Saggi

Democrazia: il Dio che ha fallito

Hoppe Hans-Hermann

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Liberilibri

Collana:

Anno: 2006

ISBN:

Recensito da Murray

Le Vostre recensioni

Ci sono parole, nel linguaggio comune, che sono circondate da una tale aura di rispetto ed intangibilità da farle assurgere a concetti universali e, come tali, intangibili, eterei. Fra queste, il termine “democrazia”, per esempio, ha ormai perso i connotati meramente descrittivi di un particolare sistema politico, per essere oggi associato in modo pressochè intercambiale con gli ideali di libertà, giustizia, eguaglianza.

L’impatto suscitato dalla semplice pronuncia di tale parola è sufficiente a chiudere una conversazione o zittire il proprio interlocutore: “tu sei contro la democrazia”, “qui non siamo più in democrazia” e via dicendo, giusto per citare le espressioni più comuni.

In altri termini, la democrazia è diventata inattaccabile e la più feroce critica comunemente rivolta alla stessa consiste nella debolissima constatazione che non sarà un sistema perfetto ma,allo stato, è il migliore possibile.

Hans Herman Hoppe, con il suo libro “Democrazia, il dio che ha fallito”, ha il grandissimo pregio di porsi controcorrente, suscitando legittimi dubbi sul reale valore della democrazia, alla luce dei fallimenti politici,sociali ed economici che hanno caratterizzato il ‘900.

Per raggiungere il suo scopo, l’autore si avvale di una prosa estremamente asciutta e rigorosa, perfettamente adatta a quello che, evidentemente, non è un romanzo bensì un saggio che affronta temi di carattere economico, filosofico, politico e giuridico.

La nozione di “democrazia” subisce, in questo libro, un attacco frontale, senza mezzi termini o reticenze, senza ricorrere a luoghi comuni o mera propaganda, ricostruendo con dati ed evidenze storiche il percorso che ha condotto gli stati moderni ad assumere l’odierna forma democratica e dimostrando la drammatica fragilità delle attuali strutture costituzionali.

Hoppe guida il suo lettore attraverso alcuni fondamentali passaggi argomentativi. In primo luogo, l’autore descrive il paradosso logico che si cela dietro la stessa esistenza dello Stato democratico, nato sulla base di un ipotetico contratto sociale di cui non si trova stranamente copia e che non risulta essere mai stato firmato da alcuna persona. Ma, se il fondamento logico-giuridico dello Stato è una mera finzione, da dove ha origine la sua presenza e come si giustifica il principale meccanismo che lo tiene in vita (la tassazione)? Hoppe dimostra come la banale ma spesso citata risposta – “lo Stato esiste perchè è il presidio del bene comune” – sia fallace, e lo fa attraverso un paradosso: dimostrando con rigore analitico che alla democrazia sarebbe preferibile un sistema politico su base monarchica.

E proprio quando il lettore comune, neofita rispetto a tali tesi, inizia a svegliarsi dal torpore culturale in cui è stato ingabbiato dal pensiero comune, Hoppe sferra un ulteriore e devastante attacco, questa volta contro lo stesso Stato ed ogni ordine costituito in forma egemonica e non volontaria.

La contrapposizione tra democrazia e monarchia è infatti un preludio al nucleo centrale del testo – così come dell’intera riflessione teorica dell’autore – che consiste nella contestazione dell’esistenza dello Stato quale monopolista nell’ambito della giustizia, della sicurezza e della legislazione. Hoppe sottolinea che lo Stato moderno, in realtà, anzichè garantire le libertà del cittadino le annienta, in particolare attraverso la tassazione. Illuminante in tal senso è l’esempio addotto da Hoppe: lo Stato è come un rapinatore che attende il cittadino, una volta all’anno, nello stesso luogo, pretendendo la consegna di una certa somma di denaro. Il cittadino non può ribellarsi, perchè questo rapinatore afferma di essere nel giusto; inoltre, questo rapinatore promette che la somma estorta sarà investita in servizi per il cittadino stesso, senza però dire quali sono questi servizi, da chi saranno offerti in concreto e, soprattutto, senza preoccuparsi che il cittadino abbia o meno bisogno degli stessi.

La soluzione offerta dall’autore, attraverso esempi pratici indubbiamente suggestivi, consiste in una società senza Stato – ossia senza ordini auto-costituiti – fondata esclusivamente sulla libera associazione delle persone e sul presupposto che la concorrenza tra individui garantirebbe servizi molto migliori e ad un costo decisamente inferiore rispetto a quelli attualmente “offerti” dallo Stato.

Hoppe offre delle risposte scomode, che potranno non essere accettate da tutti, ma ha certamente un grandissimo pregio, che consiste nel far sorgere un insistente dubbio nel lettore.

In conclusione: un libro assolutamente da leggere, perchè è uno straordinario esempio di come principi all’apparenza inattaccabili possano, in realtà, poggiare su fondamenta tutt’altro che solide.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hans-hermann

Hoppe

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hoppe Hans-Hermann


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per alcuni esseri umani c'è un momento nella vita nel quale si deve decidere di lasciarsi alle spalle le convenzioni per ritrovare se stessi in un luogo lontano dal consumismo, vicino alla natura. Il nostro Sognatore compie questo atto di coraggio spinto dall'amore per l'oceano e proprio lì, su una costa incontaminata, costruisce la sua casa di luce, che gli permette di rimanere sempre in contatto con il mondo che lo circonda. L'uomo riscopre bellezza e sintonia, riprende un dialogo silenzioso con le creature del mare e riscopre l'amicizia: quella con una piccola volpe selvatica, Chiqui, che diventa per lui una tenera guida.

La casa di luce

Bambaren Sergio

Un segreto tenuto nascosto per lunghi anni, una scoperta sconvolgente, un uomo di successo e una donna in carriera, un artista squattrinato ma geniale, autore di un quadro misterioso. Immersa nelle atmosfere di una Trieste nebulosa e di una Venezia dal fascino liquido, si agita l’intrigante storia di Eugenio e Francesca, amanti sanguigni, dolci quanto irascibili. “Amata tela” è un romanzo in cui le vicende dei protagonisti si tingono di passioni travolgenti, in un vortice senza fine che si abbatterà inesorabilmente sulle loro vite. Amore, sesso e arte, si mescolano nei luoghi del sogno e del sentimento. “Amata tela” costruisce un’epica di esperienze umane, tra gioie e paure, attraverso un disegno sapientemente tracciato dalla penna di Giulia Madonna.

Amata tela

Madonna Giulia

Palermo, Borgo Vecchio. Thomas Giuliani è un commissario della omicidi. Quasi ogni mattina lascia che il rasoio di Filippo Bonanno gli lisci le guance in una bottega di barbiere benedetta dagli sbirri e dalla mafia. Sono gli ultimi giorni di servizio per il commissario Giuliani ma il suo telefono non cessa di squillare. Tra la munnizza, un ragazzino ha trovato il corpo di una donna. Violentata, sodomizzata con una bottiglia di vetro. Una lama le ha spento la vita. C'è un cadavere che aspetta giustizia e la giustizia corre dietro a tre Drughi, dei malacarne che hanno consacrato la loro vita alla violenza. Thomas Giuliani è la sintesi di una Palermo piena di ombre mai esplorate, di ghetti periferici e di vite consumate sull'asfalto tra le disillusioni e la precarietà degli affetti. Da Mezzanotte a zero è il tempo del dolore e di una vendetta consumata negli angoli bui di una città livida.

Da mezzanotte a zero

Zingales Vitobenicio

Germania, ottobre 1938. Uno straniero passeggia tra i vicoli di una città di provincia. Sono da poco passate le nove di sera e la città è irrealmente deserta e silenziosa, si odono solo il fruscio di bandiere appese alle finestre, l’abbaiare di un cane che si confonde con l’eco di una voce di un uomo. Lo straniero siede ai piedi di un monumento, guarda il cielo, assapora la quiete e la serenità della notte. Non sa che la voce lontana è quella di Adolf Hitler che parla al suo popolo, non sa che da lì a poco tempo dalla Germania partirà l’offensiva che darà inizio alla Seconda guerra mondiale. In Germania, molti intellettuali e artisti sono fuoriusciti da anni, scegliendo o dovendo scegliere l’esilio come autodifesa. Una di loro vuole far capire che cosa sta succedendo, che cosa è già successo e soprattutto quello che ancora potrebbeessere fatto. Quando si spengono le luci, volume di racconti brevi scritti in presa diretta da Erika Mann in pochi mesi, è testimonianza e appello. L’autrice racconta di gente comune, non di eroi né di criminali al servizio del Terzo Reich: sono viaggiatori, medici, commercianti, contadini, professori universitari, operai, sacerdoti, giornalisti, madri di famiglia e marinai i protagonisti delle sue «storie vere». In un racconto, il professor Habermann conduce per mano i suoi allievi all’insubordinazione in pectore, durante una lezione, col solo ragionare correttamente di diritto in un’aula universitaria. In un altro, due giovani ragazzi innocenti, non certo avversi al regime, si suicidano per colpa della leggerezza incompetente di un medico nazista, in un contesto di ubbidienza cieca a cui loro per primi si sono volontariamente uniformati. Per i due giovani il processo post mortem si chiude con una vuota frase di circostanza e il rammarico che al Terzo Reich sia stata tolta «forza lavoro»: di certo un futuro fedele soldato e, con tutta probabilità, una buona fattrice di bambini. Nella postfazione «Un nuovo tipo di scrittrice», Agnese Grieco scende dietro le quinte dell’opera di Erika Mann, mettendo in luce la delicatezza illuminista e la misura perfetta con cui Quando sispengono le luci analizza la doppia natura faustiana dell’anima tedesca, per cercare di capire e affrontare il presente hitleriano e testimoniare, al tempo stesso, un’altra Germania.

Quando si spengono le luci

Mann Erika