Narrativa

Diario dello smarrimento

Di Consoli Andrea

Descrizione: «Penso a tutti i libri che non sono stati scritti, alla grande storia della letteratura invisibile, rimasta ferma e muta in una morsa di stomaco, in uno struggimento che di colpo si fa paura, e poi solitudine, e poi corpi da abbracciare senza dire nemmeno niente». Un diario intimo, tanto più personale quanto condiviso e universale. Un memoriale nel quale lo scrittore lucano mette a nudo, senza veli, i suoi drammi e le sue gioie. Frammenti di una vita vissuta ad alta intensità emotiva che si ricompongono in un bilancio umano in cui la letteratura spinge il dito nella piaga dell'esistenza e diviene rivelazione del mondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Inschibboleth

Collana:

Anno: 2019

ISBN: 9788855290203

Recensito da Angelo Favaro

Le Vostre recensioni

Diario dello smarrimento di Andrea Di Consoli

Diario dello smarrimento: frammenti della confessione di un raisonneur nel XXI secolo

Se un raisonneur, non un moralista ma certamente con una sua indubbia prospettiva morale, dalla Parigi del secondo Settecento si trovasse catapultato, in Italia, o più esattamente nel centro sud della penisola, con una imprevedibile macchina del tempo, in questo confuso e delirante presente, nella più nevrotica postmodernità o nel bel mezzo della drammatica affermazione di una svolta neomoderna, e, dopo qualche tempo, avendo avuto contezza della realtà, della storia, della nuova civiltà, dal XX al XXI secolo, si provasse a vergare le carte con le sue osservazioni e a partire dalla sua vita: ecco su quei fogli (forse elettronici, ha imparato rapidamente ad usare word) potremmo leggere considerazioni aforistiche miste a pensieri di un uomo, che da questa sua esperienza ha distillato un inalterabile smarrimento.

Ad una prima lettura sembrerebbe un diario e forse quel philosophe, che ben conosce Montaigne e Pascal, certamente François de La Rochefoucauld, Rousseau e Voltaire, ma anche i nostri Gramsci, Gobbetti, Malaparte, De Ruggero ex multis, lo vorrebbe considerare tale, ma il contatto con la contemporaneità, con l’oggi, ha lasciato tracce indelebili e facilmente riconoscibili: il Diario dello smarrimento di Andrea Di Consoli (Shibboleth, 2019, pp. 167. 15.00 €) è un journal civile e una professione di fede inossidabile nell’Uomo e nell’humanum, dove si mescolano e si saldano la condizione psicologica, con gli alti e i bassi, e le esperienze quotidiane alla testimonianza d’esistenza, che è una dichiarazione di resistenza al disamore, alla paura, all’inquietante cinismo e al sarcasmo disfattista. Del diario non troviamo date, luoghi e tutte le indicazioni topiche del genere letterario, ma al contempo rileviamo l’andamento rapsodico, le intermittenze del cuore e dell’intelligenza, le occasioni e le sconfitte, gli incidenti e i tripudi, l’agitazione e l’entusiasmo, che rendono il tempo di una vita nei modi della scrittura la misura di ogni dolore e dell’amore.

Quando Andrea (sarà proprio lui il personaggio protagonista di questo journal intime? Sarà un caso di omonimia? Chi dice “io”? Ci troviamo di fronte ad un nuovo Marcel che non è Marcel, ma è Marcel comunque?) ci rivela: «Scrivere è tutte le parole che aspettavamo e che la vita non ci ha detto» (p. 106), sta nuovamente e con altre parole, come il viaggatore senza bagaglio, ribadendo che «La vita o si vive o si scrive, io non l’ho mai vissuta, se non scrivendola», ma con una non lieve variazione: la vita si vive perché qualcuno possa scriverne quel qualcosa che la rende sensata, nella totale insensatezza. Diario dello smarrimento è il movimento di una Rhapsody in Blue che trapassa dal ciano al ceruleo, dall’avio all’oltremare, dal cobalto allo zaffiro, pagina dopo pagina, nei momenti di una biografia (o un’autobiografia?) per fragmenta lirici e filosofici, dove l’allegoria e l’astuta sapidità gorgiana non annullano gli scoramenti, i momenti di nichilismo, la ragionevolezza e l’angoscia, travalicando l’aforismario dell’incompiutezza e ricostituendo la confessione-confidenza di un vagabondo, che vive on the road o più precisamente on the train.

«Il mondo attuale» avvertiva interrogandosi e interrogandoci Marìa Zambrano, mentre studiava il genere letterario della confessione, «ha la spaventosa faccia dell’assenza del soggetto, della molteplicità sfuggente e fluida dell’io psichico da cui è fuggita la forma, lasciando il fantasma e il vuoto: non avrà bisogno di una vera e inesorabile confessione?», Andrea Di Consoli tenta di rispondere con la sua confessione-confidenza, o confessione in confidenza, e riflette: «fingere o recitare la luminosità non significa purtroppo rendere luminoso il buio; anzi, significa difenderlo coi denti, il buio» (p. 66). Il buio e la luce, il chiaroscurale attraversamento dell’ombra per passare dall’uno all’altra e tornare da dove ci si era mossi è un canto orfico, in questa melodia rimaniamo attoniti e ammaliati.

Oh sì, dalle prime pagine i lettori subiscono la tentazione di scoprire nome, cognome, attività lavorativa o la professione, indirizzo, ricostruire gli spostamenti, vedere una foto di famiglia, andare in cerca di tutti coloro che sono nominati, gente umile o celebre; si rischia di sovrapporre Andrea Di Consoli all’io narrante-confidente. No, non voglio credere siano la stessa persona, preferisco pensare che il personaggio-voce narrante/confidente sia un altro, sia altrove, sempre, sia stato e sia ancora. «Orfeo è tutto nel canto. Il suo dolore è più forte di tutto. Egli conosce la verità, e la verità è la perdita» (p. 99): sì anche lui come Orfeo, con la sua lira, senza la sua Euridice. Vivo, sempre vivo. Personaggio.

Il nostro raisonneur settecentesco, catapultato con i potenti mezzi della scienza e della tecnica nell’Italia del XXI secolo, esprime idee, riflessioni, narra tranche de vie, ricorda con una prosa vivace, senza sofismi o sofisticazioni, priva di assertività, elegante senza affettazione: il lessico attinge alla quotidianità di un uomo colto, lettore onnivoro ma anche arguto conversatore, che appassiona, commuove, emoziona con un linguaggio dove a prevalere è sempre e comunque il sentimento. Non cede al monologo interiore che si esteriorizza, anche se all’apparenza queste memorie del sottosuolo portate alla luce accondiscendono al ripiegamento su sé stesso e alla malinconica constatazione di una insuperabile solitudine. La costruzione sintattica è ingemmata dal frammenstismo lirico, ma con misura, e il piacere di raccontare e di raccontarsi vince qualsiasi tentazione retorica, per approdare ad una costruzione del periodo quasi solariana, piana, quasi un addomesticamento dello smarrimento e delle tensioni alla necessità di dire e di farsi ascoltare da un gran numero di persone, senza per questo perdere sé e il proprio stile, la propria dinamicità, con una poderosità condensata negli aforismi e in alcune illuminazioni, dal ritmo incalzante.

«Tutto ciò che non ha funzionato è per colpa mia. Per quanto io abbia potuto dire o pensare per difesa che era colpa degli altri, la verità è che mi sono imputato e mi imputo tutte le cose che non sono andate bene intorno a me. Sembrerebbe umiltà non credersi così protagonisti unici; mi appare invece una superba oscenità anche solo sospettare che la colpa sia degli altri. […] Il senso di colpa ha tiranneggiato e tormentato ogni singolo atto della mia esistenza» (p. 131): la sincerità è lo stilema ricorrente di tutto il volume. La sincerità che emerge dalla nudità, dall’aver scelto di esporsi, e la lingua italiana e la sintassi di questa lingua non sono altro che strumenti di rivelazione, di denudamento, vengono piegate all’attraversamento di sé. «Il mio rapporto assurdo coi luoghi; questo percepirli come un’estensione del mio corpo, questo vederli segnati da ciò che provai, da ciò che vissi, da ciò che sentii; questo vivere le strade, le città, i paesi, certe case, certi alberghi, certi svincoli, come organi, come pezzi di me, come sintomi della mia forte vita vissuta come una storia di malattia e di guarigione» (133): il corpo e l’estensione di sé nelle cose, nei luoghi, non per egotismo, ma per simbiosi, per vivere con l’alterità, nell’alterità.

            Il nostro philosophe ha vissuto così intensamente l’esperienza della contemporaneità, che non tornerebbe per nessun motivo indietro; si è così immerso nella realtà del XX e del XXI secolo, che ne ha assorbito completamente i tic, i timori, le speranze, ma soprattutto lo smarrimento.

            Il volume di Andrea Di Consoli si può leggere ovunque, si può leggere comunque, con la consapevolezza che un po’ del suo smarrimento si attaccherà alle nostre vite, una parte della sua esperienza diventerà la nostra esperienza, qualcosa di lui è già in noi, è quel che non sappiamo ascoltare e non sappiamo vedere di noi. È sempre della parte migliore e più luminosa che abbiamo timore.

Angelo Fàvaro

Leggi l’intervista ad Andrea Di Consoli a questo link

 

Leggi la bio-bibliografia di Andrea Di Consoli a questo link

La collera

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Consoli

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Consoli Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La vita di Andrea Scotto è tutto fuorché perfetta, specie quando c’è di mezzo la famiglia. Fotografo quarantenne, single e ostinatamente immaturo, Andrea ha sempre preferito tenersi alla larga dai parenti: dal padre Libero, comandante di navi a riposo, procidano, trasferitosi a Napoli con i figli dopo la morte della moglie, e dalla sorella Marina, sposata, con due bambine e un evidente problema di ansia da controllo. Quando però Marina è costretta a partire e a lasciare il padre gravemente malato, tocca ad Andrea prendere il timone. È l’inizio di un fine settimana rocambolesco, in cui il divieto di mangiare dolci e fritti imposto da Marina è solo uno dei molti che vengono infranti. Tallonato da Cane pazzo Tannen, un bassotto terribile che ringhia anche quando dorme, costretto a stare dietro a un padre che si rifiuta di farsi trattare da infermo e che continua a sorprenderlo con richieste imprevedibili, Andrea sbarca a Procida e ritorna dopo anni tra le persone e i luoghi dell’infanzia, sulla spiaggia nera che ha fatto da sfondo alle sue prime gioie e delusioni d’amore e tra le case colorate della Corricella scrostate dalla salsedine. E proprio in mezzo a quei contrasti, in quell’imperfetta perfezione che riporta a galla ferite non rimarginate ma anche ricordi di infinita dolcezza, cullato dalla brezza che profuma di limoni, capperi e ginestre e dal brontolio familiare della vecchia Dyane della madre, Andrea trova finalmente il suo equilibrio. Sullo sfondo di un’isola dal fortissimo immaginario letterario, Lorenzo Marone racconta una storia di grande potenza narrativa, intima e al tempo stesso universale.

Tutto sarà perfetto

Marone Lorenzo

Farfalla

30 kg

Bravo Simona

Spagna, Costa Blanca. il sole è ancora molto caldo nonostante sia già settembre inoltrato. Per le strade non c'è nessuno, e l'aria è pervasa da un intenso profumo di limoni che arriva fino al mare. È qui che Sandra, trentenne in crisi, ha cercato rifugio: non ha un lavoro, è in rotta con i genitori, è incinta di un uomo che non è sicura di amare. È confusa e si sente sola, ed è alla disperata ricerca di una bussola per la sua vita. Fino al giorno in cui non incontra occhi comprensivi e gentili: si tratta di Fredrik e Karin Christensen, una coppia di amabili vecchietti. Sono come i nonni che non ha mai avuto. Momento dopo momento, le regalano una tenera amicizia, le presentano persone affascinanti, come Alberto, e la accolgo nella grande villa circondata da splendidi fiori. Un paradiso. Ma in realtà si tratta dell'inferno. Perché Fredrik e Karin sono criminali nazisti. Si sono distinti per la loro ferocia e ora, dietro il loro sguardo pacifico, covano il sogno di ricominciare. Lo sa bene Julian, scampato al campo di concentramento di Mauthausen, che da giorni segue i loro movimenti passo dopo passo. Sa bene che le loro mani sottili e rugose si sono macchiate del sangue degli innocenti. Ma ora, forse, può smascherarli e Sandra è l'unica in grado di aiutarlo. Non è facile convincerla della verità. Eppure, dopo un primo momento di incredulità, la donna comincia a guardarli con occhi diversi. A leggere dietro i loro silenzi, i sorrisi, le parole dette non dette, i regali. Adesso Sandra l'ha capito: lei e il suo piccolo rischiano molto. Ma non importa. Perché tutti devono sapere. Perché è impossibile restituire la vita alle vittime. Ma almeno fare in modo che tutto ciò che è successo non cada nell'oblio. E che il male non rimanga impunito.

Il profumo delle foglie di limone

Sanchez Clara