Classici

Dona Flor e i suoi due mariti

Amado Jorge

Descrizione: Il romanzo ruota attorno alla vedovanza di dona Flor e al suo lutto stretto, vissuto nel ricordo di Vadinho, delle loro ambizioni, del fidanzamento e dello sposalizio. Coglie l'intimità della giovane vedova, il suo riserbo, le sue notti insonni e la sua insoddisfazione. Racconta di come arrivò onorata al suo secondo matrimonio, quando il fardello del defunto cominciava a pesare sulle sue spalle, e di come visse in pace e armonia, senza dispiaceri né soprassalti, con suo bravo secondo marito, nel mondo della farmacologia e della musica. E mentre lei brilla nei salotti e il coro dei vicini le ricorda la sua felicità, Vadinho, nel suo corpo astrale, la visita, la corteggia, le elargisce gioie eccezionali e consigli formidabili.

Categoria: Classici

Editore: Garzanti

Collana: Nuova Biblioteca

Anno: 2003

ISBN: 9788811682042

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“Posso soltanto essere Vadinho, e non ho che amore da darti, tutte le altre cose delle quali hai bisogno, è lui a dartele: la casa di proprietà, la fedeltà coniugale, il rispetto, l’ordine, la considerazione, la sicurezza. E’ lui a dartele, perché il suo amore è fatto di queste cose nobili (e scoccianti) e tu ha bisogno di tutte queste cose per essere felice. Ma anche del mio amore hai bisogno per essere felice, di questo amore d’impurità, sballato e alla rovescia, impudico e ardente, che ti fa soffrire. […] Lui è il tuo volto mattutino, io sono la tua notte…”

Destinataria di queste parole è Dona Flor, sospesa tra due amori e tra due vite che non riescono a incontrarsi: le regole, la morale, il dover essere da un lato e la passione, le pulsioni, il corpo dall’altro. In mezzo un sentimento che non sa che parole pronunciare.

La protagonista confusa ed esitante di queste pagine ardenti è proprio lei, Flor, una giovane donna di Salvador di Bahia “dal fascino sensuale e casalingo […], occultato sotto un aspetto docile e tranquillo”. Educata dall’intransigente e ottusa madre Rozilda, la donna scoprirà con Vadinho – il suo primo marito – le gioie del sesso e di un sentimento sregolato.

L’attraente baiano, dotato di un fascino sconsiderato a cui nessuna donna può resistere, diventerà per Dona Flor la sua unica ragione di vita, nonostante i tradimenti, le bugie e i dolori che il ragazzo le porterà in dote, fino alla sua morte improvvisa e inspiegabile nel pieno dei festeggiamenti del Carnevale.

Dopo l’amarezza di un lutto lungo e necessario, Dona Flor riscopre se stessa e l’amore con il suo secondo marito, il benestante farmacista Teodoro, l’uomo tutto d’un pezzo capace di donare all’amata il rispetto, la sicurezza e la continuità di una relazione senza compromessi, a parte quelli di una quotidiana normalità.

Dona Flor ritrova con Teodoro il significato delle parole perdute dietro le fughe e i ritorni di Vadinho, parole di amore e di desiderio, rimaste sospese dopo la sua morte. E’ finalmente una donna stimata e invidiata dal nugolo di comari e di mariti annoiati, che osservano il suo incedere fiero al braccio dell’uomo che l’ha saputa amare e soddisfare.

Ogni mercoledì e ogni sabato, alle dieci di sera, minuto più minuto meno, il dottor Teodoro possedeva la sposa con onesto ardore e immutato piacere, essendo assicurato il bis del sabato, facoltativo quello del mercoledì”.

Le notti di Dona Flor, però, non dormono sonni tranquilli. Il pensiero vivo e fermo del primo marito richiamerà nel suo talamo lo sfacciato defunto, bello e raggiante come lei stessa lo ricordava. Una presenza che torna a farsi concreta – nonostante sia solo lei a vederlo – e che accenderà nel suo cuore il fuoco di un tempo. Flor sarà posseduta nel corpo e nello spirito dal “fantasma” del suo primo marito, alle spalle di un’esistenza apparentemente serena con l’ignaro Teodoro. Entrambe mariti, entrambe necessari nell’animo irrequieto della bella Flor.

Jorge Amado ci regala un romanzo di straordinaria bellezza, dove a far da padrone è il dualismo di una società, quella baiana, che vede contrapposti la morale e lo spirito. La sua stessa religione è ripulita dai segni di un’eredità, quella africana, che poco si confà a un perbenismo borghese autoimposto. Le divinità Oxossi ed Exu vestono i panni di santi cristiani decisamente più presentabili, ma le donne si rivolgono ancora a loro e alla forza magica dei loro poteri per risolvere le questioni più urgenti. Il matrimonio, in cui all’uomo tutto è concesso (compreso il tradimento), diventa per la donna la tomba delle pulsioni, in cui è ammessa una vita sessuale regolare, anche se dentro di lei si agita il desiderio di un marito fuori dalle regole.

L’occhio dello scrittore è ironico e divertito, soprattutto quando a parlare è il coro di donne che circondano Dona Flor e la sua vita: una frotta di personaggi secondari, colorati e originali, attraverso cui Amado ci racconta la storia di una cittadina sospesa tra un passato quasi ancestrale e uno slancio istintivo verso il futuro. In mezzo un presente di colori, di musica e di passioni che il Carnevale di Salvador e le ricette di Dona Flor e della sua scuola di cucina ben rappresentano.

Ritroviamo in questo Amado la contaminazione di una cultura orale tanto cara all’autore e del realismo magico presente nei lavori di tanti scrittori sudamericani, elementi capaci insieme di regalarci un romanzo leggero, chiassoso e prodigioso.

La trasposizione cinematografica del romanzo risale al 1976: un film di successo diretto dal regista brasiliano Bruno Barreto, con Sonia Braga nei panni di Dona Flor. L’attrice, nel 1983, diretta sempre da Barreto, interpreterà il ruolo di Gabriella nella trasposizione cinematografica (1983) del romanzo Gabriella, garofano e cannella dello stesso Amado.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jorge

Amado

Libri dallo stesso autore

Intervista a Amado Jorge


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dettagli del prodotto Chi ha rapito l'ex cane poliziotto Ginko? È quasi Natale a Torino e Manuel, un ragazzo che frequenta le medie, con i compagni di scuola del Komitaten deve calarsi nei panni di un navigato detective alla ricerca del quattro zampe in pensione che vive con la nonna appena rimasta vedova. L'obiettivo è riportare Ginko a casa entro il venticinque dicembre. Tra vetrine natalizie e canti di Natale, i ragazzi indagano utilizzando ogni metodo per arrivare a scoprire un disegno malvagio perpetrato ai danni di esseri più deboli. False piste, colpi di scena che mettono Manuel e la sua amica Bea in serio pericolo, la nascita di nuove e profonde amicizie contribuiscono a costruire una storia avvincente dalle tinte fosche condita dalla sana ironia dei teenagers.

È Natale per tutti

Schembri Volpe Daniela

Valentina è una neonata imprigionata nel corpo di un'adulta. A causa di una rara malattia genetica, la sindrome di Rett, vive, fin dalla nascita, in un mondo ovattato, senza la possibilità di parlare, camminare... completamente in balia di chi si prende cura di lei. Assorbe, come una spugna, gli stati d'animo delle persone che ha attorno: felicità, tristezza o dolore. Comunica solo con gli occhi, usa lo sguardo per richiamare l'attenzione, per scegliere ciò che vuole o che non vuole. La sua giornata, con l'immancabile sottofondo musicale, è scandita da movimenti ripetitivi e sempre uguali. Questa è la sua storia ed è anche la storia della sua famiglia che, a volte col sorriso, a volte con il pianto, ha imparato a convivere con la consapevolezza di essere stata scelta per un compito diverso, difficile e impegnativo.

Solo con gli occhi

Vignolo Claudia

Dal 12 dicembre 1969, quando esplode la filiale della Banca Nazionale dell'Agricoltura di piazza Fontana a Milano, fino all'assassinio di Roberto Ruffilli da parte delle Brigate Rosse il 16 aprile 1988, in Italia sono state ammazzate quasi quattrocento persone, e oltre mille ferite e rese invalide. Sono gli anni di «piombo e di tritolo», la stagione degli attentati a mano armata del terrorismo «rosso» - che uccide magistrati come Emilio Alessandrini, operai come Guido Rossa, giornalisti come Carlo Casalegno e Walter Tobagi, che sequestra e condanna a morte il presidente della Dc Aldo Moro - e delle stragi «nere», con gli ordigni esplosivi di piazza della Loggia, del treno Italicus e della stazione di Bologna. Quale intreccio si stabilisce tra questi due fenomeni di segno ideologico opposto? Come si inseriscono le violenze nella storia dell'Italia sospesa tra modernizzazione e democrazia bloccata? In un racconto articolato e drammatico, Gianni Oliva ripercorre i fatti di quegli anni. E ricostruisce l'Italia dei due decenni precedenti, un paese a due velocità, stretto tra le aperture della Costituzione e le rigidità del Codice Rocco: da un lato conservatrice e retrograda (nel 1954 condanna al carcere la «Dama Bianca» di Fausto Coppi per adulterio), dall'altro Paese del miracolo economico, che si sposta con la Vespa o la Seicento, compra il frigorifero e il televisore e rimescola le sue culture con milioni di lavoratori trasferiti dal Meridione al Nord...

Anni di piombo e di tritolo

Oliva Gianni

In un punto preciso dello spaziotempo Raffaele, satiro irrequieto, inciampa da una storia all'altra in cerca di successo e Fabio, misantropo nerd, insegue se stesso e la fortuna in un agone digitale di improbabili social. L'incrocio sbilenco delle loro vite innesca un romanzo selvaggio, labirintico, possente. Cometa è l'epopea disastrata, erotica e lisergica degli eroi senza motivo. Archetipi di una generazione fuori fuoco, il cui centro è dappertutto ma sempre altrove. L'odissea senza approdo di una stirpe di eletti a niente che cavalca il progresso come una pulce su un cavallo imbizzarrito, traghettata da sogni frenetici e deliri tecnologici. Gregorio Magini celebra il dispiegarsi incerto dell'epoca che viviamo e approda a una visione del futuro a cui tutti, volenti o impotenti, siamo destinati.

Cometa

Magini Gregorio