Narrativa

Dodecamenos/inverno

Giuliani Rania

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Meme Publishers

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Inverno è il primo dei quattro racconti erotici che compongono Dodecamenos. Questo testo potrebbe anonimamente catalogarsi insieme a tutta una certa letteratura d’intrattenimento se non fosse per l’interessante gioco meta-letterario che la scrittrice imbastisce. Sin dalle prime pagine infatti Rania Giuliani stabilisce il binomio sesso-letteratura che attraversa tutto il racconto e lascia intendere che sarà possibile ritrovare successivamente la stesso accostamento. Il primo aggancio con la letteratura è un omaggio a uno degli scrittori post-moderni più importanti, Italo Calvino: la storia d’amore induce i due protagonisti di Se una notte d’inverno un viaggiatore a cimentarsi in una serie di letture. Così come in Calvino l’amore si lega alla lettura, in questo racconto è l’eros a stringere un connubio con essa: le due protagoniste ricorrono a dei romanzi non solo per esprimere il loro pensiero ma anche per trasmettere un messaggio. Marquez e Pessoa sono gli autori ai quali le due donne affidano le loro parole: l’esperienza sessuale non è mai fine a se stessa, nemmeno nella forma di adulterio e di autoerotismo che assume, perché ha lo scopo di stabilire un contatto con l’altro.

L’autrice vuole riportare l’attenzione del lettore sulla questione dell’ermeneutica: Bianca lascia volutamente sul comodino di suo marito un romanzo, affinché questi lo legga e comprenda il suo stato d’animo. Eppure il libro, il romanzo o qualsiasi altra forma letteraria in sé è priva di significato se poi non c’è un destinatario capace di apprendere il messaggio dello scrittore: il rischio che il messaggio venga deviato, frainteso, compreso solo in parte è certamente alto, ma da qualche parte c’è sempre qualcuno capace di comprendere il testo. La protagonista spera che il suo compagno riesca a intendere la richiesta d’aiuto inviatagli attraverso un romanzo.

L’altra donna ama proporre delle letture e avvia una piccola attività per mezzo della quale suggerisce e presta testi: dalle scelte di ciascuno è facile per Laura apprendere indizi sulla vita di chi ha di fronte. La letteratura quindi non solo come mezzo per esprimere se stessi ma anche per conoscere il prossimo: aspetta di poter trovare qualcuno a cui consigliare la lettura de Il libro dell’inquietudine di Pessoa e con alcune sue parole si conclude il racconto.

Per il momento, lasciati in sospeso dopo la lettura di un quarto della serie, il lettore (quello reale s’intende) non può far altro che aspettare l’uscita delle parti successive per scoprire l’esito della vicenda di Bianca e Laura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rania

Giuliani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giuliani Rania


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

10 REGOLE PER VIVERE COL PARTNER – di Paola Capitani

RISVEGLIO

Rice Anna

Quindici storie che segnano l'esordio narrativo di James Joyce e compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l'infanzia, l'adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. In queste pagine Joyce ritrae oggettivamente il mondo della sua città natale, i pregi e i difetti della piccola borghesia dublinese, l'attaccamento alla tradizione cattolica, il sentimento nazionalistico, il decoro, la grettezza, le meschinità, i pregiudizi, osservati e descritti con mordente ironia e profondo senso poetico. Ogni storia, dove pare nulla succeda, rivela in realtà una complessità di sentimenti che smascherano, agli occhi e al cuore di Joyce, la vera anima di Dublino. Introduzione di Giorgio Melchiori.

Gente di Dublino

Joyce James

«Dovlatov semplicemente ride. Senza secondi fini, senza sottofondo». «In Dovlatov il lettore occidentale riconoscerà anche se stesso. In questa universalità dell'umorismo dovlatoviano risiede, forse, la qualità fondamentale della sua prosa». Vanno assunti pressoché testualmente, come guida alla lettura, questi giudizi di critici su uno scrittore russo contro ogni corrente, morto prematuramente nel '90, da sempre dissidente ed emigrato in America con l'ultima ondata, molto amato dalla critica, meno dai suoi colleghi dell'emigrazione. E ad essi va utilmente aggiunta l'esclamazione di Kurt Vonnegut alla presentazione newyorkese di un libro di Dovlatov: «siamo felici che lei sia tra di noi». Poiché infatti a spiegare l'amore che suscita questo che è ormai da considerarsi un caso letterario internazionale bisogna ricorrere al ritemprante senso di felicità che esala dalle sue commedie quotidiane, lo splendente umorismo che filtra dai suoi infiniti aneddoti (paragonato senza mediazioni all'umorismo di Čechov). Tanto che, se il lettore astraesse dal luogo e dal tempo del loro svolgimento (la repubblica estone dell'URSS, nell'era di Breznev), questi compromessi potrebbero benissimo raccontare come nasce universalmente una non-notizia, come è fatto veramente il mondo della non-comunicazione.

COMPROMESSO

Dovlatov Sergej