Narrativa

Dove vai Bernadette?

Semple Maria

Descrizione: Chi di noi non ha mai desiderato di scappare via? Da noi stesse, dai nostri impegni, dai mille piccoli fallimenti che quotidianamente rosicchiano la nostra autostima? Bernadette l'ha fatto davvero. Ha piantato in asso consorte e figlia (mostruosamente precoce) ed è andata a nascondersi là dove nessuno penserà mai di cercarla. Solo l'assistente personale, sua vera e propria alter ego digitale, efficientissima e sempre pronta a condonare ogni sua debolezza, sa dove si trovi. Ma la figlia Bee, raccogliendo indizi dove può, ricompone pezzo dopo pezzo il folle puzzle della vita di Bernadette, donna ordinaria e insieme straordinaria, aspirante eremita e nevrotica persa, pozzo senza fondo di ironia, misantropia, e altre imprevedibili risorse. Fino a indovinare la destinazione di Bernadette e a ricostruire le motivazioni della fuga.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2014

ISBN: 9788817072540

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Come ci urla la lente sinistra del ritratto in copertina, Dove vai Bernadette? è un romanzo fresco e divertente, che ha saputo stregare anche il severissimo Jonthan Franzen. La protagonista, la Bernadette del titolo, è una madre molto fuori dagli schemi, che detesta uscire di casa, occuparsi degli incontri scolastici della figlia, che si nasconde dietro enormi occhiali da sole, accompagnati da un atteggiamento brusco e schivo. Ovviamente è impossibile non innamorarsi di questa donna.

Ironica, scorrevole e piacevolissima, la scrittura di Maria Semple ci porta nel mondo di Bernadette e della sua famiglia, formata dalla piccola Bee, intelligente e coraggiosa, e dal marito Elgie, genio informatico della Microsoft. Gli eventi, composti come un indecifrabile puzzle, prendono forma sotto gli occhi del lettore fino a portarlo a conoscere i segreti di Bernadette; segreti che costringeranno la protagonista a scappare. Sarà la formidabile Bee a mettersi sulle sue tracce e a ricomporre i pezzi del mistero nella raccolta di mail, articoli di giornale, avvisi scolastici e telefonate che danno vita al romanzo.

In scena il falso buonismo della middle-class americana, quella delle casette a schiera e delle crostate di mela che si raffreddano sul davanzale, condito con una buona dose di sarcasmo corrosivo della protagonista e della sua perspicace figlia. Ed è proprio questo sarcasmo che costringe gli occhi deliziosamente inchiodati al libro, provare per credere.

Ambientata in una piovosa Seattle, la storia è un bellissimo ritratto femminile che non risparmia risate e colpi di scena. Il romanzo risulta sciolto e ben scritto (Maria Semple è anche sceneggiatrice di numerosi telefilm americani, e si sente) e tiene il lettore col fiato sospeso fino (o quasi) all’ultima pagina.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Semple

Libri dallo stesso autore

Intervista a Semple Maria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan

Cosa si prova a essere improvvisamente trasformati in uno specchio da una strana luce viola e ritrovarsi su un pianeta di una galassia lontana anni luce, di nome Catorcia, luogo in cui finiscono tutti gli oggetti che agli Umani non servono più ma che vogliono sfuggire alla discarica? E come combattere per salvare l’esistenza stessa di Catorcia, del mondo e dell’universo intero, dai piani malefici di Yvonne, un essere terribile che è concentrato di mille malvagità, di MorteaCredito, un enorme cannone reduce da infinite battaglie, e di una misteriosa banconota fuori corso? Sono loro tre, infatti, i capi dei terribili Ravanosi, gli umani che raccolgono gli oggetti usati per esporli nei mercatini delle pulci. Sarà Nico, una ragazza di dodici anni che vive con la nonna e i suoi 1748 specchi, ad affrontare questi temibili nemici; nella lotta, però, non sarà sola. Potrà contare infatti sull’aiuto di Abelardo, un vecchio frigo panciuto, dei Gialli e dei Rossi, quarantanove cartellini di quelli usati dagli arbitri per ammonire o espellere i giocatori durante le partite di calcio, di un Mattone, ma anche di Gualtiero, un wc a cui si “affezionerà molto”. Ognuno si dimostrerà un compagno pieno di sorprese e risorse inaspettate; ma soprattutto sarà prezioso il Dono di Nico, una qualità particolare e unica che ha acquisito a Catorcia e che le resterà per sempre.

ODORE DI GUAI

Tomatis Marco

Il tenente dei lancieri

Rovetta Gerolamo

Poesie di Franco Di Carlo: La conoscenza – parte prima

Di Carlo Franco