Giallo - thriller - noir

Dodici lumache e una banana split

Monforte Matteo

Descrizione: Martino Rebowsky è uno dei dodici uomini più felici sulla faccia della terra. Ormai sempre più grasso, più misogino, più pigro, più strafatto, più allo sbando e più rock 'n' roll, passa le sue giornate a dormire e a guardare serie tv su Netflix, mentre di notte - come un moderno guru della Genova by night - va in giro a filosofeggiare per i locali del centro storico o a suonare la sua tromba nei peggiori club della città. Ma qualcosa sta per cambiare. Quando improvvisamente sparisce nel nulla Bianca, una delle spogliarelliste del Perciò, gli equilibri zen della sua vita sballano radicalmente. Rebowsky, assoldato da Lele "il fighetto", proprietario del night, dovrà cercare la ragazza scomparsa e farlo alla svelta; Lele non vuole sbirri tra i piedi, quindi, in cambio di una discreta somma di grano, dovrà trovare Bianca senza fare troppo chiasso in giro. Aiutato come sempre dalla sua amica Marilù - ricca e naïf - Martino, improvvisandosi maldestramente investigatore privato, si troverà improvvisamente catapultato in una surreale e bizzarra indagine, contornata da folli nottate, Porsche fiammanti, musicisti ossessivo compulsivi, hipster vegani, provocanti spogliarelliste, fotografi radical-chic, incensisti senza capo né coda, grassi finanzieri corrotti e artisti maledetti. Ma che fine ha fatto, davvero, Bianca? E di chi è quel cadavere trovato in mare, domenica 12 maggio?

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Frilli

Collana: Supernoir

Anno: 2020

ISBN: 9788869434235

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Matteo Monforte, Dodici lumache e una banana split – Frilli 2020

Matteo Monforte torna con una nuova avventura: protagonista la sua creatura di carta, Martino Rebowsky, in Dodici lumache e una banana split. Un protagonista dissacrante, fuori da ogni schema, totalmente borderline, che colpisce non poco il lettore. Chi è costui?

“È uno dei dodici uomini più felici sulla faccia della terra. Ormai sempre più grasso, più misogino, più pigro, più strafatto, più allo sbando e più rock ‘n ‘roll, passa le sue giornate a dormire e a guardare serie tv su Netflix, mentre di notte va in giro a filosofeggiare per i locali del centro storico o a suonare la sua tromba nei peggiori club della città.

Grassone all’inverosimile, consumatore abituale di canna e sporadicamente di cocaina, vive al limite la sua vita. I suoi amici e compagni di vita, sempre notturna e ben poco diurna, sono prostitute, delinquenti, proprietari ambigui di night club e quant’altro. Lui suona in un locale, il Perciò di Genova, di proprietà di un certo Lele, un uomo detto il “fighetto”, intrallazzatore e molto losco. Quando scompare nel nulla la spogliarellista Bianca, Lele non trova di meglio da fare che incaricare Martino a indagare su questo fuga o scomparsa che dir si voglia. Inizia così un’investigazione parallela, che non ha nulla di usuale, in cui il nostro protagonista “si troverà improvvisamente investigatore privato, catapultato in una surreale e bizzarra indagine, contornata da folli nottate. “

Un viaggio in un mondo altro, diverso dalla quotidianità della maggior parte di noi.  La rappresentazione, spesso ironica e frizzante, ritrae un crogiuolo di umanità che riesce a ottenere guadagno lauto e facile con droga, alcol, prostituzione, finanza corrotta e malsana. Il protagonista non può che essere un anti-eroe, un misogino ai limiti della sopravvivenza, senza né capo né coda. Il testo sicuramente si fa notare anche per lo stile di scrittura spesso ironico, dissacrante e sarcastico. Sullo sfondo la città di Genova e i suoi locali notturni, la sua eccentricità, il suo essere diversa e per questo ancora più ricca di malia…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matteo

Monforte

Libri dallo stesso autore

Intervista a Monforte Matteo

La vita dispari è la pirotecnica, profonda ed esilarante parabola umana di un ragazzino che vede solo una metà del mondo, destinato a diventare un adulto che vive solo a metà. E se metà fosse meglio di tutto? Paolo Colagrande compie un prodigio, perché in queste pagine – dove Gianni Celati incontra Woody Allen – il godimento vivissimo di una scrittura straordinaria va a braccetto con un'allegria contagiosa. La «vita dispari» è quella che – ridendo di noi stessi – conduciamo tutti noi a qualsiasi età quando tentiamo di indovinare la parte mancante delle cose. Paolo Colagrande è nato a Piacenza nel 1960. Il suo ultimo romanzo è Senti le rane (nottetempo 2015, Premio Campiello Selezione Giuria dei Letterati). Paolo Colagrande è nato a Piacenza nel 1960. Ha pubblicato i romanzi: Fídeg (Alet 2007, Premio Campiello Opera Prima, finalista Premio Viareggio), Kammerspiel (Alet 2008), Dioblú (Rizzoli 2010), Senti le rane (nottetempo 2015, Premio Campiello Selezione Giuria dei Letterati). Quando Buttarelli scompare – e intorno alla sua figura si crea un alone di mistero – non resta che raccogliere, per tentare di fare un po' di chiarezza o forse per aumentare la confusione, la testimonianza del suo amico nullafacente Gualtieri. Ecco che allora si snoda una trama di malintesi e incastri rovinosi, sempre all'insegna del paradosso: la silenziosa guerra con la preside Maribèl, la passione per Eustrella, il fidanzamento simultaneo con otto – otto – compagne di scuola, gli strambi insegnamenti esistenziali impartitigli dal padre putativo, il matrimonio con Ciarma, l'infatuazione per una certa Berengaria. «Buttarelli provava a fare quello che vedeva fare agli altri, con enorme fatica. A volte riusciva a reggere la parte per un tratto breve, ma era come se a un certo punto si ritrovasse nel fitto di un bosco senza piú il sentiero tracciato, e allora era piú prudente tornare indietro»...

La vita dispari

Colagrande Paolo

I viaggi, le serate, la gavetta, l’infanzia, i sogni, la carriera, i tour italiani e internazionali, i social, il successo, i consigli ai giovani artisti e alle dj esordienti: La prima chiave è un album musicale su carta, è un tuffo nei frame della vita di Greta Tedeschi, e nel suo percorso di ricerca di sé stessa e della scintilla che l’ha portata ad essere l’artista e la persona che è ora. Ogni capitolo racconta un suo personalissimo punto di vista sul mondo ed è dedicato ognuno ad un tema diverso e a episodi, aneddoti ed esperienze da lei vissute in prima persona. Una sorta di biografia spezzettata che non segue un arco temporale lineare ma racconta episodi della sua vita, dall’infanzia a oggi…

Intervista alla DJ Greta Tedeschi

Tedeschi Greta

Da quando il padre di Merlin, Jeremy, se n'è andato, subito dopo la diagnosi di autismo, Lucy ha fatto del figlio il centro del suo mondo. Alle prese con le gioie e le difficoltà di crescere un bambino eccentricamente adorabile, ma impegnativo (se soltanto Merlin fosse arrivato con un manuale di istruzioni!), Lucy non ha tempo per altri uomini nella propria vita, perciò perché darsi la pena di cercarne uno? Quando Merlin compie dieci anni, Lucy comincia seriamente a preoccuparsi che il Papa possa contattarla per chiederle suggerimenti in materia di castità, perciò decide di rimettere piede (per quanto il pedicure lasci a desiderare) nel mondo degli uomini. Ma a causa della bizzarria di Merlin, le cose non vanno come aveva immaginato. Tuttavia, proprio quando Lucy sta per rassegnarsi a una vita da single, ecco che Archie - il più perfetto, per lei e per suo figlio, degli uomini imperfetti - bussa alla sua porta. E lo stesso fa Jeremy, pronto a implorare perdono e una seconda possibilità... Di cosa ha bisogno Lucy? Di un vero padre per Merlin o di un compagno affidabile per se stessa?

Il bambino che cadde sulla terra

Lette Kathy

Mantieni il bacio

Recalcati Massimo