Saggi

Di regine, di sante e di streghe

Franceschi Susanna Berti

Descrizione: Una delle espressioni più comuni nella nostra epoca, per asserire che il mondo oggi va meglio di allora, è: "Non siamo mica nel Medioevo!". Eppure quel periodo definito buio non lo era poi quanto si crede e si dice.Troviamo qui le storie di venticinque donne che furono regine, sante e streghe. Quello che accomuna tutte loro è il potere, più o meno grande, che giunsero ad avere, nonostante la dominanza maschile vigente allora in quasi tutti i campi. Queste donne del Medioevo raccontano una realtà diversa da quella che viene proposta nei libri di storia. Le regine governano su vasti territori e sottomettono uomini, le sante e le mistiche sono donne di notevoli doti intellettuali che apportano alla comunità il loro sapere e indirizzano le scelte dei potenti, le streghe sono contadine che conoscono l'arte medica, e quelli che noi chiamiamo "i rimedi della nonna". I racconti, sintetici e incisivi, mostrano come il "periodo di mezzo" debba esser conosciuto anche per la vivacità intellettuale delle donne di allora, riconoscendo la loro grande forza e importanza, in modo che si possa ristabilire, nella storia di questo periodo, il giusto "equilibrio di genere".

Categoria: Saggi

Editore: Elmi's World

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788897192039

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Quando si parla di medioevo, raramente lo si fa in un’ottica femminile. Si narrano storie di re, nobili e cavalieri mentre le donne sono spesso relegate in ruoli comprimari. L’autrice di questo breve saggio ci presenta in poche pagine la vita di 26 donne che, grazie al loro carisma e alle loro incredibili capacità, hanno, ognuna a proprio modo, segnato il loro tempo. Le loro storie sono in alcuni casi note, ma in altri sconosciute ai piu’.

Le storie narrate sono divise in tre gruppi, “corrispondenti alle tre categorie di nobili, streghe e sante […] Il confine tra le categorie […] è labile, poco netto. Ma in questo testo adottiamo ugualmente, seppur in modo sommario, questa divisione allo scopo di permettere […] una più agevole comprensione del periodo storico e di rendere più facile la ricerca e la memorizzazione dei personaggi presentati.”

Come l’autore stesso ci spiega, dunque, la classificazione delle storie ha l’intento di facilitare la lettura del testo. “Le definizioni stesse sono, per altro, soltanto indicative. Nella categorie “Regine”, infatti, abbiamo inserito anche donne di potere che non hanno questo titolo, ma hanno comandato su genti e territori; nella categoria “Sante” collochiamo anche le mistiche, coloro cui la Chiesa ha riconosciuto uno speciale rapporto col “divino”, anche se il loro essere visionarie avrebbe potuto farle considerare delle “Streghe”“.

Ad ogni personaggio sono dedicate solo poche pagine, nelle quali sono narrate brevemente la vita e ciò che ha reso la sua storia degna di essere raccontata. Il libro fornisce dunque solo degli spunti che il lettore interessato potrà poi approfondire.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Berti

Susanna

Franceschi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Franceschi Susanna Berti

«Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie». Si apre cosí la lettera che Vanda scrive al marito che se n’è andato di casa, lasciandola in preda a una tempesta di rabbia impotente e domande che non trovano risposta. Si sono sposati giovani all’inizio degli anni Sessanta, per desiderio di indipendenza, ma poi attorno a loro il mondo è cambiato, e ritrovarsi a trent’anni con una famiglia a carico è diventato un segno di arretratezza piú che di autonomia. Perciò adesso lui se ne sta a Roma, innamorato della grazia lieve di una sconosciuta con cui i giorni sono sempre gioiosi, e lei a Napoli con i fi gli, a misurare l’estensione del silenzio e il crescere dell’estraneità. Che cosa siamo disposti a sacrifi care, pur di non sentirci in trappola? E che cosa perdiamo, quando scegliamo di tornare sui nostri passi? Perché niente è piú radicale dell’abbandono, ma niente è piú tenace di quei lacci invisibili che legano le persone le une alle altre. E a volte basta un gesto minimo per far riaffi orare quello che abbiamo provato a mettere da parte.

Lacci

Starnone Domenico

C’è la misteriosa eredità di Tabitha Dyerson, la guaritrice – o maga – del paese, che sposò il Dr. Robert Morgan, un disertore della guerra civile. Gli infermi della città si radunavano attorno a Tabitha, i cui rimedi a base di erbe curavano molti più pazienti di quanto i metodi scientifici di suo marito avessero mai fatto. Si diceva che Tabitha avesse lasciato un ‘‘libro delle ombre’’, un libro da strega con le ricette di tutte le sue pozioni. Nonostante in molti lo avessero cercato, nessuno era mai riuscito a trovarlo... fino ad ora. Il lettore segue la vita di Truly, la figlia di Tabitha, i suoi tempi e le sue avventure. Le sottotrame abbondano, così come le risate, le lacrime, gli intrighi, le bugie e la magia.

LA RAGAZZA GIGANTE DELLA CONTEA DI ABERDEEN

Baker Tiffany

Quando "nel mezzo del cammin della propria vita ci si ritrova per una selva oscura ché la diritta via era smarrita" è un buon momento per capire cosa si vuole dal proprio futuro. Ed è in uno di questi momenti che la protagonista si ferma un istante a riflettere sulla propria vita, comincia a prendere consapevolezza di sé e cerca di svincolarsi dalle pressioni sociali ritrovando così i suoi desideri che pian piano comincia a perseguire. Vuole ritrovare la magia di un sogno che si tramuta in realtà e rimettere equilibrio nelle amicizie. Scopre il potere del no, e di quanto a volte possa essere una parolina positiva. Così nel suo cambiamento ritrova il suo essere e l'amore.

POI, HO SMESSO

Green Sofia

Tutto ha inizio quando la protagonista regala ad un mendicante un diario al posto della solita moneta. E qui si apre l'universo di una ragazza che potrebbe essere definita una "giovane Werther del XXI secolo", ma molto innamorata della vita al punto da volerla afferrare nella sua pienezza. "L'uomo ha infinitamente bisogno dell'uomo". Questo è il messaggio forte che Meri ci vuole dare, ed è il messaggio che tutti dovrebbero avere bene in mente, senza finire per dividere ciò che va unito.

IL MENDICANTE DI PENSIERI

Nigro Meri