Narrativa

DIARIO DI UN SENZA FISSA DIMORA

Augé Marc

Descrizione: Negli ultimi anni, è comparsa una nuova categoria di persone: questi soggetti hanno un lavoro ma lo stipendio non consente loro di pagare un affitto e dunque sono spinti per strada. Vivono dove possono, vagano da un luogo all’altro, dormono nella loro macchina. Il grande etnologo Marc Augé, che dà qui prova anche di un talento letterario, immagina la vita di uno di questi “vagabondi”, gli effetti distruttivi prodotti dalla perdita di punti di riferimento spazio-temporali, inventando un genere, l’etnofiction, l’autore utilizza la forma del racconto per evocare un fatto sociale: il suo eroe, un medio funzionario messo in difficoltà da due divorzi e dall’aumento degli affitti, potrebbe non essere cos’i diverso da tutti noi...

Categoria: Narrativa

Editore: Cortina Raffaello

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788860304254

Recensito da Giulia

Le Vostre recensioni

Diario di un senza fissa dimora è uno degli ultimi libri di Marc Augé, etnologo e antropologo francese. Si tratta di un’etnofiction, ovvero l’autore cerca di mettere nero su bianco la realtà sociale attraverso la soggettività di un singolo individuo. Come si intuisce già dal titolo, il testo è scritto sotto forma di diario personale e, pertanto, l’io narrante racconta in prima persona.     

Il protagonista, un funzionario di medio livello costretto a lasciare la casa in cui vive poiché l’ affitto è diventato troppo oneroso, inizia la sua nuova vita non più protetto dalle quattro mura confortanti di un’abitazione, bensì all’interno della sua automobile, una Mercedes vecchia di diciotto anni.        

Si trova quindi improvvisamente senza più  punti fermi nello spazio e nel tempo, realtà che tuttavia ben conoscono i cosiddetti homless. E se per qualcuno vivere senza tv e cellulare è impensabile se non impossibile, per il protagonista, invece, la mancanza di queste tecnologie contribuisce a dargli un senso di libertà.     

Si tratta di un vero e proprio viaggio interpersonale attraverso cui il nostro eroe guarda dentro di sé e scopre la follia del mondo, come si evince, per esempio, da questo passo: «Da che sono diventato un SFD, l’aspetto surrealista della politica  mi appare ogni giorno più evidente. Ci raccontano i fatti come se fossero le puntate di un romanzo. Ci spingono a concentrare l’attenzione su domande che formulano loro, come se le avessimo poste noi, finché anche noi cominciamo a ripeterle come se fossero farina del nostro sacco».

Entrano in gioco quindi i concetti di nonluogo e di surmodernità, neologismo quest’ultimo creato proprio da Marc Augé per definire quei fenomeni sociali, culturali ed economici che riguardano in particolar modo l’odierna società in cui viviamo, e dovuti alla diffusione della globalizzazione. Insomma, il personaggio attorno cui è costruita l’etnofiction è un simbolo del nostro tempo, dopotutto ciò che viene a mancare oggi non è soltanto uno spazio fisico/temporale, ma anche il senso della relazione e dell’identità e perciò non risulterà difficile immedesimarsi nel funzionario di cui ci parla l’autore francese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marc

Augé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Augé Marc


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Due ‘cold cases’ che, dopo anni di stasi, diventano improvvisamente urgenti. Uno perché la vittima muore con dieci anni di ritardo rispetto alle intenzioni dell’aspirante omicida. Era riuscita a resistere tutto quel tempo con un proiettile nella schiena, senza che si riuscisse a trovare chi glielo aveva piantato, ma la sua morte riporta il caso alla ribalta. L’altro perché un nuovo elemento apre d’improvviso una finestra sulla strage di bambini avvenuta nel corso di un incendio doloso. E chi gli danno come partner? Una giovane ‘rookie’ senza nessuna esperienza di omicidi, a cui Bosch deve fare da tutore. Una bella sfida. Appassionante come al solito, incalzante e veloce. Connelly non delude mai.

La strategia di Bosch

Connelly Michael

Chi sarebbe Antigone oggi? Se nella tragedia di Sofocle la donna e il tiranno si fronteggiavano per dare o negare la sepoltura a Polinice, in questa riscrittura di Valeria Parrella, libera e alta, carica d'intensità e di poesia, è il diritto all'eutanasia a essere al centro del racconto.

Antigone

Parrella Valeria

Pierluigi Tunesi ha 45 anni, è l'amministratore delegato di una grande azienda, ha una figlia adolescente e una moglie che ama. Una famiglia felice. Fino al giorno in cui gli viene diagnosticato un tumore in metastasi avanzata. Non si potrebbe operare, ma un chirurgo abituato ai riflettori e agli interventi eclatanti lo fa lo stesso. Salvo parcheggiare poi il paziente in terapia intensiva quando l'operazione non riesce. Tra quest'uomo ormai menomato, incapace di comunicare, in attesa della morte, e il medico di terapia intensiva che deve prendersi cura di lui, comincia un rapporto tormentato e umanissimo che l'autore descrive nei dettagli più personali, suddividendo il romanzo in capitoli, uno raccontato in prima persona dal malato, l'altro dal medico. Un romanzo durissimo e commovente. Un gesto civile, una testimonianza spietata e, allo stesso tempo, pietosa. L'autore è direttore di divisione di anestesia e terapia intensiva all'Istituto Europeo di Oncologia di Milano.

COSA SOGNANO I PESCI ROSSI

Venturino Marco

Primo maggio 1891, luglio 1924. Sono decenni burrascosi per l'Italia: dopo l'epopea risorgimentale ci si sta avviando verso il disastro della grande guerra e del fascismo. Ma è anche un periodo stimolante come pochi fino ad allora. In questo contesto, dove scienza, tecnologia e società si evolvono a ritmi vertiginosi, Elisa s'impegna con passione nella difesa dei diritti delle donne e dei bambini. Accanto a lei il marito Vittorio, avvocato a parlamentare socialista, le quattro figlie, poi i conoscenti e gli amici, da Costa a Turati, dalla Kuliscioff alla Montessori, da Nathan a D'Annunzio. Le loro vite, il lavoro, le amicizie e gli amori s'inseriscono nella storia più ampia del nostro paese in un intreccio di vicende personali e pubbliche che trasmettono il profumo di un'epoca. Un romanzo che lega insieme storia e fantasia attraverso le vicende di una famiglia particolare, capace di osservare il mondo con sguardo anticonvenzionale e moderno. Postfazione di Anna Foa.

La dama del quintetto

Mori Silvia