Giallo - thriller - noir

Dieci piccoli indiani

Christie Agatha

Descrizione: L'inquietante vicenda di dieci personaggi prigionieri in una villa su un'isola deserta di un ignoto giustiziere. Uno ad uno vengono assassinati.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Oscar classici moderni

Anno: 1988

ISBN: 9788804307679

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

In fondo “Dieci piccoli indiani” è la storia di un omicida seriale, al quale Agatha Christie si accosta con raffinatezza stilistica, eleganza anglosassone e classicità calibrata.

Nella storia si ravvisano i tradizionali ingredienti del giallo, ossia il disegno criminale che lega gli omicidi e la firma dell’assassino.
Il disegno criminale (che poi corrisponde al movente) è rappresentato dal desiderio che l’assassino cova: sopprimere chi si sia macchiato di un delitto impunito. Il vendicatore è naturalmente uno spirito sadico e folle, ma mantiene razionalità e inventiva nel progettare ed eseguire i misfatti.
I delitti vengono firmati, tutti, in modo personale: attraverso la storiella dei dieci negretti. Al ritmo inesorabile di un conto alla rovescia dei convenuti e delle statuine in porcellana: ten, nine, eight …

L’etereo puritanesimo di Agatha Christie non si lascia contaminare dai crimini che descrive; la regina del giallo snocciola omicidi come le grane del rosario, scandendone il ritmo con macabro humour e con l’ausilio dell’immancabile maggiordomo: l’imperturbabile Roger, che per l’occasione veste anche i panni del … becchino.
L’ambiente è sufficientemente claustrofobico: una villa-obitorio, illuminata dalla luce delle candele, abbarbicata su Nigger Island, l’isola che ha reciso ogni contatto con la civiltà e sulla quale approdano i dieci “personaggi in cerca” di giustiziere.

Roger, dopo aver scoperto che la moglie è stata avvelenata, prosegue flemmatico nella recita del proprio ruolo, servendo colazioni, sino… sino alla sua morte per mano del misterioso regista.
E i cadaveri, che da uno divengono due, tre… vengono accuratamente collocati ciascuno nella propria camera. Ma ve la immaginate la villa-obitorio, illuminata dalle candele e isolata dal resto del mondo?

Di Nigger Island, sulla quale approdano i dieci “personaggi in cerca” di giustiziere, sono state scritte molte cose: secondo alcuni rappresenterebbe addirittura l’inconscio, l’es di Freud. A me piace immaginarla in senso romantico, per quello che è nel romanzo: un atomo di roccia, un frammento di Devon con il suo profilo che ricorda la testa di un “negro”, in balia dei venti e delle mareggiate, completamente abbandonata a se stessa. Anche perché, romanticamente, dall’isola parte un messaggio in bottiglia: quello che riporta la confessione dell’assassino!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Tre topolini ciechi – i-LIBRI

[…] di un vecchio satiro”) in un’atmosfera che ricorda un’altra opera della regina del giallo, “Dieci piccoli indiani”.  Poi arriva il Sergente Trotter della squadra investigativa… Intanto tutti sospettano tutti: […]

Millantar letture... – i-LIBRI

[…] di trattare  – in luogo dei “Dieci piccoli indiani”, che abbiamo già letto e discusso (http://www.i-libri.com/libri/dieci-piccoli-indiani/) – un’altra opera di Agatha […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Agatha

Christie

Libri dallo stesso autore

Intervista a Christie Agatha


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Parlami di me. Tutti hanno un posto a cui tornare - Il romanzo di Graziella Dotta, vincitrice del concorso letterario La Quercia del Myr

Parlami di me

Dotta Graziella

Delirio a due

Contro ogni previsione dei notabili di corte, un uomo ottiene dal re l'autorizzazione di utilizzare una sua caravella per andare alla ricerca di un'isola sconosciuta, non ancora mappata in nessuna carta. Alla sua ricerca si unisce un'umile donna, la donna delle pulizie del palazzo del re, che a poco a poco si rende indispensabile nel governare la barca alla rada nel porto. Schiacciato dalla burocrazia, dall'arbitrarietà, dal potere e dal disprezzo, il protagonista diventa consapevole del fatto che per trovare la propria identità deve vivere tra la realtà e il sogno. Ma alla fine forse è proprio la dimensione onirica a rappresentare la vera via per raggiungere la felicità. E, inopinatamente, sarà una felicità a due. Questo brevissimo racconto, può essere letto come una perfetta introduzione a tutta l'opera di Saramago.

Il racconto dell’isola sconosciuta

Saramago José

L'eroe è diverso, solo e diverso. È solo l'eroe tragico, così come l'eroe lirico. Marco è ormai prossimo alla fine. Ha diciassette anni e soffre di progeria, una malattia che accelera vertiginosamente lo scorrere del tempo e condanna a una vecchiaia precoce. Suo padre, Stefano Quondam, fuori dal tempo e dal mondo ci si è sempre trovato, anche se in maniera diversa. È un luminare di letteratura greca, grandissimo e misconosciuto, un Don Chisciotte che non ha mai smesso di combattere una testarda battaglia contro la stupidità e l'omologazione. Ma tra i due, chi è veramente il mercante di luce? Chi salva l'altro? Questa è la cronaca degli ultimi dieci giorni di un ragazzo colto e curioso, emozionato di fronte a quello che sa della vita, e di un padre che gliene spiega il senso, l'unico che conosce. Il filo che li unisce, che trasforma il pensiero in un racconto che non potrà essere dimenticato, è la poesia greca: un excursus appassionato, un viaggio luminoso in cui si rincorrono i grandi gesti e le tenere paure di poeti e poetesse dell'unico tempo possibile, quello tra il mito e l'invenzione dell'amore. E sarà proprio qui, in un punto sospeso tra pagine da sfogliare, gioco, passioni e vita vissuta, che troveranno il varco per salvarsi entrambi, perché non è possibile che "gli uccelli cantino quando finisce una tempesta e un uomo non sappia essere felice per il sole che gli resta".

Il mercante di luce

Vecchioni Roberto