Narrativa

DOLCE COME IL PIOMBO

Rago Francesco

Descrizione: Ivan, Fabrizio e Carlo. Meglio conosciuti come Lepre, Fuoco e Saetta. Tre ragazzi che vivono alle porte di Bologna, tre storie all'apparenza diverse fra loro, ma accomunate da un'amicizia vera, quella che resiste a tutto e tutti. A cavallo fra gli anni '60 e '70, si dipana la vicenda di Lepre, genio del calcio; Fuoco, pieno di ideali e impegnato nel movimento studentesco; Saetta, pragmatico, inquieto, operaio fin da subito, senza tempo da perdere. Cresceranno conservando quel pizzico di magia che li ha uniti, ma dovendo fare i conti con le asperità della vita che a volte li metterà inconsapevolmente contro. Tra le pagine dense e dure di Francesco Rago, scopriremo quanto possano essere effimeri i successi sportivi, gli ideali e il desiderio di una vita "normale". Ma sopra a tutto, resta la storia di un'amicizia. La storia della vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Montag

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788896793688

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

Nelle sere di maggio Bologna aveva un sapore frizzante che profumava di gioventù. C’erano ragazzi dappertutto, nelle strade, nelle piazze, sotto i portici o sui gradini delle chiese. Alcuni chiacchieravano di ideali e di vita, altri fumavano, altri ancora si scambiavano baci e tenerezze. Ma c’erano anche i vicoli che sapevano di morte e solitudine, in cui c’erano quelli che non si lasciavano in pace e cercavano gli angoli più bui per spararsi un buco in vena. C’era di tutto in giro, un gran via vai. E in mezzo a questa gioventù brulicante, c’erano anche Fuoco, Lepre e Saetta, che si aggiravano a bordo dei loro motorini per i vicoli della città. Quando erano insieme si sentivano felici, e ognuno trovava in quell’amicizia il necessario per star bene”.

Fuoco, Lepre e Saetta che poi sono semplicemente Fabrizio, Ivan e Carlo e la loro amicizia.

Tre storie che prendono forma nell’Italia delle molteplici contraddizioni, dagli anni Sessanta agli Ottanta, un susseguirsi di eventi ancora vivi nella memoria del lettore e vissuti dai protagonisti del secondo romanzo di Francesco Rago. In poco più di trent’anni si compie il destino di tre giovani amici alle prese con un Paese in costante evoluzione, impreparato ai cambiamenti necessari delle coscienze e alla forza violenta degli ideali.

Tre vite lanciate a tutta velocità sulle strade di una Bologna giovane e intensa, quella delle contestazioni del movimento studentesco ed operaio, quella della strage nella sua stazione e dei successi calcistici. Tre soprannomi nati per caso, come quelli che ti affibbiano da piccolo e che non ti togli più di dosso, neanche se ti trasferisci a chilometri di distanza.

Fuoco, Lepre e Saetta diventeranno uomini lontano dai quei giorni ormai andati, in cui a giocare a guardie e ladri ci si poteva anche sparare senza uccidersi, quando una “vespa rossa come il fuoco” poteva portare davvero lontano, quando una partita di calcio era una partita di calcio e i sogni avevano ancora dentro il sapore lieve dell’attesa.

La vita corre veloce per Saetta, Fuoco e Lepre, ma loro non sono pronti a viverla, almeno non senza farsi male. Dall’estate all’inverno, il ciclo delle loro vite si interrompe prima che la rinascita possa restituire loro una risposta ai sogni e agli ideali perduti. Nessuna primavera, solo immagini impresse nella memoria dei sentimenti ed una nostalgia dolce/amara come il piombo.

“…l’innocenza è un beneficio riservato ai bambini, così come la fantasia, ed entrambe le cose non sono destinate a durare a lungo. Anzi”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesco

Rago

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rago Francesco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Zorba il greco, lo straordinario romanzo di Nikos Kazantzakis, da cui è stato tratto il fortunato film con Anthony Quinn e Irene Papas, proposto per la prima volta ai lettori italiani in versione integrale, nella traduzione dal greco di Nicola Crocetti. Un romanzo formidabile. La storia di un uomo che ha vissuto ogni momento all'altezza del proprio desiderio. Un libro pieno di vita.

Zorba il greco

Kazantzakis Nikos

Sempre più spesso a chi si occupa di discipline umanistiche in Italia viene chiesto: «A cosa serve?». Dietro questa domanda agisce una vera e propria rete di metafore economiche usate per rappresentare la sfera della cultura e della creazione intellettuale («giacimenti culturali», «offerta formativa», «spendibilità dei saperi», «crediti», «debiti» e cosí via). A fronte di tanta pervasività di immagini economiche, sta il fatto che la storia testimonia un’immagine della creazione intellettuale decisamente rovesciata rispetto a quella che si va affermando oggi. La civiltà infatti è prima di tutto una questione di pazienza: e anche la nostra si è sviluppata proprio in relazione al fatto che alla creazione culturale non si è chiesto immediatamente «a che cosa servisse». Se si vuole mantenere viva la presenza della cultura classica in Italia, però, è indispensabile un vero e proprio cambiamento di paradigma nell’insegnamento delle materie classiche nelle nostre scuole.

A che servono i Greci e i Romani?

Bettini Maurizio

Quella di Lynn Gallagher, gallerista di successo a Manhattan, è una vita brillante e ricca di soddisfazioni: non le manca niente, Ha persino un fastidiosissimo Stalker (una via di mezzo tra l'innamorato senza speranza e il maniaco persecutore). Ma è proprio costatando l'ossessione di Alan che intuisce la verità: lei è del tutto incapace di desiderare qualcuno. E come può dare una scossa alla sua vita, se non fingendo di essere a sua volta l'asfissiante, determinata e appiccicosa spasimante di qualcuno? Così si mette a tallonare Roland, il quale a sua volta si perderà dietro le grazie di qualcun altro, in una spirale di pedinamenti e inseguimenti in cui si scopre che a volte per trovare il vero amore basterebbe... voltarsi indietro. Il club degli innamorati è una storia sul desiderio: sull'assenza, sulla perdita, sull'eccesso e sull'irragionevolezza del desiderio, ma è anche una sferzante, acuta critica della vacuità di un mondo patinato, superficiale, capriccioso e mutevole, al limite della follia.

IL CLUB DEGLI INNAMORATI

Filipacchi Amanda

Erri De Luca e la scoperta della musica. La musica della scrittura, certo, ma anche la musica che si ascolta, che colma le nostre giornate, la musica che si canta. Questa "musica provata" comincia sui banchi del liceo con il celebre invito omerico alla musa "cantami o diva del pelide Achille", con la Napoli delle canzoni ottocentesche, con Ciccio Formaggio, con le incisioni beethoveniane di Arturo Toscanini, e prosegue dentro i canti di Pete Seeger negli anni Sessanta, Il disertore di Boris Vian, le canzoni scritte o rimaneggiate insieme all'amico Gian Maria Testa, l'armonica di Mauro Corona. Ci sono le bombe di Sarajevo e la memoria dei canti della fatica, quelli legati alla terra, quelli legati al lavoro operaio, c'è la musica di Stefano Di Battista e la voce di Nicky Nicolai. C'è il Mediterraneo. C'è tutta una vita che prova a intonare la voce.

La musica provata

De Luca Erri