Dettato

Peter Sergio

Descrizione: ome si gioca a nascondino da soli? Un bambino ricerca un riparo dalla morte del padre e trova nell'aria le voci dei matti, degli animali, dei vecchi e delle donne che popolano i luoghi marginali di una sperduta valle di montagna. Riti collettivi di addio all'inverno, campane ferme, racconti orali, cadute, incantamenti e ossessioni animano il romanzo d'esordio di Sergio Peter che, ispirandosi alla lezione del Celati di "Narratori delle pianure" e del Calvino delle "Città invisibili", dà vita a un ritorno a casa che è anche viaggio iniziatico nei territori della memoria.

Categoria:

Editore: Tunué

Collana: Romanzi

Anno: 2014

ISBN: 978-88-6790-103-6

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

È arrivato il testo da leggere. L’ho caricato sul tablet e via, a tutta birra.
L’odore dell’inchiostro non mi manca, la sensazione è la stessa di quando reggevo a due mani il corpo del libro grattandomi di tanto in tanto.
Mi sono inabissato tra i comuni della Val Menaggio, nel comasco, paesi con mille, duemila anime, mucche che divorano maglioni di lana, asini che adorano le carezze e mangiano angurie, giochi di ragazzi cresciuti tra montanari amici e sottintesi che preludono a niente.
Al niente, esatto. Perché torni indietro di qualche pagina credendo di aver saltato un passo che potrebbe farti scivolare nella storia, ma il passo non c’è.
Manca il plot, la trama, la sequenza imprevedibile dei fatti.

Dettato, di Sergio Peter, è un libro sperimentale in cui manca la struttura del romanzo classico. È uno smilzo libretto in cui si srotolano i grovigli della memoria secondo le emozioni dell’autore, con salti temporali e personaggi che svaniscono e poi riappaiono legati da uno stato d’animo, una reminiscenza, o da vicinanza dei luoghi.
Si sente la nostalgia come impulso fondamentale nella stesura del libro, riappropriarsi e rielaborare i ricordi con termini desueti o dialettali, descrizione dei posti della propria giovinezza con precisione topografica che nemmeno Wikipedia.
Lo stile a tratti è molto poetico, musicale, e quando sembra che la prosa ti stia raccontando della morte del padre dell’autore caduto da un’impalcatura, ci si riperde nei comuni di Grandola, Bene Lario, Porlezza, anguille e statue che si frantumano,genealogie di famiglie numerose e semplici, come in tutte le montagne del mondo.

“Oppure è bello con la mamma andare al cimitero, saluto il papà e poi il mio incarico, mentre la mamma sistema i fiori alla tomba, il mio compito è prendere l’innnaffiatoio, e riempirlo d’acqua, ma non troppo, dice la mamma, sennò trasborda.
Esprimo i desideri, chiedo come sta e dico che faccio il bravo.”

Dettato è un’opera prima. L’unico Sergio Peter trovato su internet è un calciatore morto già da trent’anni.
Probabilmente se ne sentirà parlare ancora, e bene, quando al lirismo l’autore aggiungerà una storia, la storia, perché gli uomini sono ricordati non per quello che pensano ma per quello che fanno.
Il flusso di pensieri è dominante, gli episodi sono mischiati ai dialoghi e ai ricordi senza una demarcazione netta, rendendo il testo originale e accattivante. C’è un capitolo con lettere ritrovate di gente qualunque. Un altro con i consigli dell’Ermanno, come la spargitura del letame.
Cosa c’entra? Eppure il legame c’è, tenerezza, semplicità, poesia. Sì, anche nel disseminare cacche di vacche.

Una curiosità: il cognome è Peter, e non Sergio. L’ho ricavato dal capitolo sulla genealogia. È stato utile anche quello.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sergio

Peter

Libri dallo stesso autore

Intervista a Peter Sergio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il volume raccoglie due dei più importanti romanzi di Joseph Roth. Nella Leggenda del santo bevitore Andreas, un clochard, vive sotto i ponti di Parigi. Quando un misterioso passante gli dona una piccola somma di denaro, egli la accetta promettendo di restituirla la domenica successiva con un'offerta in chiesa. Ogni volta che ha in tasca il denaro sufficiente per saldare il suo debito, però, Andreas non resiste alla tentazione di usarlo per rincorrere vizi e piaceri e la restituzione di quei duecento franchi diventa la sua tormentata ragione di esistere. Da questo racconto, tradotto in tutto il mondo e considerato il testamento letterario di Roth, è tratto l'omonimo film di Ermanno Olmi. In Fuga senza fine, Franz Tunda, tenente dell'esercito austriaco, viene fatto prigioniero dai russi e riesce a salvarsi grazie all'aiuto di un mercante di pellicce siberiano, che lo nasconde in casa sua. A guerra finita, Franz, dopo molte peripezie e avventure sentimentali, ritorna finalmente in Austria, ma ormai non è più lo stesso. Metafora del disincanto e dello smarrimento che ha colpito la generazione vissuta in Europa tra le due guerre, questo breve e intenso romanzo è considerato il più autobiografico tra quelli di Roth.

La leggenda del santo bevitore

Roth Joseph

Susi ha trent'anni e vive a New York. Ha un fiuto straordinario per gli uomini sbagliati, tanto che ha inanellato una lunga serie di relazioni fallimentari. L'ultima le brucia ancora. Quando il padre decide di affidarle la gestione del ristorante di famiglia, "Da Totò", Susi è convinta che sia arrivata l'occasione giusta per dimostrare finalmente le proprie capacità. Ma una sorpresa indesiderata la attende dietro l'angolo: ad affiancarla ci sarà Michael Di Bella, chef tanto geniale quanto presuntuoso e maledettamente bello, per il quale Susi prova un odio profondo dai tempi del liceo... Ma, come spesso accade, la convivenza forzata, complici cibo e fornelli, può scatenare reazioni inaspettate e anche l'astio più antico può mutarsi in scintille. E passione...

Ti odio con tutto il cuore

Luzi Valeria

Tutto ha inizio nell'agosto del 1346, quando il prode Maynard de Roqueblanche, sopravvissuto a una disfatta militare, entra in possesso di un enigma vergato su un rotolo di pergamena. In quel testo si fa riferimento a una reliquia preziosa quanto sconosciuta, il Lapis Exilii, che suscita subito l'interesse di un cardinale di Avignone e del principe Carlo di Lussemburgo, bramoso di farsi incoronare imperatore. Per non far cadere la pergamena in mani sbagliate, Maynard dovrà fuggire presso la sorella Eudeline, badessa del convento di Sainte-Balsamie, poi a sud delle Alpi, nell'abbazia di Pomposa. Sarà proprio qui che conoscerà l'abate Andrea e il giovane pittore Gualtiero de' Bruni, insieme ai quali proverà a scoprire la verità sulla reliquia. Ma l'unico a conoscerla è un monaco dall'aspetto deforme, Facio di Malaspina, che ha carpito il segreto del Lapis Exilii da un luogo irraggiungibile, il monastero di Mont-Fleur...

L’abbazia dei cento peccati

Simoni Marcello

NIHAD SIREES: Stiamo combattendo contro la storia ufficiale di un regime