Saggi

Democrazia: il Dio che ha fallito

Hoppe Hans-Hermann

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Liberilibri

Collana:

Anno: 2006

ISBN:

Recensito da Murray

Le Vostre recensioni

Ci sono parole, nel linguaggio comune, che sono circondate da una tale aura di rispetto ed intangibilità da farle assurgere a concetti universali e, come tali, intangibili, eterei. Fra queste, il termine “democrazia”, per esempio, ha ormai perso i connotati meramente descrittivi di un particolare sistema politico, per essere oggi associato in modo pressochè intercambiale con gli ideali di libertà, giustizia, eguaglianza.

L’impatto suscitato dalla semplice pronuncia di tale parola è sufficiente a chiudere una conversazione o zittire il proprio interlocutore: “tu sei contro la democrazia”, “qui non siamo più in democrazia” e via dicendo, giusto per citare le espressioni più comuni.

In altri termini, la democrazia è diventata inattaccabile e la più feroce critica comunemente rivolta alla stessa consiste nella debolissima constatazione che non sarà un sistema perfetto ma,allo stato, è il migliore possibile.

Hans Herman Hoppe, con il suo libro “Democrazia, il dio che ha fallito”, ha il grandissimo pregio di porsi controcorrente, suscitando legittimi dubbi sul reale valore della democrazia, alla luce dei fallimenti politici,sociali ed economici che hanno caratterizzato il ‘900.

Per raggiungere il suo scopo, l’autore si avvale di una prosa estremamente asciutta e rigorosa, perfettamente adatta a quello che, evidentemente, non è un romanzo bensì un saggio che affronta temi di carattere economico, filosofico, politico e giuridico.

La nozione di “democrazia” subisce, in questo libro, un attacco frontale, senza mezzi termini o reticenze, senza ricorrere a luoghi comuni o mera propaganda, ricostruendo con dati ed evidenze storiche il percorso che ha condotto gli stati moderni ad assumere l’odierna forma democratica e dimostrando la drammatica fragilità delle attuali strutture costituzionali.

Hoppe guida il suo lettore attraverso alcuni fondamentali passaggi argomentativi. In primo luogo, l’autore descrive il paradosso logico che si cela dietro la stessa esistenza dello Stato democratico, nato sulla base di un ipotetico contratto sociale di cui non si trova stranamente copia e che non risulta essere mai stato firmato da alcuna persona. Ma, se il fondamento logico-giuridico dello Stato è una mera finzione, da dove ha origine la sua presenza e come si giustifica il principale meccanismo che lo tiene in vita (la tassazione)? Hoppe dimostra come la banale ma spesso citata risposta – “lo Stato esiste perchè è il presidio del bene comune” – sia fallace, e lo fa attraverso un paradosso: dimostrando con rigore analitico che alla democrazia sarebbe preferibile un sistema politico su base monarchica.

E proprio quando il lettore comune, neofita rispetto a tali tesi, inizia a svegliarsi dal torpore culturale in cui è stato ingabbiato dal pensiero comune, Hoppe sferra un ulteriore e devastante attacco, questa volta contro lo stesso Stato ed ogni ordine costituito in forma egemonica e non volontaria.

La contrapposizione tra democrazia e monarchia è infatti un preludio al nucleo centrale del testo – così come dell’intera riflessione teorica dell’autore – che consiste nella contestazione dell’esistenza dello Stato quale monopolista nell’ambito della giustizia, della sicurezza e della legislazione. Hoppe sottolinea che lo Stato moderno, in realtà, anzichè garantire le libertà del cittadino le annienta, in particolare attraverso la tassazione. Illuminante in tal senso è l’esempio addotto da Hoppe: lo Stato è come un rapinatore che attende il cittadino, una volta all’anno, nello stesso luogo, pretendendo la consegna di una certa somma di denaro. Il cittadino non può ribellarsi, perchè questo rapinatore afferma di essere nel giusto; inoltre, questo rapinatore promette che la somma estorta sarà investita in servizi per il cittadino stesso, senza però dire quali sono questi servizi, da chi saranno offerti in concreto e, soprattutto, senza preoccuparsi che il cittadino abbia o meno bisogno degli stessi.

La soluzione offerta dall’autore, attraverso esempi pratici indubbiamente suggestivi, consiste in una società senza Stato – ossia senza ordini auto-costituiti – fondata esclusivamente sulla libera associazione delle persone e sul presupposto che la concorrenza tra individui garantirebbe servizi molto migliori e ad un costo decisamente inferiore rispetto a quelli attualmente “offerti” dallo Stato.

Hoppe offre delle risposte scomode, che potranno non essere accettate da tutti, ma ha certamente un grandissimo pregio, che consiste nel far sorgere un insistente dubbio nel lettore.

In conclusione: un libro assolutamente da leggere, perchè è uno straordinario esempio di come principi all’apparenza inattaccabili possano, in realtà, poggiare su fondamenta tutt’altro che solide.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hans-hermann

Hoppe

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hoppe Hans-Hermann

Ossigeno

Christiano Cerasola

Tiziano ha 45 anni, è nato a Cortona e vive a Torino. Si considera un ex scrittore perché ha pubblicato un solo libro da giovane. Ha rinunciato quando ha conosciuto una certa editoria, quella fatta di scambi di favori e di squallidi prodotti commerciali. La stessa per cui oggi lavora. Da anni infatti è un ghostwriter, pagato per rielaborare manoscritti scadenti e farne libri di successo. Una notte d'estate, però, sul terrazzino del piccolo appartamento dove vive con la gatta, Tiziano decide di tornare a scrivere. "Vicolo del Precipizio" sarà il titolo del suo nuovo libro, una raccolta di fatti ambientati a Cortona, un viaggio nella memoria: racconti toscani, amori finiti male, preti donnaioli, episodi partigiani ma anche fatti che riguardano la sua famiglia. Mentre prende corpo questo "libro nel libro", l'intera narrazione si riempie di personaggi e vicende, di episodi ora drammatici e ora grotteschi; leggende legate a Cortona e storie contadine, anche boccaccesche, che vanno a intrecciarsi ai ricordi personali di Tiziano, per confluire nel suo presente.

Vicolo del precipizio

Bassini Remo

Un ufficiale che diserta e intraprende un viaggio attraverso l'Italia devastata dalla guerra. Una ragazza di buona famiglia che diventa una partigiana pronta a uccidere un fascista dopo l'altro. Un ingegnere aeronautico che si nasconde in attesa che passi la bufera. Matteo, sua sorella Adele, il cognato Aldo: sono i personaggi di "In territorio nemico", tre giovani separati dalla guerra che, dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, cercano di ritrovarsi in un paese in preda al caos. Nei venti mesi terribili dell'occupazione nazista, i tre protagonisti faranno esperienza della battaglia, dell'isolamento, dell'amore, del conflitto con se stessi, fino ad affrontare la prova più difficile: scegliere da che parte stare mentre la morte li minaccia a ogni passo. "In territorio nemico" è una nuova epica della Resistenza. Un'epopea corale resa possibile dal lavoro di oltre cento scrittori e ispirata alle testimonianze di chi la guerra l'ha vissuta e non ha cessato di raccontarla. Un romanzo vivo e toccante che, tenendo ben presente l'eredità di Fenoglio, Malaparte e Calvino, apre una rinnovata prospettiva sull'esperienza tragica e fondativa della seconda guerra mondiale in Italia.

In territorio nemico

Gli ospiti dell’Hotel Haworth hanno trascorso un Capodanno davvero indimenticabile. L’albergo non è tra i più lussuosi, e oltre tutto è in via di ristrutturazione, ma le tariffe, cenone compreso, sono un affare e l’offerta di intrattenimenti ricca e varia. Così una nutrita clientela composta di famiglie con pargoli al seguito, pensionati e coppie più o meno regolari si è ritrovata, la notte del 31, nella sala ristorante dell’albergo per partecipare all’eccitante serata in maschera a tema, questa volta dedicata al «Misterioso Oriente». Alla luce soffusa delle candele, si sono susseguite portate dai nomi pretenziosi, alcol a volontà, giochi e danze, il tutto pervaso dall’allegria un po’ sopra le righe delle feste comandate. Insomma, un vero successo. Ma il programma per il primo dell’anno ha in serbo una sorpresa di troppo per gli ospiti ancora frastornati dai postumi della lunga nottata. In una delle stanze dell’hotel riposa - in eterno - un uomo per il quale l’anno nuovo si è già concluso con un brutale colpo alla testa. Neanche per Morse e Lewis l’anno inizia sotto i migliori auspici, costretti come sono ad abbandonare le innocenti distrazioni delle vacanze natalizie dall’infaticabile quotidianità del male. La caccia all’assassino insinuatosi tra seducenti danzatrici del ventre, finti sceicchi e misteriose donne velate, tuttavia, sarà abbastanza intrigante da non far rimpiangere al capo ispettore l’abituale Quizzone del primo dell’anno al suo pub preferito. Mentre il povero sergente Lewis, strappato al calore della vita familiare, riuscirà a superare la malinconia solo grazie al suo impeccabile senso del dovere e alla ruvida amicizia di Morse. Tra le tante maschere e menzogne che occultano la realtà, non sarà facile per i due poliziotti dare un volto e un nome al cadavere sfigurato della stanza numero 3 e al suo misterioso carnefice.

Il segreto della camera 3

Dexter Colin