Saggi

Democrazia: il Dio che ha fallito

Hoppe Hans-Hermann

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Liberilibri

Collana:

Anno: 2006

ISBN:

Recensito da Murray

Le Vostre recensioni

Ci sono parole, nel linguaggio comune, che sono circondate da una tale aura di rispetto ed intangibilità da farle assurgere a concetti universali e, come tali, intangibili, eterei. Fra queste, il termine “democrazia”, per esempio, ha ormai perso i connotati meramente descrittivi di un particolare sistema politico, per essere oggi associato in modo pressochè intercambiale con gli ideali di libertà, giustizia, eguaglianza.

L’impatto suscitato dalla semplice pronuncia di tale parola è sufficiente a chiudere una conversazione o zittire il proprio interlocutore: “tu sei contro la democrazia”, “qui non siamo più in democrazia” e via dicendo, giusto per citare le espressioni più comuni.

In altri termini, la democrazia è diventata inattaccabile e la più feroce critica comunemente rivolta alla stessa consiste nella debolissima constatazione che non sarà un sistema perfetto ma,allo stato, è il migliore possibile.

Hans Herman Hoppe, con il suo libro “Democrazia, il dio che ha fallito”, ha il grandissimo pregio di porsi controcorrente, suscitando legittimi dubbi sul reale valore della democrazia, alla luce dei fallimenti politici,sociali ed economici che hanno caratterizzato il ‘900.

Per raggiungere il suo scopo, l’autore si avvale di una prosa estremamente asciutta e rigorosa, perfettamente adatta a quello che, evidentemente, non è un romanzo bensì un saggio che affronta temi di carattere economico, filosofico, politico e giuridico.

La nozione di “democrazia” subisce, in questo libro, un attacco frontale, senza mezzi termini o reticenze, senza ricorrere a luoghi comuni o mera propaganda, ricostruendo con dati ed evidenze storiche il percorso che ha condotto gli stati moderni ad assumere l’odierna forma democratica e dimostrando la drammatica fragilità delle attuali strutture costituzionali.

Hoppe guida il suo lettore attraverso alcuni fondamentali passaggi argomentativi. In primo luogo, l’autore descrive il paradosso logico che si cela dietro la stessa esistenza dello Stato democratico, nato sulla base di un ipotetico contratto sociale di cui non si trova stranamente copia e che non risulta essere mai stato firmato da alcuna persona. Ma, se il fondamento logico-giuridico dello Stato è una mera finzione, da dove ha origine la sua presenza e come si giustifica il principale meccanismo che lo tiene in vita (la tassazione)? Hoppe dimostra come la banale ma spesso citata risposta – “lo Stato esiste perchè è il presidio del bene comune” – sia fallace, e lo fa attraverso un paradosso: dimostrando con rigore analitico che alla democrazia sarebbe preferibile un sistema politico su base monarchica.

E proprio quando il lettore comune, neofita rispetto a tali tesi, inizia a svegliarsi dal torpore culturale in cui è stato ingabbiato dal pensiero comune, Hoppe sferra un ulteriore e devastante attacco, questa volta contro lo stesso Stato ed ogni ordine costituito in forma egemonica e non volontaria.

La contrapposizione tra democrazia e monarchia è infatti un preludio al nucleo centrale del testo – così come dell’intera riflessione teorica dell’autore – che consiste nella contestazione dell’esistenza dello Stato quale monopolista nell’ambito della giustizia, della sicurezza e della legislazione. Hoppe sottolinea che lo Stato moderno, in realtà, anzichè garantire le libertà del cittadino le annienta, in particolare attraverso la tassazione. Illuminante in tal senso è l’esempio addotto da Hoppe: lo Stato è come un rapinatore che attende il cittadino, una volta all’anno, nello stesso luogo, pretendendo la consegna di una certa somma di denaro. Il cittadino non può ribellarsi, perchè questo rapinatore afferma di essere nel giusto; inoltre, questo rapinatore promette che la somma estorta sarà investita in servizi per il cittadino stesso, senza però dire quali sono questi servizi, da chi saranno offerti in concreto e, soprattutto, senza preoccuparsi che il cittadino abbia o meno bisogno degli stessi.

La soluzione offerta dall’autore, attraverso esempi pratici indubbiamente suggestivi, consiste in una società senza Stato – ossia senza ordini auto-costituiti – fondata esclusivamente sulla libera associazione delle persone e sul presupposto che la concorrenza tra individui garantirebbe servizi molto migliori e ad un costo decisamente inferiore rispetto a quelli attualmente “offerti” dallo Stato.

Hoppe offre delle risposte scomode, che potranno non essere accettate da tutti, ma ha certamente un grandissimo pregio, che consiste nel far sorgere un insistente dubbio nel lettore.

In conclusione: un libro assolutamente da leggere, perchè è uno straordinario esempio di come principi all’apparenza inattaccabili possano, in realtà, poggiare su fondamenta tutt’altro che solide.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hans-hermann

Hoppe

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hoppe Hans-Hermann

La testimonianza storica di un'esperienza unica e devastante, quale fu per l'esercito italiano la campagna di Russia, e insieme la storia autobiografica di un uomo che in quella prova lotta per non perdere la propria dignità.

Il sergente nella neve

Stern Mario Rigoni

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

Susi ha trent'anni e vive a New York. Ha un fiuto straordinario per gli uomini sbagliati, tanto che ha inanellato una lunga serie di relazioni fallimentari. L'ultima le brucia ancora. Quando il padre decide di affidarle la gestione del ristorante di famiglia, "Da Totò", Susi è convinta che sia arrivata l'occasione giusta per dimostrare finalmente le proprie capacità. Ma una sorpresa indesiderata la attende dietro l'angolo: ad affiancarla ci sarà Michael Di Bella, chef tanto geniale quanto presuntuoso e maledettamente bello, per il quale Susi prova un odio profondo dai tempi del liceo... Ma, come spesso accade, la convivenza forzata, complici cibo e fornelli, può scatenare reazioni inaspettate e anche l'astio più antico può mutarsi in scintille. E passione...

Ti odio con tutto il cuore

Luzi Valeria

Storia di Ciccio Pesce e dei suoi quattordici, quindici e sedici anni, un tempo letterario sufficiente a fare conoscenza con due asfissianti genitori che lo credono afflitto dalla sindrome di Asperger, con le sue quattro ragazze morte, con alcuni poliziotti e carabinieri che gli girano attorno senza che lui riesca a spiegarsene il motivo, con un’amica invisibile che ha occupato la sua testa e non c’è modo di sfrattarla, con uno zio erotomane che ha l’ossessione di battere un record che lo faccia entrare nel Guinness Book of Sexual Records. Francesco consiglia come cura un’unica compressa da 49.592 parole a base di eros e comicità, materie che hanno dimostrato di possedere una spiccata attività antidepressiva, stimolante e disinibitoria. Ingredienti: Emozioni primarie: rabbia, paura, tristezza, gioia. Emozioni secondarie: allegria, ansia, rassegnazione, gelosia, speranza. Indicazioni terapeutiche: Terapia sintomatica della noia acuta e cronica. Effetti indesiderati: Sono stati segnalati casi di Ilarità fatale (Fatal hilarity). Modalità d’uso: Si consiglia di assumerlo dopo una litigata con il partner o prima di un rapporto sessuale, con effetto stimolante.

LE MOLECOLE AFFETTUOSE DEL LECCA LECCA

Consiglio Francesco