Narrativa

Dieci donne

Serrano Marcela

Descrizione: Nove donne più una. Nove donne sono convocate dalla psicoterapeuta che hanno in comune per raccontare la loro storia e le ragioni per le quali sono andate in terapia. Sono donne diversissime fra loro: dall’attrice ormai anziana che da giovane ha fatto la vita spensierata della cicala e ora si trova a dover affrontare una difficile solitudine, a quella con un passato problematico che ha saputo, con anni di lavoro su stessa, riconquistarsi una normalità apparentemente banale e insignificante. Sono diversissime per origini, professioni, età, estrazione sociale, in tutto, ma in questi coraggiosi monologhi, tra le righe, scopriamo che per quanto diverse le loro esperienze si richiamano, e che la vera protagonista del romanzo è la femminilità.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2011

ISBN: 9788807018428

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Nove donne riunite nello studio della loro psicoterapeuta: lei, Natasha, è la decima donna.

Racconti di vita che sono come confessioni. Ricordi, pensieri e sensazioni che ritornano in superficie per farsi immagini nitide nella mente delle protagoniste.

Vite differenti che percorrono la storia del Cile – e non solo – sino al secolo scorso per parlarci di un mondo che è stato e che rivive attraverso le parole di dieci donne accomunate dalla necessità di esserci.

Dieci volti che raccontano di una femminilità profonda e consapevole e che portano i segni del tempo e del dolore. Esseri dotati di grande forza ma che tradiscono un’innata fragilità, incapaci di rendersi libere ed indipendenti dall’uomo e dall’idea di amore che esse stesse si sono create. 

Età diverse per dieci donne comuni, ma eccezionalmente straordinarie nella loro unicità.

Francisca ha quarantadue anni e si porta addosso, ancora vivi, i segni dell’indifferenza di sua madre.

Manè è anziana, una Blanche di Un tram chiamato desiderio che non si aspetta più nulla: “non ha senso aspettare il momento giusto perché non arriva mai“.

Juana lavora tanto, come suo madre un tempo, e  trova la forza dentro di sé per andare avanti, anche per la figlia Susy che non l’ha più, mentre la sua vita si consuma.

Simona, a sessantun anni, ha scelto come vivere e non è più sola quando è sola nel suo presente.

Layla, di origine palestinese e madre di un  figlio nato dalla violenza di tre soldati israeliani, per guarire deve fare i conti con il proprio carico di ricordi.

Luisa, dopo trent’anni, aspetta ancora suo marito Carlos, uno dei tanti desaparecidos della dittatura di Pinochet, ma che per lei è solo un viaggiatore che vuole tornare a casa, ma non può.

Guadalupe, più semplicemente Lupe, è la più giovane con i suoi diciannove anni, ma è già molto arrabbiata con la sua famiglia che non accetta la sua omosessualità. 

Andrea, con la sua fama, la sua bellezza e i suoi soldi, è tutto che ciò che le altre potrebbero desiderare, ma ciò che lei vuole è il deserto.

Ana Rosa ha da poco passato i trenta e non riesce a liberarsi dai sensi di colpa.

Natasha, anche lei con la sua lunga e meravigliosa storia da raccontare da Minsk, sua città natale, sino al Cile, passando attraverso l’Argentina, la guerra e le dittature, ha ormai finito il suo tempo. Ascolta le sue pazienti per lasciarle andare lontano da lei verso il loro destino.

Dieci donne è un libro commovente, scritto da una donna, Marcela Serrano, sensibile e attenta alle tematiche femminili, sempre pronta a denunciare i segni di una misoginia ancora diffusa in molti Paesi del mondo.

La scrittrice cilena, una delle protagoniste del prossimo Salone Internazionale del Libro di Torino (dal 16 al 20 maggio), affascina con i suoi racconti al femminile e lo fa con semplicità e passione. E’ tornata di recente a raccontare di donne con “Adorata nemica”, sempre edito da Feltrinelli, e dal 24 aprile nelle librerie.

A proposito del suo nuovo libro Marcela Serrano, in un’intervista rilasciata a IO Donna, dichiara: “Ancora oggi ci sono donne che dipendono, in tutto e per tutto, dall’Uomo. Come se fosse lui a confermarle, nel ruolo e addirittura nella loro stessa identità“.

In “Dieci donne“, il lettore troverà però un messaggio di forza e coraggio che ristabilisce il giusto ordine delle cose e restituisce agli eventi il loro autentico significato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcela

Serrano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serrano Marcela


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

'Tutte le famiglie felici si somigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo": comincia così Anna Karenina e da quando Tolstoj ha usato queste parole per introdurre la storia di una delle famiglie più infelici della letteratura di tutti i tempi, a sentir parlare di "famiglie felici" vengono subito i brividi. Nemmeno le famiglie di Fuentes si sottraggono a questo destino: sedici racconti brevi intervallati da altrettante prose in versi in cui, inutile dirlo, nessuna famiglia è davvero felice né lo sarà mai. Un padre in punto di morte impone un diabolico rituale di lutto alle sue tre figlie. Un marito abbandona la sua bellissima moglie per una cugina molto meno avvenente. Una madre intrattiene una corrispondenza con l'assassino di sua figlia. Un fratello scredita l'altro pur di non compromettere la sua carriera. Un amante gay tradisce il suo storico partner per un giovincello.

TUTTE LE FAMIGLIE FELICI

Fuentes Carlos

VIAGGIO NEL DIALETTO MILANESE – di Giorgio Caprotti

In una Palermo sporca e violenta, un bambino di nove anni, cresciuto in una famiglia di pugili, sale per la prima volta sul ring. Nel suo formidabile esordio, Davide Enia racconta cinquant’anni di storia, dalla campagna italiana in Africa durante il secondo conflitto mondiale al tragico 1992 - quando nel capoluogo siciliano tornano a esplodere le bombe - passando per il periodo della ricostruzione post bellica, gli anni del «sacco di Palermo» e quelli della mattanza di mafia. Usando con una maestria da togliere il fiato tutti i registri narrativi, dal tragico all’onirico al comico al sentimentale, Enia restituisce un impietoso ritratto di un mondo ricolmo di ironia e violenza, con una scrittura carnale, epica, dolce e feroce.

COSI’ IN TERRA

Enia Davide

Inseparabili. Questo sono sempre stati l'uno per l'altro i fratelli Pontecorvo, Filippo e Samuel. Come i pappagallini che non sanno vivere se non sono insieme. Come i buffi e pennuti supereroi ritratti nel primo fumetto che Filippo ha disegnato con la sua matita destinata a diventare famosa. A nulla valgono le differenze: l'indolenza di Filippo - refrattario a qualsiasi attività non riguardi donne, cibo e fumetti - opposta alla determinazione di Samuel, brillante negli studi, impacciato nell'arte amatoria, avviato a un'ambiziosa carriera nel mondo della finanza. Ma ecco che i loro destini sembrano invertirsi e qualcosa per la prima volta si incrina. In un breve volgere di mesi, Filippo diventa molto più che famoso: il suo cartoon di denuncia sull'infanzia violata, acclamato da pubblico e critica dopo un trionfale passaggio a Cannes, fa di lui il simbolo, l'icona in cui tutti hanno bisogno di riconoscersi. Contemporaneamente Samuel vive giorni di crisi, tra un investimento a rischio e un'impasse sentimentale sempre più catastrofica: alla vigilia delle nozze ha perso la testa per Ludovica, introversa rampolla della Milano più elegante con un debole per l'autoerotismo. Nemmeno l'eccezionale, incrollabile Rachel, la mame che veglia su di loro da quando li ha messi al mondo, può fermare la corsa vertiginosa dei suoi ragazzi lungo il piano inclinato dell'esistenza. Forse, però, potrà difendere fino all'ultimo il segreto impronunciabile che li riguarda tutti... Alessandro Piperno ritrova la famiglia Pontecorvo - già protagonista di Persecuzione - e chiude il dittico del Fuoco amico dei ricordi con un'opera del tutto autonoma che, al tempo stesso, scioglie ogni nodo lasciato in sospeso dal primo libro. Inseparabiliè la storia di una famiglia che deve lottare con l'amore e il rancore, il lutto e la solitudine, fino alla resa dei conti. È il racconto verosimile fino al dettaglio di quanto fortuito e inarrestabile sia il meccanismo che genera un grande successo mediatico e insieme il "referto" implacabile, scioccante, degli effetti che una pubblica glorificazione può sortire su chi ne è oggetto: sui suoi desideri, sul suo carattere, sulle relazioni con coloro che ama. È un libro splendente, ironico, emozionante, percorso da una felicità narrativa che ricorda l'euforia di Con le peggiori intenzioni - la cui protagonista, Gaia, fa da guest-star in un velenoso cammeo. Un grande romanzo di oggi, veloce, crudele ma cadenzato dal passo classico di una Commedia umana che senza tempo si ripete.

INSEPARABILI

Piperno Alessandro