Narrativa

LE DIFETTOSE

Mazzoni Eleonora

Descrizione: Carla ha quasi quarant'anni, un compagno praticamente perfetto, un lavoro stimolante e un certo fascino. Ma non riesce ad avere un figlio. E per una come lei, abituata a centrare l'obiettivo, il senso di fallimento brucia senza consumarsi. Perché l'ossessione della maternità si può affinare al punto da dare dipendenza. Accade a molte delle donne che Carla incontra quando decide di tentare la fecondazione assistita. Tutte stanno in fila, mese dopo mese, per eseguire lo stesso rituale: gli ormoni, il pick-up, il transfer, l'attesa. Conoscono il proprio corpo e i suoi segnali con una precisione maniacale. Usano un oscuro gergo da iniziate. Perché loro non aspettano un bambino, «fanno la cova», non rimangono incinte, «s'incicognano». Mentre a forza di medicine si gonfiano come galline d'allevamento, le donne «difettose » si sfogano, si danno conforto, nelle sale ospedaliere o nelle chat. Nel suo viaggio alla ricerca della maternità, e di una forma di saggezza che pare sempre scivolarle fra le dita, Carla può contare su di loro, ma anche su due guide spirituali d'eccezione: Seneca, oggetto dei suoi studi di latinista, e nonna Rina, che prima di diventare solida come una quercia era stata fragile come un albero rinsecchito. Nonostante persino la Bibbia sia piena di vecchie sterili che all'improvviso riescono a procreare, Carla forse deve mettersi in testa che un figlio non è un diritto, come le dice Marco, il suo compagno, con quella sua franchezza generosa e un po' leggera. Un esordio intelligente e lieve che racconta la speranza della maternità, e in cui il chiacchiericcio cosí vero di tante femmine energiche, sconsolate o allegre, ci restituisce una realtà complessa, lasciandoci perennemente in bilico tra divertimento e commozione.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Coralli

Anno: 2012

ISBN: 9788806210694

Trama

Le Vostre recensioni

“Nei reparti di Procreazione medicalmente assistita la vecchiaia arriva improvvisa come un gancio che ti stende al tappeto. Qui non ci sono sconti. Che possiamo procreare fino a età avanzata è una balla, un business per spillare soldi a nullipare attempate e infelici. Ho trentanove anni e due mesi. Ogni volta che entro da questa porta me lo ricordo. E mi sento spacciata”

Chi parla è Carla, ricercatrice universitaria, amante di Seneca e di Marco, l’uomo che condivide con lei la vita, donna intelligente e colta, indipendente e forte, tuttavia incapace di mettere al mondo un figlio. Ed è intorno a questo nodo che si srotola la narrazione, portando in superficie le ansie e le paure di molte altre donne come lei, distrutte dalla diagnosi di sterilità, ma decise a lottare per sconfiggere tutti gli ostacoli fisici e psicologici che impediscono la realizzazione del loro sogno.

Grazie a una scrittura frizzante, densa di ironia e avvolta dalla saggezza consolatoria della cultura latina, la scrittrice Eleonora Mazzoni riesce a condurci in un mondo sconosciuto, che è quello della PMA (Procreazione Medicalmente Assistita), popolato da donne “difettose”, che si sottopongono a pesanti cure mediche, fatte di punture in pancia, anestesie totali, montagne di esami e non solo. Carla, come molte altre donne, attraversa un percorso accidentato, punteggiato da tentativi non riusciti, aborti, frustrazioni,  e a quasi quarant’anni sente che il tempo è scivolato via troppo in fretta e non riesce a darsi pace per aver tergiversato con uomini sbagliati o con lavori poco soddisfacenti, mentre il suo orologio biologico andava avanti inesorabile e crudele.

“Il mio tempo si è assottigliato di botto senza che me ne rendessi conto. E’ diventato fino fino, e ora mi sta stretto come un abito di due taglie più piccolo. Ma dove l’ho buttato, che adesso mi sento in ritardo su ogni cosa? […] Giuro che nella prossima vita mi faccio mettere incinta a quattordici anni dal primo che mi capita sotto tiro.”

Questa, tuttavia, non è la storia di una donna sterile. Non solo.
Carla è immersa in una comunità di donne che si autosostiene , donne conosciute in una sala d’aspetto d’ospedale, o in un forum sul web, che offrono vicendevolmente il proprio appoggio nei momenti di sconforto e che fanno il tifo quando qualcuna ce la fa. Sono donne escluse dal mondo felice della maternità, quella che spesso capita per caso, senza fatica, come madre natura comanda. Sono donne che vivono sul proprio corpo, sulla propria pelle, la sconfitta della propria appartenenza di genere  e che non riescono ad arrendersi a una tale tragica sentenza. Qualcuna ce la fa a realizzare il proprio sogno, qualcun’altra no, ma il senso di tutta la narrazione si ritrova nel percorso di guarigione che Carla si trova ad attraversare, abbandonando alcuni desideri e scoprendone altri e, soprattutto, trovando la forza di andare avanti anche, e soprattutto, grazie alle sconfitte.

Eleonora Mazzoni, al suo primo esordio come scrittrice, ci regala un romanzo decisamente convincente, scritto con passione e vivacità. Il tema affrontato, poco conosciuto e delicato, viene raccontato con ironia e profonda umanità, senza fronzoli o giudizi.
Così la scrittrice parla della genesi del romanzo:

“Il romanzo, pur non essendo autobiografico, nasce dalla mia esperienza di non riuscire ad avere il figlio che desideravo e di tentare di porre rimedio ai difetti della natura grazie alle tecniche di procreazione assistita. In questo mio personalissimo viaggio ho scoperto un mondo “popoloso” (ormai una coppia su quattro soffre di problemi legati all’infertilità), trasversale dal punto di vista sociale, culturale, geografico e anagrafico, vitalissimo, eccentrico, ricco di storie ma ancora poco raccontato. In più mi sembrava di avere la possibilità di riflettere anche sul grande tema dei desideri. Sulla difficoltà di esaudirli, sul perché li perseguiamo e pagando quali prezzi, perché e quando li abbandoniamo. Perché la nostra volontà non basta a realizzare quello che ci prefiggiamo. E che rapporto instauriamo con quell’imponderabile che regola le vicende umane, che possiamo chiamare sorte, destino, karma, Dio. O fortuna, come lo definivano i latini, tanto amati da Carla, la mia protagonista.”
(
http://www.libreriamo.it/a/5199/eleonora-mazzoni-il-mondo-della-fecondazione-assistita-e-infestato-da-pregiudizi.aspx)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eleonora

Mazzoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mazzoni Eleonora


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A diciotto anni, Imi ha finalmente realizzato il suo sogno di vivere a Londra. A bordo di un vecchio treno malandato ha lasciato l'orfanotrofio ungherese dove ha sempre vissuto e, nella metropoli inglese, si è impiegato in una caffetteria della catena Proper Coffee. Il suo sguardo è puro, ingenuo e pieno di entusiasmo: come gli altri orfani del villaggio di Landor, anche lui non permette mai al passato di rattristarlo, né si preoccupa troppo di ciò che il futuro potrebbe riservargli. Ha imparato a vivere nel presente, a godersi ogni più piccola emozione e si impegna di giorno in giorno, con costanza, a preparare un cappuccino sempre più delizioso. Le tante e minuziose regole che disciplinano la vita all'interno della caffetteria - riassunte nel Manuale del caffè cui i dirigenti della Proper Coffee alludono con la deferenza riservata ai testi sacri - gli sembrano scritte da mani illuminate capaci di individuare in anticipo la soluzione a qualsiasi problema pur di garantire il completo benessere di impiegati e clienti. La piramide gerarchica che ordina la Proper Coffee sembra a Imi assai più chiara e rassicurante del complesso reticolo di strade londinesi: che nascondono meraviglie, ma nelle quali è facile perdersi e disorientarsi. Dovrà passare molto tempo prima che Imi - grazie al cinismo di un collega spagnolo e ai saggi consigli della sua spensierata padrona di casa Lynne - cominci a capire la durezza di Londra e l'impietosa strategia delle regole riassunte nel Manuale del caffè. Tanto candore finirà per metterlo in pericolo: e sarà allora Morgan, il libraio iraniano dagli occhi profondi, a prendersi a cuore il destino di Imi - coinvolgendo nel suo audace progetto Margaret, vincitrice del premio Nobel per la letteratura: anziana e ormai stanca di tutto, ma ancora capace di appassionarsi alle piccole storie nascoste tra le pieghe della vita. Con la scrittura ferma, cesellata e limpidissima che da sempre è la cifra del suo stile, Nicola Lecca crea un'elegante fiaba contemporanea capace di affondare lo sguardo nei paradossi, nelle ipocrisie della società dei consumi e nell'affollata solitudine in cui ogni nostro bisogno ci consegna a una rete, appositamente tesa da altri per trarne profitto. La scelta di uno sguardo umile e "spoglio di tutto" come quello di un orfano pieno soltanto dei suoi desideri dà vita a pagine scintillanti, ironiche, capaci di illuminare la complessità del mondo e di emozionarci profondamente.

LA PIRAMIDE DEL CAFFE’

Lecca Nicola

Il giuoco delle parti

Trascorsi tre anni dalla Sciagura che ha distrutto la civiltà, nel piccolo borgo di Piedimulo, una comunità di contadini sopravvissuti vive nascosta, protetta dai grandi massi di una frana. Oltre il villaggio, verso l'alta montagna, c'è il ruscello e oltre ancora i lupi. Scampata dalla metropoli in fiamme, Nina ha dodici anni. Persi i genitori durante gli anni della ferocia, ora vive con i nonni. Ma la ragazzina riconosce i segnali nel cielo e sa che un oscuro nemico sta bussando di nuovo alle porte. Nina sarà costretta a crescere in fretta, a vivere tra i lupi e - dopo la riconquista del villaggio caduto in mano a una falange di mercenari - a essere la protagonista della rinascita di quella comunità autarchica e pacifica.

NINA DEI LUPI

Bertante Alessandro

Uno stormo di bellissimi uccelli migratori - i cavalieri d'Italia - ritorna nella laguna tirrenica dopo cent'anni di assenza. L'odissea di questi favolosi trampolieri rivissuta liricamente da uno dei più noti studiosi di ecologia animale.

I cavalieri della grande laguna

Pratesi Fulco