Narrativa

Dodecamenos/inverno

Giuliani Rania

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Meme Publishers

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Inverno è il primo dei quattro racconti erotici che compongono Dodecamenos. Questo testo potrebbe anonimamente catalogarsi insieme a tutta una certa letteratura d’intrattenimento se non fosse per l’interessante gioco meta-letterario che la scrittrice imbastisce. Sin dalle prime pagine infatti Rania Giuliani stabilisce il binomio sesso-letteratura che attraversa tutto il racconto e lascia intendere che sarà possibile ritrovare successivamente la stesso accostamento. Il primo aggancio con la letteratura è un omaggio a uno degli scrittori post-moderni più importanti, Italo Calvino: la storia d’amore induce i due protagonisti di Se una notte d’inverno un viaggiatore a cimentarsi in una serie di letture. Così come in Calvino l’amore si lega alla lettura, in questo racconto è l’eros a stringere un connubio con essa: le due protagoniste ricorrono a dei romanzi non solo per esprimere il loro pensiero ma anche per trasmettere un messaggio. Marquez e Pessoa sono gli autori ai quali le due donne affidano le loro parole: l’esperienza sessuale non è mai fine a se stessa, nemmeno nella forma di adulterio e di autoerotismo che assume, perché ha lo scopo di stabilire un contatto con l’altro.

L’autrice vuole riportare l’attenzione del lettore sulla questione dell’ermeneutica: Bianca lascia volutamente sul comodino di suo marito un romanzo, affinché questi lo legga e comprenda il suo stato d’animo. Eppure il libro, il romanzo o qualsiasi altra forma letteraria in sé è priva di significato se poi non c’è un destinatario capace di apprendere il messaggio dello scrittore: il rischio che il messaggio venga deviato, frainteso, compreso solo in parte è certamente alto, ma da qualche parte c’è sempre qualcuno capace di comprendere il testo. La protagonista spera che il suo compagno riesca a intendere la richiesta d’aiuto inviatagli attraverso un romanzo.

L’altra donna ama proporre delle letture e avvia una piccola attività per mezzo della quale suggerisce e presta testi: dalle scelte di ciascuno è facile per Laura apprendere indizi sulla vita di chi ha di fronte. La letteratura quindi non solo come mezzo per esprimere se stessi ma anche per conoscere il prossimo: aspetta di poter trovare qualcuno a cui consigliare la lettura de Il libro dell’inquietudine di Pessoa e con alcune sue parole si conclude il racconto.

Per il momento, lasciati in sospeso dopo la lettura di un quarto della serie, il lettore (quello reale s’intende) non può far altro che aspettare l’uscita delle parti successive per scoprire l’esito della vicenda di Bianca e Laura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rania

Giuliani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giuliani Rania


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Aomame è spietata e fragile. È un killer che, in minigonna e tacchi a spillo, con una tecnica micidiale e impalpabile, vendica tutte le donne che subiscono una violenza. Tengo è un ghost writer che deve riscrivere un libro inquietante e pericoloso come una profezia. Entrambi si giocano la vita in una storia che sembra destinata a farli incontrare. Ma quando Aomame, sollevando gli occhi al cielo, vede sorgere una seconda luna, capisce che non potranno condividere neppure la stessa realtà. Mai come in 1Q84 Murakami ha esplorato le nostre ossessioni per dare vita a un mondo così personale, onirico e malinconico. Accolto in Giappone come il suo capolavoro, 1Q84 è un romanzo che contiene universi.

1Q84

Haruki Murakami

Nella Parigi del quartiere latino, della Sorbona e dei piccoli caffè giovani e vecchi ingannano il tempo tra conversazioni di filosofia e letteratura. E il tempo è il vero protagonista di questo romanzo, inteso ciclicamente come ritorno e alternanza ma inteso anche come unica e ineludibile direzione che consegna l'uomo alla vecchiaia e alla morte.

Gli ultimi giorni

Queneau Raymond

Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio… Il silenzio in cui si sono suicidati gli scrivani di Vectis. Dopo aver compilato la sterminata Biblioteca che riporta il giorno di nascita e di morte di ogni uomo vissuto dall’VIII secolo in poi, la loro eredità è una data: il 9 febbraio 2027. Ma la giovane Clarissa non sa nulla di tutto ciò. Il suo unico pensiero è fuggire. Fuggire da quell’abbazia maledetta, per mettere in salvo il dono più prezioso che Dio le abbia mai concesso. Il futuro dell’umanità è un mistero nascosto tra le pagine di un libro… Il libro in cui è indicato il giorno del giudizio. Mentre il mondo s’interroga su cosa accadrà davvero il 9 febbraio 2027, alcune persone ricevono una cartolina sulla quale ci sono il disegno di una bara e una data: il giorno della loro morte. Proprio come all’inizio della straordinaria serie di eventi che avevano portato alla scoperta della Biblioteca dei Morti. C’è soltanto una differenza: tutte le «vittime» sono di origine cinese. È una provocazione? Un avvertimento? L’ultima verità non è mai stata trovata… Will Piper ha trovato la pace: sa che vivrà oltre il 9 febbraio 2027, e ha deciso di lasciarsi alle spalle l’enigma della Biblioteca di Vectis e la sua secolare scia di sangue. Almeno finché suo figlio non parte all’improvviso per l’Inghilterra e poi sparisce nel nulla. D’un tratto, per Will, ogni cosa torna a ruotare intorno all’origine della Biblioteca dei Morti. Lì dove tutto è cominciato. E dove tutto finirà.

I custodi della biblioteca

Cooper Glenn

«Intimità e controllo sulla propria vita non c’erano piú. Alice per la maggior parte del tempo portava vestiti dell’ospedale. Si svegliava quando glielo dicevano, si lavava e si vestiva quando glielo dicevano, mangiava quando glielo dicevano. Alice si sentiva in prigione, come se l’avessero messa dentro per vecchiaia». Atul Gawande descrive e discute le principali difficoltà dei servizi assistenziali per gli anziani nell’Occidente industriale attraverso le storie paradigmatiche degli ultimi anni di vita di alcuni personaggi conosciuti personalmente. E propone alternative. La sua tesi è che lo stesso sistema sanitario che ha trasformato le nostre vite allungandole straordinariamente è però anche responsabile di una medicalizzazione della vecchiaia, in un’ottica concentrata esclusivamente sul binomio «sicurezza e salute» a discapito della centralità – soprattutto per le persone molto anziane – del controllo sulle proprie scelte di vita, anche di fronte alla morte.

Essere mortale

Gawande Atul