Letteratura araba

Domande e risposte con Emma Cleave: il PEN come sceglie i libri da supportare?

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

penAbbiamo alcune domande sul come funzioni il PEN con riferimento ai progetti di traduzione. La responsabile del programma Writers in Translation, Emma Cleave, ha gentilmente risposto.


ArabLit: Puoi spiegarmi come PEN seleziona i libri ai quali fornisce supporto? Quante proposte/manoscritti leggete ogni anno (chi li legge)? Quali sono i criteri per la selezione dei vincitori?

 

 

Emma Cleave: English PEN premia la letteratura, al di là dei confini linguistici e al di là delle aspettative letterarie convenzionali. Il nostro programma Writers in Translation consiste di due principali premi: PEN Promotes, che finanzia la promozione delle opera tradotte, e PEN Translates, che finanzia i costi di traduzione. Lavoriamo con un comitato di professionisti del settore letterario (traduttori, agenti, editori e librai) che seleziona le opere che dovremo supportare. Ogni sezione ha due scadenze per la presentazione delle opere; PEN Promotes ogni gennaio e agosto; PEN Translates in aprile/maggio (dopo il London Book Fair) e ottobre (dopo la fiera di Francoforte).

Il nostro programma PEN Promotes ha sino ad oggi fornito supporto ad oltre 60 libri in traduzione. Tra i vari criteri, il più importante è la qualità letteraria, mentre siamo sempre alla ricerca di libri che possano in qualche modo contribuire al PEN Charter, affrontando direttamente problematiche connesse alla libertà di espressione o ai diritti umani, o contribuendo in qualche modo alla maggiore comprensione inter-culturale. Chiediamo anche agli editori di sottoporci un serio piano di marketing.

Valutiamo le proposte per il PEN Translates mediante i seguenti criteri: qualità letteraria, solidità del progetto e livello di contribuzione alla diversità letteraria. Per questa sezione non è richiesto alcun collegamento con il PEN Charter, ma siamo comunque alla ricerca di libri di un elevato livello letterario. Le proposte sono valutate in modo indipendente da un comitato di esperti che seleziona un portafoglio di libri da supportare. Il comitato è attualmente presieduto da Ros Schwartz, un trustee del PEN nonché traduttore professionista.

AL: Che tipo di aiuto fornisce il PEN a questi libri? 

EC: Oltre a finanziare la traduzione (fino al 75% del costo/100% per i piccoli editori) e le spese promozionali (viaggi e soggiorni per gli autori e i traduttori), lavoriamo in collaborazione con gli editori che vincono i nostri premi per la promozione per assicurare l’organizzazione di almeno due eventi di lancio dei libri in questione. Assistiamo inoltre nell’organizzazione e promozione di eventi, diffondendo anche le informazioni sui nuovi libri in traduzione con la nostra rete e tra i nostri soci. Diamo con regolarità visibilità ai blog relativi alle nostre serie PEN Atlas di autori e traduttori che supportiamo. Stiamo anche iniziando a lavorare con librai e negozi on-line al fine di garantire maggiore visibilità ai libri da noi supportati.

AL: In che altro modo il PEN cerca di dare maggiore visibilità alle opere tradotte in inglese?

EC: Cerchiamo di essere il più attivi possibile nel settore in modo da creare una solida infrastruttura a supporto per la letteratura tradotta. English PEN è parte di un gruppo di partner (BCLT, Literature across Frontiers, Words without Borders, Free Word e molti altri) che lavorano per un obiettivo comune: rimuovere le barriere alle traduzioni letterarie per incoraggiare il libero scambio tra diverse culture. Il consorzio di partner lavora per organizzare due eventi durante l’anno: il Literary Translation Centre nel corso del London Book Fair e l’International Translation Day.

AL: Perchè è importante avere opere tradotte dall’arabo, quando gli editori possono più semplicemente trovare scrittori di origine araba e pubblicare direttamente i loro libri?

EC: La diversità è la chiave qui, e credo sia importante avere accesso ad un’ampia gamma di vedute, incluse quelle di scrittori di origine araba residenti all’estero e quelle di scrittori che vivono invece nel mondo arabo (o qualche volta in esilio). La situazione diventa problematica quando solo una di queste fonti è disponibile al pubblico, e la tendenza nel Regno Unito è quella di una mancanza di letteratura di persone ‘sul posto’ che ne stanno vivendo e sperimentando la realtá. Questo è principalmente attribuibile alle già menzionate barriere alle traduzioni letterarie, che spesso sono di natura finanziaria. Certamente la richiesta di traduzioni letterarie non sembra mancare.

Emma Cleave si è laureata in letteratura inglese e francese presso l’Università di Leeds nel
2007. Ha lavorato come Outreach Coordinator presso la  Bootstrap Company prima di inziare l’esperienza con l’English PEN nel dicembre 2010.

*        *        *       *

 

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link: http://arablit.wordpress.com/2013/02/21/qa-with-emma-cleave-how-does-pen-choose-which-books-to-support/

 

 

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nella vivace Istanbul, la vita della libraia turco-tedesca Kati Hirschel scorre fin troppo tranquilla. Il nuovo appartamento che condivide con lo spagnolo Fofo è ormai sistemato, tutti i debiti sono stati pagati e la libreria di cui va tanto fiera - l’unica in tutta la città specializzata in libri gialli - è ben frequentata da locali e turisti. Forse per noia, o per la mancanza di un fidanzato che la tenga occupata, Kati si lascia trascinare da una chiaroveggente che dovrebbe aiutare Fofo a risolvere i suoi problemi di cuore. Le cose prendono una piega inaspettata quando la lettrice di fondi di caffè «vede» la morte di una giovane donna. Temendo che possa trattarsi della fidata collaboratrice Pelin, la libraia corre in ospedale e scopre che la vita in pericolo è un’altra: quella di Nil, ricoverata in terapia intensiva dopo un misterioso malore. Com’è possibile che una donna di neanche trent’anni, in perfetta salute, sia improvvisamente colpita da un attacco cardiaco? E perché aveva la schiuma alla bocca? Il caso è decisamente sospetto e risveglia subito la proverbiale curiosità di Kati, che insieme a Hakan, fratello della «vittima», comincia a scavare nella vita di Nil e a notare altre stranezze. Ad esempio che la giovane, pur essendo disoccupata da sei mesi, poteva permettersi oggetti costosi e una lussuosa abitazione in uno dei quartieri più eleganti di Istanbul. Ce n’è abbastanza per ipotizzare un coinvolgimento in affari loschi. O la presenza di un ricco amante, magari sposato e interessato a sbarazzarsi di lei. Ancora più singolare risulta però la passione di Nil per il tango, legata probabilmente alla decisione di scrivere un romanzo ambientato tra Turchia e Argentina, due paesi accomunati da anni di dittatura militare, da violenze e ingiustizie nei confronti di oppositori e minoranze. E così, grazie al solito mix di intuito, faccia tosta e conoscenza della società turca, Kati porterà avanti anche quest’indagine a modo suo, tra chiacchiere e bicchieri di tè.

Tango a Istanbul

Aykol Esmahan

CHI DI NOI DUE?

D'Amico Renata

Un genio della letteratura che però ha smesso di scrivere. Un lettore molto arrabbiato che ha deciso di punirlo. Un manoscritto rubato e una vendetta da gustare fredda. Poche tracce per il detective Hodges, l’eroe di Mr Mercedes. Abbastanza per scatenare una nuova caccia all’uomo.

Chi perde paga

King Stephen

Il protagonista, Haroun, è il fratello del'"arabo" ucciso da un certo Meursault, crimine raccontato nello Straniero di Albert Camus. Sessant'anni più tardi, Haroun, che ha vissuto l'infanzia nel trauma di quell'omicidio avvenuto su una spiaggia assolata, non si rassegna a che il fratello rimanga senza nome, nell'anonimato. Quindi prende la parola, avvia una controinchiesta, ricostruisce i fatti dal punto di vista dell'"arabo" suo fratello e ridà dignità alla vittima.

Il caso Meursault

Daoud Kamel