Narrativa

Dove troverete un altro padre come il mio

Campo Rossana

Descrizione: Rossana Campo, ancora una volta senza infingimenti e con lo stile dirompente e "difforme" che caratterizza la sua produzione letteraria, ma mettendosi in gioco forse più che in ogni altro suo libro, racconta qui il rapporto con Renato, il padre amatissimo e difficile scomparso di recente; o meglio con le molteplici figure, spesso contraddittorie, che Renato ha incarnato lungo tutta la sua vorticosa esistenza: il maestro di vita che fin da piccola esorta la figlia a rifuggire ogni forma di condizionamento e ipocrisia, ma anche l'irresponsabile che per niente e nessuno si separerebbe dalla sua amica più fidata: la bottiglia; l'individuo gioviale e irriducibilmente ottimista, ma anche l'attaccabrighe, dominato da una rabbia incontenibile; e ancora lo "zingaro" che non sopporta alcuna imposizione e non riconosce alcuna autorità, il contaballe prodigioso, il casinista indefesso, il terrone orgoglioso in un Nord che lo respinge... in una parola un essere infinitamente vitale e tremendamente fragile. Ne emerge un racconto, magari spudorato, ma proprio per questo di rara autenticità, della parte più profonda di sé.

Categoria: Narrativa

Editore: Ponte alle Grazie

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788868330675

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Rossana Campo si è aggiudicata il Premio Strega Giovani 2016 con il romanzo Dove troverete un altro padre come il mio (Ponte alle Grazie).
Il premio speciale viene decretato da una giuria composta da cinquecento giovani d’età compresa tra i sedici e i diciotto anni, studenti di cinquanta scuole superiori e quindi riveste, nella mia curiosità, un particolare significato in quanto la scelta operata dai giovani è sintomatica dei loro gusti e interessi ed è espressione di tendenze, preferenze e stati d’animo generazionali (ovvio, tutto ciò nell’ambito della precedente scelta che ha ristretto a dodici la rosa dei candidati).

Con questa curiosità socio-psicologica ho pertanto letto il romanzo di Rossana Campo, un poco prevenuto rispetto al linguaggio che tanto accomuna il testo alla parlata greve degli  adolescenti.
Possibile che sia soltanto questo il motivo della predilezione dei teenagers?
La risposta è giunta in modo autonomo con la lettura dell’ultima pagina del libro. E questa è la mia opinione finale: «Nossignori, questo romanzo ha coinvolto i ragazzi perché smuove l’intimità (“Io prendevo questi fogli con una tempesta nel cuore, lo sentivo un gesto molto intimo”), interpreta la pena, dà forma al senso dell’inadeguatezza (“Lui c’era? Ha assistito al parto?”) e della diversità che probabilmente impazza in molti di loro, come in molti di noi. E lo fa in modo grezzo, con linguaggio rude e cacofonico (“Mi stanno sul culo i normali, i precisini…”), attraverso l’estetica dell’inquietudine.»

Sarebbe stato facile celebrare un padre idealizzato.
Credo non sia affatto semplice ritrarre un padre irrequieto (“La sua amata compagna di vita, la sua stella polare, la sua bottiglia”), ripercorrere i ricordi di sofferenze (“Papà ha perso un’altra volta il lavoro, è di nuovo disoccupato e mamma cuce...”) inflitte da una condizione di disagio (“Quando dovevamo tornare a casa in silenzio, quasi di nascosto, nella casa devastata dalle sue crisi, dal suo dolore, dalle emorragie…”), isolare le gioie di una vita instabile (“Ho vinto il premio della Cassa di risparmio di Genova e Imperia”), aggrapparsi al vitalismo e all’originalità (“La lanterna troppo bella ma completamente sbagliata che mi aveva disegnato Renato”) di uno spirito irregolare. Ed è doloroso immedesimarsi in un padre difficile (“Ho cercato di assomigliarti il meno possibile, ma ti assomiglio troppo…”), sino a percepirlo coessenziale, sino a rimpiangerne l’assenza (“Non lasciarmi sola quaggiù pa’, io non sono attrezzata per stare al mondo senza di te, senza nemmeno più uno della mia tribù, senza nemmeno più un apache, uno zingaro…”)…

La parte finale del romanzo è struggente (“Questi millesettecento euro che ha lasciato a noi figli mi sembrano un regalo grandioso, come se ci avesse lasciato un castello”) e disperatamente raziocinante (“Com’è che hai cominciato a bere?”). Rossana Campo fa provare il rimorso al lettore che giudica (“C’è sempre qualcuno, un normale che arriva a dirmi che testa di cazzo è mio padre”). E lo coinvolge convincendolo che un padre come questo è speciale davvero, perché anche da morto sa inviare messaggi di appartenenza alla sua figliola prediletta (La lontananza sai è come il vento…).
E allora sì, si comprendono facilmente i motivi della scelta dei giovani.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rossana

Campo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Campo Rossana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In una Palermo sporca e violenta, un bambino di nove anni, cresciuto in una famiglia di pugili, sale per la prima volta sul ring. Nel suo formidabile esordio, Davide Enia racconta cinquant’anni di storia, dalla campagna italiana in Africa durante il secondo conflitto mondiale al tragico 1992 - quando nel capoluogo siciliano tornano a esplodere le bombe - passando per il periodo della ricostruzione post bellica, gli anni del «sacco di Palermo» e quelli della mattanza di mafia. Usando con una maestria da togliere il fiato tutti i registri narrativi, dal tragico all’onirico al comico al sentimentale, Enia restituisce un impietoso ritratto di un mondo ricolmo di ironia e violenza, con una scrittura carnale, epica, dolce e feroce.

COSI’ IN TERRA

Enia Davide

È l'estate del 1982. L'Italia ha appena vinto i mondiali di Spagna e Milano è deserta. Demo, Elia e Fabiano trovano una casa abbandonata sul naviglio Martesana e decidono di farne il loro Regno. Un posto segreto dove è possibile fumare, ascoltare i Led Zeppelin, sfogliare i giornaletti porno, scoprire il confine sottile tra complicità e gelosia, tra emulazione e rivalità. Un posto, anche, dove accogliere i nuovi amici, come Ric. Poi incontrano Valli, ed è un'apparizione. Lei è selvatica, ha gli occhi verdi, i capelli lunghi, un corpo esile chiuso in una salopette; vive in un camper con la madre e ogni giorno pesca nel canale. Senza volerlo la ragazza rompe il goffo equilibrio maschile del Regno, insinuando nel gruppo quella tensione erotica che è per tutti la grande scoperta e il grande dolore dell'adolescenza. Ma che qui genera un danno capace, in una sola notte, di cambiare il destino dei protagonisti. Mentre la pioggia si porta via l'ultima estate della loro giovinezza.

Il regno degli amici

Montanari Raul

LA TESTA FRA LE NUVOLE

Tamaro Susanna

Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si confrontavano in modo ossessivo con la politica. Una stagione per certi versi drammatica in cui si intersecano le ragioni esistenziali dei protagonisti, il destino di una città come Napoli (il cui porto era controllato di fatto dagli americani), le incertezze di una generazione appena uscita dalla guerra, alle prese per di più con un Partito comunista ancora fortemente ancorato all’identità stalinista. A poco a poco, con un andamento concentrico, si fa luce sulla complessità dei fatti che spinge la giovane giornalista al suo atto estremo. Da storia privata quindi l’indagine si fa storia collettiva di un’intera classe politica, di una generazione, delle sue speranze e dei suoi valori. Il romanzo-inchiesta di Ermanno Rea, premio Viareggio 1996: forse il suo capolavoro.

Mistero napoletano

Rea Ermanno