Narrativa

Divorare il cielo

Giordano Paolo

Descrizione: La prima volta che Teresa li vede stanno facendo il bagno in piscina, nudi, di nascosto. Lei li spia dalla finestra. Le sembrano liberi e selvaggi. Sono tre intrusi, dice suo padre. O tre ragazzi e basta, proprio come lei. Bern. Tommaso. Nicola. E Teresa che li segue, li studia, li aspetta. Teresa che si innamora di Bern. In lui c'è un'inquietudine che lei non conosce, la nostalgia per un'idea assoluta in cui credere: la religione, la natura, un figlio. Sono uno strano gruppo di randagi, fratelli non di sangue, ciascuno con un padre manchevole, carichi di nostalgia per quello che non hanno mai avuto. Il corpo li guida e li stravolge: la passione, la fatica, le strade tortuose e semplici del desiderio. Il corpo è il veicolo fragile e forte della loro violenta aspirazione al cielo. E la campagna pugliese è il teatro di questa storia che attraversa vent'anni, quattro vite, un amore. Coltivare quella terra rossa, curare gli ulivi, sgusciare montagne di mandorle, un anno dopo l'altro, fino a quando Teresa rimarrà la sola a farlo. Perché il giro delle stagioni è un potente ciclo esistenziale, e la masseria il centro esatto del mondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2018

ISBN: 9788806222277

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Divorare il cielo: può essere un modo emozionale e introiettivo di affrontare la vita, certamente intenso e attivo, senza possibilità di compromesso, adatto a chi cerca, con tenacia, di realizzare la propria promessa esistenziale.
Paolo Giordano torna con un romanzo complesso, articolato, molto letterario, ambientato nella Puglia delle masserie, degli ulivi, della scarsità idrica, della tentazione capitalistica di rinnegare la purezza del passato rurale, corrompendola con le contaminazioni economiche.

Teresa, la protagonista di Divorare il cielo, trascorre le vacanze giovanili a Speziale (“A Natale ero ancora in preda alla nostalgia di Speziale”), nella villa pugliese della nonna paterna, che confina con la proprietà ove Cesare e Floriana realizzano una comunità adottiva ispirata a principi religiosi che oscillano tra ispirazioni bibliche, metempsicosi ed ecologismo (“Pensavo che per voi testimoni di Geova fosse proibito… Chi ti ha detto che sono un testimone di Geova?”).
L’incontro con il carismatico Bern(ardo), (“Il cuore di Bern è stato toccato dal maligno”), Nicola (“Bern e Tommaso erano dei fratelli per me. Loro erano siamesi forse, ma io ero comunque loro fratello”) e l’albino Tommaso – che condizionerà come un sogno tutto il futuro della ragazza (“Bern non poteva cambiare la sua residenza con nessun altro luogo al mondo, perché la sua anima era incastrata lì, fra quelle piante, fra quei sassi”) – imprime un nuovo corso alle estati di Teresa, che entra in contatto con i riti adolescenziali (“la casetta sul gelso”) e con uno stile di vita affascinante e promettente. Ma è soprattutto l’amore immediato per Bern, nipote in affido a Cesare, lo stimolo che induce Teresa ad abbandonare gli osteggianti genitori (“Come se mio padre, parlandomi del tedesco e delle tombe, volesse allontanarmi da Bern”), Torino e gli studi universitari, per intraprendere nella masseria abbandonata una vita comunarda (“Credo che si possa definirci abusivi”) che – sul finire degli anni novanta – assomiglia a una riedizione evolutiva degli afflati ecologisti e contestatori della cultura hippy (“Mostrai ai ragazzi l’erba di Violalibera”) e post-sessantottina.
Quando la piccola comunità formata con le coppie Danco-Giuliana e Tommaso-Corinne implode e si scioglie (“La fine di un sogno opaco che nessuno di noi, con la sola eccezione di Bern, aveva mai creduto potesse compiersi sul serio e poi durare”), Teresa e Bern decidono d’impeto di sposarsi, anche per affrontare la difficile esperienza della maternità eterologa, che tuttavia avrà un esito fallimentare e fatale per la relazione.

La vita dei due amanti si complica, s’ingarbuglia, naufraga: lo spirito indomito di Bern si esprime in forme di protesta che assumono ora la tattica dei black bloc, ora l’intonazione letteraria del Barone rampante (ndr: per connessione di argomento: chi si ricorda di questo caso di cronaca?). La protesta culmina in uno scontro con la polizia e Nicola (“Un agente di polizia. Si chiamava Nicola Belpanno”) rimane vittima di un omicidio che riecheggia il fratricidio biblico di Caino.

Il finale (Parte terza – Lofthellir), ambientato nella spettacolare natura artico-lunare dell’Islanda (“L’Antropocene? L’era geologica in cui viviamo, in cui ogni cosa del pianeta, ogni luogo, ogni ecosistema è stato alterato dalla presenza dell’uomo… Cominciò a emergere in lui il desiderio di trovare almeno un’eccezione. Qualcosa che non fosse ancora stato visto, rovinato. Qualcosa di puro”), è tanto surreale quanto improbabile (“Bern dentro una grotta: era possibile. In tutti quegli anni… era vissuto in una torre diroccata, in una casa senza corrente elettrica, sopra un albero”), ma consente a Paolo Giordano di formulare la propria ipotesi di una sorprendente coincidentia oppositorum esistenziale: non arriviamo mai a conoscere veramente gli altri, eppure l’intuizione amorosa ci consente di penetrare in profondità l’altro…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Giordano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giordano Paolo

De Amicis, Edmondo – IL TAMBURINO SARDO (Cuore, 1886)

A distanza di 32 anni da quel giorno, e dopo i processi che hanno visto il coinvolgimento di molti paesi (Polonia, Turchia, Bulgaria, Russia, Germania), finalmente Ali Agca vuota il sacco per dire quella verità che non è mai venuta fuori. Una rivelazione. E insieme ricostruire molte altri aspetti mai confessati o chiariti. Non è vero, per esempio, che Ali sparò solo due colpi per non uccidere il papa, la verità è che la pistola s'inceppò. L'autore, con l'aiuto di un giornalista che non ha voluto rendere pubblico il nome per paura di possibili ritorsioni e che ha potuto verificare l'attendibilità del racconto di Ali, rivela anche la sua vita di terrorista e di cecchino al servizio della causa islamica, fin dai tempi della sua adolescenza, in un crescendo fatto di fede disperata e voglia di riscatto. Il libro si legge come un romanzo, un memoir avvincente, e per questo si presta a una doppia lettura, in chiave giornalistica e narrativa, toccando tutti i punti che hanno reso l'attentato al papa, con il corollario della scomparsa di Emanuela Orlandi, uno dei gialli internazionali più clamorosi del secolo passato.

Mi avevano promesso il paradiso

Ağca Ali

«Scusi, dov'è sepolto Voltaire?» «Nessuno lo sa». Un estemporaneo scambio di e-mail tra diplomatici fa scattare la caccia alle spoglie del grande filosofo francese. I suoi resti furono profanati e di lui rimane soltanto il cuore, conservato nella Biblioteca nazionale di Parigi. Ma sarà autentico? Il prof. De Luziers, genetista della Sorbona, viene invitato a comparare il DNA degli ultimi discendenti di Voltaire con quello del cuore. Sembra normale amministrazione, e invece. Un vortice di sorprese, intrighi, scoperte in grado di riscrivere la storia, tra antiche abbazie, castelli alpini, spiagge caraibiche, segrete stanze vaticane, gabinetti presidenziali, affari di Stato.

ENIGMA VOLTAIRE

Nieves Luis Lòpez

Un misantropo appassionato di Stendhal, nascosto in un villaggio della Savoia, viene misteriosamente rapito e abbandonato in una foresta. Una bella signora bionda, esperta guidatrice, perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada. Intanto in Bretagna un uomo che ogni giorno faceva la sua passeggiata in riva al mare incontra due sconosciuti che lo terrorizzano. Ma il lettore capisce presto che questo non è un classico romanzo poliziesco. Gli aggressori non sono né agenti segreti né trafficanti. Non aggrediscono dei duri ma delle persone miti. Ce l’hanno in particolare con un libraio ribelle, con una malinconica ereditiera e con la libreria che i due hanno creato senza mai pensare che potesse suscitare tanto odio. Chi, tra gli appassionati della letteratura, non ha mai sognato di aprire una libreria ideale dove si vendessero solo i libri più amati? Lanciandosi nell’avventura, Francesca e Ivan, i due librai, sapevano che non sarebbe stato facile. Come scegliere i libri? Come far quadrare i conti? Ma ciò che non avevano previsto era il successo. Un successo che però scatena una sorprendente sfilza di invidie e aggressioni.

LA LIBRERIA DEL BUON ROMANZO

Cossé Laurence