Narrativa

Don Giovanni in Sicilia

Brancati Vitaliano

Descrizione: Scritto nel 1940, "Don Giovanni in Sicilia" è la storia di Giovanni Percolla, scapolo impenitente logorato, come tutti i suoi concittadini, da un'inestinguibile sete sessuale. Decide però di imprimere una svolta alla propria vita quando sposa la giovane Maria Antonietta, che lo convince a trasferirsi a Milano. Il viaggio risulta un fallimento, e i due sposi decidono di tornare alle radici, dove Percolla riprecipita nella stessa inerzia fatta di gesti sterili e ripetitivi.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2007

ISBN: 9788804568285

PRIMA EDIZIONE

Don Giovanni in Sicilia

Editore:

Anno: 1941

Info:

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Romanzo scritto nel 1941. 

Ci si potrebbe aspettare, leggendo tale riferimento, che l’autore avesse in mente di inserirvi determinati riferimenti storici, contro la guerra, contro il fascismo… ed invece ogni evento politico viene radicalmente escluso dalla narrazione. L’attenzione è tutta calamitata sulla vicenda di Giovanni Percolla, quarantenne di Catania che trascorre la propria giornata in due modi che alterna costantemente, a seconda delle varie fasi del giorno: dormire e parlare di donne.

Con questo testo, l’autore inaugura il tema del gallismo che sarà poi caratteristico della sua produzione successiva (si consideri Il bell’Antonio e Paolo il caldo). Per gallismo infatti s’intende quel comportamento dell’uomo secondo il quale si mostra come estremamente spavaldo e volgare nel momento in cui si tratta di parlare della donna, che di fatto rappresenta l’unico argomento di conversazione, seppur nelle sue varie sfumature ed accezioni. Ma quando a quest’uomo è richiesto di mettere in atto quanto afferma, ovvero di concretizzare la sua straordinaria tecnica seduttrice, ecco che lo pervade una timidezza fuori dal comune, quasi stilnovista: eh sì, perché proprio quando Giovanni s’innamora di Ninetta, il suo comportamento cambia, il suo linguaggio diventa più puro, le sue compagnie diventano sempre più elitarie. Il saluto della donna, il suo sguardo saranno elementi che metteranno alla prova la virilità del protagonista.

Dopo il matrimonio, Giovanni si trasferisce al nord, abbandona la Sicilia, e con essa gradualmente perde quelle abitudini che contraddistinguevano la sua vita quotidiana: comincia ad alzarsi sempre più presto, prende a lavorare seriamente e soprattutto smette di interessarsi delle donne. 

Potrebbe darsi che il protagonista abbia vissuto un processo di crescita, un’evoluzione, e sarebbe lecito supporre che continui così fino alla conclusione della storia.
Tuttavia, quando marito e moglie decidono di tornare in Sicilia per una breve visita a parenti ed amici e Giovanni rivede le vecchie amicizie, riprende anche vecchi toni e modi di fare, e la circolarità del racconto e il fallimento della sua crescita saranno rappresentati dal “pisolino” di diverse ore che compie sul suo vecchio letto, nella casa delle sorelle. Questo sonno rappresenta un definitivo ritorno alle origini, il simbolo di un cambiamento non riuscito.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vitaliano

Brancati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brancati Vitaliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1 – Introduzione alla sezione letteratura latina

Gialla, veloce, imprendibile: un’Audi rubata semina il panico nelle strade del Nord Est. L’ispettore Stucky e la sua squadra le danno la caccia, ma il bolide sfreccia nella notte, sguscia tra le dita. Tra un inseguimento e l’altro Stucky frequenta (per ragioni di servizio!) bordelli cinesi e aiuta un’amica poliziotta in un’indagine spinosa: un collega ha ucciso la moglie e si è suicidato. Dietro questo gesto disperato, l’ombra di un uomo misterioso: colto, elegante, cinese. Ha un attico con vista su Porto Marghera, e conquista il Nord Est, pezzetto dopo pezzetto, come un giocatore di go. Quando siamo diventati così facili prede? si chiede Stucky. E si addentra pericolosamente nella rete. Sul filo della cronaca recente, l’avventura più ‘gialla’ con l’ispettore Stucky. Con contorno di vicine di casa belle e smaliziate, giovani colleghi di variegata simpatia, poliziotte notevoli in molti sensi, cani perfettamente all’altezza, uno zio persiano in crisi, alle prese con un innamoramento tardivo. Mentre il crimine finisce per porre le domande giuste, la vita si svela nelle chiacchiere notturne su un pavimento di legno, con l’odore di un alcolico pregiato che dura a lungo nelle narici. Un romanzo pieno di azione, di atmosfera, di spunti stimolanti sulla fragile realtà che ci circonda. Una lettura di piacere e di sostanza, tutta da gustare.

Pericolo giallo

Ervas Fulvio

“Asino chi legge” racconta delle difficoltà di portare la letteratura, scritta e letta, in luoghi dove la passione per la pagina non e mai nata o si scontra con difficoltà insormontabili: a Napoli e nella periferia napoletana, in Irpinia, in Trentino, in Puglia, in Sicilia e in altre zone d’Italia. L’autrice, scrittrice ed esperta esterna di scrittura creativa, eternamente in viaggio fra treni e periferie, raccoglie così un bagaglio di storie, divertenti, assurde, tristi, dalle vicende dei figli dei capoclan napoletani ai timidi ragazzi della Nusco di De Mita, ai giovani pakistani di Bolzano, ai ragazzi che hanno lasciato la scuola a Frattamaggiore, restituendo una fotografia disincantata della scuola italiana e della percezione dello scrittore nelle scuole, oltre che un ritratto del Paese e un'idea forte di letteratura e di impegno che i nostri tempi tendono a cancellare. I ragazzi e i loro insegnanti sono qui, insieme ai luoghi, i veri protagonisti, con le pagine che scrivono,le loro storie e l’eterna domanda, che passa di generazione in generazione: perché in Italia si legge così poco? E perché tutti vogliono scrivere?

Asino chi legge

Cilento Antonella

"'Qui sono proprio io', scrive Roberto Vecchioni: e questo è davvero il suo libro piú intimo, piú autobiografico e urgente. Il libro in cui l'idea stessa della vita e della felicità, il senso del rotolare dei giorni, trova forma di racconto. Perché i momenti piú belli o piú intensi della nostra esistenza brillano nella memoria: sono luci che abbiamo dentro e che a un tratto sentiamo il bisogno di portare fuori. Magari per i nostri figli, e per tutti quelli che hanno voglia di ascoltare".

La vita che si ama

Vecchioni Roberto