Narrativa

DIARIO DI UN SENZA FISSA DIMORA

Augé Marc

Descrizione: Negli ultimi anni, è comparsa una nuova categoria di persone: questi soggetti hanno un lavoro ma lo stipendio non consente loro di pagare un affitto e dunque sono spinti per strada. Vivono dove possono, vagano da un luogo all’altro, dormono nella loro macchina. Il grande etnologo Marc Augé, che dà qui prova anche di un talento letterario, immagina la vita di uno di questi “vagabondi”, gli effetti distruttivi prodotti dalla perdita di punti di riferimento spazio-temporali, inventando un genere, l’etnofiction, l’autore utilizza la forma del racconto per evocare un fatto sociale: il suo eroe, un medio funzionario messo in difficoltà da due divorzi e dall’aumento degli affitti, potrebbe non essere cos’i diverso da tutti noi...

Categoria: Narrativa

Editore: Cortina Raffaello

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788860304254

Recensito da Giulia

Le Vostre recensioni

Diario di un senza fissa dimora è uno degli ultimi libri di Marc Augé, etnologo e antropologo francese. Si tratta di un’etnofiction, ovvero l’autore cerca di mettere nero su bianco la realtà sociale attraverso la soggettività di un singolo individuo. Come si intuisce già dal titolo, il testo è scritto sotto forma di diario personale e, pertanto, l’io narrante racconta in prima persona.     

Il protagonista, un funzionario di medio livello costretto a lasciare la casa in cui vive poiché l’ affitto è diventato troppo oneroso, inizia la sua nuova vita non più protetto dalle quattro mura confortanti di un’abitazione, bensì all’interno della sua automobile, una Mercedes vecchia di diciotto anni.        

Si trova quindi improvvisamente senza più  punti fermi nello spazio e nel tempo, realtà che tuttavia ben conoscono i cosiddetti homless. E se per qualcuno vivere senza tv e cellulare è impensabile se non impossibile, per il protagonista, invece, la mancanza di queste tecnologie contribuisce a dargli un senso di libertà.     

Si tratta di un vero e proprio viaggio interpersonale attraverso cui il nostro eroe guarda dentro di sé e scopre la follia del mondo, come si evince, per esempio, da questo passo: «Da che sono diventato un SFD, l’aspetto surrealista della politica  mi appare ogni giorno più evidente. Ci raccontano i fatti come se fossero le puntate di un romanzo. Ci spingono a concentrare l’attenzione su domande che formulano loro, come se le avessimo poste noi, finché anche noi cominciamo a ripeterle come se fossero farina del nostro sacco».

Entrano in gioco quindi i concetti di nonluogo e di surmodernità, neologismo quest’ultimo creato proprio da Marc Augé per definire quei fenomeni sociali, culturali ed economici che riguardano in particolar modo l’odierna società in cui viviamo, e dovuti alla diffusione della globalizzazione. Insomma, il personaggio attorno cui è costruita l’etnofiction è un simbolo del nostro tempo, dopotutto ciò che viene a mancare oggi non è soltanto uno spazio fisico/temporale, ma anche il senso della relazione e dell’identità e perciò non risulterà difficile immedesimarsi nel funzionario di cui ci parla l’autore francese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marc

Augé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Augé Marc


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ad alta voce, la poesia interpretata da Luigi Maria Nastasi Corsanico

Tiziano Ferro nasce a Latina il 21 febbraio del 1980. A cinque anni riceve come regalo di Natale una tastiera: con quella scrive e compone le sue prime canzoni, due delle quali saranno inserite nell'album Nessuno è solo. Durante l'adolescenza prende lezioni di chitarra, canto, pianoforte, batteria, entra nel Coro Gospel di Latina. A ottobre 2001 esce per la Emi il suo primo album Rosso relativo, lanciato dal singolo Xdono. Ottiene un successo pressoché immediato - anche a livello internazionale. Vince il Premio Italiano della Musica come Artista rivelazione del 2001 e nell'estate 2002 il premio come Miglior Artista Esordiente al Festivalbar. Nell'autunno 2003 esce il secondo album, anticipato dal singolo Xverso, dal titolo autobiografico di 111, che prende il nome dal peso del cantante raggiunto durante l'adolescenza. Grazie a numerosi singoli (tra cui Sere nere), ottiene risultati straordinari, rimanendo ai vertici della classifica italiana per quattordici mesi. Nell'estate 2004 un nuovo tour lo porta in giro per l'Italia, con il tutto esaurito. In quell'anno, vince il premio MTv Europe Music Awards come Miglior artista italiano, il Premios Oye! come Miglior cantante Pop latino maschile, riceve il premio Billboard Latin Music Awards come miglior brano Pop latino dell'anno. L'album Nessuno è solo esce nel giugno 2006: è preceduto dal brano Stop!Dimentica ed è pubblicato in quarantaquattro Paesi, sbancando le classifiche europee e sudamericane.

TRENT’ANNI E UNA CHIACCHIERATA CON PAPA’

Ferro Tiziano

Una tela che si riteneva perduta, dipinta da Amedeo Modigliani sotto l'effetto dell'hashish, scatena nel mondo dei falsari dell'arte un'insolita "caccia al tesoro" nella quale vengono coinvolti Dee Sleign, una brillante studentessa di storia dell'arte, Charles Lampeth, avido proprietario di una piccola galleria sommersa dai debiti, e una serie di personaggi disposti a tutto pur di mettere le mani sul dipinto. Un giallo accattivante e scanzonato i cui protagonisti, quasi tutti giovani, si lanciano in una quantità di imprese azzardate che quasi mai vanno a finire secondo le previsioni. Un romanzo avventuroso, vivace, effervescente, colorito e spiritoso. Il primo libro di Ken Follett.

LO SCANDALO MODIGLIANI

Follett Ken

Estate 1996. Un' estate torrida e senza vento. Un gruppo di amici tra i 17 e i 20 anni si gode la bellezza della Costiera Amalfitana. Ci sono Pier, che ha una passione insolita per la poesia di Rimbaud, il suo migliore amico Dario, figlio di un vecchio aristocratico napoletano che preferisce lavorare in un pub anziché godersi i lussi di famiglia. E ci sono Luca, Liv, Silvia e Alessia. Sono tutti inquieti, nonostante un mare perennemente calmo e una luce bollente che riscalda le giornate. Per rompere la routine ci sono poche cose: saltare dal tetto di un palazzo ad un altro, oppure tuffarsi in mare posti sempre più alti e imprevedibile. Finché un giorno, Francesca, la ragazza di Pier, scompare. In quegli stessi luoghi arriva un uomo dalla Francia. Si chiama Ezra, ed è uno scultore. Arriva lì seguendo il diario di sua figlia, morta in un incidente d'auto. L'uomo sta ritornando nelle città in cui lei ha vissuto. Vuole portarsi a casa da quei luoghi dei frammenti di terra, che poi userà per una scultura-memoriale. Quei ragazzi sono un mistero che Ezra non riesce in nessun modo a penetrare. Neanche quando intuisce che stanno progettando di suicidarsi non appena sarà finito agosto.

TUTTA LA BELLEZZA DEVE MORIRE

Pingitore Luigi