Narrativa

Dieci donne

Serrano Marcela

Descrizione: Nove donne più una. Nove donne sono convocate dalla psicoterapeuta che hanno in comune per raccontare la loro storia e le ragioni per le quali sono andate in terapia. Sono donne diversissime fra loro: dall’attrice ormai anziana che da giovane ha fatto la vita spensierata della cicala e ora si trova a dover affrontare una difficile solitudine, a quella con un passato problematico che ha saputo, con anni di lavoro su stessa, riconquistarsi una normalità apparentemente banale e insignificante. Sono diversissime per origini, professioni, età, estrazione sociale, in tutto, ma in questi coraggiosi monologhi, tra le righe, scopriamo che per quanto diverse le loro esperienze si richiamano, e che la vera protagonista del romanzo è la femminilità.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2011

ISBN: 9788807018428

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Nove donne riunite nello studio della loro psicoterapeuta: lei, Natasha, è la decima donna.

Racconti di vita che sono come confessioni. Ricordi, pensieri e sensazioni che ritornano in superficie per farsi immagini nitide nella mente delle protagoniste.

Vite differenti che percorrono la storia del Cile – e non solo – sino al secolo scorso per parlarci di un mondo che è stato e che rivive attraverso le parole di dieci donne accomunate dalla necessità di esserci.

Dieci volti che raccontano di una femminilità profonda e consapevole e che portano i segni del tempo e del dolore. Esseri dotati di grande forza ma che tradiscono un’innata fragilità, incapaci di rendersi libere ed indipendenti dall’uomo e dall’idea di amore che esse stesse si sono create. 

Età diverse per dieci donne comuni, ma eccezionalmente straordinarie nella loro unicità.

Francisca ha quarantadue anni e si porta addosso, ancora vivi, i segni dell’indifferenza di sua madre.

Manè è anziana, una Blanche di Un tram chiamato desiderio che non si aspetta più nulla: “non ha senso aspettare il momento giusto perché non arriva mai“.

Juana lavora tanto, come suo madre un tempo, e  trova la forza dentro di sé per andare avanti, anche per la figlia Susy che non l’ha più, mentre la sua vita si consuma.

Simona, a sessantun anni, ha scelto come vivere e non è più sola quando è sola nel suo presente.

Layla, di origine palestinese e madre di un  figlio nato dalla violenza di tre soldati israeliani, per guarire deve fare i conti con il proprio carico di ricordi.

Luisa, dopo trent’anni, aspetta ancora suo marito Carlos, uno dei tanti desaparecidos della dittatura di Pinochet, ma che per lei è solo un viaggiatore che vuole tornare a casa, ma non può.

Guadalupe, più semplicemente Lupe, è la più giovane con i suoi diciannove anni, ma è già molto arrabbiata con la sua famiglia che non accetta la sua omosessualità. 

Andrea, con la sua fama, la sua bellezza e i suoi soldi, è tutto che ciò che le altre potrebbero desiderare, ma ciò che lei vuole è il deserto.

Ana Rosa ha da poco passato i trenta e non riesce a liberarsi dai sensi di colpa.

Natasha, anche lei con la sua lunga e meravigliosa storia da raccontare da Minsk, sua città natale, sino al Cile, passando attraverso l’Argentina, la guerra e le dittature, ha ormai finito il suo tempo. Ascolta le sue pazienti per lasciarle andare lontano da lei verso il loro destino.

Dieci donne è un libro commovente, scritto da una donna, Marcela Serrano, sensibile e attenta alle tematiche femminili, sempre pronta a denunciare i segni di una misoginia ancora diffusa in molti Paesi del mondo.

La scrittrice cilena, una delle protagoniste del prossimo Salone Internazionale del Libro di Torino (dal 16 al 20 maggio), affascina con i suoi racconti al femminile e lo fa con semplicità e passione. E’ tornata di recente a raccontare di donne con “Adorata nemica”, sempre edito da Feltrinelli, e dal 24 aprile nelle librerie.

A proposito del suo nuovo libro Marcela Serrano, in un’intervista rilasciata a IO Donna, dichiara: “Ancora oggi ci sono donne che dipendono, in tutto e per tutto, dall’Uomo. Come se fosse lui a confermarle, nel ruolo e addirittura nella loro stessa identità“.

In “Dieci donne“, il lettore troverà però un messaggio di forza e coraggio che ristabilisce il giusto ordine delle cose e restituisce agli eventi il loro autentico significato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcela

Serrano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serrano Marcela


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A vent'anni, Elisa ha tutto: benessere, una famiglia che la ama e la coccola (anche troppo!), un amore, interessi che le riempiono la giornata e appagano la sua sensibilità. Solo una cosa le manca, ma lei non lo sa... fino a un freddo pomeriggio invernale in cui, non sapendo come trascorrere il tempo, apre un baule pieno di vecchie fotografie. Comincia così per lei un viaggio che la porta lontano, alla ricerca del tassello capace di ricomporre il disegno della sua vita.

Alla ricerca di un cuore

Melissano Manuela

È la fine del 1906 a Versailles quando un ragazzino di diciassette anni, che ne dimostra tredici e si guadagna da vivere come galoppino, si imbatte in Marcel Proust. Lo scrittore non ha nemmeno quarant'anni e nessuno immagina che diventerà il più celebre autore francese del Novecento, per ora è solo uno scrittore che si è rifugiato al Grand Hotel per stare in pace e dedicarsi ai suoi appunti, almeno fino al momento in cui il suo prezioso taccuino non scompare. Di Nöel, il protagonista di questa storia, non c'è traccia da nessuna parte, non viene mai citato e non esistono testimonianze, lettere o biografie che lo ricordino, eppure per molto tempo fu la compagnia prediletta da Monsieur Proust, il compagno di numerose indagini segrete e l'abile risolutore di enigmi complicati. Soprattutto si deve a lui la ricerca e il fortunato ritrovamento di un prezioso taccuino indispensabile per scrivere un certo romanzo… Tra malintesi, ricerche misteriose, pagine perdute e abilmente ritrovate, Pierre-Yves Leprince costruisce un romanzo che è al tempo stesso una detective story intelligente e pronta a spiazzare il lettore in ogni certezza, la storia di amicizia tra un genio del secolo scorso e un ragazzino che ha letto pochi libri ma ha occhio per i dettagli, e soprattutto è un omaggio appassionato e acuto all'autore della Recherche da parte di uno scrittore che conosce ogni piega dell'opera, della lingua e, come il protagonista di queste pagine, sembra capace di ridere e scherzare con un amico d'eccezione.

Il taccuino perduto. Un’inchiesta di Monsieur Proust

Leprince Pierre-Yves

Dopo "Non chiamarmi zingaro", Petruzzelli prosegue il suo viaggio alla ricerca degli ultimi, coloro che sono ai margini, che non hanno potere né voce, e nemmeno rappresentanza, ma solo la vita, la vita nuda. Leggere le loro testimonianze procura un effetto di straniamento perché non siamo abituati a misurarci con una dimensione totalmente altra: non consumistica, assoluta, povera, esclusivamente valoriale. Il libro è il racconto del periplo di geografie umane che l’autore ha fatto attraversando l’Europa e il Mediterraneo, a cominciare da Mauthausen per andare poi in Marocco, Algeria, Israele, Palestina, e tornare in Italia, alla ricerca di un’umanità autentica. “Ho vissuto un’infanzia di umiliazioni, insulti e disprezzo, rubando, fumando kif, bevendo, frequentando prostitute, prostituendomi io stesso. A sette anni ero già adulto” racconta Mohamed Choukri, analfabeta fino all’età di vent’anni, oggi considerato uno dei maggiori scrittori del Marocco. “E’ tutto allo sfascio. Noi in alpeggio andiamo anche a fare pulizia, a tagliare le erbacce. Siamo noi e questo ragazzo che teniamo in vita quei posti. Siamo soli. Resistiamo, ma per quanto?” racconta Cristina, pastora sarda. E chi è Zeidan? Un muratore palestinese che sta costruendo il Muro, quello tra Israele e Palestina, che lo chiuderà al mondo, ma che in questo momento gli dà da vivere. Sul Muro c’è scritto: “To exist is to resist”. Petruzzelli ricompone il quadro di un’umanità ferita ma non senza speranza. Le vite degli ultimi ci aiutano a immaginare un altro futuro. Possibile.

Gli ultimi

Petruzzelli Pino

Colette ha sempre rifiutato di scrivere deliberatamente sulla sua vita, ma ne La stella del vespro, pubblicato per la prima volta nel 1946 l’esistenza della più grande scrittrice francese del ’900 si svela discretamente, lungo frammenti scritti con la cura e la sofisticatezza a cui ormai ha abituato i suoi lettori e di cui è diventata maestra. Si tratta di una sorta di cronologia frammentata che trascrive gli avvenimenti e le osservazioni della vita quotidiana: i capricci di primavera; i viavai del compagno Maurice Goderek; le visite che riceve – tra cui Truman Capote – le audizioni per la riduzione teatrale de La Seconde; l’impegno a raccogliere tutte le sue opere per il progetto OEuvre complete per l’editore Le Fleuron; l’Académie Française. Ormai immobilizzata dalla vecchiaia, dal peso e dall’artrosi, osserva il cielo, il succedersi al giorno della luna o del vespro nel quadrato ritagliato dalle finestre del suo grande appartamento a Palais–Royal. Leggiamo una Colette malinconica e meditativa, chiusa nel suo appartamento, in cui riceve, mangia, scrive e legge. In questo testo, evoca dei ricordi dai tempi della guerra, medita sulla sua condizione di invalidità e i suoi nuovi rapporti con il mondo da scrittrice “nota e riconosciuta” e, amabilmente, conversa con le sue care presenze, con gli esseri da lei sempre amati – appassionatamente o teneramente – come la madre Sido; la figlia di cui evoca il ricordo della nascita nel 1913; Missy (la contessa Mathilde de Morny); l’ex marito Henry de Jouvenel; Polaire; il migliore amico nonché terzo e ultimo marito Maurice Goderek; il giovane reporter che viene ad intervistarla; la prostituta Renée che le appare nel giardino innevato della sua casa, un giardino dalla cui descrizione si distingue a fatica da quello di Saint–Sauveur.

La stella del vespro

Colette