Romanzo storico

Dora Bruder

Modiano Patrick

Descrizione: 31 dicembre 1941, sul «Paris-Soir» appare un annuncio: si cercano notizie di una ragazza di quindici anni, Dora Bruder. A denunciarne la scomparsa sono i genitori, ebrei emigrati da tempo in Francia. Quasi cinquant'anni dopo, per caso, Patrick Modiano si imbatte in quelle poche righe di giornale, in quella richiesta d'aiuto rimasta sospesa. Non sa niente di Dora, ma è ugualmente spinto sulle sue tracce. Modiano cerca di ricostruirne la vita, i motivi che l’hanno spinta a scappare e segue l'ombra di Dora per le vie di una città che conosce e ama, nei luoghi che hanno vissuto la guerra e l'occupazione, fino al drammatico epilogo ad Auschwitz. Qui, dove comincia la storia degli uomini, si chiude per sempre la storia privata di Dora in mezzo a quella di un milionedi altre vittime.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2011

ISBN: 9788860884879

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Dora Bruder” è la storia di una ragazza ebrea che Patrick Modiano, recente premio Nobel per la letteratura, ricostruisce attraverso un’analisi storica (“Ho impiegato quattro anni per scoprire la data esatta della sua nascita: 25 febbraio 1926”), filtrata dalla sensibilità artistica, a partire da un annuncio di giornale.

La quattordicenne, figlia di ebrei immigrati a Parigi, fugge dal collegio che la ospita (“Per quale motivo i suoi genitori l’hanno iscritta a quel collegio?”) quando la persecuzione nazista dilaga nell’Europa (“A Parigi, i giornali del 2 ottobre hanno pubblicato l’ordinanza che imponeva agli ebrei di farsi censire nei commissariati”).

Sulla famiglia Bruder aleggia il senso della precarietà (“Dopo la nascita di Dora, hanno sempre abitato in stanze d’albergo”): l’occhio preoccupato dello scrittore tenta di riesumare una vicenda affondata nell’oblio tra mille difficoltà (“Sono persone che si lasciano dietro poche tracce. Quasi anonime”) e attraverso fonti plurime, per tentare di mantenere vivo un legame (“Ho la sensazione di esser il solo a reggere il filo che collega la Parigi di quell’epoca a quella di oggi…”) con un passato che viene travolto dal fluire del tempo e dall’inconscio desiderio di dimenticare fatti troppo gravi per risultare sostenibili alla coscienza collettiva.

Le tappe delle sorti familiari sono scolpite in documenti rinvenuti nel caparbio intento di percepire – nelle vie e nelle atmosfere della metropoli – uno spirito che l’artista ancora sente.
Nel dicembre 1941 avviene la fuga dell’adolescente (“Data e motivo dell’uscita: 14 dicembre 1941. Causa fuga”); nel marzo 1942 il padre (“Ernest Bruder, legionario francesce di II classe… invalido di guerra al 100%. In quale battaglia è stato ferito?”) viene arrestato; il 17 aprile 1942 Dora viene ritrovata, ma fugge nuovamente; il 15 giugno 1942 si  registra il suo secondo ritorno; il 19 giugno 1942 la giovane è internata alle Tourelles, nell’agosto 1942 è trasferita al campo di Drancy.

Tra i dettagli degli archivi (“E questa precisione topografica contrasta con quanto ignoreremo per sempre della loro vita… con quel vuoto, con quel grumo di ignoto e di silenzio”) e qualche testimonianza ancora viva (“Ho scovato una nipote di Eneste e Cécile Bruder. Le ho parlato per telefono”), le emozioni dello scrittore affiorano, emendano le lacune (“Cerco d’immaginare il percorso che la ragazza seguiva”), connettono i particolari, si arrendono di fronte al desiderio di riconoscere alla protagonista della fuga una libertà negata dai tragici eventi storici, che parlano di sofferenze e deportazioni.

Lo stile di Modiano oscilla tra la scientificità dell’indagine storiografica e le vibrazioni di un animismo pronto a cogliere anche nella realtà inanimata (“Eppure, sotto quella coltre di amnesia, si sentiva qualcosa, di quando in quando, un’eco lontana, soffocata, anche se nessuno sarebbe stato in grado di dire cosa, con precisione. Era come trovarsi all’orlo di un campo magnetico, senza pendolo per captarne le onde”) l’assurdo, immane dramma che l’uomo ha inflitto a se stesso.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrick

Modiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Modiano Patrick


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È un Pasolini che si abbandona a momenti di vera e propria gioia quello che tra il giugno e l’agosto del 1959, al volante di una Fiat 1100, percorre la «lunga strada di sabbia», da Ventimiglia a Palmi e poi, spinto da una specie di «ossessione deliziosa», fino al comune siciliano più meridionale, per risalire infine la costa orientale e arrivare a Trieste. A La Spezia, da dove parte per San Terenzo e Lerici, sente che sta per avere inizio una fra le domeniche più belle della sua vita; a Livorno, non lascerebbe mai «l’enorme lungomare, pieno di ragazzi e marinai, liberi e felici»; e, finalmente, al Circeo: «Il cuore mi batte di gioia, di impazienza, di orgasmo. Solo, con la mia millecento e tutto il Sud davanti a me. L’avventura comincia». A commissionargli il viaggio è stata la rivista «Successo», che pubblicherà il reportage in tre puntate fra luglio e settembre, e Pasolini, spiaggia dopo spiaggia, incontra amici intellettuali e personaggi noti, si lascia incantare dalla gente semplice dei paeselli più remoti (a Portopalo «la gente è tutta fuori, ed è la più bella gente d’Italia, razza purissima, elegante, forte e dolce») e, portandosi in giro il suo entusiasmo per la scoperta, il suo sguardo emozionato e insieme acuto di futuro regista, annota scorci e impressioni tanto potenti da restituirci un quadro dell’Italia di allora: un’Italia in cui il boom economico, solo presagito, non riesce ancora ad avere la meglio sulla felicità del sogno pasoliniano d’innocenza.

La lunga strada di sabbia

Pasolini Pier Paolo

Ferite d’oro. Quando un oggetto di valore si rompe, in Giappone, lo si ripara con oro liquido. È un’antica tecnica che mostra e non nasconde le fratture. Le esibisce come un pregio: cicatrici dorate, segno orgoglioso di rinascita. Anche per le persone è così. Chi ha sofferto è prezioso, la fragilità può trasformarsi in forza. La tecnica che salda i pezzi, negli esseri umani, si chiama amore. Questa è la storia di Irina, che ha combattuto una battaglia e l’ha vinta. Una donna che non dimentica il passato: lo ricorda, lo porta al petto come un fiore. Irina ha una vita serena, ordinata. Un marito, due figlie gemelle. È italiana, vive in Svizzera, lavora come avvocato. Un giorno qualcosa si incrina. Il matrimonio finisce, senza traumi apparenti. In un fine settimana qualsiasi Mathias, il padre delle bambine, porta via Alessia e Livia. Spariscono. Qualche giorno dopo l’uomo si uccide. Delle bambine non c’è più nessuna traccia. Pagina dopo pagina, rivelazione dopo rivelazione, a un ritmo che fa di questo libro un autentico thriller psicologico e insieme un superbo ritratto di donna, coraggiosa e fragile, Irina conquista brandelli sempre più luminosi di verità e ricuce la sua vita. Da quel fondo oscuro, doloroso, arriva una luce nuova. La possibilità di amare ancora, l’amore che salda e che resta. Concita De Gregorio prende i fatti, semplici e terribili, ed entra nella voce della protagonista. Indagando a fondo una storia vera crea un congegno narrativo rapido, incalzante e pieno di sorprese. Scandisce l’esistenza di questa madre privata dei figli – qual è la parola per dirlo? – in lettere, messaggi, elenchi. Irina scrive alla nonna, al fratello, al giudice, alla maestra delle gemelle, abbozza ritratti, scava nei gesti, torna alle sue radici, trova infine un approdo. Dimenticare significa portare fuori dalla mente, ricordare è tenere nel cuore. Il bisogno di essere ancora felice, ripetuto a voce alta, una sfida contro le frasi fatte, contro i giudizi e i pregiudizi.

Mi sa che fuori è primavera

De Gregorio Concita

Heroides: Lettere d’amore

Ovidio

Josef K. condannato a morte per una colpa inesistente è vittima del suo tempo. Sostiene interrogatori, cerca avvocati e testimoni soltanto per riuscire a giustificare il suo delitto di "esistere". Ma come sempre avviene nella prosa di Kafka, la concretezza incisiva delle situazioni produce, su personaggi assolutamente astratti, il dispiegarsi di una tragedia di portata cosmica. E allora tribunale è il mondo stesso, tutto quello che esiste al di fuori di Josef K. è processo: non resta che attendere l'esecuzione di una condanna da altri pronunciata.

Il processo

Kafka Franz