Narrativa

DOMANI SARA’ UN GIORNO PERFETTO

Deffenu Carlo

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Farnesi

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897898047

Trama

Le Vostre recensioni

In un’Alghero assolata e odorosa di magnolia e brezza marina, Dumas vaga in compagnia del suo silenzioso dolore e della sua fedele macchina fotografica. È in cerca d’immagini. Ricordi da regalare a un amico lontano, messaggi ermetici che solo l’animo sensibile del giovane Denis potrà decifrare. Si sono conosciuti in rete, eppure di virtuale la loro amicizia ha ben poco. Anche se in modo diverso, sono entrambi soli ed hanno una sofferenza interiore che li rende affini e vicini, nonostante la distanza fisica. Quando la piccola Danette viene ad abitare nella vecchia casa di fronte a quella di Denis, il ragazzo ne rimane subito colpito. È una bimbetta dagli occhi acuti e pieni di storia e Denis la sente subito affine. Ne parla a Dumas e, seguendone i consigli, la avvicina e le diventa amico. È una strana coppia la loro, composta da un’adolescente con un’idiosincrasia per la pulizia corporea e una bambina di nove anni oppressa da ombre nere che la terrorizzano e contro le quali combatte una battaglia quotidiana.

Insieme Dumas, Denis e Danette troveranno la forza di affrontare le loro storie e ognuno a proprio modo, capirà come lasciarsi alle spalle i dolori del passato.

Domani sarà un giorno perfetto è il racconto di un incontro di anime. Anime ferite che si riconoscono, percepiscono il profondo dolore dell’altra e decidono di curarne le ferite salvando così anche se stesse.

C’è dolore nella loro storia, ma anche amore e speranza. C’è rassegnazione, ma anche caparbietà. C’è paura e insieme tanto coraggio. C’è soprattutto tanto passato. Un passato che pesa più di un macigno sul futuro dei protagonisti fino a farlo divenire incerto.

Domani sarà un giorno perfetto narra del complesso percorso di crescita emotiva dei suoi protagonisti lasciando al lettore un ricordo pressoché indelebile delle loro personalità.

Carlo Deffenu gioca bene con le parole e riesce a essere immediato dimostrando al contempo una sensibilità profonda.  Il suo stile è piacevole e leggero e la storia che racconta è un’equilibrata mistura di umana quotidianità e velata trascendenza. Nato a Sassari, Carlo Deffenu vive e lavora ad Alghero. Oltre che nella scrittura manifesta la sua vena artistica anche nel disegno, creando le sue lumachine che prendono vita nelle strisce umoristiche “Una striscia di bava”. Domani sarà un giorno perfetto è il suo romanzo di esordio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carlo

Deffenu

Libri dallo stesso autore

Intervista a Deffenu Carlo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È un annuncio surreale quello che un lunedì come tanti compare sul Metroquadro, rivista milanese di inserzioni immobiliari: una vecchia contessa caduta in miseria mette in vendita un loculo cimiteriale della tomba di famiglia al Monumentale di Milano. Il cliente ideale? Secondo lei il pendolare che, intrappolato ogni giorno sui treni sovraffollati che fanno la spola tra Milano e l'hinterland, troverà in quell'offerta la soluzione ai suoi problemi. Almeno fino a quando l'anziana morirà. Allora, e solo allora, l'inquilino dovrà restituirle la dimora del suo eterno riposo. Colpevole della svista che ha permesso la pubblicazione dell'inserzione è Federico Plomb, impiegato alla redazione del Metroquadro e pendolare lui stesso. Dopo aver rischiato il licenziamento per questo errore, Federico assiste inerme alle reazioni a catena che ha innescato, a partire dall'atteggiamento dei media che, dapprima interessati al lato folkloristico della vicenda, ne fanno poi oggetto di serie discussioni nei talk show. Ha inizio un nuovo fenomeno: i milanesi che possiedono un loculo trovano l'idea della contessa ottima per guadagnare, e i pendolari, stanchi delle risse quotidiane per un posto sul treno regionale, rispondono alle inserzioni. E comprano. Le leggi di mercato fanno il resto. È il boom di un nuovo mercato immobiliare.

Comodo, silenzioso, vicinanze metrò

Spinaci Antonio

Gabriele ha lavorato tanto per arrivare in cima, da cameriere a proprietario di una catena di alberghi di lusso. E ora che è a un passo dal traguardo, il matrimonio con una ricca ereditiera, è disposto a tutto, anche a uccidere la donna che ama. Filippo ha solo la sua famiglia, una moglie e una figlia che adora, per cui ha messo finalmente la testa a posto. Ma proprio per garantire loro un futuro migliore è costretto a sporcarsi le mani. Marco è sempre stato un debole, succube di un padre padrone, non ha mai scelto nulla nella sua vita, neanche il lavoro in polizia. Solo l'omicidio di sua sorella riesce a scuoterlo dal torpore, ma lo metterà di fronte a una parte di se stesso che lo terrorizza. Tre uomini, tre destini che si intrecciano lungo la discesa verso un luogo dove non ci sono vincitori: l'inferno.

L’uomo nero

Poldelmengo Luca

Un DJ di radio Monte Carlo riceve, durante la sua trasmissione notturna, una telefonata delirante. Uno sconosciuto rivela di essere un assassino. Il caso viene archiviato come uno scherzo di pessimo gusto. Il giorno dopo un pilota di Formula Uno e la sua compagna vengono trovati orrendamente mutilati. Da questo momento ha inizio una serie di delitti, preceduti ogni volta da una telefonata con un indizio sulla prossima vittima e sottolineati da una scritta tracciata con il sangue: «io uccido». Non c'è mai stato un serial killer nel Principato di Monaco. Adesso c'è. Il romanzo d'esordio nel thriller del comico italiano.

IO UCCIDO

Faletti Giorgio

Yambo, il protagonista del romanzo, si risveglia dopo un incidente e scopre di aver perso la memoria. Non la memoria che i neurologi chiamano “semantica” (egli ricorda tutto di Giulio Cesare e sa recitare tutte le poesie che ha letto in vita sua), bensì quella “autobiografica”: non sa più il proprio nome, non riconosce la moglie e le figlie, non ricorda nulla della sua infanzia. La moglie lo convince a tornare nella casa di campagna, dove ha conservato i libri e i giornali letti da ragazzo, i quaderni di scuola, i dischi ascoltati allora. Così, in un immenso solaio, l’uomo rivive la storia della propria generazione, arrestandosi soltanto di fronte a due vuoti ancora nebbiosi: le tracce di un’esperienza atroce vissuta negli anni della resistenza e l’immagine vaga di una ragazza amata a sedici anni e poi perduta.

La misteriosa fiamma della regina Loana

Eco Umberto