Fantasy

DESTINY

Stiefvater Maggie

Descrizione: James è un vero talento quando si tratta di suonare la cornamusa. È così bravo che ben presto è il suo stesso insegnante a rendersi conto che non ha più nulla da imparare, e che probabilmente si tratta del miglior suonatore di tutto lo Stato. Tuttavia, ci sono molte ragioni che rendono la Thornking-Ash la scuola perfetta per James: tanto per cominciare, ha il compito segreto di difendere i suoi studenti dalle mire di fate ed elfi. E poi c'è il vero motivo che lo ha spinto a iscriversi: la presenza della sua ex compagna di scuola Deirdre, Dee, di cui è ancora innamorato. Ma una fata di nome Nuala, che vuole succhiargli l'energia vitale, finisce per invaghirsi di lui, mettendo così a rischio il rapporto di James con Deirdre. Dee è al centro di un gioco mortale, e mentre James fatica a venire a capo dell'intricata situazione, Nuala lo segue di continuo, considerandolo una sorta di specchio della sua anima. Spera che prima o poi il suo affetto venga ricambiato, e che lui suoni per lei le sue bellissime musiche. Ma mentre James comincia a realizzare i suoi sentimenti per entrambe, Dee e Nuala stanno mutando e Samhain – meglio conosciuta come Halloween – si avvicina, con i suoi fuochi e i suoi riti, mortali per entrambe... E così James sarà costretto a salvare solo una delle due, e la scelta non sarà affatto facile.

Categoria: Fantasy

Editore: Fanucci

Collana: Teens International

Anno: 2011

ISBN: 9788834717573

Trama

Le Vostre recensioni

Siete appassionati di mitologia classica? Siete cresciuti guardando il cartone Pollon da bambini e sognando sulle pagine dell’Iliade appena arrivati alle scuole medie? Magari avete letto un classico del fantasy di Marion Zimmer Bradley, La torcia, ormai coinvolte dalla triste vicenda di Cassandra? E’ il momento di riscoprire i miti greci in una versione romanzata tutta nuova, assolutamente appassionante.

In questo periodo letterario, il mito classico è tornato di gran moda, e  fra le pagine di questo primo romanzo della saga di Josephine Angelini si respira tutta la magia di un mondo che non smette di ispirare   quelli dell’arte e dello spettacolo.

Appena un anno fa usciva per Mondadori Percy Jackson e gli dei dell’olimpo di Rick Riordan, romanzo davvero adatto ai più giovani che riportava in questi anni di editoria Zeus, Poseidone & Co con grande personalità.

Starcrossed sarà capace di coinvolgere un pubblico ancor più vasto, non tanto perché sia opera adatta a qualunque genere di lettore, ma piuttosto perché sembra scritto apposta – e probabilmente è proprio così – per le giovani adulte, fascia in enorme espansione e sempre più brulicante di lettrici “forti”, vere e proprie serial lettrici di saghe fantasy romantiche (controllate pure sul web il numero altissimo di blog, meeting, fan club dedicati a questo settore).

Di entusiasmante il libro ha che è davvero ben scritto, senza strafalcioni o adattamenti troppo irrispettosi dei miti cui si ispira, ed è veramente capace di coinvolgere fin dalle prime pagine.

Ingrediente fondamentale, nemmeno a dirlo, resta la complicata e sfortunata storia d’amore tre i due giovani protagonisti, discendenti dagli olimpi, Lucas ed Helen. Ma a dire il vero è tutto il mondo che ruota loro attorno e tutto lo stuolo di intrighi e fratelli e vendette famigliari a mostrare la capacità dell’autrice di calibrare perfettamente la narrazione.

La vicenda è raccontata in un crescendo di magia e tensione ad alto tasso di batticuore, perfetta impalcatura su cui costruire attimi di romanticismo assoluto.

Personalmente ritengo che quanto trasportato dall’autrice ai giorni nostri sia davvero rispettoso dello spirito che animava il mito classico, a partire dal forte senso di Necessità e Destino che sembrano muovere tutti i fatti principali del romanzo, fino a guidare le scelte stesse dei protagonisti.

Chissà che grazie a questo romanzo per adolescenti le più giovani non riscoprano letture molto edificanti e davvero illuminanti della nostra cultura classica, apprezzando al di fuori delle mura scolastiche gli intrighi divini e la simbologia universale nascosta dietro il mito greco.

Una short list da cui cominciare per uscire dalla favola della Angelini (in attesa del secondo libro che si farà attendere per ancora qualche mese) e riscoprire la mitologia? Per il supporto enciclopedico, I miti greci di Robert Graves, per approfondire i corsi e i ricorsi mitologici e il profondo intreccio tra umanità, storia e mito greco, Le nozze di Cadmo e Armonia di Roberto Calasso ed infine, per assaporare in chiave moderna un’opera di vera letteratura classica, Cassandra, di Christa Wolf.

Buona lettura e buon mito!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maggie

Stiefvater

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stiefvater Maggie


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel dicembre 1988, un violentissimo terremoto colpì la Repubblica Armena. Una intera regione fu rasa al suolo. Leggere questo testo porta a riflettere sull’entità incalcolabile delle catastrofi così lontane da noi spazialmente ed emotivamente, a considerare i popoli altri non come una massa indistinta, ma come un insieme di volti e di voci. Gli eventi di quei lunghi mesi hanno cambiato per sempre il corso della vita di molti protagonisti, mentre il mondo intorno a loro era in profonda trasformazione. Questa è la storia di una rinascita. Quest’opera è finalista al concorso letterario “Mangiaparole” (2012) e vincitrice della XI edizione del premio letterario diaristico “La Lanterna Bianca” (2012).

IL LUNGO INVERNO DI SPITAK

Simonelli Mario Massimo

Forse non è cosí vero che l'istinto materno non sbaglia mai. A volte scegliamo di non dare peso a una piccola crepa, un'incrinatura impercettibile, che a poco a poco scalfisce, fino a squarciare. Cosí succede a Carlo, che all'improvviso si ritrova inerme «come chi è rimasto dalla parte sbagliata di un fiume dopo il crollo di un ponte». Perché Isabel, sua moglie, lotta contro i propri demoni nell'accanito inseguimento di una purezza assoluta. Che svuota, logora, annienta. Anche il loro bambino. Marco Franzoso ha scritto una storia attuale e sovversiva, che sfida molti luoghi comuni. Una storia dura raccontata in punta di penna, che non ti togli piú dalla testa. «Quando infine mi passarono il bambino, una fitta di felicità mi lacerò il petto. Respirai forte per non crollare. Lo tenni in braccio e pensai che ce l'avevamo fatta. Almeno fino a lí ce l'avevamo fatta».

IL BAMBINO INDACO

Franzoso Marco

Grenoble, Francia. L'ispettore Eric Darrieux si ritrova immerso in un caso che da subito appare psicologicamente difficile. La scomparsa di un ragazzino, poi di un secondo, entrambi studenti dello stesso istituto. Il romanzo è ambientato nel quartiere di Eaux-Claires, quello nel quale Darrieux è cresciuto; quartiere da sempre luogo di immigrazione italiana che verrà battuto in ogni angolo, al quale verrà fatta una vera e propria autopsia, scavando nel profondo dei suoi abitanti, nelle loro storie che porteranno alla verità grazie a un lavoro di maieutica che lo stesso Eric compirà a sua insaputa su se stesso. Darrieux è uno sbirro che ama il proprio lavoro, mette anima e corpo nelle ricerche, lavora nell'ombra in aiuto dei colleghi e ha una storia privata complicata, diviso tra l'amore semplice per le proprie figlie e la moglie e quello carnale e forte verso la collega Catherine. Un ispettore attaccato al collo della bottiglia che alterna brevi attimi di coscienza e lucidità a fasi in cui l'alcol fa il suo corso, portandolo tra le nebbie delle scoperte e i fumi indefiniti del passato. Poi, una terza fuga. Eric dovrà camminare su strade scomode e segrete portando avanti un'indagine personale e lasciando all'oscuro alcuni colleghi fino a quando il caso gli verrà tolto, fino a quando scoprirà la verità accompagnandoci verso un finale stupefacente per logica fluidità e fredda coerenza. È a questo punto che Marin Ledun, autore del romanzo, presenta il tema della pedofilia con delicata incertezza, mostrandola dall'interno, dal lavoro deleterio e corrosivo che porta allo sfinimento delle persone. Un tema che si attacca alla memoria e lacera da dentro finché esplode nelle strade di un quartiere e le stanze buie del passato. “Quasi innocenti” è un thriller psicologico, una cronaca sociale, un giallo che mette in luce il rapporto tra aggressore e vittima con quel gioco crudele di deresponsabilizzazione del primo che impedisce al secondo di sentirsi libero per sempre.

QUASI INNOCENTI

Ledun Marin

Questo romanzo comincia il 6 luglio 777 in un'abbazia sull'isola di Vectis (Inghilterra), quando il piccolo Octavus, accolto dai monaci per pietà, prende una pergamena e comincia a scrivere un'interminabile serie di nomi affiancati da numeri. Un elenco enigmatico e inquietante. Questo romanzo comincia il 12 febbraio 1947, a Londra, quando Winston Churchill prende una decisione che peserà sulla sua coscienza sino alla fine dei suoi giorni. Una decisione atroce ma necessaria. Questo romanzo comincia il 28 marzo 1949, a Washington, quando Harry Truman, il presidente della prima bomba atomica, scopre un segreto che, se divulgato, scatenerebbe il panico nel mondo intero. Un segreto lontano e vicinissimo. Questo romanzo comincia il 22 maggio 2009, a New York, quando il giovane avvocato David Swisher riceve una cartolina su cui ci sono una bara e la data di quel giorno. Poco dopo, muore. E la stessa cosa succede ad altre cinque persone. Un destino crudele e imprevedibile. Questo romanzo è cominciato e forse tutti noi ci siamo dentro, anche se non lo sappiamo.

LA BIBLIOTECA DEI MORTI

Cooper Glenn