Narrativa

DIECI DICEMBRE

Saunders Georges

Descrizione: Da anni, George Saunders è riconosciuto come una delle voci più originali e influenti della narrativa americana contemporanea; senza aver mai scritto un romanzo, ma solo racconti, ha ricevuto elogi unanimi dalla critica. Ora, giunto alla sua quarta raccolta, ha definitivamente ottenuto anche il grande successo di pubblico. "Dieci dicembre" è la sua opera che, senza rinunciare alla vena surreale e immaginifica, si avvicina di più al realismo. Accanto a racconti ambientati in laboratori dove si creano improbabili psicofarmaci, o in sobborghi residenziali dove donne moldave o filippine in abiti bianchi penzolano da fili tesi fra gli alberi come decorazioni, ci sono storie di famiglie comuni la cui normalità è turbata dal ritorno di un figlio dalla guerra o dall'irruzione di un malintenzionato: in tutti i casi, i personaggi si trovano a dover scegliere fra l'egoismo e la compassione, l'orgoglio e il sacrificio.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum fax

Collana: Sotterranei

Anno: 2013

ISBN: 9788875215194

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Da anni George Saunders rappresenta una delle voci più influenti del panorama letterario angloamericano. Osannato dalla critica da una parte e apprezzato da un pubblico variegato dall’altra, ha alla lunga dimostrato di possedere una capacità di scrittura originale e a tratti anche pungente, simbolo della narrativa contemporanea. La sua ultima raccolta di racconti, Dieci dicembre (minimum fax, traduzione di Cristiana Mennella), ricalca perfettamente lo stile dell’autore, ma con una lieve novità. Se la narrativa di Saunders ha sempre accarezzato il labile confine tra realtà e fantasia, quest’ultima opera propende più nettamente verso il realismo, pur senza rinunciare a qualche vezzo surreale. E allora ecco dieci diversi racconti in cui i protagonisti si dividono, nessuno escluso, tra orgoglio e abnegazione, banalità quotidiane e audacia inaspettata. Questa raccolta, la quarta per l’esattezza, presenta sì una vena immaginifica, ma meno calcata rispetto alle opere precedenti, ed è proprio grazie a quest’ultimo lavoro che Saunders conferma la propria fama presso il pubblico.

I racconti, diversi tra loro per stile, tema e ambientazione, sono divisi tra villette residenziali, in cui si respira la normalità della vita americana di periferia, e laboratori in cui si conducono improbabili esperimenti scientifici. E poi ci sono immigrate che si ritrovano letteralmente appese a un filo, esposte come statuette da giardino di ultima tendenza, e personaggi semplici ma in cerca della conferma di se stessi.

Il segreto della scrittura di Saunders sta nella presentazione di fatti assolutamente impossibili come parte della vita comune e dunque elementi integranti della realtà quotidiana. Non a caso l’ultimo volume, quello appunto giudicato meno tendente all’immaginazione, è stato definito il più sovversivo della sua produzione, proprio per la sua ambivalenza letteraria.

Lo spiccato tratto ironico, che attraversa potentemente tutta la narrazione, dà un taglio molto preciso ad ogni racconto, confermando così la figura originale del suo autore, inserito dal New Yorker nella lista dei venti scrittori per il XXI secolo.

Ci si trova dunque davanti a un’opera lucida e appassionante, dal linguaggio complesso e ben calcolato, tanto da arrivare tra i finalisti del National Book Award e da ottenere l’entusiastica recensione del New York Times Magazine “Il più bel libro che leggerete quest’anno”, come cita il blurb in copertina.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Georges

Saunders

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saunders Georges


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il giorno perfetto è quello in cui Camilla compie sette anni, Zero fa esplodere la prima bomba in un McDonald's, Emma perde il lavoro, Kevin le mutande, Elio recita il discorso sbagliato al suo comizio elettorale, Valentina fa un piercing all'ombelico, Maja trova la casa dei suoi sogni, Sasha festeggia l'anniversario dei dieci anni con l'amante, Antonio vede la moglie per l'ultima volta e qualcuno carica con 7 colpi +1 la sua pistola. Vittime e assassini si aggirano nella stessa città - una Roma caotica e magnifica -, a volte le loro strade si incrociano, a volte no. Ma questo non è un giallo. I ruoli non sono stabiliti. Perché anche un minimo gesto, una sola parola, potrebbe deviare la traiettoria, e la trama, e trasformare il finale.

Un giorno perfetto

Mazzucco Melania G.

La presente opera intende "umanizzare" la figura del filosofo, calandolo in un contesto familiare e sociale, e lasciando emergere come il rapporto con le donne (madri, mogli, sorelle, figlie e amanti) finisca per influenzarne la visione del mondo. Scopriamo, infatti, nelle biografie dei grandi pensatori del passato, figure di donne che, nel bene o nel male, ne hanno condizionato la vita e le opere. A volte donne-angelo, a volte donne-diavolo, le immaginiamo ora attente e vigili nei confronti dei figli (Santa Monica con Sant'Agostino), ora scorbutiche verso mariti assorti in più elevati pensieri (Santippe e Socrate). La ricerca vuole dare luce a queste compagne di viaggio, senza la pretesa di esautorare i filosofi dal loro piedistallo e senza la presunzione di poter essere descrizione esaustiva delle loro vite. Ci si accontenterà di soffermarsi in modo più esauriente su alcuni, quando esaurienti saranno state le fonti reperite, e meno su altri, quando le fonti saranno state avare, sperando di far cosa gradita a chi ama non solo il pensiero del "filosofo", ma anche a chi è attento nel considerarne il tratto storico-biografico e il suo essere uomo con pregi, difetti, debolezze, fragilità.

Il volto femminile della filosofia

Rocca Miriam

Si incontreranno per tre volte, ma ogni volta sarà l’unica, e la prima, e l’ultima. Tre storie. Tre incontri. Tre episodi in cui scivolano personaggi che si incrociano, per sfasature temporali, in età diverse, sullo sfondo della hall di un hotel. L’albeggiare che annuncia, per tre volte, l’insistenza di un sentimento.

TRE VOLTE ALL’ALBA

Baricco Alessandro

Arlind non è ancora nato che già la vita si prende gioco di lui. Sua madre Lilla ha sognato che partorirà un'altra femmina, la quarta. Perciò ha promesso di darla in adozione alla cognata Eleni, che non può avere figli. Ma quando nascerà un maschio, Arlind, Lilla rinuncerà lo stesso a lui, perché in un villaggio albanese venir meno alla parola data attira la cattiva sorte. Arlind cresce con un profondo senso di smarrimento, che diventa a poco a poco dolore, e poi odio profondo. Unico punto di riferimento, il nonno Kristo che gli insegna "il discreto rumore del perdono". Nel frattempo un'onda travolge il mondo attorno a lui: il crollo dei regimi dell'Est. Cambia il mondo dei vivi, ma anche quello dei morti: e chi è stato creduto morto, si scopre essere vivo.

Non c’è dolcezza

Ibrahimi Anilda