Giallo - thriller - noir

DELITTI DI GENTE QUALUNQUE

Macchiavelli Loriano

Descrizione: La formula del radium, un libro con una annotazione a matita che rimanda a un altro libro che contiene l'elenco di quattro ville storiche di Bologna e del suo territorio: Villa Aldini, Villa delle Rose, Casa Beroaldo e la Rocchetta Mattei. Questo è ciò che hanno in mano un fotografo conosciuto come "Duescatti" e un ricercatore universitario di nome Rosas, detto "il talpone". E con queste tracce Rosas arriva a un episodio storico documentato: un furto di radium commesso dall'esercito tedesco all'ospedale Sant'Orsola nel luglio 1944. Radium sottratto ai malati e destinato alla macchina bellica di Hitler. Solo che, arrivati a questo punto, Duescatti trova una morte orribile a Casa Beroaldo e Sarti Antonio, sergente, si trova di fronte a una scena del delitto enigmatica, mentre Rosas, che in Questura viene indicato come colpevole della morte del fotografo, è misteriosamente scomparso...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Bestsellers

Anno: 2010

ISBN: 9788804598770

Trama

Le Vostre recensioni

Sarti Antonio, Sergente. Il primo, forse l’unico, investigatore all’italiana. Arcinote le sue manie, a partire dal caffè, una cosa seria, con cui non si scherza, che si può bere a qualsiasi ora purché sia buono. E quello buono lo prepara solo Sarti Antonio, sergente, con una miscela speciale conservata in modo speciale e dosata in modo speciale. La fiamma e l’acqua, mai troppe e mai poche. Perché piace tanto, Sarti Antonio? Forse per la sua normalità, per non dire mediocrità, rischiarata da lampi di puro genio o da caratteri singolari, come la prodigiosa memoria. Tutti noi siamo Sarti Antonio, piccoli di fronte alle tragedie, normali eppure – ci piace pensare – capaci di guizzi che portano alla luce inaspettate risorse; ogni volta che Sarti Antonio si imbarca in una nuova indagine, è come se lo facessimo noi.

Sfondo di “Delitti di gente qualunque” è l’Appennino bolognese, il paesino di Riola di Vergato, tra le vallate del Reno e del Limentra (chè sì cara a Francesco, dice Macchiavelli, inteso come Guccini, collega di scrittura di diversi gialli di successo, a cui affida persino un cameo dove compare lo stesso autore). A Riola sorge Rocchetta Mattei, castello di epoca matildica trasformato con minareti, passaggi segreti e altri ammennicoli dal conte Mattei nel XIX secolo. Bizzarro personaggio, questo conte, comunque precursore di una forma di medicina sperimentale che combina il potere delle erbe e l’elettricità: l’elettromeopatia. Tale è la sua fama che Dostoevskji lo cita nei Fratelli Karamazov e a Rocchetta Mattei pare abbiano sfilato zar, re e poeti come Rimbaud.

Quando Sarti Antonio arriva alla Rocchetta, però, del conte restano solo le memorie e i ricordi di qualche abitante del luogo e l’edificio ha quasi le sembianze di una rovina da romanzo gotico. Il nostro questurino, come lo definisce la voce narrante (per assonanza emiliana, a me ricorda quella del mondo piccolo in cui si muovono Don Camillo e Peppone) finisce a Riola mentre cerca di rintracciare l’immancabile talpone Rosas, anarchico ricercatore dell’Università di Bologna, accusato – tra l’altro – di omicidio e di terrorismo. Rosas, a sua volta, è sulle tracce del radium trafugato dalle SS al Policlinico di Bologna, già negli anni ’40 all’avanguardia della cura dei tumori. Sulle tracce del radium, ovviamente, ci sono anche altri. Creature che si muovono tra realtà e fantasia, fatte di tre elementi: carne, ossa e suggestione.

Non è un giallo classico, questo romanzo, come non lo sono i romanzi di Camilleri con protagonista Montalbano, per dirne un’altra. La soluzione piove dal cielo (letteralmente, Sarti vivrà un secondo diluvio universale) ma poco importa. Delitti di gente qualunque si legge volentieri proprio per la sapiente costruzione dei personaggi, così falsi da diventare veri. E per prenderci un caffè “alla Sarti Antonio”, perché di così buoni non se ne trovano in giro.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Loriano

Macchiavelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Macchiavelli Loriano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Angela Greganti è una transessuale elegante e di fascino. Una sera, partecipando a una festa che raduna il jet-set televisivo e istituzionale, assiste alla violenza compiuta da un importante uomo politico ai danni di una ragazza. L'impulsiva reazione di Angela, con le inevitabili conseguenze, porta a una fuga che si trasforma anche in un viaggio interiore. Un ritratto, impietosamente realistico, della società contemporanea, in cui si mescolano "alto e basso bordo", per scoprirsi fra loro non molto diversi e niente affatto distanti. È una protagonista ritratta con forza e sensibilità, nella quale il lettore finirà per trovare inevitabilmente una forse inaspettata immedesimazione.

ALI E CORAZZA

Trovato Daniele

“Abbiamo tutti almeno una volta guardato il mare aspettando che qualcosa da lì ritornasse”Edipo e Narciso sono due personaggi centrali del teatro freudiano. Il figlio-Edipo è quello che conosce il conflitto con il padre. Il figlio-Narciso resta invece fissato sterilmente alla sua immagine. Abbiamo visto cosa significa l’egemonia del figlio-Narciso: dopo il tramonto dell’autorità simbolica del Nome del Padre, il mito dell’espansione fine a se stessa ha prodotto la tremenda crisi economica ed etica che attraversa l’Occidente. Le nuove generazioni appaiono sperdute tanto quanto i loro genitori. Questi non vogliono smettere di essere giovani, mentre i loro figli annaspano in un tempo senza orizzonte, soli, privi di adulti credibili. Esiste un al di là del figlio-Edipo e del figlio-Narciso? Telemaco, il figlio di Ulisse, attende il ritorno del padre; prega affinché sia ristabilita nella sua casa invasa dai Proci la Legge della parola. In primo piano è qui una domanda inedita di padre, che mostri come si possa vivere con slancio e vitalità su questa terra. Nel nostro tempo nessuno sembra più tornare dal mare per riportare la Legge. Il processo dell’ereditare, della filiazione simbolica, sembra venire meno, e senza di esso non si dà possibilità di trasmissione del desiderio da una generazione all’altra. Telemaco ci indica la nuova direzione verso cui guardare, perché Telemaco è la figura del giusto erede. Il suo è il compito che attende anche i nostri figli: come si diventa eredi giusti? E cosa davvero si eredita se un’eredità non è fatta né di geni né di beni, se non si eredita un regno?

Il complesso di Telemaco

Recalcati Massimo

Padre Matteo è stanco. Il suo sogno di pace, ciò in cui ha creduto e per cui ha combattuto, sembra essersi spento, sepolto dai conflitti, dal disinteresse di chi gli sta intorno. Per questo decide di abbandonare tutto: il ruolo di Custode di Terra Santa, la sua amata Gerusalemme. Lo hanno invitato a Roma e a Istanbul, e il viaggio potrebbe essere l'occasione per cambiare vita. Prima di partire, però, padre Matteo viene coinvolto in due strani incidenti. Inizialmente non se ne cura, ma quando un rabbino suo amico viene assassinato dopo avergli rivelato di essere sulle tracce dell'ultimo erede dei Camondo, potente famiglia ebrea sterminata ad Auschwitz, padre Matteo comprende di essere di fronte a una verità che fa paura a molti e che potrebbe mettere in pericolo la sua stessa vita.

L’erede del tempo

Scaglia Franco

È quasi mezzanotte e una nebbia sottile avvolge la metropoli addormentata. In un palazzo di quattro piani, dentro un appartamento disabitato, un frigorifero va in cortocircuito. Le fiamme, lente e invisibili dall'esterno, iniziano a divorare ciò che trovano. Due piani più in alto, Alice scivola nel sonno mentre aspetta il ritorno di Matthias, il ragazzo che ama con una passione per lei nuova e del quale non è ancora riuscita a parlare a sua madre, che abita lontano e vorrebbe sapere tutto di lei. Anche Bastien, il figlio della signora che occupa un altro degli interni, da troppi mesi ormai avrebbe qualcosa di cruciale da rivelare alla madre, ma sa che potrebbe spezzarle il cuore e non trova il coraggio. È un altro tipo di coraggio quello che invece manca a Polina, ex ballerina classica, incapace di accettare il proprio corpo dopo la maternità, tantomeno il pianto incessante del suo bambino nella stanza accanto. Giù in strada, nel negozio di fronte, Hulya sta pensando proprio a lei, come capita sempre più spesso, senza averglielo mai confessato, ma con una voglia matta di farlo. Per tutti loro non c'è più tempo: un mostro di fuoco sta per stravolgere ogni prospettiva, costringendoli a scelte estreme per colmare quei silenzi, o per dare loro un nuovo significato. Simona Sparaco indaga i momenti terribili in cui la vita e la morte si sfiorano diventando quasi la stessa cosa, e in cui le distanze che ci separano dagli altri vengono abbattute dall'amore più assoluto, quello che non conosce condizioni. Vincitore del premio DeA Planeta 2019.

Nel silenzio delle nostre parole

Sparaco Simona