Narrativa

LE DIFETTOSE

Mazzoni Eleonora

Descrizione: Carla ha quasi quarant'anni, un compagno praticamente perfetto, un lavoro stimolante e un certo fascino. Ma non riesce ad avere un figlio. E per una come lei, abituata a centrare l'obiettivo, il senso di fallimento brucia senza consumarsi. Perché l'ossessione della maternità si può affinare al punto da dare dipendenza. Accade a molte delle donne che Carla incontra quando decide di tentare la fecondazione assistita. Tutte stanno in fila, mese dopo mese, per eseguire lo stesso rituale: gli ormoni, il pick-up, il transfer, l'attesa. Conoscono il proprio corpo e i suoi segnali con una precisione maniacale. Usano un oscuro gergo da iniziate. Perché loro non aspettano un bambino, «fanno la cova», non rimangono incinte, «s'incicognano». Mentre a forza di medicine si gonfiano come galline d'allevamento, le donne «difettose » si sfogano, si danno conforto, nelle sale ospedaliere o nelle chat. Nel suo viaggio alla ricerca della maternità, e di una forma di saggezza che pare sempre scivolarle fra le dita, Carla può contare su di loro, ma anche su due guide spirituali d'eccezione: Seneca, oggetto dei suoi studi di latinista, e nonna Rina, che prima di diventare solida come una quercia era stata fragile come un albero rinsecchito. Nonostante persino la Bibbia sia piena di vecchie sterili che all'improvviso riescono a procreare, Carla forse deve mettersi in testa che un figlio non è un diritto, come le dice Marco, il suo compagno, con quella sua franchezza generosa e un po' leggera. Un esordio intelligente e lieve che racconta la speranza della maternità, e in cui il chiacchiericcio cosí vero di tante femmine energiche, sconsolate o allegre, ci restituisce una realtà complessa, lasciandoci perennemente in bilico tra divertimento e commozione.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Coralli

Anno: 2012

ISBN: 9788806210694

Trama

Le Vostre recensioni

“Nei reparti di Procreazione medicalmente assistita la vecchiaia arriva improvvisa come un gancio che ti stende al tappeto. Qui non ci sono sconti. Che possiamo procreare fino a età avanzata è una balla, un business per spillare soldi a nullipare attempate e infelici. Ho trentanove anni e due mesi. Ogni volta che entro da questa porta me lo ricordo. E mi sento spacciata”

Chi parla è Carla, ricercatrice universitaria, amante di Seneca e di Marco, l’uomo che condivide con lei la vita, donna intelligente e colta, indipendente e forte, tuttavia incapace di mettere al mondo un figlio. Ed è intorno a questo nodo che si srotola la narrazione, portando in superficie le ansie e le paure di molte altre donne come lei, distrutte dalla diagnosi di sterilità, ma decise a lottare per sconfiggere tutti gli ostacoli fisici e psicologici che impediscono la realizzazione del loro sogno.

Grazie a una scrittura frizzante, densa di ironia e avvolta dalla saggezza consolatoria della cultura latina, la scrittrice Eleonora Mazzoni riesce a condurci in un mondo sconosciuto, che è quello della PMA (Procreazione Medicalmente Assistita), popolato da donne “difettose”, che si sottopongono a pesanti cure mediche, fatte di punture in pancia, anestesie totali, montagne di esami e non solo. Carla, come molte altre donne, attraversa un percorso accidentato, punteggiato da tentativi non riusciti, aborti, frustrazioni,  e a quasi quarant’anni sente che il tempo è scivolato via troppo in fretta e non riesce a darsi pace per aver tergiversato con uomini sbagliati o con lavori poco soddisfacenti, mentre il suo orologio biologico andava avanti inesorabile e crudele.

“Il mio tempo si è assottigliato di botto senza che me ne rendessi conto. E’ diventato fino fino, e ora mi sta stretto come un abito di due taglie più piccolo. Ma dove l’ho buttato, che adesso mi sento in ritardo su ogni cosa? […] Giuro che nella prossima vita mi faccio mettere incinta a quattordici anni dal primo che mi capita sotto tiro.”

Questa, tuttavia, non è la storia di una donna sterile. Non solo.
Carla è immersa in una comunità di donne che si autosostiene , donne conosciute in una sala d’aspetto d’ospedale, o in un forum sul web, che offrono vicendevolmente il proprio appoggio nei momenti di sconforto e che fanno il tifo quando qualcuna ce la fa. Sono donne escluse dal mondo felice della maternità, quella che spesso capita per caso, senza fatica, come madre natura comanda. Sono donne che vivono sul proprio corpo, sulla propria pelle, la sconfitta della propria appartenenza di genere  e che non riescono ad arrendersi a una tale tragica sentenza. Qualcuna ce la fa a realizzare il proprio sogno, qualcun’altra no, ma il senso di tutta la narrazione si ritrova nel percorso di guarigione che Carla si trova ad attraversare, abbandonando alcuni desideri e scoprendone altri e, soprattutto, trovando la forza di andare avanti anche, e soprattutto, grazie alle sconfitte.

Eleonora Mazzoni, al suo primo esordio come scrittrice, ci regala un romanzo decisamente convincente, scritto con passione e vivacità. Il tema affrontato, poco conosciuto e delicato, viene raccontato con ironia e profonda umanità, senza fronzoli o giudizi.
Così la scrittrice parla della genesi del romanzo:

“Il romanzo, pur non essendo autobiografico, nasce dalla mia esperienza di non riuscire ad avere il figlio che desideravo e di tentare di porre rimedio ai difetti della natura grazie alle tecniche di procreazione assistita. In questo mio personalissimo viaggio ho scoperto un mondo “popoloso” (ormai una coppia su quattro soffre di problemi legati all’infertilità), trasversale dal punto di vista sociale, culturale, geografico e anagrafico, vitalissimo, eccentrico, ricco di storie ma ancora poco raccontato. In più mi sembrava di avere la possibilità di riflettere anche sul grande tema dei desideri. Sulla difficoltà di esaudirli, sul perché li perseguiamo e pagando quali prezzi, perché e quando li abbandoniamo. Perché la nostra volontà non basta a realizzare quello che ci prefiggiamo. E che rapporto instauriamo con quell’imponderabile che regola le vicende umane, che possiamo chiamare sorte, destino, karma, Dio. O fortuna, come lo definivano i latini, tanto amati da Carla, la mia protagonista.”
(
http://www.libreriamo.it/a/5199/eleonora-mazzoni-il-mondo-della-fecondazione-assistita-e-infestato-da-pregiudizi.aspx)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eleonora

Mazzoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mazzoni Eleonora

Napoli e la sua gente, il presente e il passato di una città e di un'intera nazione affamati di speranza e di futuro. Ermanno Rea torna con "La comunista" sui suoi passi, torna a "Mistero napoletano", ma il personaggio che ci presenta non è più, come in quel vecchio romanzo, una donna in carne e ossa bensì il suo fantasma, una creatura evanescente anche se, a momenti, terribilmente reale, capace di parlare, sorridere, piangere, come quando era viva e colmava ogni possibile vuoto con la sua incontenibile esuberanza. Anche adesso, benché fantasma, Francesca riempie di sé la scena del racconto, svelando pian piano la ragione del suo "ritorno" a Napoli. Testimone e messaggera, questa presunta donna-scandalo allude a una resurrezione ancora possibile della città, che può essere salvata - ella dice - soltanto dall'utopia, da un pensiero folle, da una passione, dalla capacità collettiva di credere nell'impossibile. Anche "L'occhio del Vesuvio" è una storia che ha, a sua volta, i colori e lo spessore dell'allucinazione. La trama è lineare, soltanto che è sovrastata dalla presenza minacciosa del Vesuvio, trasformato esso stesso in attore, personaggio neppure troppo secondario della vicenda. Distruggerà Napoli? La domanda è ripetutamente evocata, soprattutto dal co-protagonista del racconto, il grecista Lucio Ammenda, insaziabile e disordinato collezionista di libri, parte dei quali dedicati proprio al "formidabil monte" e ai suoi misteri.

La comunista

Rea Ermanno

"I giorni scanditi da pensieri ordinati, la messa a fuoco di un'esistenza che sembra crollare da un giorno all'altro, le ansie, gli istanti, le paure e le insicurezze. La pioggia, le cicale, i toraci in fiamme e Gian Maria Volontè che prega in 'Todo Modo'. Una lunga ed attenta riflessione sul significato dell'esistenza, sul dolore, sull'odio e sull'oblio. Un unico racconto, una granitica e tortuosa discesa nella quotidianità che, per emersione, illumina i dettagli della nostra esistenza facendoli danzare tra loro."

Appunti per un discorso sull’odio

Di Carlo Andrea Alessandro

Un albergo isolato, tre insegnanti, il problema della gestione della classe. Sono questi gli elementi che danno vita ai dialoghi rappresentati in questo libro, nel quale Tuffanelli immagina tre insegnanti rinchiusi per una settimana in un albergo a discutere su come gestire la classe. Ogni giorno viene affrontato un nuovo argomento: il ruolo e della responsabilità sociale dell’insegnante, i problemi di stress e di autostima, l’autorevolezza dell’insegnante, la programmazione e i diversi modi di fare lezione, le dinamiche di classe e le strategie per governarle, i saperi, le abilità e le competenze, i modi diversi di valutare e i rapporti che intessono la funzione docente. I tre attori — un giovane laureato, un’insegnante di scuola secondaria di primo grado ottimista e fiduciosa e un professore di filosofia che ha perso l’entusiasmo per il suo lavoro — aiuteranno insegnanti e educatori a riflettere su un tema difficile e poco affrontato come la gestione della classe in modo ironico e leggero.

La gestione della classe

Tuffanelli Luigi Ianes Dario

Cosa si mangiava nel Medioevo? E perché? Cosa è rimasto di tutto ciò nell'alimentazione di oggi? La storia del cibo è una storia affascinante perché, come quella del pensiero, ricca di scoperte e di imprese anonime, ma non per questo meno importanti. Dall'alimentazione romana alla corale conversione del mondo mediterraneo verso la carne, si rende in questo libro pian piano evidente come gli uomini si adattino spesso e con rapidità a cambiare i loro gusti. Una curiosa e interessante vicenda collettiva che ci trascina fino ad approdare al Medioevo,tra gusti, odori e aspetti del cibo e dell'umanità sempre diversi.

Alighieri passatemi il sale

Pischedda Anna