Saggi

Difendere l’indifendibile

Block Walter

Descrizione: Testo oltraggioso e umoristico, che vorrebbe restituire dignità ad alcune figure e tipi umani stigmatizzati dallo status quo: il ruffiano, il porco maschilista, il poliziotto corrotto, lo speculatore ecc.

Categoria: Saggi

Editore: Liberilibri

Collana:

Anno: 1995

ISBN: 9788885140172

Recensito da Murray

Le Vostre recensioni

Se fosse istituito un premio letterario per il testo più dissacrante e politicamente scorretto, probabilmente “Difendere l’indifendibile”, scritto negli anni’60 da Walter Block ma ancora sorprendentemente attuale, vincerebbe con irrisoria facilità.

In circa 250 pagine Block riabilita infatti alcune fra le più contestate figure della società, non solo moderna, dallo spacciatore alla prostituta, passando per il maschilista, il poliziotto corrotto, il crumiro e molte altre, attribuendo loro l’espressa qualifica di veri e propri “eroi”, non tanto sul piano morale – sul quale Block sceglie coerentemente di non esprimersi – quanto sul piano della contrapposizione ad un sistema discriminatorio e fondato sul pregiudizio diffuso.

Per realizzare il suo intento, l’autore ha dalla sua parte l’affilatissima arma della logica, con la quale recide – con una chiarezza e semplicità a tratti disarmanti – molti fra i preconcetti che condizionano il pensiero comune e che, soprattutto, determinano l’indebito intervento statale in ambiti che dovrebbero rimanere, invece, soggetti alla libera ed incondizionata negoziazione fra privati.

Block ha il pregio di trattare argomenti delicati – o quantomeno solitamente considerati tali – con grande ironia e piena padronanza della materia, guidando passo per passo il lettore attraverso la strenua ed efficace difesa della libertà individuale, anche quando la stessa si esprime nella vendita di stupefacenti, del proprio corpo, di abitazioni dissestate, nel prestito di denaro a tassi d’interesse elevato o nella speculazione finanziaria.

“Difendere l’indifendibile” è dunque un testo che smaschera tutte le contraddizioni di una società che, nel rivendicare una pretesa finalità solidaristica, viola constantemente il diritto di ciascuno a concludere liberi e volontari scambi di beni o servizi, anche laddove non ne deriva alcun nocumento a danno dei terzi.

Una società che, quindi, si preoccupa solertemente di non discriminare le categorie più disparate, dimenticandosi che gli unici titolari di diritti sono gli individui autonomamente considerati, e che ogni popolo, collettività, minoranza o gruppo è in realtà solo la somma di soggetti che dovrebbero essere lasciati liberi di decidere ciò che è meglio per sè stessi, nel limite della non compressione dei diritti altrui.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Walter

Block

Libri dallo stesso autore

Intervista a Block Walter


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

STROKES

Stefano Pitino

La vita di Violette è uguale a quella di tante bambine. Due fratelli, Jean e Augustin, una madre premurosa, un padre completamente assorbito dal lavoro. Un cane, Javert, conosciuto per caso e amato all’istante. E tante case: la prima a Roma, poi a Parigi, infine a Plouzané, in Bretagna, a pochi metri dal mare, il posto migliore per curare le ferite dei sogni non realizzati. Le giornate di Violette corrono leggere, come quelle di tanti bambini, tra passeggiate, chiacchiere, giochi e letture. Le notti sono diverse. Perché Violette non dorme, cammina al buio, i piedi scalzi, l’abito celeste. Riempie le ore contando i libri dei genitori, tremilaottocentosettantotto per l’esattezza, sistema tutti i ricordi nel ricordario, per non perderli più. E ogni giorno guarda il mondo e lo vede cambiare, le persone vanno a una velocità differente, crescono, invecchiano, spariscono. Invece lei rimane sempre la stessa, le stesse mani, lo stesso viso. Perché Violette è la bambina che non c’è. Non è mai nata, è il desiderio perfetto di tutti loro, mamma, papà, Jean e Augustin. Eppure vive, ride, corre, esiste, almeno fino a quando qualcuno continuerà a pensarla. Sulla linea sottile che divide la realtà dal sogno Violette ci racconta un mondo normale e fantastico con una leggerezza pensosa, raccogliendo gli attimi, le emozioni, e i gesti che nessuno riuscirebbe mai a pensare.

Voglio vivere una volta sola

Carofiglio Francesco

Un giorno nella vita del giovane miliardario Eric Packer. Un'odissea contemporanea, surreale, sullo sfondo di un'oscura minaccia e del crollo dei mercati mondiali. Dopo Underworld e Body Art, DeLillo ci offre un romanzo caustico e affascinante, ambientato in un presente che è già futuro. «Il futuro è sempre qualcosa di integro e uniforme. Nel futuro saremo tutti alti e felici» disse lei. «Ecco perché il futuro fallisce. Fallisce sempre. Non potrà mai essere il luogo crudele e felice in cui vogliamo trasformarlo».

COSMOPOLIS

DeLillo Don

In un'esclusiva clinica neuropsichiatrica di Los Angeles Maria Wyeth, attrice fallita, ripensa alla sua vita, frammentata in episodi che appaiono ormai distanti e freddi come gli astri nella volta celeste. Dal deserto del Nevada alle colline di Hollywood, da modella a protagonista in film minori: la sua parabola è quella di una stella che non ha mai davvero brillato. Dopo anni di scelte sbagliate e di ferite emotive, Maria ha smesso di provare ogni sentimento e lascia che la vita le passi accanto. Anestetizza il dolore guidando per ore senza meta sulle autostrade della California, navigando nel traffico come nelle acque di un immenso fiume. Nonostante tutto, continua a voler giocare la sua partita forse motivata dall'unica scintilla d'amore che riserva per Kate, la figlia malata che vede di rado. Joan Didion seziona con la sua penna affilata la fauna umana che orbita intorno a Hollywood, che sfodera sorrisi e false promesse in infiniti cocktail party, che teme il fallimento come una malattia infettiva, pronta a tutto pur di riempire il vuoto che la assedia. Romanzo dalla lingua essenziale e spietata, "Prendila così" fotografa gli aspetti più vacui e autodistruttivi della società americana, raccontando quanto sia doloroso vivere e quanto più facile semplicemente esistere.

Prendila così

Didion Joan