Giallo - thriller - noir

Dopo

Zan Koethi

Descrizione: Dopo la liberazione doveva essere tutto finito. Ma non è stato così. Sono passati dieci anni da quando Sarah è fuggita da quello scantinato, il teatro delle torture fisiche e psicologiche che Jack Derber le ha inferto per oltre mille giorni. Ma per Sarah non esiste ancora un «dopo»: vittima delle proprie fobie, vive rinchiusa nel suo appartamento di Manhattan. Fino a quando l’FBI non la informa che Jack Derber, accusato e imprigionato per rapimento, sta per essere rilasciato. Sarah non può consentirlo, perché lei sa. Sa che Derber non è soltanto un rapitore. È un assassino. Lo sa perché lei non era da sola, in quello scantinato. Con lei c’erano altre due ragazze, Christine e Tracy, e per i primi mesi di reclusione ce n’era stata anche una terza: Jennifer, la sua migliore amica. E Sarah sa, con certezza, che Jennifer è morta per mano di Derber. C’è una sola speranza, per tenere Derber in prigione: ritrovare il corpo di Jennifer. Per questo, Sarah deve trovare la forza di riallacciare i contatti con le altre sopravvissute, nonostante l’odio che loro provano per lei e nonostante i segreti che le dividono. Perché quel capitolo della loro vita non si è mai veramente chiuso. Perché quello che succede dopo è ancora più terribile.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2014

ISBN:

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Una prigionia del corpo e della mente, orribili torture, la paura di non farcela.

Ormai sono passati anni dal rapimento, eppure Sarah è ancora schiava della follia di Jack Derber e ossessionata dallo scantinato umido e buio in cui è stata segregata, seviziata e sottoposta a ogni genere di violenza.

Apparentemente si è rifatta una vita, certo, ha un nuovo nome, un lavoro stabile, un bell’appartamento, ma la verità è che i fantasmi di quel periodo continuano a tormentarla, la verità è che non potrà mai perdonarsi di non aver salvato Jennifer…

Adesso poi che quel mostro di Derber potrebbe uscire di prigione, tutto sembra tornare a galla con prepotenza. Impossibile dimenticare davvero, non senza provare a dare un senso a tanta sofferenza.

L’agente McCordy l’ha informata che manca poco all’udienza per il rilascio, solo che né Tracy né Christine intendono collaborare ancora con l’FBI e presentarsi in aula: il dolore è troppo acuto, troppo cocente per essere vissuto di nuovo. Sarah però questa volta è decisa ad affrontare il passato, vuole farlo soprattutto per la sua migliore amica morta tra atroci castighi, e l’unico modo per far marcire Derber in carcere è ottenere l’accusa di omicidio.

Se solo venisse trovato il cadavere di Jennifer…

Dopo” è un thriller ad alta tensione, ben congegnato e sicuramente eccitante.

Sembra banale a dirsi, ma il ritmo incalzante della narrazione tiene davvero il lettore col fiato sospeso.

La scrittura è essenziale, lo stile da sceneggiatura: niente virtuosismi, nessuna pretesa di eleganza. Koethi Zan mira a incuriosire, coinvolgere, spaventare. E ci riesce, senza scadere nella crudezza facile e nell’orrore a tutti i costi, lasciati in gran parte all’immaginazione individuale. Probabilmente è proprio questo uno dei punti di forza del libro: l’autrice è in grado di creare un clima di ansia in crescendo, senza servirsi di complessi approfondimenti psicologici o lanciarsi in fini descrizioni. Ciò naturalmente va a pieno vantaggio della rapidità del racconto e agevola una lettura veloce che ben si attaglia a un testo che deve prima di tutto conservare alto il livello di attenzione.

Peccato per gli ultimi, raffazzonati capitoli: la sensazione è che l’autrice abbia finito per strafare…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Koethi

Zan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zan Koethi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Benjamín Chaparro, cancelliere di tribunale nell’Argentina degli anni ’70, si imbatte nel caso di una donna violentata e uccisa su cui la giustizia non vuole fare chiarezza: il marito della vittima, devastato e inconsolabile, viene lasciato solo a covare la vendetta contro un misterioso assassino rimasto in libertà. Venticinque anni dopo, ormai pensionato, Benjamín decide di colmare questo vuoto e aprire una sua personale indagine sul caso. Lungo il percorso rivivrà l’amore mai dichiarato che l’ha legato a Irene - giudice nello stesso tribunale in cui lui lavorava ai tempi del caso irrisolto -, vedrà tornare a tormentarlo sensi di colpa pesanti come macigni per la morte di un amico, ma soprattutto svelerà poco a poco il mistero dell’omicidio e degli eventi che lo hanno seguito. Sullo sfondo di un’Argentina che sprofonda progressivamente nella violenza politica, Il segreto dei suoi occhi narra la storia di un gruppo di persone che fanno della ricerca della verità il proprio destino, della memoria un percorso imprescindibile e della lealtà un valore che trascende il tempo, le distanze e la morte.

IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI

Sacheri Eduardo A.

In un caffè di Lahore, nel vecchio mercato di Anarkali, un giovane pakistano, Changez, racconta la propria storia a un cittadino americano incontrato apparentemente per caso. È la storia della sua ascesa come brillante analista finanziario a New York, del suo amore tragico per una bella e fragile fanciulla, e della sua caduta in disgrazia nei mesi successivi all'Undici settembre. Cos'è successo all'America? Cos'è successo a Changez? La sete di vendetta americana sembra averlo trasformato, controvoglia, in un pericoloso fondamentalista. E forse l'incontro nel caffè del vecchio mercato non è avvenuto per caso. "Una scrittura stupenda - che gioia imbattersi in una prosa tanto intelligente, in una simile chiarezza di pensiero e di esposizione - e una struttura impeccabile. L'autore sa avvitare le spire della suspense senza che il lettore se ne renda conto, dando vita a una storia di enorme tensione".

IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE

Hamid Mohsin

Una raccolta di poesie che racconta l'Amazzonia, una regione che rischia da sempre di essere annientata dalle violenze e dagli interessi di vecchi e di nuovi colonizzatori.

Amazzonia madre d’acqua

Theophilo Marcia

Glen Runciter comunica con la moglie defunta per avere i suoi consigli dall’aldilà. Joe Chip scompare dal mondo del 1992 e si ritrova nell’America degli anni Trenta, mentre riceve misteriosi e cupi messaggi. Una trappola mortale sembra aver annientato i migliori precognitivi del sistema solare. È in corso una lotta per scrutare il futuro nel corso di un’impossibile dissoluzione del presente; mondi e tempi diversi vivono e fluiscono contemporaneamente, la vita si scambia con la morte. In Ubik Philip Dick affronta con grande ispirazione alcuni dei suoi temi piú profondi: l’illusione che chiamiamo realtà, la mancanza di un tessuto connettivo e di un principio unificatore al di sotto dell’apparenza delle cose, il mistero di un Dio che tiene i dadi della vita e della morte. Scritto nel 1966 e pubblicato nel 1969, Ubik è una delle opere più sconcertanti e riuscite di Philip K. Dick. per il suo dirompente surrealismo, per l’ironia e la passione con cui analizza la società umana, Ubik è davvero un classico di quella letteratura che sempre si spinge a esplorare i paradossi dell’esistenza con le armi della visione e della fantasia, di uno sguardo anarchico, insaziabile e curioso."Io sono vivo, voi siete morti", scrisse Philip K. Dick in Ubik.

UBIK

Dick Philip K.