Narrativa

DEMIAN

Hesse Hermann

Descrizione: Scritto neI 1917 e pubblicato nel 1919, "Demian" è la storia di un ragazzo combattuto fra due mondi, quello bello e pulito del bene e quello terribile, enigmatico eppur allettante del male. Protagonista è il giovane EmiI Sinclair, caduto sotto l'influsso di un cattivo compagno di scuola, Franz Kromer, che lo spinge a ingannare i genitori, rubare e discendere la china del peccato. Sarà un altro compagno, Max Demian, che sembra vivere fuori del tempo o uscire da un passato senza età, ad attrarre Sinclair e a liberarlo dal nefasto influsso di Kromer, guidandolo verso una concezione della vita straordinariamente complessa e misteriosa.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2007

ISBN: 9788804566991

PRIMA EDIZIONE

DEMIAN

Editore:

Anno: 1919

Info:

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

“… Se spara e uccide il nemico, avrà dalla sua il prete, la chiesa, la patria. Ma ad un tempo avrà contro di sé il divino divieto di uccidere. Allora sarà la sua coscienza a decidere se vuole obbedire ai comandamenti di Dio o a quelli della chiesa e della patria. Probabilmente attribuirà al prete e alla patria un’autorità maggiore che a Dio. Se invece non lo farà e comincerà a dubitare dell’assoluta autorità della chiesa e della patria, allora si troverà già fra coloro ai quali il Demian ha qualcosa da dire”.

Non è semplice individuare il confine tra il bene ed il male… Sono due mondi vicinissimi e confusi. Forse nemmeno esiste un vero e proprio confine, e Demian, con la sua complessità, con le problematiche e i dubbi che affronta, ne è una testimonianza.

“… Demian e sua madre sono, direi, simboli, racchiudono cioè e significano molto di più di quanto sia accessibile alla contemplazione razionale, sono evocazioni magiche. Il lettore potrà usare parole diverse, ma dovrebbe lasciarsi guidare dalla potenza dei simboli, non già da quello che nei miei libri può sembrare programma o opinione letteraria”.

Scritto in pochi mesi, nel 1917,  il romanzo viene pubblicato nel 1919 ed esercita un forte fascino sui giovani tedeschi battuti in guerra, certi che a scriverlo sia stato uno
di loro.
“Demian”, infatti, compare con uno pseudonimo sconosciuto, Sinclair, e solo la nona edizione svelerà il nome di Hermann Hesse. L’intento dello scrittore è quello di creare una voce nuova e fuori campo, che appaia scevra da ogni condizionamento e che, allo stesso tempo, suoni diretta e coraggiosa.
La suggestione funziona e, probabilmente, contribuisce ad accelerare la diffusione del libro: l’autore fantasma di “Demian” viene persino insignito del premio letterario “Fontane” che poi Hesse, quarantaduenne e tutt’altro che esordiente, naturalmente restituisce.

Ma chi è Demian? Hesse lo dipinge come un ragazzo che non ha l’aria da ragazzo e sembra vivere fuori dal tempo. Non è ben visto, non prende parte ai giochi e nemmeno alle
baruffe. È figlio di una vedova benestante, si è da poco trasferito in città e frequenta una classe superiore a quella di Sinclair.
Sarà lui a liberare il giovane protagonista dall’influsso deleterio di Kromer, il compagno “cattivo” che lo ha allontanato dalla casa paterna.
Dopo aver ascoltato la stessa lezione di religione su Caino ed Abele, i due si incontrano tornando da scuola e percorrono insieme un tratto di strada.

Sinclair si sente subito attratto da Demian, dal suo insolito modo di parlare e di vedere le cose anche se, sulle prime, non riesce a comprenderne appieno i ragionamenti e le considerazioni sul bene e sul male. Poi, però, si accorge che lui stesso da Abele è diventato Caino, giungendo addirittura a provare disprezzo per il proprio padre; si accorge di essere lui stesso portatore del “marchio” e comprende così che il mondo chiaro e lecito e quello buio e proibito sono intrecciati tra loro e si fondono l’uno nell’altro: il dio Abraxas unisce il divino e il diabolico…Come anticipato dal sottotitolo, “Storia di una giovinezza”, “Demian” non si limita a narrare la storia di un singolo, ma analizza le difficoltà di un’intera generazione, e la sua grandezza sta soprattutto nella capacità di rivelarne le contraddizioni e ricondurle ad armonia.

Dopo che la guerra ha mostrato “quanta menzogna e vuoto ci sono nel comportamento dei governi, degli intellettuali, di tutto il popolo”, Hesse mette in scena la vita più profonda di chi la guerra l’ha sperimentata, e lo fa attraverso il racconto di una persona qualunque, una persona comune, perché ciascun uomo, fintanto che vive in qualche modo ed adempie al volere della natura, è meraviglioso e degno di attenzione…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hermann

Hesse

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hesse Hermann


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Luke è un ragazzo brillante e simpatico, ma è costretto a vivere chiuso in casa da quando è nato, perché è allergico alla luce del sole. Le sue uniche finestre sul mondo sono la TV, internet e le visite serali di Julie, la sua migliore amica. Luke, però, ha deciso che deve guarire e trovare una cura per la sua malattia, costi quel che costi. E quando un guru gli assicura che può risolvere il suo problema e lo invita a raggiungerlo in Galles, il ragazzo non ha più scuse per tirarsi indietro: dovrà uscire dalla sua stanza e fare i conti con il mondo esterno. A bordo di un furgoncino Volkswagen e in compagnia di Julie e altri quattro amici - Charlotte, David, Leanne e Chantel - Luke si mette in viaggio sulle stradine della campagna inglese, fasciato in un.improvvisata tuta spaziale, per proteggersi dal sole. Sotto un terribile nubifragio e con la loro vecchia vita finalmente alle spalle, Julie e Luke si lanciano in un'incredibile avventura che li cambierà per sempre.

IL GIRO PIU’ PAZZO DEL MONDO

Thomas Scarlett

Dario Villalta ha due grandi passioni nella vita: le vedove e i maestri del Rinascimento. Finito in una galleria d'arte milanese dov'è costretto a vendere opere contemporanee che disprezza incontrando inoltre grandi difficoltà nel reperire l'oggetto della sua stravagante passione amorosa, langue finché dal Sud arriva Vera Gallo, che è non solo una vedova devota, ma anche - parrebbe proprietaria di una inestimabile scultura di santo di Mantegna. Vera sembra dunque in grado di appagare al massimo grado entrambe le passioni del gallerista; ma non è tutto oro quel che luccica, e avremo modo di accertarcene nella girandola dì avvenimenti che si origina dalle ristrettezze in cui precipita la polputa vedova, ormai ridotta sul lastrico. Nel frattempo incontreremo una variopinta galleria di irresistibili personaggi, dal trance-psicanalista Aaron Kaminsky al padre di lui Shloime, mago e guaritore; dallo stravagante inventore Carmine Palomino alla languida pasticcerà Ritarosa Latella; dall'oligarca russo Viktor Aleksandrovic Dudorov all'esuberante Maria Sofia Madrasca, chef misconosciuta benché detentrice del segreto del pacchero estremo.

LA VEDOVA, IL SANTO E IL SEGRETO DEL PACCHERO ESTREMO

Cappelli Gaetano

Chi sono i protagonisti di questa epopea dell'immaginario se non i grandi maestri e le loro opere? Hugo Pratt, Moebius, Will Eisner, Enrique Breccia, Frank Miller, Andrea Pazienza, Josè Muñoz… e tanti altri grandi autori. Questo volume narra storie di vita e professionali di quarantuno maestri del fumetto occidentale, raccontati in un volume che arricchisce la nostra esperienza del fumetto indagando le ragioni e lo stile dei grandi autori. Perché capire più cose di quello che leggiamo è sempre anche un modo per goderne di più. Scritta con un linguaggio accessibile a tutti, la stimolante panoramica storico-critica attraversa la storia e i generi della nona arte. Il volume è organizzato per aree linguistiche: Inglese (britannici e statunitensi), francese (belgi e francesi), spagnola (argentini) e italiana.

Maestri del fumetto

Barbieri Daniele

Genova. Una famiglia ebrea negli anni delle leggi razziali. Un figlio genio mancato, una madre delusa e rancorosa, un padre saggio ma non abbastanza determinato, un nonno bizzarro, zii incombenti, cugini che scompaiono e riappaiono. Quanto possono incidere i risvolti personali nel momento in cui è la Storia a sottoporti i suoi inesorabili dilemmi? E’ giusto cercare di restare comunque nella terra dove ti stanno perseguitando o è meglio fuggire? Se sì, dove? Ci sarà un paese realmente disposto ad accoglierti? Ma alla tragedia che muove dall’alto i fili dei diversi destini si vengono a intrecciare i dubbi, le passioni, le debolezze, gli slanci e i tradimenti dell’eterno dispiegarsi della commedia umana. Una vicenda di disperazione e coraggio realmente accaduta, ma completamente reinventata, che attraverso il filtro delle misteriose pieghe dell’anima ci riporta a un tragico recente passato.

Questa sera è già domani

levi Lia