Dettato

Peter Sergio

Descrizione: ome si gioca a nascondino da soli? Un bambino ricerca un riparo dalla morte del padre e trova nell'aria le voci dei matti, degli animali, dei vecchi e delle donne che popolano i luoghi marginali di una sperduta valle di montagna. Riti collettivi di addio all'inverno, campane ferme, racconti orali, cadute, incantamenti e ossessioni animano il romanzo d'esordio di Sergio Peter che, ispirandosi alla lezione del Celati di "Narratori delle pianure" e del Calvino delle "Città invisibili", dà vita a un ritorno a casa che è anche viaggio iniziatico nei territori della memoria.

Categoria:

Editore: Tunué

Collana: Romanzi

Anno: 2014

ISBN: 978-88-6790-103-6

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

È arrivato il testo da leggere. L’ho caricato sul tablet e via, a tutta birra.
L’odore dell’inchiostro non mi manca, la sensazione è la stessa di quando reggevo a due mani il corpo del libro grattandomi di tanto in tanto.
Mi sono inabissato tra i comuni della Val Menaggio, nel comasco, paesi con mille, duemila anime, mucche che divorano maglioni di lana, asini che adorano le carezze e mangiano angurie, giochi di ragazzi cresciuti tra montanari amici e sottintesi che preludono a niente.
Al niente, esatto. Perché torni indietro di qualche pagina credendo di aver saltato un passo che potrebbe farti scivolare nella storia, ma il passo non c’è.
Manca il plot, la trama, la sequenza imprevedibile dei fatti.

Dettato, di Sergio Peter, è un libro sperimentale in cui manca la struttura del romanzo classico. È uno smilzo libretto in cui si srotolano i grovigli della memoria secondo le emozioni dell’autore, con salti temporali e personaggi che svaniscono e poi riappaiono legati da uno stato d’animo, una reminiscenza, o da vicinanza dei luoghi.
Si sente la nostalgia come impulso fondamentale nella stesura del libro, riappropriarsi e rielaborare i ricordi con termini desueti o dialettali, descrizione dei posti della propria giovinezza con precisione topografica che nemmeno Wikipedia.
Lo stile a tratti è molto poetico, musicale, e quando sembra che la prosa ti stia raccontando della morte del padre dell’autore caduto da un’impalcatura, ci si riperde nei comuni di Grandola, Bene Lario, Porlezza, anguille e statue che si frantumano,genealogie di famiglie numerose e semplici, come in tutte le montagne del mondo.

“Oppure è bello con la mamma andare al cimitero, saluto il papà e poi il mio incarico, mentre la mamma sistema i fiori alla tomba, il mio compito è prendere l’innnaffiatoio, e riempirlo d’acqua, ma non troppo, dice la mamma, sennò trasborda.
Esprimo i desideri, chiedo come sta e dico che faccio il bravo.”

Dettato è un’opera prima. L’unico Sergio Peter trovato su internet è un calciatore morto già da trent’anni.
Probabilmente se ne sentirà parlare ancora, e bene, quando al lirismo l’autore aggiungerà una storia, la storia, perché gli uomini sono ricordati non per quello che pensano ma per quello che fanno.
Il flusso di pensieri è dominante, gli episodi sono mischiati ai dialoghi e ai ricordi senza una demarcazione netta, rendendo il testo originale e accattivante. C’è un capitolo con lettere ritrovate di gente qualunque. Un altro con i consigli dell’Ermanno, come la spargitura del letame.
Cosa c’entra? Eppure il legame c’è, tenerezza, semplicità, poesia. Sì, anche nel disseminare cacche di vacche.

Una curiosità: il cognome è Peter, e non Sergio. L’ho ricavato dal capitolo sulla genealogia. È stato utile anche quello.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sergio

Peter

Libri dallo stesso autore

Intervista a Peter Sergio

Fabio ha sei anni, due genitori e una decina di nonni. Sì, perché è l'unico bimbo della famiglia Mancini, e i tanti fratelli del suo vero nonno - uomini impetuosi e pericolosamente eccentrici - se lo contendono per trascinarlo nelle loro mille imprese, tra caccia, pesca e altre attività assai poco fanciullesche. Così Fabio cresce senza frequentare i suoi coetanei, e il primo giorno di scuola sarà per lui un concentrato di sorprese sconvolgenti: è incredibile, ma nel mondo esistono altri bambini della sua età, che hanno tanti amici e pochissimi nonni, e si divertono tra loro con giochi misteriosi dai nomi assurdi - nascondino, rubabandiera, moscacieca. Ma la scoperta più allarmante è che sulla sua famiglia grava una terribile maledizione: tutti i maschi che arrivano a quarant'anni senza sposarsi impazziscono. I suoi tanti nonni strambi sono lì a testimoniarlo. Per fortuna accanto a lui c'è anche un padre affettuoso, che non parla mai ma con le mani sa aggiustare le cose rotte del mondo. E poi la mamma, intenzionata a proteggere Fabio dalle delusioni della vita, una nonna che comanda tutti e una ragazzina molto saggia che va in giro travestita da coccinella. Una famiglia caotica e gigantesca che pare invincibile, finché qualcosa di totalmente inatteso la travolge. Giorno dopo giorno, dalle scuole elementari fino alle medie, il protagonista cerca di crescere nel precario equilibrio tra un mondo privato pieno di avventure e smisurato come l'immaginazione, e il mondo là fuori, stretto da troppe regole e dominato dalla legge del più forte...

Il mare dove non si tocca

Genovesi Fabio

«In zona San Siro a Milano una macabra scoperta ha funestato questa mattina il lavoro di Khalid Buhar, macchinista dell’impresa edile Milano Costruzioni, mentre si accingeva a spianare il terreno a ridosso di una vecchia villa, abbattuta per far posto a un nuovo ipermercato di proprietà del magnate svizzero Karl Heimer. Stava operando con la scavatrice quando, dalle macerie, sono improvvisamente venuti alla luce alcuni resti umani». Guido Barbieri, professore di storia in pensione, non ha dubbi: si tratta di Angela Pozzi, scomparsa a 17 anni nel lontano 1965. Una ragazza della quale lui, diciottenne, era follemente innamorato. Ma sembra che la morte di Angela Pozzi interessi solo a lui e di riflesso alla figlia Laura, giornalista di un’emittente televisiva. La magistratura ha infatti gatte da pelare molto più urgenti e pressanti. Sarà però un nuovo inaspettato delitto a richiedere l’intervento deciso di Daniele Ferrazza, un commissario di polizia giudiziaria che nutre per Laura un interesse non soltanto professionale. Il commissario si troverà ad affrontare un caso oscillante tra passato e presente, all’apparenza indecifrabile. Tanto indecifrabile da sfuggire ai canoni classici dei fatti di sangue. La vera protagonista del romanzo è come sempre Milano, con la trasformazione che ha subito, dagli anni Sessanta ad oggi, da città industriale a città di servizi multietnica, dove sono scomparse le latterie, i trani, il fumo delle ciminiere e lo smog delle caldaie a carbone, lasciando il posto ad asettici uffici, al proliferare dei media, al trionfo del digitale. Una mutazione nella quale si specchia il rapporto non facile tra un padre cresciuto sull’onda ideologica di un Novecento che non c’è più e una figlia pragmatica e interamente dedita alla carriera professionale, e nella quale la presenza ingombrante dei media nei casi giudiziari diventa la normalità. “Oggi i processi si fanno in televisione”, commenta uno dei personaggi. Una realtà del nostro tempo che qui trova l’ennesima conferma.

Morte a San Siro. Milano, il mistero di villa Pozzi

Bastasi Alessandro

La zona tra Brescia, Chiari e Rovato è un distretto produttivo pieno di fabbriche e di capannoni. Ed è il personale inferno di Dante, che di mestiere fa la guardia giurata e gira, notte dopo notte, per verificare che tutto vada per il meglio. Vive insieme a sua madre, una donna che da quando è vedova sembra rinata. Ma rinata male, perché passa il suo tempo tra creme e sesso trovato via internet. Col risultato che Dante è sempre più solo. Nella stessa zona vive anche Samira. Quindici anni, musulmana e bella. Ha un padre violento, reso ancora più violento dal fatto di vivere in un posto che sente straniero e ostile: l’Italia. Così quest’uomo sarebbe pronto ad ammazzare sua figlia se soltanto sapesse che ha incontrato Dante, un cristiano, e che si ostina a frequentarlo. Perché Samira, in realtà, è già una donna. E vuole essere una donna libera. Mentre un gruppetto di suoi connazionali sta preparando un attentato miserabile, da poveracci, e Dante finirà per imbattersi anche in loro. “La notte dei petali bianchi” prova a rispondere a una domanda: fa più paura stare da soli o fanno più paura gli altri, i diversi da noi? E lo fa mettendoci a disposizione una lucida visione dell’Italia dei nostri anni e un strepitoso talento nel raccontarla.

LA NOTTE DEI PETALI BIANCHI

Di Fiore Gianfranco

La i-settimana dedicata a Pasolini