Narrativa

Dove vai Bernadette?

Semple Maria

Descrizione: Chi di noi non ha mai desiderato di scappare via? Da noi stesse, dai nostri impegni, dai mille piccoli fallimenti che quotidianamente rosicchiano la nostra autostima? Bernadette l'ha fatto davvero. Ha piantato in asso consorte e figlia (mostruosamente precoce) ed è andata a nascondersi là dove nessuno penserà mai di cercarla. Solo l'assistente personale, sua vera e propria alter ego digitale, efficientissima e sempre pronta a condonare ogni sua debolezza, sa dove si trovi. Ma la figlia Bee, raccogliendo indizi dove può, ricompone pezzo dopo pezzo il folle puzzle della vita di Bernadette, donna ordinaria e insieme straordinaria, aspirante eremita e nevrotica persa, pozzo senza fondo di ironia, misantropia, e altre imprevedibili risorse. Fino a indovinare la destinazione di Bernadette e a ricostruire le motivazioni della fuga.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2014

ISBN: 9788817072540

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Come ci urla la lente sinistra del ritratto in copertina, Dove vai Bernadette? è un romanzo fresco e divertente, che ha saputo stregare anche il severissimo Jonthan Franzen. La protagonista, la Bernadette del titolo, è una madre molto fuori dagli schemi, che detesta uscire di casa, occuparsi degli incontri scolastici della figlia, che si nasconde dietro enormi occhiali da sole, accompagnati da un atteggiamento brusco e schivo. Ovviamente è impossibile non innamorarsi di questa donna.

Ironica, scorrevole e piacevolissima, la scrittura di Maria Semple ci porta nel mondo di Bernadette e della sua famiglia, formata dalla piccola Bee, intelligente e coraggiosa, e dal marito Elgie, genio informatico della Microsoft. Gli eventi, composti come un indecifrabile puzzle, prendono forma sotto gli occhi del lettore fino a portarlo a conoscere i segreti di Bernadette; segreti che costringeranno la protagonista a scappare. Sarà la formidabile Bee a mettersi sulle sue tracce e a ricomporre i pezzi del mistero nella raccolta di mail, articoli di giornale, avvisi scolastici e telefonate che danno vita al romanzo.

In scena il falso buonismo della middle-class americana, quella delle casette a schiera e delle crostate di mela che si raffreddano sul davanzale, condito con una buona dose di sarcasmo corrosivo della protagonista e della sua perspicace figlia. Ed è proprio questo sarcasmo che costringe gli occhi deliziosamente inchiodati al libro, provare per credere.

Ambientata in una piovosa Seattle, la storia è un bellissimo ritratto femminile che non risparmia risate e colpi di scena. Il romanzo risulta sciolto e ben scritto (Maria Semple è anche sceneggiatrice di numerosi telefilm americani, e si sente) e tiene il lettore col fiato sospeso fino (o quasi) all’ultima pagina.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Semple

Libri dallo stesso autore

Intervista a Semple Maria

Roma, via Puccini, 30 agosto 1970. L’avvocato Cesare Previti, all’epoca trentaseienne, arriva con la polizia sulla scena di un triplice omicidio. Tre corpi, tre vite: un viveur, una arrampicatrice sociale, un miliardario. Tre storie avvitate l’una all’altra, strette intorno a un unico asse patrimoniale. Il giovane e rampante legale romano capisce subito che a quel delitto è agganciata una delle più grandi collezioni di beni della storia d’Italia: l’eredità Casati Stampa. Luca Telese ha inseguito, con il fiuto e la tenacia del vero cronista d’inchiesta, le tracce del mega business (per Berlusconi e i suoi, naturalmente) che fu l’acquisto della villa nel 1974. Ne è uscito uno spaccato inquietante e decisamente esemplare della modalità di “condurre gli affari” da parte dell’avvocato di fiducia del Cavaliere, Previti, e del Cavaliere stesso. Sin da quei lontani anni Settanta che videro l’inizio delle loro fortune, delle loro ascese irresistibili e strettamente intrecciate.

La marchesa, la villa e il Cavaliere

Telese Luca

Oltre 3.500 anni fa, il Sole diede vita a una bambina, Hatshepsut, figlia minore del Faraone. La piccola era fuori dal comune, era agile e aveva doti magiche. Quando sua sorella maggiore morì, fu lei a dover sposare Thutmosis, figlio illegittimo del Faraone, assicurando così una discendenza al sangue divino. La figlia del mattino, «uno dei più bei romanzi storici sulla vita nell’antico Egitto» («The New York Book Review»), racconta le vicissitudini di Hatshepsut, la prima donna faraone, che intorno all’anno 1500 a.C. governò brillantemente per oltre due decenni. A partire dalla descrizione dell’infanzia di Hatshepsut, la sua ascesa al potere, il suo amore impossibile con l’architetto di corte e, infine, il suo assassinio, Pauline Gedge ha scritto un romanzo epico, accuratamente basato su fatti storici, ricco di aneddoti sulla vita a Tebe, sul solare mondo egiziano in tutto il suo splendore.

La figlia del mattino

Gedge Pauline

Una crisi coniugale o familiare costringe tre donne a mettere in discussione la propria vita e il proprio ruolo di madri e di mogli: e da questa confessione a piú voci nasce una riflessione lucida e disincantata sull'universo femminile.

UNA DONNA SPEZZATA

De Beauvoir Simone

Jocelyn ha passato i cinquanta e come Jane Austen, la sua scrittrice preferita, non si è mai sposata anche se sa tutto dell'amore e del corteggiamento. Per risollevare l'umore di Sylvia, amica del cuore fin da quando era ragazzina, appena separata, la donna ha un'idea geniale: fondare un club del libro, il Jane Austen Book Club. Chiama perciò a raccolta le amiche più care che, come lei, amano la Austen. Unico problema: ognuna di loro ama la grande scrittrice a modo suo...

Jane Austen Book Club

Fowler Karen Joy