Narrativa

Don Giovanni in Sicilia

Brancati Vitaliano

Descrizione: Scritto nel 1940, "Don Giovanni in Sicilia" è la storia di Giovanni Percolla, scapolo impenitente logorato, come tutti i suoi concittadini, da un'inestinguibile sete sessuale. Decide però di imprimere una svolta alla propria vita quando sposa la giovane Maria Antonietta, che lo convince a trasferirsi a Milano. Il viaggio risulta un fallimento, e i due sposi decidono di tornare alle radici, dove Percolla riprecipita nella stessa inerzia fatta di gesti sterili e ripetitivi.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2007

ISBN: 9788804568285

PRIMA EDIZIONE

Don Giovanni in Sicilia

Editore:

Anno: 1941

Info:

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Romanzo scritto nel 1941. 

Ci si potrebbe aspettare, leggendo tale riferimento, che l’autore avesse in mente di inserirvi determinati riferimenti storici, contro la guerra, contro il fascismo… ed invece ogni evento politico viene radicalmente escluso dalla narrazione. L’attenzione è tutta calamitata sulla vicenda di Giovanni Percolla, quarantenne di Catania che trascorre la propria giornata in due modi che alterna costantemente, a seconda delle varie fasi del giorno: dormire e parlare di donne.

Con questo testo, l’autore inaugura il tema del gallismo che sarà poi caratteristico della sua produzione successiva (si consideri Il bell’Antonio e Paolo il caldo). Per gallismo infatti s’intende quel comportamento dell’uomo secondo il quale si mostra come estremamente spavaldo e volgare nel momento in cui si tratta di parlare della donna, che di fatto rappresenta l’unico argomento di conversazione, seppur nelle sue varie sfumature ed accezioni. Ma quando a quest’uomo è richiesto di mettere in atto quanto afferma, ovvero di concretizzare la sua straordinaria tecnica seduttrice, ecco che lo pervade una timidezza fuori dal comune, quasi stilnovista: eh sì, perché proprio quando Giovanni s’innamora di Ninetta, il suo comportamento cambia, il suo linguaggio diventa più puro, le sue compagnie diventano sempre più elitarie. Il saluto della donna, il suo sguardo saranno elementi che metteranno alla prova la virilità del protagonista.

Dopo il matrimonio, Giovanni si trasferisce al nord, abbandona la Sicilia, e con essa gradualmente perde quelle abitudini che contraddistinguevano la sua vita quotidiana: comincia ad alzarsi sempre più presto, prende a lavorare seriamente e soprattutto smette di interessarsi delle donne. 

Potrebbe darsi che il protagonista abbia vissuto un processo di crescita, un’evoluzione, e sarebbe lecito supporre che continui così fino alla conclusione della storia.
Tuttavia, quando marito e moglie decidono di tornare in Sicilia per una breve visita a parenti ed amici e Giovanni rivede le vecchie amicizie, riprende anche vecchi toni e modi di fare, e la circolarità del racconto e il fallimento della sua crescita saranno rappresentati dal “pisolino” di diverse ore che compie sul suo vecchio letto, nella casa delle sorelle. Questo sonno rappresenta un definitivo ritorno alle origini, il simbolo di un cambiamento non riuscito.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vitaliano

Brancati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brancati Vitaliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

WONDER

Palacio R. J.

Pedro Páramo è un'opera al meno. È il lavoro della sottrazione continua.Una narrazione senza le astuzie del romanzo.Un brano di Storia senza date e senza eroi.Un tempo immobile.Una metafisica senza mondo. E anche per questo sta, come un sentiero di crinale, alla svolta della narrativa ispanoamericana del Novecento.

PEDRO PARAMO

Rulfo Juan

L'inesorabile solitudine dell'uomo, della drammatica tensione fra divenire ed essere, fra vivere e vedersi vivere. La migliore edizione in commercio rivolta alla scuola, con cronologia e bibliografia essenziale.

Uno, nessuno e centomila

Pirandello Luigi

È una fredda, grigia, nebbiosa giornata di novembre degli anni Trenta a Londra e Miss Pettigrew, il cappotto di un indefinibile, orrendo marrone, l'aria di una spigolosa signora di mezza età e un'espressione timida e frustrata negli occhi, è alla porta di un appartamento al 5 di Onslow Mansions, in uno dei quartieri più eleganti della capitale inglese. Stamani si è presentata come sempre al collocamento e l'impiegata le ha dato l'indirizzo di Onslow Mansions e un nome: Miss LaFosse. L'edificio in cui si trova l'appartamento è tanto esclusivo e ricercato da metterle soggezione. Miss Pettigrew coi suoi abiti logori, il suo mesto decoro e il coraggio perduto nelle settimane trascorse con lo spauracchio dell'ospizio dei poveri, suona ripetutamente prima che la porta si spalanchi e appaia sulla soglia una giovane donna. È una creatura così incantevole da richiamare subito alla mente le bellezze del cinematografo. Miss Pettigrew sa tutto delle dive del cinematografo: ogni settimana per oltre due ore vive nel mondo fatato del cinema, dove non ci sono genitori prepotenti e orridi pargoli a vessarla. Miss LaFosse la fa entrare e poi scompare nella camera da letto, per ricomparire poco dopo seguita da un uomo in veste da camera, di una seta dalle tinte così abbaglianti che Miss Pettigrew deve socchiudere gli occhi. In preda all'ansia, stringendo la borsetta fra le dita tremanti, Miss Pettigrew si sente sconfitta e abbandonata prima ancora che la battaglia per l'assunzione cominci, ma anche elettrizzata.

UN GIORNO DI GLORIA PER MISS PETTIGREW

Watson Winifred