Narrativa

DIECI DICEMBRE

Saunders Georges

Descrizione: Da anni, George Saunders è riconosciuto come una delle voci più originali e influenti della narrativa americana contemporanea; senza aver mai scritto un romanzo, ma solo racconti, ha ricevuto elogi unanimi dalla critica. Ora, giunto alla sua quarta raccolta, ha definitivamente ottenuto anche il grande successo di pubblico. "Dieci dicembre" è la sua opera che, senza rinunciare alla vena surreale e immaginifica, si avvicina di più al realismo. Accanto a racconti ambientati in laboratori dove si creano improbabili psicofarmaci, o in sobborghi residenziali dove donne moldave o filippine in abiti bianchi penzolano da fili tesi fra gli alberi come decorazioni, ci sono storie di famiglie comuni la cui normalità è turbata dal ritorno di un figlio dalla guerra o dall'irruzione di un malintenzionato: in tutti i casi, i personaggi si trovano a dover scegliere fra l'egoismo e la compassione, l'orgoglio e il sacrificio.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum fax

Collana: Sotterranei

Anno: 2013

ISBN: 9788875215194

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Da anni George Saunders rappresenta una delle voci più influenti del panorama letterario angloamericano. Osannato dalla critica da una parte e apprezzato da un pubblico variegato dall’altra, ha alla lunga dimostrato di possedere una capacità di scrittura originale e a tratti anche pungente, simbolo della narrativa contemporanea. La sua ultima raccolta di racconti, Dieci dicembre (minimum fax, traduzione di Cristiana Mennella), ricalca perfettamente lo stile dell’autore, ma con una lieve novità. Se la narrativa di Saunders ha sempre accarezzato il labile confine tra realtà e fantasia, quest’ultima opera propende più nettamente verso il realismo, pur senza rinunciare a qualche vezzo surreale. E allora ecco dieci diversi racconti in cui i protagonisti si dividono, nessuno escluso, tra orgoglio e abnegazione, banalità quotidiane e audacia inaspettata. Questa raccolta, la quarta per l’esattezza, presenta sì una vena immaginifica, ma meno calcata rispetto alle opere precedenti, ed è proprio grazie a quest’ultimo lavoro che Saunders conferma la propria fama presso il pubblico.

I racconti, diversi tra loro per stile, tema e ambientazione, sono divisi tra villette residenziali, in cui si respira la normalità della vita americana di periferia, e laboratori in cui si conducono improbabili esperimenti scientifici. E poi ci sono immigrate che si ritrovano letteralmente appese a un filo, esposte come statuette da giardino di ultima tendenza, e personaggi semplici ma in cerca della conferma di se stessi.

Il segreto della scrittura di Saunders sta nella presentazione di fatti assolutamente impossibili come parte della vita comune e dunque elementi integranti della realtà quotidiana. Non a caso l’ultimo volume, quello appunto giudicato meno tendente all’immaginazione, è stato definito il più sovversivo della sua produzione, proprio per la sua ambivalenza letteraria.

Lo spiccato tratto ironico, che attraversa potentemente tutta la narrazione, dà un taglio molto preciso ad ogni racconto, confermando così la figura originale del suo autore, inserito dal New Yorker nella lista dei venti scrittori per il XXI secolo.

Ci si trova dunque davanti a un’opera lucida e appassionante, dal linguaggio complesso e ben calcolato, tanto da arrivare tra i finalisti del National Book Award e da ottenere l’entusiastica recensione del New York Times Magazine “Il più bel libro che leggerete quest’anno”, come cita il blurb in copertina.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Georges

Saunders

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saunders Georges

La storia è quella di Morris Bober, umile commerciante ebreo che nel cuore di Manhattan conduce una vita misera e consumata dagli anni, e di Frank Alpine, un ladruncolo di origini italiane, deciso a riscattarsi e diventare un uomo onesto e degno di stima, aiutando Morris al negozio. Tuttavia il giovane Frank non resisterebbe dietro al bancone, sempre più assediato dalla concorrenza, se non si innamorasse di Helen, la fi glia di Morris. La vicenda è straordinariamente intrecciata intorno alle emozioni, ai segreti, al destino di queste tre esistenze. La narrazione, dal ritmo quasi ipnotico, e la singolare capacità di Malamud di raccontare i gesti, gli sguardi e le abitudini dei protagonisti rendono possibile sin dalle prime battute una completa comprensione della particolarità dell’ambiente e della psicologia dei personaggi. Lo stile limpido, semplice, a tratti ironico, è un capolavoro di perfezione, e regala quella atmosfera inconfondibile, a metà tra il tragico e il comico, che rende affascinante la narrativa di Malamud.

Il commesso

Malamud Bernard

Scritto nel 1940, "Don Giovanni in Sicilia" è la storia di Giovanni Percolla, scapolo impenitente logorato, come tutti i suoi concittadini, da un'inestinguibile sete sessuale. Decide però di imprimere una svolta alla propria vita quando sposa la giovane Maria Antonietta, che lo convince a trasferirsi a Milano. Il viaggio risulta un fallimento, e i due sposi decidono di tornare alle radici, dove Percolla riprecipita nella stessa inerzia fatta di gesti sterili e ripetitivi.

Don Giovanni in Sicilia

Brancati Vitaliano

Reykjavik, estate 1976. L'agente Erlendur, ventottenne, presta servizio nella polizia stradale e passa le notti di pattuglia. La routine è sempre la stessa: incidenti stradali, piccoli furti, schiamazzi davanti ai locali, risse tra barboni. Ed è proprio in queste notti di lavoro che nel giovane Erlendur inizia a delinearsi l'interesse per le persone scomparse, per chi misteriosamente viene inghiottito dal nulla. Poi una notte, un caso diverso: alcuni ragazzini trovano il corpo senza vita di un barbone, annegato nelle acque basse di un canale. Erlendur è il primo a presentarsi sul posto e riconosce nel senzatetto una sua vecchia conoscenza, Hannibal, che aveva incontrato più volte durante i giri di pattuglia in centro e che l'aveva particolarmente colpito per la profonda disperazione. Ma quella stessa notte scompare anche una donna dei quartieri alti, una giovane moglie infelice. Due casi assolutamente diversi, senza nessun punto di contatto, se non per la cocciutaggine di Erlendur che inizia una sua indagine privata...

Le notti di Reykjavik

Indridason Arnaldur

De divinatione

Cicerone Marco Tullio