Narrativa

DOLCE COME IL PIOMBO

Rago Francesco

Descrizione: Ivan, Fabrizio e Carlo. Meglio conosciuti come Lepre, Fuoco e Saetta. Tre ragazzi che vivono alle porte di Bologna, tre storie all'apparenza diverse fra loro, ma accomunate da un'amicizia vera, quella che resiste a tutto e tutti. A cavallo fra gli anni '60 e '70, si dipana la vicenda di Lepre, genio del calcio; Fuoco, pieno di ideali e impegnato nel movimento studentesco; Saetta, pragmatico, inquieto, operaio fin da subito, senza tempo da perdere. Cresceranno conservando quel pizzico di magia che li ha uniti, ma dovendo fare i conti con le asperità della vita che a volte li metterà inconsapevolmente contro. Tra le pagine dense e dure di Francesco Rago, scopriremo quanto possano essere effimeri i successi sportivi, gli ideali e il desiderio di una vita "normale". Ma sopra a tutto, resta la storia di un'amicizia. La storia della vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Montag

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788896793688

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

Nelle sere di maggio Bologna aveva un sapore frizzante che profumava di gioventù. C’erano ragazzi dappertutto, nelle strade, nelle piazze, sotto i portici o sui gradini delle chiese. Alcuni chiacchieravano di ideali e di vita, altri fumavano, altri ancora si scambiavano baci e tenerezze. Ma c’erano anche i vicoli che sapevano di morte e solitudine, in cui c’erano quelli che non si lasciavano in pace e cercavano gli angoli più bui per spararsi un buco in vena. C’era di tutto in giro, un gran via vai. E in mezzo a questa gioventù brulicante, c’erano anche Fuoco, Lepre e Saetta, che si aggiravano a bordo dei loro motorini per i vicoli della città. Quando erano insieme si sentivano felici, e ognuno trovava in quell’amicizia il necessario per star bene”.

Fuoco, Lepre e Saetta che poi sono semplicemente Fabrizio, Ivan e Carlo e la loro amicizia.

Tre storie che prendono forma nell’Italia delle molteplici contraddizioni, dagli anni Sessanta agli Ottanta, un susseguirsi di eventi ancora vivi nella memoria del lettore e vissuti dai protagonisti del secondo romanzo di Francesco Rago. In poco più di trent’anni si compie il destino di tre giovani amici alle prese con un Paese in costante evoluzione, impreparato ai cambiamenti necessari delle coscienze e alla forza violenta degli ideali.

Tre vite lanciate a tutta velocità sulle strade di una Bologna giovane e intensa, quella delle contestazioni del movimento studentesco ed operaio, quella della strage nella sua stazione e dei successi calcistici. Tre soprannomi nati per caso, come quelli che ti affibbiano da piccolo e che non ti togli più di dosso, neanche se ti trasferisci a chilometri di distanza.

Fuoco, Lepre e Saetta diventeranno uomini lontano dai quei giorni ormai andati, in cui a giocare a guardie e ladri ci si poteva anche sparare senza uccidersi, quando una “vespa rossa come il fuoco” poteva portare davvero lontano, quando una partita di calcio era una partita di calcio e i sogni avevano ancora dentro il sapore lieve dell’attesa.

La vita corre veloce per Saetta, Fuoco e Lepre, ma loro non sono pronti a viverla, almeno non senza farsi male. Dall’estate all’inverno, il ciclo delle loro vite si interrompe prima che la rinascita possa restituire loro una risposta ai sogni e agli ideali perduti. Nessuna primavera, solo immagini impresse nella memoria dei sentimenti ed una nostalgia dolce/amara come il piombo.

“…l’innocenza è un beneficio riservato ai bambini, così come la fantasia, ed entrambe le cose non sono destinate a durare a lungo. Anzi”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesco

Rago

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rago Francesco

In tutta la sua carriera, l'ispettore di Polizia Jeanette Kihlberg non ha mai visto niente di simile: il corpo giace seminascosto in un cespuglio in uno squallido quartiere periferico di Stoccolma. Un ragazzo, una vittima di un omicidio brutale, un cadavere perfettamente mummificato. Jeanette capisce che da sola non può farcela, il suo intuito investigativo non basta per capire quali abissi nasconde la mente che ha concepito questa messa in scena. Chiede aiuto a Sofia Zeltelund. psichiatra, esperta di personalità multipla. Al primo omicidio ne seguono altri, tutti con le stesse modalità. Jeanette e Sofia incominciano insieme un viaggio all'inferno, alla ricerca di un serial killer. Tutte e due si pongono le stesse domande: quanto deve soffrire una persona per trasformarsi in un mostro? E quanto stravolgerà la loro vita questa caccia all'uomo, questa guerra contro il tempo e contro la distruzione? Un libro duro e cupo dal ritmo incalzante, un thriller che spicca in un panorama letterario nordico ricco di autori di bestseller come Stieg Larsson e Lars Kepler. Un esordio che è diventato un caso editoriale nel Nord Europa, che ha stupito la critica e che è balzato in vetta alle classifiche. Un romanzo sul male che trasforma la vittima in carnefice, che si insinua nel lettore e che non lo abbandona più...

LA STANZA DEL MALE

Sundquist Hakan Axlander

Un pericoloso maniaco, detto il Collezionista di occhi, rapisce i bambini e li nasconde. Uccide la madre. Il padre ha quarantacinque ore a disposizione per scoprire il nascondiglio. Questo è il gioco. Quando l’ultimatum scade, la vittima muore. Ma l’orrore non finisce qui, perché al cadavere del bambino manca qualcosa: l’occhio sinistro. L’assassino però non vuole essere considerato un collezionista, ma un giocatore. E in questo gioco sinistro è intrappolato anche il reporter Alexander Zorbach, un ex poliziotto, narratore in prima persona, che man mano che la storia procede si rende conto che sta diventando sempre di più una pedina in un duello mortale. Il Collezionista di occhi finora non ha lasciato tracce. Ma improvvisamente compare una testimone misteriosa: Alina Gregoriev, una psicoterapeuta cieca, che sostiene di poter vedere nel passato dei suoi pazienti attraverso il semplice contatto fisico. E forse, ieri, ha avuto in terapia proprio il Collezionista di occhi…

IL GIOCO DEGLI OCCHI

Fitzek Sebastian

Il mare che si allontana, scintillante nella calura. La fiumara da risalire, gonfia di pietre luminose, i ruderi dei mulini, il bosco di lecci chiazzato del giallo delle ginestre e infine lo scroscio sempre più intenso: è così che Francesco e i suoi amici scoprono un'oasi di pace presso la cascata refrigerante del Giglietto, sopra il paese di Spillace, in Calabria. Il luglio è afoso, e i bagni nel laghetto, seguiti dai saporitissimi pranzi, sono il diversivo ideale per la piccola comitiva di ragazzi e ragazze nemmeno diciottenni, affamati di vita e di emozioni. Ma quel luogo incantevole cela un mistero: in uno dei mulini abbandonati Francesco e Marta - la bellissima compaesana che vive a Firenze e scende al mare per le vacanze - incrociano gli occhi atterriti e insieme fieri di un vagabondo, che si comporta come un uomo braccato, cerca di allontanarli ed è addirittura armato. Ma la curiosità buona dei due ragazzi, gli sguardi leali scambiati nell'ombra, hanno la meglio: e presto l'uomo misterioso rivela qualcosa di sé, della ferita che lo ha condotto a nascondersi... Luglio, agosto, giorni in cui la vampa dell'estate si accompagna ai sapori dei fichi maturi, delle olive in salamoia, del pane preparato in casa con un rito affascinante, sul far del mattino. Giorni in cui nemmeno la calura spegne il desiderio d'amore, che vibra tra i ragazzi e accende gli animi come peperoncino vivo sulle labbra. E poi settembre, l'estate che si va spegnendo, il ritorno alla scuola e alla vita usata, la maggiore età che si avvicina: e con essa la consapevolezza che l'incanto non è nulla senza il coraggio, senza l'impegno che ogni vita adulta richiede. Con freschezza e passione, Carmine Abate dà vita a un intenso romanzo di formazione che si svolge nel tempo di pochi mesi e insieme racconta il senso racchiuso in una vita intera. L'uomo "selvatico" del Giglietto sarà per i protagonisti il testimone più alto della dignità, del rifiuto della prepotenza, della solidarietà che rendono grande ogni esistenza, e restituiscono a ogni luogo la sua bellezza. Valori che si incarnano nel gesto antico e attuale di baciare il pane, per celebrarne il dono e il mistero.

IL BACIO DEL PANE

Abate Carmine

Lolita

Nabokov Vladimir