Narrativa

DIECI DICEMBRE

Saunders Georges

Descrizione: Da anni, George Saunders è riconosciuto come una delle voci più originali e influenti della narrativa americana contemporanea; senza aver mai scritto un romanzo, ma solo racconti, ha ricevuto elogi unanimi dalla critica. Ora, giunto alla sua quarta raccolta, ha definitivamente ottenuto anche il grande successo di pubblico. "Dieci dicembre" è la sua opera che, senza rinunciare alla vena surreale e immaginifica, si avvicina di più al realismo. Accanto a racconti ambientati in laboratori dove si creano improbabili psicofarmaci, o in sobborghi residenziali dove donne moldave o filippine in abiti bianchi penzolano da fili tesi fra gli alberi come decorazioni, ci sono storie di famiglie comuni la cui normalità è turbata dal ritorno di un figlio dalla guerra o dall'irruzione di un malintenzionato: in tutti i casi, i personaggi si trovano a dover scegliere fra l'egoismo e la compassione, l'orgoglio e il sacrificio.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum fax

Collana: Sotterranei

Anno: 2013

ISBN: 9788875215194

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Da anni George Saunders rappresenta una delle voci più influenti del panorama letterario angloamericano. Osannato dalla critica da una parte e apprezzato da un pubblico variegato dall’altra, ha alla lunga dimostrato di possedere una capacità di scrittura originale e a tratti anche pungente, simbolo della narrativa contemporanea. La sua ultima raccolta di racconti, Dieci dicembre (minimum fax, traduzione di Cristiana Mennella), ricalca perfettamente lo stile dell’autore, ma con una lieve novità. Se la narrativa di Saunders ha sempre accarezzato il labile confine tra realtà e fantasia, quest’ultima opera propende più nettamente verso il realismo, pur senza rinunciare a qualche vezzo surreale. E allora ecco dieci diversi racconti in cui i protagonisti si dividono, nessuno escluso, tra orgoglio e abnegazione, banalità quotidiane e audacia inaspettata. Questa raccolta, la quarta per l’esattezza, presenta sì una vena immaginifica, ma meno calcata rispetto alle opere precedenti, ed è proprio grazie a quest’ultimo lavoro che Saunders conferma la propria fama presso il pubblico.

I racconti, diversi tra loro per stile, tema e ambientazione, sono divisi tra villette residenziali, in cui si respira la normalità della vita americana di periferia, e laboratori in cui si conducono improbabili esperimenti scientifici. E poi ci sono immigrate che si ritrovano letteralmente appese a un filo, esposte come statuette da giardino di ultima tendenza, e personaggi semplici ma in cerca della conferma di se stessi.

Il segreto della scrittura di Saunders sta nella presentazione di fatti assolutamente impossibili come parte della vita comune e dunque elementi integranti della realtà quotidiana. Non a caso l’ultimo volume, quello appunto giudicato meno tendente all’immaginazione, è stato definito il più sovversivo della sua produzione, proprio per la sua ambivalenza letteraria.

Lo spiccato tratto ironico, che attraversa potentemente tutta la narrazione, dà un taglio molto preciso ad ogni racconto, confermando così la figura originale del suo autore, inserito dal New Yorker nella lista dei venti scrittori per il XXI secolo.

Ci si trova dunque davanti a un’opera lucida e appassionante, dal linguaggio complesso e ben calcolato, tanto da arrivare tra i finalisti del National Book Award e da ottenere l’entusiastica recensione del New York Times Magazine “Il più bel libro che leggerete quest’anno”, come cita il blurb in copertina.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Georges

Saunders

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saunders Georges


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lei & Lui

Levy Marc

La pietà della luce, una poesia di Franco Di Carlo

Lago di Como, primi giorni d'estate. Benedetta, diciassettenne appartenente a una famiglia influente e facoltosa, scompare nel nulla. Il suo motorino viene ritrovato sul fondo di una scarpata, in una zona isolata e impervia, tra le montagne. Il commissario Gropello e la sua squadra, a cui è stato assegnato il caso, devono perciò scartare l'ipotesi di una fuga volontaria e cercare un'altra pista, ma gli indizi sono davvero pochi. A mettersi sulle tracce del vero responsabile del rapimento, anche se all'inizio solo per gioco, sono invece Federico e Massimo, due ragazzi che stanno trascorrendo le vacanze a Nisio, un paesino abbarbicato sulle pendici della tetra Valle dei Cani, vicino al bosco dov'è stato abbandonato lo scooter. La polizia riuscirà a risolvere il caso prima di loro e a ritrovare Benedetta sana e salva? Quella che sembrava una tranquilla realtà di provincia si trasforma in un paesaggio inquietante, intriso di violenza. Lo sciabordio sinistro delle onde del lago e il cupo silenzio dei boschi diventano il palcoscenico di uno spettacolo perverso, in cui tutti gli attori, sia gli adulti che gli adolescenti, risulteranno colpevoli.

La valle dei cadaveri

Invernici Antonio

È come se portasse il destino nel nome, Signorina: suo padre, capostazione in un piccolo paese di provincia, l'ha chiamata così ispirandosi al soprannome di una locomotiva di straordinaria eleganza. E creare eleganza, grazia, bellezza è il suo talento. Un giorno dal treno sbuca un omino con gli occhi a mandorla e, con pochi semplici gesti, crea un vestitino di carta per la sua bambola. L'omino scompare, ma le lascia un dono, un dono che lei scoprirà di possedere solo quando una sarta assisterà a una delle sue creazioni. Potrebbe essere l'atto di nascita di una grande stilista, ma ci sono il fascismo, la povertà e gli scontri in famiglia, le responsabilità, i divieti e poi la guerra... e Signorina poco a poco rinuncia a parti di se stessa, a desideri e aspirazioni, soffocando anche la propria femminilità, con una generosità istintiva e assoluta. E quando infine anche lei, quasi all'improvviso, si scopre donna e conosce l'amore, il sogno dura comunque troppo poco, sopraffatto da nuovi doveri e nuove fatiche, e dalla prova più difficile: un figlio nato troppo presto e nato malato, costretto a "succhiare aria" intorno a sé come un ciclista in salita. Nonostante i binari della ferrovia siano ormai lontani e la giovinezza lasci il posto a una maturità venata di nostalgia, ancora una volta Signorina sfodera il suo coraggio e la sua determinazione al bene e lotta per far nascere suo figlio una seconda volta, forte e capace di respirare da solo. Solo alla fine, nell'attimo esatto in cui la lotta cede il passo alla quiete, quel figlio nato due volte si renderà conto che l'amore coraggioso, quello di una donna e di una madre come Signorina, porta nel suo stesso corpo le ferite e i graffi del tempo... L'amore graffia il mondo è il ritratto appassionante di una donna più forte delle proprie fragilità e del vento della storia: una figura indimenticabile, unica, eppure sorella delle tante donne che ogni giorno come guerriere silenziose rinunciano a se stesse per abnegazione e per amore. Ma - come Il dolore perfetto, con cui Riccarelli ha vinto il premio Strega nel 2004 - questo romanzo è anche la saga di una grande famiglia, con una galleria di personaggi severi o meschini, inermi o tenaci che rimangono incisi nella memoria perché appartengono a un tempo perduto. È la storia dell'amore più assoluto e viscerale, quello tra madre e figlio, e della speranza più visionaria. Ed è la celebrazione della forza dell'immaginazione: quella di una donna capace di trarre un abito dalle pieghe di un foglio di carta, perché bastano pochi semplici gesti per vestire di bellezza il mondo.

L’AMORE GRAFFIA IL MONDO

Riccarelli Ugo