Narrativa

DIARIO DI UN SENZA FISSA DIMORA

Augé Marc

Descrizione: Negli ultimi anni, è comparsa una nuova categoria di persone: questi soggetti hanno un lavoro ma lo stipendio non consente loro di pagare un affitto e dunque sono spinti per strada. Vivono dove possono, vagano da un luogo all’altro, dormono nella loro macchina. Il grande etnologo Marc Augé, che dà qui prova anche di un talento letterario, immagina la vita di uno di questi “vagabondi”, gli effetti distruttivi prodotti dalla perdita di punti di riferimento spazio-temporali, inventando un genere, l’etnofiction, l’autore utilizza la forma del racconto per evocare un fatto sociale: il suo eroe, un medio funzionario messo in difficoltà da due divorzi e dall’aumento degli affitti, potrebbe non essere cos’i diverso da tutti noi...

Categoria: Narrativa

Editore: Cortina Raffaello

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788860304254

Recensito da Giulia

Le Vostre recensioni

Diario di un senza fissa dimora è uno degli ultimi libri di Marc Augé, etnologo e antropologo francese. Si tratta di un’etnofiction, ovvero l’autore cerca di mettere nero su bianco la realtà sociale attraverso la soggettività di un singolo individuo. Come si intuisce già dal titolo, il testo è scritto sotto forma di diario personale e, pertanto, l’io narrante racconta in prima persona.     

Il protagonista, un funzionario di medio livello costretto a lasciare la casa in cui vive poiché l’ affitto è diventato troppo oneroso, inizia la sua nuova vita non più protetto dalle quattro mura confortanti di un’abitazione, bensì all’interno della sua automobile, una Mercedes vecchia di diciotto anni.        

Si trova quindi improvvisamente senza più  punti fermi nello spazio e nel tempo, realtà che tuttavia ben conoscono i cosiddetti homless. E se per qualcuno vivere senza tv e cellulare è impensabile se non impossibile, per il protagonista, invece, la mancanza di queste tecnologie contribuisce a dargli un senso di libertà.     

Si tratta di un vero e proprio viaggio interpersonale attraverso cui il nostro eroe guarda dentro di sé e scopre la follia del mondo, come si evince, per esempio, da questo passo: «Da che sono diventato un SFD, l’aspetto surrealista della politica  mi appare ogni giorno più evidente. Ci raccontano i fatti come se fossero le puntate di un romanzo. Ci spingono a concentrare l’attenzione su domande che formulano loro, come se le avessimo poste noi, finché anche noi cominciamo a ripeterle come se fossero farina del nostro sacco».

Entrano in gioco quindi i concetti di nonluogo e di surmodernità, neologismo quest’ultimo creato proprio da Marc Augé per definire quei fenomeni sociali, culturali ed economici che riguardano in particolar modo l’odierna società in cui viviamo, e dovuti alla diffusione della globalizzazione. Insomma, il personaggio attorno cui è costruita l’etnofiction è un simbolo del nostro tempo, dopotutto ciò che viene a mancare oggi non è soltanto uno spazio fisico/temporale, ma anche il senso della relazione e dell’identità e perciò non risulterà difficile immedesimarsi nel funzionario di cui ci parla l’autore francese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marc

Augé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Augé Marc


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lapo Elkann firma un libro in prima persona, ma senza arroganza o presunzione di insegnare qualcosa: semplicemente per raccontare ciò che gli sta più a cuore, lo stile, come estensione dell’amore per la vita. “L’eleganza rispecchia quello che hai fatto, pensato, visto in ogni momento della tua vita, e diventa il tuo modo di essere, in cui metti in gioco personalità, audacia e libertà” Il libro è quasi un ritratto, con foto inedite create su “misura”, e la vivacità delle pagine e dei capitoli diventano spunti, consigli e riflessioni in bilico tra creatività e cambiamento, le coordinate di una particolare forma di equilibrio firmata LAPO.

LE REGOLE DEL MIO STILE

Elkann Lapo

Ascolta solo la mia voce e nient’altro. Presto inizierò il conto alla rovescia… Entrerai in casa. La vedrai. E non avrai paura. Si chiama Erik Maria Bark ed è l’ipnotista più famoso di Svezia. È a lui che si rivolge la polizia quando un testimone è sotto shock e non parla. Adesso c’è un paziente che ha bisogno di lui: Björn è l’unico a sapere cos’è successo veramente in casa sua, cosa è accaduto a sua moglie, Susanna, e quali siano le tracce che lui stesso ha inavvertitamente cancellato. Sa tutto, ma non riesce a ricordare. E Björn deve ricordare, in fretta. Perché Susanna è solo l’ultima vittima di un killer che sta terrorizzando Stoccolma e che presto colpirà di nuovo. Il killer osserva, assedia. Filma tutto e invia il video alla polizia, come per sfidare le forze dell’ordine. Poi entra in casa, insegue le vittime stanza dopo stanza, e uccide. Perché è la morte in persona, e ha la certezza di essere inafferrabile. Erik Maria Bark è l’unica persona in grado di scovare, nella mente di Björn, degli indizi che permettano di fermare la strage. Quello che Erik non sa è che durante l’ipnosi emergeranno dei dettagli che lo riguardano. Dettagli del suo passato. Dettagli incriminanti. Quello che Erik non sa è che l’unica persona che si fidava di lui, l’unico poliziotto capace di raccogliere la sfida del killer, non può più aiutarlo. Il poliziotto si chiama Joona Linna ed è scomparso nel nulla da un anno. È stato dichiarato morto dalle autorità. E l’ipnotista deve affrontare da solo l’orrore che si annida nella sua stessa mente.

Nella mente dell’ipnotista

Kepler Lars

Monique ha sempre creduto nel suo matrimonio. Soprattutto, ha sempre creduto nel suo ruolo di moglie: muoversi sicura per casa, gestire la vita familiare, provvedere agli altri con la certezza di essere necessaria. Ma è bastata una frase di Maurice: "C'è una donna". E se Monique è tradita dal marito, la madre di Philippe lo è dal figlio, che al progressismo materno preferisce lo spirito pratico e conservatore della moglie. Murielle, invece, non ha né mariti né figli con cui scontrarsi: due matrimoni finiti male e il suicidio della figlia la condannano a una solitudine che la rende cruda e volgare, astiosa verso il mondo e verso un Dio che forse non c'è. Tre racconti, tre donne, tre crisi.

Una donna spezzata

De Beauvoir Simone

Enrico IV