico e conservatore della moglie. Murielle, invece, non ha né mariti né figli con cui scontrarsi: due matrimoni finiti male e il suicidio della figlia la condannano a una solitudine che la rende cruda e volgare, astiosa verso il mondo e verso un Dio che forse non c'è. Tre racconti, tre donne, tre crisi.

Una donna spezzata

De Beauvoir Simone

Le sue clienti la chiamano l’Amantide. Detesta questo soprannome. È così banale. E poi lei non è un’assassina. Come sanno bene gli usurai, i morti non pagano i loro debiti. È a Nizza, nel cuore della Costa Azzurra, in compagnia di un omuncolo che si illude di essere in vacanza con la sua amante. L’atmosfera sembra quella giusta, l’illusione si accende. Ma la fiaba erotica dura poco. La realtà torna a mostrare il suo vero volto, fatto di sopraffazione. Il divertimento è finito, è arrivata l’ora di tirare fuori i punteruoli da ghiaccio. L’Amantide deve portare a termine il suo lavoro.

L’AMANTIDE. Nizza, Francia

Di Martino Antonella

Premio a Castel Govone