Narrativa

DOMANI E’ UN ALTRO GIORNO

Ferraresi Caterina

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: IoScrittore

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Un inizio frizzante è valso a Caterina Ferraresi il premio i-LIBRI per il miglior incipit in occasione del torneo IoScrittore . “Domani è un altro giorno” è poi risultato fra i trenta finalisti del torneo ed è stato pubblicato in formato e-book.

Si tratta di un romanzo molto ironico, che riesce a divertire sia per lo schietto senso pratico della protagonista che per le spassose vicende in cui si trova coinvolta. La trama è semplice e tuttavia non banale.

È il 14 dicembre quando Paolo le confessa di avere un’altra. Certo Carolina avrebbe potuto accorgersene: se un marito è sempre impegnato in riunioni interminabili, in genere nelle donne scatta un campanello d’allarme. Soprattutto se l’influenza del suo vice diventa “un evento inesorabile come il freddo a Natale” e lo costringe a starsene rintanato in ufficio per intere nottate.

Il Natale, negli ultimi tempi, era diventato una specie di esame generale delle mie abilità di casalinga: sapevo fare con un niente dei segnaposti divertenti, apparecchiavo la tavola secondo le più eleganti regole del galateo e quello che cucinavo poi la notte della vigilia… (anche Pippo, il nostro gatto, in quel giorno aveva un suo speciale menu).

“Mani di fata” sarebbe stata orgogliosa di me.

In cambio, tutto quello che gli chiedevo era un minimo di collaborazione: che mi aiutasse a portare qualche pacchetto, che appendesse la punta sulla cima dell’abete, che si intruppasse con me tra fiumi di umanità frenetica dentro qualche Iperqualcosa a simulare insieme la nostra gioia natalizia. Ma proprio in quei giorni lui si faceva di nebbia: assumeva un’aria distante e trasparente e diventava puro spirito. Così quella sera a cena (aveva chiamato per dire che sarebbe venuto a casa… sì, mal di gola e la testa che gli scoppiava… E no, non voleva l’aspirina, non voleva provare la febbre, no, non era successo niente, le solite grane…) io, anche per dire qualcosa in attesa del telegiornale, mentre gli versavo nel piatto la minestra coi piselli dissi: <Tu per me hai un’altra>.

E lui rispose: <Sì>.”.

In una situazione di questo tipo, quando tua figlia ormai frequenta l’università e la tua carriera è da tempo che l’hai messa da parte, è inevitabile che la tua autostima vacilli.

Con il trucco giusto e i capelli da parrucchiere prendo un’aria drammatica che può piacere se siete di quelli che preferiscono la montagna al mare e amate i film di Ingrid Bergman. Senza trucco e i capelli lavati in casa assumo invece un’aria un po’ ammuffita, come se avessi quelle due lineette di febbre.

Così Carolina mette in atto tutti i classici tentativi per uscire dalla crisi di mezza età, dalla vacanza esotica alle sedute di analisi del Dott. Sig (che non è Sigmund ma Sigfrido). Recuperare il matrimonio sembra infatti impossibile, considerato che Cinzia, la fidanzata di Paolo, è “un ultimo grido”. Meglio cercare l’amore altrove… La vita è piena di sorprese e dopotutto “domani è un altro giorno”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Caterina

Ferraresi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ferraresi Caterina

Viviamo il tempo dell'incertezza, dell'intolleranza, della paura, dell'ingiustizia. Tornare ai classici e riflettere sulla natura delle virtù cardinali - prudenza, temperanza, fortezza e giustizia - da sempre al centro della riflessione filosofica oltre che teologica, può orientare il nostro agire sia personale che collettivo. Da Aristotele a Machiavelli, da Locke a Hobbes, da Freud ad Arendt fino a Rawls scopriamo come la prudenza, la virtù deliberativa per eccellenza, sia l'unica capace di discernere il bene dal male e orientare le nostre decisioni; come la temperanza consenta agli uomini e alle donne di vivere in una società in cui nessuno impone la propria regola contro le altre; come il coraggio sia conoscenza dei propri limiti e condizione per vincere la paura; e infine come la giustizia faccia sì che i diritti non restino inchiodati entro i confini di comunità politiche chiuse.

Le virtù cardinali

Autori vari

1 – Introduzione alla sezione fantasy

Maurizio ha dieci anni e non vede l'ora che comincino le vacanze. Per lui l'estate significa stare dai nonni a Crabas: lì ogni anno ritrova Franco e Giulio, fratelli di biglie, di ginocchia sbucciate e caccia alle libellule, e domina con loro un piccolo universo retto da legami che sembrano destinati a durare per sempre. Ma nell'estate del 1986 qualcosa di imprevedibile incrinerà la loro infanzia e mostrerà a tutti, adulti e ragazzi, quanto possa essere fragile il granito delle identità collettive. Basta un prete venuto da fuori a fondare una nuova parrocchia per portare una scintilla di fanatico antagonismo dove prima c'erano solo fratellanze. In quella crepa della comunità l'estraneo può assumere qualunque volto, persino i capelli rossi di un inseparabile compagno di giochi. In questo racconto insieme comico e profondo, la penna inconfondibile di Michela Murgia ci regala una storia di formazione in cui il protagonista scopre - insieme al lettore - cosa significa dire "oi". "Non era un pronome come negli altri posti, ma la cittadinanza di una patria tacita dove tutto il tempo si declinava così, al presente plurale".

L’incontro

Murgia Michela

In un tranquillo villaggio del Berkshire viene trovato il cadavere di una donna. Principale sospettato è un ospite del professor Kate Fansler, detective per caso e necessità, alter ego dell'autrice e protagonista di una serie di racconti gialli in cui le indagini coinvolgono sempre un mostro sacro della letteratura inglese. Il caso in questione sembrerebbe riguardare un inedito manoscritto di James Joyce...

Un delitto per James Joyce

Cross Amanda