Giallo - thriller - noir

Dieci piccoli indiani

Christie Agatha

Descrizione: L'inquietante vicenda di dieci personaggi prigionieri in una villa su un'isola deserta di un ignoto giustiziere. Uno ad uno vengono assassinati.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Oscar classici moderni

Anno: 1988

ISBN: 9788804307679

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

In fondo “Dieci piccoli indiani” è la storia di un omicida seriale, al quale Agatha Christie si accosta con raffinatezza stilistica, eleganza anglosassone e classicità calibrata.

Nella storia si ravvisano i tradizionali ingredienti del giallo, ossia il disegno criminale che lega gli omicidi e la firma dell’assassino.
Il disegno criminale (che poi corrisponde al movente) è rappresentato dal desiderio che l’assassino cova: sopprimere chi si sia macchiato di un delitto impunito. Il vendicatore è naturalmente uno spirito sadico e folle, ma mantiene razionalità e inventiva nel progettare ed eseguire i misfatti.
I delitti vengono firmati, tutti, in modo personale: attraverso la storiella dei dieci negretti. Al ritmo inesorabile di un conto alla rovescia dei convenuti e delle statuine in porcellana: ten, nine, eight …

L’etereo puritanesimo di Agatha Christie non si lascia contaminare dai crimini che descrive; la regina del giallo snocciola omicidi come le grane del rosario, scandendone il ritmo con macabro humour e con l’ausilio dell’immancabile maggiordomo: l’imperturbabile Roger, che per l’occasione veste anche i panni del … becchino.
L’ambiente è sufficientemente claustrofobico: una villa-obitorio, illuminata dalla luce delle candele, abbarbicata su Nigger Island, l’isola che ha reciso ogni contatto con la civiltà e sulla quale approdano i dieci “personaggi in cerca” di giustiziere.

Roger, dopo aver scoperto che la moglie è stata avvelenata, prosegue flemmatico nella recita del proprio ruolo, servendo colazioni, sino… sino alla sua morte per mano del misterioso regista.
E i cadaveri, che da uno divengono due, tre… vengono accuratamente collocati ciascuno nella propria camera. Ma ve la immaginate la villa-obitorio, illuminata dalle candele e isolata dal resto del mondo?

Di Nigger Island, sulla quale approdano i dieci “personaggi in cerca” di giustiziere, sono state scritte molte cose: secondo alcuni rappresenterebbe addirittura l’inconscio, l’es di Freud. A me piace immaginarla in senso romantico, per quello che è nel romanzo: un atomo di roccia, un frammento di Devon con il suo profilo che ricorda la testa di un “negro”, in balia dei venti e delle mareggiate, completamente abbandonata a se stessa. Anche perché, romanticamente, dall’isola parte un messaggio in bottiglia: quello che riporta la confessione dell’assassino!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Tre topolini ciechi – i-LIBRI

[…] di un vecchio satiro”) in un’atmosfera che ricorda un’altra opera della regina del giallo, “Dieci piccoli indiani”.  Poi arriva il Sergente Trotter della squadra investigativa… Intanto tutti sospettano tutti: […]

Millantar letture... – i-LIBRI

[…] di trattare  – in luogo dei “Dieci piccoli indiani”, che abbiamo già letto e discusso (http://www.i-libri.com/libri/dieci-piccoli-indiani/) – un’altra opera di Agatha […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Agatha

Christie

Libri dallo stesso autore

Intervista a Christie Agatha


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un monologo fulminante che ripercorre i patimenti della reclusione forzata di Frida Kahlo, i lucidi deliri artistici di pittrice affamata di colore, la relazione con Diego Rivera. In un Messico quanto mai reale e al tempo stesso immaginifico, Pino Cacucci mette in scena la sintesi infuocata di un’esistenza, la parabola di una grande pittrice la cui opera continua a ottenere altissimi riconoscimenti. In poche pagine c’è il Messico, c’è il risveglio dell’immaginazione, c’è la storia di una donna, c’è la rincorsa di una passione mai spenta per un uomo. L’ardente esistenza di Frida Kahlo dal vertice estremo dei suoi giorni. Un breve libro che contiene una storia immensa.

¡VIVA LA VIDA!

Cacucci Pino

Nidi di periferia

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett

Il dottor Amin Jaafari, cittadino israeliano di origine araba, lavora come chirurgo in un ospedale di Tel Aviv. Il giorno in cui un kamikaze si fa esplodere in un ristorante nel centro della città, Amin soccorre freneticamente per lunghe ore i feriti che arrivano al pronto soccorso. Ma questa orribile giornata di morte e distruzione inaspettatamente prende per lui una piega molto personale quando scopre che la terrorista kamikaze è sua moglie Sihem. Sospeso tra disperazione e bisogno di capire, comincia una sua personale e dolorosa investigazione alla ricerca della verità e delle ragioni che possono aver spinto una donna affascinante, intelligente, moderna, a diventare un mostro. Dalla terrificante scena iniziale dell'attentato fino all'epilogo disperato e dolente, L'attentatrice è un libro implacabile, capace di dipingere con lucidità e commozione, senza chiavi di lettura ideologiche preconfezionate, l'universo più misterioso e agghiacciante: l'orrore quotidiano del mondo di oggi.

L’ATTENTATRICE

Khadra Yasmina