Narrativa

Dodecamenos/inverno

Giuliani Rania

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Meme Publishers

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Inverno è il primo dei quattro racconti erotici che compongono Dodecamenos. Questo testo potrebbe anonimamente catalogarsi insieme a tutta una certa letteratura d’intrattenimento se non fosse per l’interessante gioco meta-letterario che la scrittrice imbastisce. Sin dalle prime pagine infatti Rania Giuliani stabilisce il binomio sesso-letteratura che attraversa tutto il racconto e lascia intendere che sarà possibile ritrovare successivamente la stesso accostamento. Il primo aggancio con la letteratura è un omaggio a uno degli scrittori post-moderni più importanti, Italo Calvino: la storia d’amore induce i due protagonisti di Se una notte d’inverno un viaggiatore a cimentarsi in una serie di letture. Così come in Calvino l’amore si lega alla lettura, in questo racconto è l’eros a stringere un connubio con essa: le due protagoniste ricorrono a dei romanzi non solo per esprimere il loro pensiero ma anche per trasmettere un messaggio. Marquez e Pessoa sono gli autori ai quali le due donne affidano le loro parole: l’esperienza sessuale non è mai fine a se stessa, nemmeno nella forma di adulterio e di autoerotismo che assume, perché ha lo scopo di stabilire un contatto con l’altro.

L’autrice vuole riportare l’attenzione del lettore sulla questione dell’ermeneutica: Bianca lascia volutamente sul comodino di suo marito un romanzo, affinché questi lo legga e comprenda il suo stato d’animo. Eppure il libro, il romanzo o qualsiasi altra forma letteraria in sé è priva di significato se poi non c’è un destinatario capace di apprendere il messaggio dello scrittore: il rischio che il messaggio venga deviato, frainteso, compreso solo in parte è certamente alto, ma da qualche parte c’è sempre qualcuno capace di comprendere il testo. La protagonista spera che il suo compagno riesca a intendere la richiesta d’aiuto inviatagli attraverso un romanzo.

L’altra donna ama proporre delle letture e avvia una piccola attività per mezzo della quale suggerisce e presta testi: dalle scelte di ciascuno è facile per Laura apprendere indizi sulla vita di chi ha di fronte. La letteratura quindi non solo come mezzo per esprimere se stessi ma anche per conoscere il prossimo: aspetta di poter trovare qualcuno a cui consigliare la lettura de Il libro dell’inquietudine di Pessoa e con alcune sue parole si conclude il racconto.

Per il momento, lasciati in sospeso dopo la lettura di un quarto della serie, il lettore (quello reale s’intende) non può far altro che aspettare l’uscita delle parti successive per scoprire l’esito della vicenda di Bianca e Laura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rania

Giuliani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giuliani Rania

Arrivano tutte le sere, d'estate. Scaricano da un furgoncino un divano, tavolini e lampade. E pescano. L'alcolizzato abita in una Baracca. I ragazzi vanno da lui a raccattare i vuoti per rivenderseli e comprare qualcosa, un hamburger oppure una scatola di proiettili. Quel giorno il ragazzino sceglie i proiettili. La seconda guerra mondiale è appena finita, e nessuno fa caso a un adolescente con un fucile sottobraccio, fermo a una stazione di servizio. Il ragazzino è un uomo e ricorda, prima che il vento si porti via tutto, l'America e i suoi sogni, l'alcolizzato e le sue bottiglie, i due sul divano in riva al lago. La scelta, leggera e terribile, tra hamburger e proiettili, un colpo di fucile in un campo di meli e l'amico bello e ferito, lasciato lì a morire dissanguato. "American Dust" è un'elegia delicata e sorprendente, in cui l'infanzia e la morte danzano insieme, avvolte nella polvere del sogno americano.

AMERICAN DUST

Brautigan Richard

«I suoni erano inauditi, ma facevano parte di me. Rarefazioni che avevo pur vissuto, anche se mai trovate espresse nel panorama musicale che mi circondava. Come un viaggio in abissi che contenevo. In un altro spazio. In un altro tempo.» Un grande scrittore racconta un maestro immenso della musica contemporanea. La facoltà dello stupore: è questo il nucleo attorno al quale orbita l'intera esperienza artistica di Franco Battiato, la matrice che accomuna tutti i brani della sua vastissima produzione. La sua musica è un dono, un invito a smarrirsi per poi ritrovarsi; è un'esortazione a sperimentare continue incursioni in un altrove sconosciuto, negli infiniti «mondi lontanissimi» che possono aprirsi lungo il cammino delle nostre vite. Ed è proprio questo «senso di stupore inaudito» il sentimento dal quale prende le mosse Aldo Nove per ripercorrere la parabola umana e creativa del musicista siciliano e illuminare le incessanti peregrinazioni dello spirito che la alimentano. In queste pagine conosceremo un giovanissimo Battiato che a Riposto, in Sicilia, trascorre interi pomeriggi ad ascoltare i suoni della natura, con l'inquietudine di chi ha sempre voglia di andare via; anni dopo, a Roma, lo vedremo incassare il «le faremo sapere» dei discografici, per poi seguirlo a Milano, dove muoverà i primi passi nel mondo della musica e si imporrà all'attenzione del pubblico e della critica come una delle voci più originali del momento. Leggeremo di incontri sorprendenti, di turbamenti capaci di trasformarsi in musiche e parole, in suoni che sembrano provenire dal recesso dell'anima e hanno la forza di dilatare il tempo e lo spazio. Verremo condotti per mano nei meandri dell'opera di uno dei più grandi geni della musica contemporanea e saremo chiamati a cogliere i «frammenti dell'infinito» disseminati lungo un percorso musicale ed esistenziale di rara intensità. Infine, leggeremo le parole d'amore e di riconoscenza di un grande scrittore nei confronti di un uomo...

Franco Battiato

Nove Aldo

La bruciante e tragica ascesa di Julien Sorel, giovane avventuroso, romantico e calcolatore, nella Francia della Restaurazione. Il protagonista del piú celebre romanzo dello scrittore francese sfida se stesso e la società che vorrebbe conquistare: i suoi amori travolgenti e la sua arida sete di dominio, che di volta in volta gli consentono di affermarsi e lo portano alla distruzione, sono i segni distintivi di una letteratura che è riuscita a misurarsi con le piú profonde e misteriose contraddizioni del cuore umano. Il fascino estremo di un personaggio ambizioso e inquietante nel più celebre romanzo di Stendhal. Con uno scritto di Giuseppe Tomasi di Lampedusa e una nota bibliografica.

Il rosso e il nero

Stendhal

John e Marian, coppia di facoltosi quarantenni, attendono nella loro villa di campagna l'arrivo di Lyle, critico d'arte di New York, nell'anniversario della morte di Tony, fratello di John e compagno di Lyle per nove anni. Quest'ultimo si presenta però insieme a Robert, ventiquattrenne pittore di origini indiane: circostanza fatalmente destinata a trasformare il placido soggiorno che i tre avevano programmato in una sequenza di momenti imbarazzanti e carichi di tensione. Ma se l'ansiosa Marian sem­bra essere l'unica ad accorgersene e John si chiude in un laconico riserbo, Lyle fa di tutto per apparire disinvolto. Il suo ultimo libro, in cui descrive la pittura contemporanea come «un'arte moribonda», ha avuto un successo di pubblico inaspettato, e grazie all’adorazione del giovane Robert si è di nuovo attaccato «alla speranza, al­l’at­tesa, al­l’idea che la sua vita stia per cambiare». Eppure, come Lyle imparerà a proprie spese, «lo scorrere dei giorni leviga il dolore ma non lo consuma: quello che il tempo si porta via è andato, e poi si resta con un qualcosa di freddo e duro, un souvenir che non si perde mai». È infatti nelle situazioni più ordinarie – una cena in giardino, una nuotata nel fiume accanto alla casa – che l'assen­za di Tony si fa insopportabile, costringendo i tre amici a sollevare il velo di falsa naturalezza che maschera ansie ine­spresse e antichi dolori. Anche in questo romanzo avvolgente Cameron si mostra come pochi capace di dosare satira e introspezione, per condurci fino a quel luogo della coscienza dove si celano le domande più dure, sull’im­possibilità di conoscere una persona come sulla incerta base dei rapporti sociali.

IL WEEKEND

Cameron Peter