Romanzo storico

Dora Bruder

Modiano Patrick

Descrizione: 31 dicembre 1941, sul «Paris-Soir» appare un annuncio: si cercano notizie di una ragazza di quindici anni, Dora Bruder. A denunciarne la scomparsa sono i genitori, ebrei emigrati da tempo in Francia. Quasi cinquant'anni dopo, per caso, Patrick Modiano si imbatte in quelle poche righe di giornale, in quella richiesta d'aiuto rimasta sospesa. Non sa niente di Dora, ma è ugualmente spinto sulle sue tracce. Modiano cerca di ricostruirne la vita, i motivi che l’hanno spinta a scappare e segue l'ombra di Dora per le vie di una città che conosce e ama, nei luoghi che hanno vissuto la guerra e l'occupazione, fino al drammatico epilogo ad Auschwitz. Qui, dove comincia la storia degli uomini, si chiude per sempre la storia privata di Dora in mezzo a quella di un milionedi altre vittime.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2011

ISBN: 9788860884879

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Dora Bruder” è la storia di una ragazza ebrea che Patrick Modiano, recente premio Nobel per la letteratura, ricostruisce attraverso un’analisi storica (“Ho impiegato quattro anni per scoprire la data esatta della sua nascita: 25 febbraio 1926”), filtrata dalla sensibilità artistica, a partire da un annuncio di giornale.

La quattordicenne, figlia di ebrei immigrati a Parigi, fugge dal collegio che la ospita (“Per quale motivo i suoi genitori l’hanno iscritta a quel collegio?”) quando la persecuzione nazista dilaga nell’Europa (“A Parigi, i giornali del 2 ottobre hanno pubblicato l’ordinanza che imponeva agli ebrei di farsi censire nei commissariati”).

Sulla famiglia Bruder aleggia il senso della precarietà (“Dopo la nascita di Dora, hanno sempre abitato in stanze d’albergo”): l’occhio preoccupato dello scrittore tenta di riesumare una vicenda affondata nell’oblio tra mille difficoltà (“Sono persone che si lasciano dietro poche tracce. Quasi anonime”) e attraverso fonti plurime, per tentare di mantenere vivo un legame (“Ho la sensazione di esser il solo a reggere il filo che collega la Parigi di quell’epoca a quella di oggi…”) con un passato che viene travolto dal fluire del tempo e dall’inconscio desiderio di dimenticare fatti troppo gravi per risultare sostenibili alla coscienza collettiva.

Le tappe delle sorti familiari sono scolpite in documenti rinvenuti nel caparbio intento di percepire – nelle vie e nelle atmosfere della metropoli – uno spirito che l’artista ancora sente.
Nel dicembre 1941 avviene la fuga dell’adolescente (“Data e motivo dell’uscita: 14 dicembre 1941. Causa fuga”); nel marzo 1942 il padre (“Ernest Bruder, legionario francesce di II classe… invalido di guerra al 100%. In quale battaglia è stato ferito?”) viene arrestato; il 17 aprile 1942 Dora viene ritrovata, ma fugge nuovamente; il 15 giugno 1942 si  registra il suo secondo ritorno; il 19 giugno 1942 la giovane è internata alle Tourelles, nell’agosto 1942 è trasferita al campo di Drancy.

Tra i dettagli degli archivi (“E questa precisione topografica contrasta con quanto ignoreremo per sempre della loro vita… con quel vuoto, con quel grumo di ignoto e di silenzio”) e qualche testimonianza ancora viva (“Ho scovato una nipote di Eneste e Cécile Bruder. Le ho parlato per telefono”), le emozioni dello scrittore affiorano, emendano le lacune (“Cerco d’immaginare il percorso che la ragazza seguiva”), connettono i particolari, si arrendono di fronte al desiderio di riconoscere alla protagonista della fuga una libertà negata dai tragici eventi storici, che parlano di sofferenze e deportazioni.

Lo stile di Modiano oscilla tra la scientificità dell’indagine storiografica e le vibrazioni di un animismo pronto a cogliere anche nella realtà inanimata (“Eppure, sotto quella coltre di amnesia, si sentiva qualcosa, di quando in quando, un’eco lontana, soffocata, anche se nessuno sarebbe stato in grado di dire cosa, con precisione. Era come trovarsi all’orlo di un campo magnetico, senza pendolo per captarne le onde”) l’assurdo, immane dramma che l’uomo ha inflitto a se stesso.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrick

Modiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Modiano Patrick


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per cucinare gli spaghetti all'assassina, il piatto più famoso di Bari, ci vuole la padella in ferro nero che si trova solo nella città vecchia. Ed è proprio lì che sorge il ristorante di Colino Stramaglia, inventore della famosa ricetta. Una mattina di primavera, all'apertura del locale, il grande chef viene trovato morto ammazzato in maniera talmente efferata da far sospettare un torbido movente passionale. Quale grave sgarbo avrebbe commesso l'illustre personaggio per meritare una fine così orrenda? E quanti misteri si celano dietro al mondo sempre più competitivo dell'alta cucina? Fra le persone informate sui fatti, un affascinante cuoco algerino, una spogliarellista brasiliana e un capocameriere con un'aria da becchino uscito da un film western. A indagare è il commissario Lolita Lobosco, che stavolta trova imbrattate di sangue le sue due attività preferite: l'amore e la cucina. Sullo sfondo di una città sempre più pulp, una nuova intricata indagine, con fosche tinte da noir mediterraneo, metterà a dura prova l'abilità e l'istinto della caparbia investigatrice barese.

Spaghetti all’assassina

Genisi Gabriella

Scritto tra Capri e Sorrento nel 1938, Il colpo di grazia evoca un episodio di guerra civile avvenuto in Curlandia all'epoca dei putsch tedeschi contro il regime bolscevico, intorno al 1919-21. E' una vicenda autentica, riferita all'autrice da un intimo amico del protagonista maschile. Romanzo di sottile, sconcertante ambiguità, Il colpo di grazia chiama il lettore a collaborare per sottrarre gli avvenimenti narrati da Eric von Lhomond, e specialmente l'immagine che egli propone di sé, a una deformazione che s'inscrive interamente nei rapporti complicati dell'amore e dell'odio. Eric è un aristocratico che patisce la sconfitta della Germania come il crollo del mondo materiale e ideologico in cui si è formato: non gli resta che difendere il castello in cui vive con un amico, Conrad de Reval, e la sorella di questi, Sophie. Il dramma che si svolge fra i tre personaggi, e che si concluderà con un evento tragico dovuto alla ferocia delle guerre partigiane, ricalca l'aneddoto della donna che si offre e dell'uomo che si nega per attaccamento all'amico. Ma il tema centrale del libro è la solidarietà di destino tra esseri sottoposti alle stesse privazioni e agli stessi pericoli, un'intimità e somiglianza più forti dei conflitti della passione carnale o della fedeltà politiche, più forti persino dei rancori del desiderio frustrato o della vanità ferita.

Il colpo di grazia

Yourcenar Marguerite

La nuova raccolta poetica di Gabriele Galloni.

Creatura breve

Galloni Gabriele

Esiste un luogo magico dove tutto inizia e nulla può nire, dove ogni cosa è possibile e dove i desideri più autentici si realizzano. È un luogo dove chiunque può andare, dove qualcuno torna spesso e dove tutti sono stati almeno una volta, anche chi se lo è dimenticato. È un luogo fatto di sogni, di immaginazione e di eternità...

DREAMLAND

Pezzolla Indro