Classici

DEDALUS – di James Joyce

Descrizione:

Categoria: Classici

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

dedalusTitolo: Dedalus
Autore: James Joyce
Editore: Adelphi



Ambientato a Dublino, come quasi tutti i lavori di James Joyce, e successivo di poco alla raccolta “Gente di Dublino”, “Dedalus” (dal cognome del protagonista) o, più propriamente, “Ritratto di un artista da giovane” (secondo la traduzione letterale del romanzo), è un’opera semi-autobiografica, un po’ come “David Copperfield” per Charles Dickens.  L’autore infatti molto ha tratto dalle sue esperienze culturali e di vita nell’affrontare il tema della progressiva decadenza economica della famiglia del protagonista, i suoi studi dai Gesuiti e il suo interesse per la letteratura e la filosofia, con la conseguente scelta di dedicarsi all’arte. Splendido il momento dell’epifania, che per il protagonista è rappresentato da una giovane ragazza che emerge dalle acque del mare con la veste bianca sollevata, quasi a simulare un paio d’ali, tanto che si suole definire l’apparizione come quella della “ragazza uccello”.

 

Simbolica appare la scelta del nome e cognome del protagonista, Stephen Dedalus: Stefano, il protomartire, fu il primo a scegliere Cristo sfidando apertamente i farisei; Dedalo volle sfidare le leggi della fisica tentando di volare. Mito cristiano e mito classico dunque si fondono attraverso due uomini che vollero andare contro la logica comune. (Per Baudelaire l’artista è paragonabile all’albatro elegante e maestoso in cielo ma goffo e maldestro sulla terraferma, tanto da essere canzonato dai triviali marinai, metafora che a sua volta ricorda la soldataglia romana che si fa beffe del Cristo vilipeso prima di salire al Golgota).

 

Particolarmente interessante l’uso del linguaggio: a parte le caratteristiche tipiche del romanzo modernista che rifiuta la cronologia e la narrazione onnisciente, finora, ai primi del Novecento, punti fermi nella prosa di finzione, l’autore cura lo sviluppo del linguaggio del protagonista  partendo da una lingua infantile e sconnessa fino ad arrivare alle raffinate cogitazioni filosofiche che citano Tommaso D’Aquino e Aristotele.

 

Così come Joyce, anche il giovane Dedalus deciderà di lasciare la sua amata e chiusa Irlanda, madre-matrigna, ma tornerà sconfitto e deluso, novello Telemaco accanto al padre prescelto, l’ebreo Leopold Bloom in “Ulisse”, il riconsciuto capolavoro del grande scrittore irlandese.

 

.

button acquista feltrinelli

 

 

 

.

 

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il canto della balena

Sobrero Corrado

La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel?

La ragazza del treno

Hawkins Paula

Tra il 1978 e il 1990, mentre in Unione Sovietica il potere si scopriva fragile e una certa visione del mondo si avviava al tramonto, Andrej Cikatilo, marito e padre di famiglia, comunista convinto e lavoratore, mutilava e uccideva nei modi più orrendi almeno cinquantasei persone. Le sue vittime bambini e ragazzi di entrambi i sessi, ma anche donne - avevano tutte una caratteristica comune: vivevano ai margini della società o non si sapevano adattare alle sue regole. Erano insomma simboli del fallimento dell'Idea comunista, sintomi dell'imminente crollo del Socialismo reale. Questo libro, sospeso tra romanzo e biografia, narra la storia di uno dei più feroci assassini del Novecento attraverso la visionaria, a tratti metafisica ricostruzione della confessione che egli rese in seguito all'arresto. E fa di più. Osa raccontare l'orrore e il fallimento in prima persona: Cikatilo, infatti, in questo libro dice "io". È lui stesso a farci entrare nella propria vita e nella propria testa, a svelarci le sue pulsioni più segrete, le sue umiliazioni e ossessioni. "Il giardino delle mosche" è un libro lirico e crudele allo stesso tempo: la storia di un'anima sbagliata, una meditazione sul potere e la sconfitta e, soprattutto, una discesa impietosa fino alle radici del Male.

Il giardino delle mosche. Vita di Andrej Cikatilo

Tarabbia Andrea

"Mio caro Marwan..." È l'inizio della lettera che un padre scrive al suo bambino, di notte, su una spiaggia buia, con persone che parlano "lingue che non conosciamo". I ricordi di un passato fatto di semplici sicurezze, la fattoria dei nonni, i campi costellati di papaveri, le passeggiate nelle strade di Homs si mescolano a un futuro incerto, alla ricerca di una nuova casa, dove "nessuno ci ha invitato", dove chi la abita ci ha detto di "portare altrove le nostre disgrazie". Un futuro di attesa e di terrore, che comincerà al sorgere del sole, quando dovranno affrontare quel mare, vasto e indifferente. Questa lettera è un grande atto d'amore e nelle parole che la compongono c'è la vita. Speranza e paura, felicità e dolore. Impossibile non riconoscersi, non pensare che al posto di quel padre e quel bambino potremmo esserci noi. Impossibile non sapere che tutto questo, comunque, ci riguarda.

Preghiera del mare

Hosseini Khaled