Narrativa

DOMANI SARA’ UN GIORNO PERFETTO

Deffenu Carlo

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Farnesi

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897898047

Trama

Le Vostre recensioni

In un’Alghero assolata e odorosa di magnolia e brezza marina, Dumas vaga in compagnia del suo silenzioso dolore e della sua fedele macchina fotografica. È in cerca d’immagini. Ricordi da regalare a un amico lontano, messaggi ermetici che solo l’animo sensibile del giovane Denis potrà decifrare. Si sono conosciuti in rete, eppure di virtuale la loro amicizia ha ben poco. Anche se in modo diverso, sono entrambi soli ed hanno una sofferenza interiore che li rende affini e vicini, nonostante la distanza fisica. Quando la piccola Danette viene ad abitare nella vecchia casa di fronte a quella di Denis, il ragazzo ne rimane subito colpito. È una bimbetta dagli occhi acuti e pieni di storia e Denis la sente subito affine. Ne parla a Dumas e, seguendone i consigli, la avvicina e le diventa amico. È una strana coppia la loro, composta da un’adolescente con un’idiosincrasia per la pulizia corporea e una bambina di nove anni oppressa da ombre nere che la terrorizzano e contro le quali combatte una battaglia quotidiana.

Insieme Dumas, Denis e Danette troveranno la forza di affrontare le loro storie e ognuno a proprio modo, capirà come lasciarsi alle spalle i dolori del passato.

Domani sarà un giorno perfetto è il racconto di un incontro di anime. Anime ferite che si riconoscono, percepiscono il profondo dolore dell’altra e decidono di curarne le ferite salvando così anche se stesse.

C’è dolore nella loro storia, ma anche amore e speranza. C’è rassegnazione, ma anche caparbietà. C’è paura e insieme tanto coraggio. C’è soprattutto tanto passato. Un passato che pesa più di un macigno sul futuro dei protagonisti fino a farlo divenire incerto.

Domani sarà un giorno perfetto narra del complesso percorso di crescita emotiva dei suoi protagonisti lasciando al lettore un ricordo pressoché indelebile delle loro personalità.

Carlo Deffenu gioca bene con le parole e riesce a essere immediato dimostrando al contempo una sensibilità profonda.  Il suo stile è piacevole e leggero e la storia che racconta è un’equilibrata mistura di umana quotidianità e velata trascendenza. Nato a Sassari, Carlo Deffenu vive e lavora ad Alghero. Oltre che nella scrittura manifesta la sua vena artistica anche nel disegno, creando le sue lumachine che prendono vita nelle strisce umoristiche “Una striscia di bava”. Domani sarà un giorno perfetto è il suo romanzo di esordio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carlo

Deffenu

Libri dallo stesso autore

Intervista a Deffenu Carlo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un liceo, una ragazza e un vampiro irresistibile: non troppo originale come inizio per un romanzo, si potrebbe pensare. Tuttavia questo libro lascia l'orda di fan di Twilight interdetta sin dall'inizio. Jessica Packwood, una semplice liceale patita di matematica, entra nel panico quando, a pochi mesi dal suo diciottesimo compleanno, un ragazzo rumeno, Lucius Vladescu, compare sulla sua soglia per informarla che lui e lei sono entrambi vampiri (appartenenti alle due più potenti e rivali famiglie) e sono promessi sposi sin dalla nascita. Come se non bastasse, i suoi genitori adottivi confermano la versione del ragazzo, ribadendo che anche i suoi veri genitori fossero, di fatto, dei vampiri. Lucius inizia un corteggiamento serrato nei confronti della sua promessa, ma dopo essere stato rifiutato più volte, rivolge le sue attenzioni verso la bellissima cheerleader della scuola. Jessica si trova così a dover lottare per riconquistare il suo principe, evitare una guerra fra vampiri e salvare l'anima del suo Lucius dalla dannazione eterna. Titolo originale: ''Jessica's Guide to Dating on the Dark Side'' (2009).

PROMESSI VAMPIRI

Fantaskey Beth

I diciannove racconti di questo libro sono accomunati dalla rappresentazione di personaggi non totalmente preparati a vivere, 'perplessi' nei confronti delle certezze degli “altri”: se questi non si pongono neppure il problema di come stiano vivendo, i protagonisti fanno della loro debolezza la forza con cui condurre un'esistenza più lucida e vincente. Nella narrazione emerge il tema del lavoro vissuto come una sorta di nemico, quello che si compie ma che non si vorrebbe compiere. In questo dissidio troviamo la figura dell'artista, con le sue idiosincrasie verso la cieca logica di mercato. Ai torti subìti dalla società, la 'generazione di perplessi' risponde con una sproporzionata e clamorosa violenza oppure non reagisce affatto, lasciandosi trascinare dallo scorrere degli eventi. Attingendo da vari stili letterari, dal minimalismo al postmoderno, i racconti creano uno stile unico e originale, una voce assolutamente riconoscibile nel panorama letterario italiano.

Generazione di perplessi

Saporito Roberto

Romanzo che nel 1929 segnò l'esordio di Marguerite Yourcenar nella letteratura, "Alexis" ha la qualità propria dei libri che restano nel tempo: una grandezza che si riconosce solo più tardi, come è avvenuto per l'"Opera al nero" e per le "Memorie di Adriano". E' la storia di un giovane che cerca di uscire dalla situazione falsa che mette in scacco il suo matrimonio. Al momento di abbandonare la moglie, egli le scrive le ragioni del suo distacco, chiamandola a testimone della lotta vana che ha condotto contro la propria inclinazione omosessuale. Reagendo a una prova precedente che indulgeva alla moda delle biografie romanzate ("Pindare"), la Yourcenar, ventiquattrenne come Alexis, si concentra qui per la prima volta su una vicenda delimitata, 'intimista', spingendosi in profondità nella psicologia del personaggio. L'omosessualità e il titolo stesso del romanzo richiamano un'opera giovanile di Gide (il "Traité du vain désir") ma si avverte molto più forte l'influenza del Rilke di "Malte Laurids Brigge", a cui sono vicini il tono, gli scrupoli, la religiosità di Alexis, quella tenerezza diffusa che egli emana sulle persone e le cose. Un libro raro, e di quelli della Yourcenar uno dei pochissimi ch'ella non abbia provato a riscrivere, paga di aver detto quanto c'era da dire.

Alexis

Yourcenar Marguerite

"È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Full of life

Fante John