Narrativa

Il destino trova sempre la sua strada

Florio Gianfabio

Descrizione: Tre personaggi in cerca d’amore. A modo loro, ognuno in fuga dal destino, che riuscirà comunque a scegliere per tutti, a discapito dei progetti e delle ambizioni personali. Un romanzo scritto a più voci, che racconta i tortuosi e imprevedibili percorsi che la vita a volte riserva. L’autore ci regala uno spaccato di vita italiana lungo vent’anni, nelle esistenze di Matteo, Lorenza e Ferdinando, una “Meglio gioventù” che tenta di sopravvivere nelle complesse evoluzioni dell’ esistenza.

Categoria: Narrativa

Editore: Parallelo45

Collana: Prima Linea

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

Mentre Lorenza salutava la sua compagna con una stretta di mano, ancora indecisa sul da farsi (che ci restava a fare lei da sola in quel posto?), vide quel giovane avvicinarsi verso di lei. Ebbe come l’impressione che la stesse proprio puntando, ma non ebbe molto tempo per riflettere, perché tutto si svolse in un attimo.
Lo guardò con convinzione mentre si avvicinava, e pensò intensamente “Baciami!”.

I suoi pensieri furono sorprendentemente accontentati, perché fu sufficiente il tempo di percorrere quei pochi passi che li separavano, e quel ragazzo le fu addosso, baciandola con passione.

Il destino trova sempre la sua strada è il terzo romanzo di Gianfabio Florio, anticipato dal suo esordio Sesso, Soldi & Prozac e dal successivo volume intitolato Tra vita e morte. Protagonisti in Il destino trova sempre la sua strada sono tre giovani, Ferdinando, Lorenza e Matteo, la cui storia comincia a essere narrata sin dalla loro infanzia per poi proseguire negli anni a venire.

Ferdinando è figlio di una famiglia borghese e oppressiva dalla quale riesce a scappare solo prendendo la radicale decisione di arruolarsi nella marina militare; Lorenza, sesta componente di una famiglia una volta facoltosa ma ormai caduta in rovina, dove quasi sempre ogni aspettativa di felicità dipende dalla presenza di denaro; e infine Matteo, abbandonato dal padre prima della sua nascita, che vive a Barcellona con la madre dipendente dalla chirurgia estetica e il suo nuovo, ricco compagno. Quello che accomuna i tre giovani sin dal principio è la loro estraneità rispetto all’ambiente che li circonda, e al tempo stesso la loro incapacità, attribuibile anche alla giovane età, di reagire.

L’autore accompagna il lettore durante gli anni, mostrandogli il lungo e spesso faticoso processo di crescita compiuto da Ferdinando, Lorenza e Matteo, tutti e tre circondati da persone ma sempre e irrimediabilmente soli. La svolta sembra arrivare nel momento dell’incontro tra Ferdinando e Lorenza, che viene raccontato come una scena da film e sembra preludere alla più romantica delle relazioni; ma la realtà mostra ben presto di essere ben più crudele di quanto sia possibile aspettarsi. Dopo una breve e presto rovinosa luna di miele, incapaci di comunicare e di capire come poter essere felici, nella loro instancabile ricerca di serenità Ferdinando e Lorenza incappano proprio in Matteo, che nel frattempo è scappato da Barcellona e si è trasferito a Roma. Cambiare città non l’ha aiutato a sfuggire dai soliti problemi, e ben presto Matteo si ritrova nuovamente immerso negli stessi ambienti falsi e ostili che lo avevano portato a odiare Barcellona. L’apice della vicenda si ha dopo l’incontro di Ferdinando e Lorenza con Matteo, quando i tre protagonisti si ritrovano a dover prendere decisioni che mai avrebbero pensato di dover assumere, finendo con lo scoprire di non essere, in fondo, troppo diversi da coloro che hanno sempre odiato.

Una storia che potrebbe essere vera, purtroppo, e che ci ricorda come spesso nella vita la solitudine possa portare a un isolamento da cui è impossibile tornare indietro, anche volendolo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianfabio

Florio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Florio Gianfabio

Magda Tiller era una moglie felice. Ora non più. Suo marito l’ha tradita e deve pagare il suo tradimento. Nella villa isolata nella campagna toscana dove i due coniugi trascorrono da anni le vacanze, non è difficile commettere un crimine senza essere visti. E nascondere un cadavere… Magda ha pianificato tutto nei minimi dettagli. Finché un piccolo granello non inceppa la catena perfetta delle sue azioni…

SENZA PERDONO

Thiesler Sabine

Il diario del ritorno sul palco di un giovane musicista dopo un periodo di lontananza dai riflettori. Un diario sincero e fragile, scandito a ritmo di musica, di poche settimane destinate a segnare l'esistenza del protagonista. Poche settimane vissute fra la quotidianità di un lavoro qualunque, le serate in sala prove o in tour con i compagni di una vita e la ricerca di una stabilità emotiva. Costantemente in bilico fra le inquietudini di un passato in eterno ritorno e l'esigenza di un nuovo equilibrio e nuovi lampi di serenità. Un romanzo crudo e diretto, figlio del caos di questi anni senza identità.

SUONANDO PEZZI DI VETRO

Bonfanti Roberto

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

Stoccolma, 1767. Deve lasciare la città, subito. Per il giovane compositore, l’unica possibilità di salvezza è affrontare un lungo cammino e rifugiarsi a Trondheim. Lì cambierà identità e, con il nome di Jon Blund, potrà dedicarsi anima e corpo al suo grande amore: la musica. Ma il destino è sempre in agguato e, alla fine, le strade della vita conducono tutte alla stessa destinazione: la morte… Trondheim, oggi. Il detective Odd Singsaker stenta a crederci. Eppure è proprio lì: un antico carillon – risalente al XVIII secolo – adagiato sul petto di una donna barbaramente assassinata, cui sono state asportate le corde vocali. Oltre a quell’indizio inquietante, i suoi uomini non hanno trovato nulla: non ci sono impronte digitali né tracce di DNA, né testimoni che possano fornire un identikit del killer. Per risolvere il mistero, Singsaker deve quindi aggrapparsi a quell’unica, flebile traccia: l’ipnotica melodia suonata dal carillon. E ben presto scopre non solo chi l’ha composta – un certo Jon Blund –, ma anche che, nel corso dei secoli, è stata considerata una musica maledetta. Perché promette il sonno eterno a chiunque l’ascolti…

IL SILENZIO DEL CARNEFICE

Brekke Jørgen