Narrativa

Dieci donne

Serrano Marcela

Descrizione: Nove donne più una. Nove donne sono convocate dalla psicoterapeuta che hanno in comune per raccontare la loro storia e le ragioni per le quali sono andate in terapia. Sono donne diversissime fra loro: dall’attrice ormai anziana che da giovane ha fatto la vita spensierata della cicala e ora si trova a dover affrontare una difficile solitudine, a quella con un passato problematico che ha saputo, con anni di lavoro su stessa, riconquistarsi una normalità apparentemente banale e insignificante. Sono diversissime per origini, professioni, età, estrazione sociale, in tutto, ma in questi coraggiosi monologhi, tra le righe, scopriamo che per quanto diverse le loro esperienze si richiamano, e che la vera protagonista del romanzo è la femminilità.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2011

ISBN: 9788807018428

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Nove donne riunite nello studio della loro psicoterapeuta: lei, Natasha, è la decima donna.

Racconti di vita che sono come confessioni. Ricordi, pensieri e sensazioni che ritornano in superficie per farsi immagini nitide nella mente delle protagoniste.

Vite differenti che percorrono la storia del Cile – e non solo – sino al secolo scorso per parlarci di un mondo che è stato e che rivive attraverso le parole di dieci donne accomunate dalla necessità di esserci.

Dieci volti che raccontano di una femminilità profonda e consapevole e che portano i segni del tempo e del dolore. Esseri dotati di grande forza ma che tradiscono un’innata fragilità, incapaci di rendersi libere ed indipendenti dall’uomo e dall’idea di amore che esse stesse si sono create. 

Età diverse per dieci donne comuni, ma eccezionalmente straordinarie nella loro unicità.

Francisca ha quarantadue anni e si porta addosso, ancora vivi, i segni dell’indifferenza di sua madre.

Manè è anziana, una Blanche di Un tram chiamato desiderio che non si aspetta più nulla: “non ha senso aspettare il momento giusto perché non arriva mai“.

Juana lavora tanto, come suo madre un tempo, e  trova la forza dentro di sé per andare avanti, anche per la figlia Susy che non l’ha più, mentre la sua vita si consuma.

Simona, a sessantun anni, ha scelto come vivere e non è più sola quando è sola nel suo presente.

Layla, di origine palestinese e madre di un  figlio nato dalla violenza di tre soldati israeliani, per guarire deve fare i conti con il proprio carico di ricordi.

Luisa, dopo trent’anni, aspetta ancora suo marito Carlos, uno dei tanti desaparecidos della dittatura di Pinochet, ma che per lei è solo un viaggiatore che vuole tornare a casa, ma non può.

Guadalupe, più semplicemente Lupe, è la più giovane con i suoi diciannove anni, ma è già molto arrabbiata con la sua famiglia che non accetta la sua omosessualità. 

Andrea, con la sua fama, la sua bellezza e i suoi soldi, è tutto che ciò che le altre potrebbero desiderare, ma ciò che lei vuole è il deserto.

Ana Rosa ha da poco passato i trenta e non riesce a liberarsi dai sensi di colpa.

Natasha, anche lei con la sua lunga e meravigliosa storia da raccontare da Minsk, sua città natale, sino al Cile, passando attraverso l’Argentina, la guerra e le dittature, ha ormai finito il suo tempo. Ascolta le sue pazienti per lasciarle andare lontano da lei verso il loro destino.

Dieci donne è un libro commovente, scritto da una donna, Marcela Serrano, sensibile e attenta alle tematiche femminili, sempre pronta a denunciare i segni di una misoginia ancora diffusa in molti Paesi del mondo.

La scrittrice cilena, una delle protagoniste del prossimo Salone Internazionale del Libro di Torino (dal 16 al 20 maggio), affascina con i suoi racconti al femminile e lo fa con semplicità e passione. E’ tornata di recente a raccontare di donne con “Adorata nemica”, sempre edito da Feltrinelli, e dal 24 aprile nelle librerie.

A proposito del suo nuovo libro Marcela Serrano, in un’intervista rilasciata a IO Donna, dichiara: “Ancora oggi ci sono donne che dipendono, in tutto e per tutto, dall’Uomo. Come se fosse lui a confermarle, nel ruolo e addirittura nella loro stessa identità“.

In “Dieci donne“, il lettore troverà però un messaggio di forza e coraggio che ristabilisce il giusto ordine delle cose e restituisce agli eventi il loro autentico significato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcela

Serrano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serrano Marcela


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato nel 1957 nella collana einaudiana "I Gettoni", sotto la direzione di Elio Vittorini, torna in libreria "Gymkhana-Cross", di Luigi Davì: racconti sulla quotidianità di piccoli eroi, ragazzi di ieri divisi tra fabbrica, ragazze, compagni, in una città, Torino, che con la Fiat marciava a grandi passi verso la modernità. Con una scrittura vivace, gergale, asciutta, Gymkhana-Cross descrive un tempo e un mondo in cui gli operai avevano ancora un paradiso, e qualche santo a cui rivolgersi: Davì narra ciò che vede e sperimenta, nell'orizzonte circoscritto di giornate umili e banali, alla periferia di tutto, spesso anche dei cambiamenti. Per portare fino a noi il sapore di gesti semplici (un bicchiere di vino, una partita a bocce), declinati, oggi, con il sentimento dolce della malinconia.

GYMKHANA – CROSS

Davì Luigi

Fu il primo dei tribunali della Curia romana ecclesiastica, ed è istituito per le questioni di coscienza. Le sue origini risalgono al XIII secolo, quando per autorità di Innocenzo IV i penitenzieri di Roma si costituirono in collegio sotto la presidenza di un cardinale. Il suo potere giurisdizionale variò secondo i tempi, ma è certo che la Penitenzieria si sia occupata e continui a occuparsi di cose oscure, indicibili e pericolose. Come fu in epoca controriformista per le suppliche dei condannati a morte per stregoneria. La Santa Penitenzieria Apostolica è anche altrimenti conosciuta come: il tribunale delle anime. È qui che Bene e Male giocano la loro partita con il destino degli uomini. Il tribunale infatti si occupa dell'archivio criminale più imponente che esista al mondo, quello delle confessioni dei peccati più gravi. È per questo che esistono i penitenzieri: sono loro la presenza segreta su molte scene del crimine, sono loro alla costante ricerca di ciò che l'occhio di un semplice detective non può scorgere. Un'anomalia.

Il cacciatore del buio

Carrisi Donato

Manda una poesia d’amore alle Parole di Lilly

«Accanto all'affabilità e alla pastosità porosa del mondo com'è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell'io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà...

Sindrome del distacco e tregua – parte seconda

Cucchi Maurizio