Narrativa

DIARIO DI UN SENZA FISSA DIMORA

Augé Marc

Descrizione: Negli ultimi anni, è comparsa una nuova categoria di persone: questi soggetti hanno un lavoro ma lo stipendio non consente loro di pagare un affitto e dunque sono spinti per strada. Vivono dove possono, vagano da un luogo all’altro, dormono nella loro macchina. Il grande etnologo Marc Augé, che dà qui prova anche di un talento letterario, immagina la vita di uno di questi “vagabondi”, gli effetti distruttivi prodotti dalla perdita di punti di riferimento spazio-temporali, inventando un genere, l’etnofiction, l’autore utilizza la forma del racconto per evocare un fatto sociale: il suo eroe, un medio funzionario messo in difficoltà da due divorzi e dall’aumento degli affitti, potrebbe non essere cos’i diverso da tutti noi...

Categoria: Narrativa

Editore: Cortina Raffaello

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788860304254

Recensito da Giulia

Le Vostre recensioni

Diario di un senza fissa dimora è uno degli ultimi libri di Marc Augé, etnologo e antropologo francese. Si tratta di un’etnofiction, ovvero l’autore cerca di mettere nero su bianco la realtà sociale attraverso la soggettività di un singolo individuo. Come si intuisce già dal titolo, il testo è scritto sotto forma di diario personale e, pertanto, l’io narrante racconta in prima persona.     

Il protagonista, un funzionario di medio livello costretto a lasciare la casa in cui vive poiché l’ affitto è diventato troppo oneroso, inizia la sua nuova vita non più protetto dalle quattro mura confortanti di un’abitazione, bensì all’interno della sua automobile, una Mercedes vecchia di diciotto anni.        

Si trova quindi improvvisamente senza più  punti fermi nello spazio e nel tempo, realtà che tuttavia ben conoscono i cosiddetti homless. E se per qualcuno vivere senza tv e cellulare è impensabile se non impossibile, per il protagonista, invece, la mancanza di queste tecnologie contribuisce a dargli un senso di libertà.     

Si tratta di un vero e proprio viaggio interpersonale attraverso cui il nostro eroe guarda dentro di sé e scopre la follia del mondo, come si evince, per esempio, da questo passo: «Da che sono diventato un SFD, l’aspetto surrealista della politica  mi appare ogni giorno più evidente. Ci raccontano i fatti come se fossero le puntate di un romanzo. Ci spingono a concentrare l’attenzione su domande che formulano loro, come se le avessimo poste noi, finché anche noi cominciamo a ripeterle come se fossero farina del nostro sacco».

Entrano in gioco quindi i concetti di nonluogo e di surmodernità, neologismo quest’ultimo creato proprio da Marc Augé per definire quei fenomeni sociali, culturali ed economici che riguardano in particolar modo l’odierna società in cui viviamo, e dovuti alla diffusione della globalizzazione. Insomma, il personaggio attorno cui è costruita l’etnofiction è un simbolo del nostro tempo, dopotutto ciò che viene a mancare oggi non è soltanto uno spazio fisico/temporale, ma anche il senso della relazione e dell’identità e perciò non risulterà difficile immedesimarsi nel funzionario di cui ci parla l’autore francese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marc

Augé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Augé Marc


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Marcus Goldman ha conosciuto la gloria letteraria ma da qualche tempo è in piena crisi di ispirazione; per questo si rivolge a Harry Quebert, il suo anziano professore di letteratura che già anni prima l'aveva salvato da un percorso pericoloso, per chiedergli aiuto. Harry gli offre subito uno spunto narrativo: gli racconta infatti di una ragazza, Nola, con cui oltre trent'anni prima ebbe una storia tormentata (segnata dalla grande differenza d'età), che a un certo punto - era il 1975 - sparì all'improvviso. Pochi giorni dopo essere rientrato a New York, Marcus viene però a sapere che il cadavere della ragazzina è stato ritrovato proprio nel giardino di Harry e che quest'ultimo, accusato dell'omicidio, rischia ora la pena di morte. Ma Marcus non può credere a questa ipotesi e decide di indagare per scoprire la verità e scagionare il suo amico.

La verità sul caso Harry Quebert

Dicker Joël

Robert Langdon, professore di simbologia e iconologia religiosa a Harvard, è stato invitato all'avveniristico museo Guggenheim di Bilbao per assistere a un evento unico: la rivelazione che cambierà per sempre la storia dell'umanità e rimetterà in discussione dogmi e principi dati ormai come acquisiti, aprendo la via a un futuro tanto imminente quanto inimmaginabile. Protagonista della serata è Edmond Kirsch, quarantenne miliardario e futurologo, famoso in tutto il mondo per le sbalorditive invenzioni high-tech, le audaci previsioni e l'ateismo corrosivo. Kirsch, che è stato uno dei primi studenti di Langdon e ha con lui un'amicizia ormai ventennale, sta per svelare una stupefacente scoperta che risponderà alle due fondamentali domande: da dove veniamo? E, soprattutto, dove andiamo? Mentre Langdon e centinaia di altri ospiti sono ipnotizzati dall'eclatante e spregiudicata presentazione del futurologo, all'improvviso la serata sfocia nel caos. La preziosa scoperta di Kirsch, prima ancora di essere rivelata, rischia di andare perduta per sempre. Scosso e incalzato da una minaccia incombente, Langdon è costretto a un disperato tentativo di fuga da Bilbao con Ambra Vidal, l'affascinante direttrice del museo che ha collaborato con Kirsch alla preparazione del provocatorio evento. In gioco non ci sono solo le loro vite, ma anche l'inestimabile patrimonio di conoscenza a cui il futurologo ha dedicato tutte le sue energie, ora sull'orlo di un oblio irreversibile. Percorrendo i corridoi più oscuri della storia e della religione, tra forze occulte, crimini mai sepolti e fanatismi incontrollabili, Langdon e Vidal devono sfuggire a un nemico letale il cui onnisciente potere pare emanare dal Palazzo reale di Spagna, e che non si fermerà davanti a nulla pur di ridurre al silenzio Edmond Kirsch. In una corsa mozzafiato contro il tempo, i due protagonisti decifrano gli indizi che li porteranno faccia a faccia con la scioccante scoperta di Kirsch... e con la sconvolgente verità che da sempre ci sfugge.

Origin

Brown Dan

Quello strano ombrello a due manici, che aperti formavano un sediolino, era stato l’ultimo regalo della sua Iolanda, prima che quel brutto male gliela portasse via, così all’improvviso, lasciandolo solo ad affrontare le vampate del tramonto, quelle che lui sapeva potevano diventare pericolose se confuse con le luci dirompenti dell’alba . “Non c’è niente di peggio, per un vecchio, del sentirsi giovane!”: Attilio Salievi, generale in pensione, dopo una brillante carriera nella Nato, ne era più che convinto, tanto più dopo una vita trascorsa nel rispetto più rigoroso delle regole, navigando a vista fra la sponda dei propri sentimenti, delle proprie pulsioni e quella dei sentimenti e delle pulsioni degli altri, per non arenarsi o naufragare, si trattasse anche di Connie, l’affascinante tenente americana degli anni trascorsi a Washington. Ma dice Maurois che ”L’arte di invecchiare sta tutta nel sapersi conservare qualche speranza”, così un giorno il punto, per il vecchio generale, diventerà se la speranza possa aver come nome Amalia, entrata improvvisamente nella sua vita con occhi di sogno ma anche con trenta anni di meno.

L’ombrello a sediolino

Calandra Claudio

BENVENUTI IN CASA ESPOSITO

Imperatore Pino