Narrativa

DONNA ALLA FINESTRA

Dunne Catherine

Descrizione: Lynda e Robert Graham possono dirsi soddisfatti della vita che si sono costruiti. Una bella casa in un quartiere benestante di Dublino, la sicurezza economica, due figli invidiabili, Katie e Ciaràn. Nonostante qualche nuvola passeggera e qualche preoccupazione legata al comportamento un po' aggressivo del figlio adolescente, i Graham vedono scorrere la loro esistenza placidamente, riflessa nel giardino giapponese che ogni mattina all'alba Lynda si ferma qualche attimo a contemplare con l'orgoglio dell'artista. C'è solo un neo in questo perfetto quadro famigliare: si tratta di Danny, il fratello minore di Robert, uno scapestrato che periodicamente sconvolge la loro routine con le sue pretese e i suoi modi prepotenti. Per fortuna, nella casa dei Graham arriva una persona che porta un po' di serenità. Ciaràn infatti presenta ai suoi Jon, un amico bello, educato e sensibile, che presto diventa una presenza fissa al punto da trasferirsi da loro. Agli occhi di tutti Jon sembra l'ospite perfetto, forse troppo: l'istinto di Lynda le suggerisce che qualcosa non va... Chi è veramente il dolce e disponibile Jon?

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2010

ISBN: 9788860888709

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

«Danny è affascinato dalla superficie delle cose. Vetro. Acqua. Il riflesso della luce su un lago. È qualcosa che lo ha sempre attratto, nelle fotografie. Da bambino adorava la lucentezza delle stampe in bianco e nero di suo padre; la lucentezza che emanava anche dalle storie che raccontavano. E che non raccontavano. Crescendo, queste storie che nessuno ha mai raccontato hanno assunto per Danny un’importanza sempre maggiore. Continuano a riemergere, rompendo la lucida membrana che le ha tenute prigioniere per tutti questi anni.».

Lidya e suo marito, Robert, vivono in una bella villetta insieme a Ciaràn, il loro figlio diciottenne, mentre la primogenita Katie frequenta il college lontano da casa. La loro apparente serenità viene messa in pericolo dal fratello minore di Robert, Daniel, che dopo aver finto di essere un malato terminale ed aver vissuto da loro per vari mesi, una volta smascherato ruba tutti i soldi contanti che hanno in casa e sparisce. Ma non per sempre.

La storia di Daniel è molto triste: dopo un’infanzia in cui si sente continuamente trascurato dai genitori, comincia a dare segni di squilibrio uccidendo un gatto di fronte a due bambini della sua età. Il punto di rottura si ha quando la sorellina minore Emma, che lui chiama Dixie, lo prega di farle fare un giro sulla sua nuova moto e lui, dopo diversi rifiuti, si lascia convincere. Arrivato all’ultima rotonda, proprio mentre Danny tira un sospiro di sollievo perché tutto è andato liscio, improvvisamente appare una Mercedes che sbanda e colpisce in pieno la moto su cui viaggiano i due fratelli.

La gente lo trattiene, le bocche si aprono e si chiudono in quelle che immagina siano parole. Lei è distesa là, la piccola Dixie, con la testa piegata di lato. Proprio come il gatto sulle rotaie, pensa Danny. Spezzata. Gli sfugge un singhiozzo.

Subito dopo l’incidente Daniel viene portato all’ospedale, dove lo raggiungono i suoi genitori e il fratello maggiore. Suo padre, che lo incolpa di tutto l’accaduto, lo caccia di casa per sempre, mentre Robert si rifiuta anche solo di guardarlo in faccia; prima di andarsene, però, Danny riesce a intrufolarsi nell’armadio della madre, dove sa che lei conserva i risparmi di una vita, e ruba tutto .

Vent’anni dopo, tocca alla moglie di Robert, Lydia, dare l’allarme e unire le varie prove che la convincono del fatto che Danny sia tornato; e stavolta non è solo, bensì accompagnato da un figlio mai riconosciuto e che gli assomiglia in tutto e per tutto, che riesce ad avvicinare Ciaràn e a farlo accusare di stupro. Mentre le devastazioni all’interno e all’esterno della casa si susseguono sempre più frequentemente, Lidya e Robert devono affrontare un passato che spesso è stato più facile fingere di aver dimenticato.  Autore degli atti di vandalismo è un anonimo «osservatore» che agisce per conto di Danny: i due sembrano essersi incontrati per puro caso in un bar, ma con il procedere della vicenda appare sempre più chiaramente che nulla avviene per caso.

Una trama che tiene il lettore incollato alle pagine fino a quando la vicenda non si risolve; una rete di interconnessioni che unisce i vari personaggi, ancor più fitta di quanto si potesse pensare; una minaccia terribile che forse non se ne andrà mai.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Catherine

Dunne

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dunne Catherine


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel tepore ingannevole di un maggio malato, il raccogliticcio gruppo di investigatori comandato da Gigi Palma si trova a fronteggiare un crimine terribile: un bambino di dieci anni, nipote di un ricco imprenditore, è stato rapito. Le indagini procedono a tentoni, mentre il buio si impadronisce lentamente dei cuori e delle anime e la morsa di una crisi di cui nessuno intravede l'uscita stravolge le vite di tanti, spegnendo i sentimenti piú profondi. Anche un banale furto in un appartamento può nascondere le peggiori sorprese. I Bastardi dovranno essere piú uniti che mai, per trovare insieme la forza di sporgersi su un abisso di menzogne e rancori dove non balena alcuna luce. Intanto, nel commissariato piú chiacchierato della città, i rapporti di lavoro e quelli personali si complicano, e il vecchio Pisanelli prosegue la sua battaglia solitaria contro un serial killer alla cui esistenza nessuno vuole credere.

Buio per i bastardi di Pizzofalcone

De Giovanni Maurizio

Da anni, a partire da Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano, attraverso altri quattro romanzi ambientati in luoghi e culture diverse, Eric-Emmanuel Schmitt persegue il progetto di un affresco della spiritualità umana nelle varie manifestazioni religiose del pianeta. Dall’islam all’ebraismo, dal cristianesimo al buddismo, per arrivare ora, con questo nuovo vivacissimo romanzo breve, al confucianesimo, l’antica saggezza del popolo cinese. Tutti, anche i più sprovveduti, sanno che in Cina le coppie non possono avere più di un figlio. Le autorità cinesi sono molto attente al controllo demografico, e chi trasgredisce incorre in severe sanzioni. Come fa allora la modesta signora Ming, addetta alle pulizie nella toilette per gli uomini del Grand Hotel di Yunhai, ad avere dieci figli?Il moderno e spregiudicato imprenditore francese, a Yunhai per affari, ritiene che la donna lo voglia prendere in giro. Si diverte a parlare a parlare con lei, ad ascoltare le storie che lei gli racconta sui suoi figli immaginari, e ne approfitta per praticare la lingua del luogo, il cantonese, ma di base è convinto che la donna sia una mitomane. Nel corso dei giorni, però, man mano che si dipanano le vicende dei figli inesistenti, l’uomo d’affari cambia parere. Le parole della signora Ming, farcite di precetti di Confucio, gli fanno apparire l’esistenza sotto un’altra ottica, lo spingono a indagare sui labili confini che dividono la verità dalla menzogna e lo portano, infine, a rivalutare la sua stessa vita e a considerare seriamente la possibilità di una paternità fino ad allora accuratamente evitata.

I DIECI FIGLI CHE LA SIGNORA MING NON HA MAI AVUTO

Schmitt Eric-Emmanuel

Un sacerdote assiste alla sanguinosa fine di un matrimonio: Lena, esile ma intimamente feroce, si fa sposare con l’inganno da Alberto, che è innamorato di un’altra donna, Eva. Dopo anni di umiliazioni, Alberto uccide Lena e corre da Eva. Il sacerdote sospetta qualcosa e segue i due amanti nel loro viaggio disperato di albergo in albergo, (la loro luna di miele), sperando di riuscire in qualche modo a salvarli. Ma i due, sempre più immersi in un rapporto morboso, sensuale e rovente, sono inseguiti dal fantasma di Lena. Un romanzo psicologico che racconta “il male che nasce in due anime buone”.

Luna di miele

Scerbanenco Giorgio

La casa di Asterione

Borges Luis Jorge