Narrativa

Donne

Camilleri Andrea

Descrizione: Sono storie d’amore, sono incontri di un istante, sono figure femminili indimenticabili. E non importa che siano realmente esistite – e magari frequentate nella Sicilia di tanti anni fa –, o che emergano da qualche capolavoro della letteratura. Il loro fascino rinasce in queste pagine in cui, insieme al maestro, sorridiamo, desideriamo e ci innamoriamo. Di Angelica, di Beatrice, di Carmela, di Helga, di Maria, di Zina... Dalla A alla Z. E pur di conquistarle l’uomo è pronto a tutto, anche andare in bicicletta mentre diluvia o venire malmenato da un lanciatore di coltelli; tutto per fare i conti con i temperamenti, le voglie segrete e i sogni, diversi per ogni donna, in letteratura come nella vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Scala Italiani

Anno: 2014

ISBN: 9788817077194

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Donne della mitologia e della storia.
Donne della letteratura.
Donne raccontate.
Donne conosciute.
Donne inventate.
“Donne”.
Con la mania classificatrice dell’entomologo, Andrea Camilleri le ritrae e le elenca in ordine alfabetico (“Questo libro è un parziale catalogo delle donne, realmente esistite nella storia o create dalla letteratura, e di altre che ho conosciute e di altre ancora di cui m’hanno raccontato…”). Con una finalità nobile, dichiara lo scrittore: quella di celebrare la femminilità in molte dimensioni, in un momento storico che vede la donna troppe volte triste destinataria di atti violenti (“… non avrei mai pensato che in Italia nel 2013 fossimo costretti a varare una legge contro il femminicidio”).

Sfilano così – in una pinacoteca letteraria – le donne che hanno impressionato memoria e fantasia lungo una congiungente immaginaria tra l’autore, Dante (“Ho avuto anch’io una Beatrice, che però veniva chiamata Bice”) e l’Ariosto (“Due sono le Angeliche delle quali sono stato innamorato. Quella creata dalla poesia di Messer Ludovico Ariosto…”).

Le protagoniste si alternano: e sono figure mitologiche, alle quali l’autore siciliano guarda con la consueta ironia (Elena di Troia: “La storia ha inizio con un concorso di bellezza chiaramente truccato”), o stimolano la curiosità etimologica (“Chiamare una figlia Desiréè o Desiderata è una cosa, chiamarla Desideria è un’altra… Desiderata significa esserlo da altri, Desideria – neutro plurale – significa avere molti e diversi desideri in proprio”); oppure ancora evocano riferimenti storico-geografici (Maria: “Eravamo innamoratissimi. Ma cominciai a sperimentare la gelosia… i suoi occhi. Erano specchi ustori”) e biografici (Oriana, prostituta socialista “arrivò nel casino del mio paese, la Pensione Eva”).

Al di là del raggiungimento dello scopo dichiarato, quest’opera rappresenta un’occasione per leggere il “Camilleri italiano”, in un testo ove non viene utilizzato il consueto linguaggio ibrido che ha reso celebre l’inventore di Montalbano, per vederlo sguazzare con vitale spirito giovanile tra riferimenti culturali e ricordi…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Camilleri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Camilleri Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Cos'hanno in comune gli atti con le azioni? Esistono atti inediti, mai compiuti, che possono divenire autentici mezzi di liberazione e disturbo del "quieto" vivere? E cosa possiamo imparare dagli animali per cambiare lo stato di cose presente? Dal punto di vista della società-grattacielo, le risposte a queste domande dovranno essere qualcosa d'inaccettabile. D'intollerabile, anche solo per un attimo. Quando saranno tollerabili, ecco la filosofia d'accademia, "di cani abbaianti in una cuccia sordomuta, ignoranti allo sbaraglio". La filosofia non cerca soluzioni, ma problemi. Non può prestarsi alla perversione della cura: resta per sua stessa essenza diagnosi.

Flatus vocis

Caffo Leonardo

Questo libro raccoglie numerosi suggerimenti per organizzare divertenti attività di gruppo all’aperto con i bambini della scuola dell’infanzia. Si tratta di giochi, canzoni, filastrocche e indovinelli da utilizzare in diversi contesti: – in ambienti naturali (boschi, parchi, giardinetti); – in città (piazzali, parcheggi, per strada, sui mezzi pubblici). Si tratta di attività molto semplici da organizzare, per le quali non è necessario procurarsi materiali diversi da quelli che si possono trovare direttamente negli ambienti nei quali si svolgono i giochi. Un modo divertente per insegnare ai bambini a conoscere meglio l’ambiente che li circonda e a muoversi in autonomia sia in contesti urbani che in contesti naturali.

Giochi e attività nel bosco in città

Bezdek Ursula

Thomas Lourdes, linguista di fama mondiale, si reca ad Alessandria d’Egitto per esaminare un’antichissima campana, sulla quale sono incise delle scritte in una lingua sconosciuta. Alla frustrazione di non riuscire a decifrare quel testo misterioso, però, ben presto si aggiunge la certezza di essere diventato l’obiettivo di un’organizzazione disposta a tutto pur di impossessarsi dello straordinario reperto archeologico. Perché quella campana è uno strumento di volontà divina…

IL CODICE ATLANTIDE

Brokav Charles

Arriva la sposa giovane e lo sposo non c'è. Comincia un'attesa che coincide con la magia dell'educazione alla bellezza, all'erotismo, all'intelligenza dei sensi. La sposa giovane, la ragazza che ha fatto la solenne promessa di unirsi in matrimonio con il figlio. Il figlio però non c'è. È in Inghilterra, a visitare opifici tessili. Il maggiordomo modesto si aggira, esatto e cristallino come la sua lingua non verbale, a garantire i ritmi della comunità. Lo zio agisce e delibera dentro la nebbia di un sonno che non lo abbandona neppure durante le partite di tennis. La figlia porta la sua bellezza dentro un corpo di storpia.

La Sposa giovane

Baricco Alessandro