Dettato

Peter Sergio

Descrizione: ome si gioca a nascondino da soli? Un bambino ricerca un riparo dalla morte del padre e trova nell'aria le voci dei matti, degli animali, dei vecchi e delle donne che popolano i luoghi marginali di una sperduta valle di montagna. Riti collettivi di addio all'inverno, campane ferme, racconti orali, cadute, incantamenti e ossessioni animano il romanzo d'esordio di Sergio Peter che, ispirandosi alla lezione del Celati di "Narratori delle pianure" e del Calvino delle "Città invisibili", dà vita a un ritorno a casa che è anche viaggio iniziatico nei territori della memoria.

Categoria:

Editore: Tunué

Collana: Romanzi

Anno: 2014

ISBN: 978-88-6790-103-6

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

È arrivato il testo da leggere. L’ho caricato sul tablet e via, a tutta birra.
L’odore dell’inchiostro non mi manca, la sensazione è la stessa di quando reggevo a due mani il corpo del libro grattandomi di tanto in tanto.
Mi sono inabissato tra i comuni della Val Menaggio, nel comasco, paesi con mille, duemila anime, mucche che divorano maglioni di lana, asini che adorano le carezze e mangiano angurie, giochi di ragazzi cresciuti tra montanari amici e sottintesi che preludono a niente.
Al niente, esatto. Perché torni indietro di qualche pagina credendo di aver saltato un passo che potrebbe farti scivolare nella storia, ma il passo non c’è.
Manca il plot, la trama, la sequenza imprevedibile dei fatti.

Dettato, di Sergio Peter, è un libro sperimentale in cui manca la struttura del romanzo classico. È uno smilzo libretto in cui si srotolano i grovigli della memoria secondo le emozioni dell’autore, con salti temporali e personaggi che svaniscono e poi riappaiono legati da uno stato d’animo, una reminiscenza, o da vicinanza dei luoghi.
Si sente la nostalgia come impulso fondamentale nella stesura del libro, riappropriarsi e rielaborare i ricordi con termini desueti o dialettali, descrizione dei posti della propria giovinezza con precisione topografica che nemmeno Wikipedia.
Lo stile a tratti è molto poetico, musicale, e quando sembra che la prosa ti stia raccontando della morte del padre dell’autore caduto da un’impalcatura, ci si riperde nei comuni di Grandola, Bene Lario, Porlezza, anguille e statue che si frantumano,genealogie di famiglie numerose e semplici, come in tutte le montagne del mondo.

“Oppure è bello con la mamma andare al cimitero, saluto il papà e poi il mio incarico, mentre la mamma sistema i fiori alla tomba, il mio compito è prendere l’innnaffiatoio, e riempirlo d’acqua, ma non troppo, dice la mamma, sennò trasborda.
Esprimo i desideri, chiedo come sta e dico che faccio il bravo.”

Dettato è un’opera prima. L’unico Sergio Peter trovato su internet è un calciatore morto già da trent’anni.
Probabilmente se ne sentirà parlare ancora, e bene, quando al lirismo l’autore aggiungerà una storia, la storia, perché gli uomini sono ricordati non per quello che pensano ma per quello che fanno.
Il flusso di pensieri è dominante, gli episodi sono mischiati ai dialoghi e ai ricordi senza una demarcazione netta, rendendo il testo originale e accattivante. C’è un capitolo con lettere ritrovate di gente qualunque. Un altro con i consigli dell’Ermanno, come la spargitura del letame.
Cosa c’entra? Eppure il legame c’è, tenerezza, semplicità, poesia. Sì, anche nel disseminare cacche di vacche.

Una curiosità: il cognome è Peter, e non Sergio. L’ho ricavato dal capitolo sulla genealogia. È stato utile anche quello.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sergio

Peter

Libri dallo stesso autore

Intervista a Peter Sergio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel 1832 mentre il colera imperversa a New York, un uomo si aggira per la città fantasma, lottando contro gli spettri del proprio passato, mentre la morte si avvicina a passi felpati...Nel 1859, la vita del giovane rampollo di una ricca famiglia di Manhattan viene sconvolta dalla fulminante apparizione e dalla misteriosa sparizione di una modella irlandese... Nel 2001, una donna perseguitata dal fantasma dell'amante, morto negli attacchi contro le Torri gemelle, intreccia un'ambigua relazione con un avvocato nella cui mente si annidano pericolose turbe... Dal maestro delle atmosfere gotiche, tre raccontiche comunicano, attraverso enigmatici echi sotterranei, tre amori che sconfinano nella follia, uno sguardo inquieto sul volto segreto di New York.

La città fantasma

McGrath Patrick

Nei suoi bestseller (Il Codice da Vinci, Angeli e demoni e Il simbolo perduto), Dan Brown ha mescolato in modo magistrale storia, arte, codici e simboli. In questo nuovo e avvincente thriller, ritorna ai temi che gli sono più congeniali per dare vita al suo romanzo più esaltante. Robert Langdon, il professore di simbologia di Harvard, è il protagonista di un'avventura che si svolge in Italia, incentrata su uno dei capolavori più complessi e abissali della letteratura di ogni tempo: l'"Inferno" di Dante. Langdon combatte contro un terribile avversario e affronta un misterioso enigma che lo proietta in uno scenario fatto di arte classica, passaggi segreti e scienze futuristiche. Addentrandosi nelle oscure pieghe del poema dantesco, Langdon si lancia alla ricerca di risposte e deve decidere di chi fidarsi... prima che il mondo cambi irrimediabilmente.

Inferno

Brown Dan

Yambo, il protagonista del romanzo, si risveglia dopo un incidente e scopre di aver perso la memoria. Non la memoria che i neurologi chiamano “semantica” (egli ricorda tutto di Giulio Cesare e sa recitare tutte le poesie che ha letto in vita sua), bensì quella “autobiografica”: non sa più il proprio nome, non riconosce la moglie e le figlie, non ricorda nulla della sua infanzia. La moglie lo convince a tornare nella casa di campagna, dove ha conservato i libri e i giornali letti da ragazzo, i quaderni di scuola, i dischi ascoltati allora. Così, in un immenso solaio, l’uomo rivive la storia della propria generazione, arrestandosi soltanto di fronte a due vuoti ancora nebbiosi: le tracce di un’esperienza atroce vissuta negli anni della resistenza e l’immagine vaga di una ragazza amata a sedici anni e poi perduta.

La misteriosa fiamma della regina Loana

Eco Umberto

Parlami di me. Tutti hanno un posto a cui tornare - Il romanzo di Graziella Dotta, vincitrice del concorso letterario La Quercia del Myr

Parlami di me

Dotta Graziella