Giallo - thriller - noir

Dracula ed io

Morozzi Gianluca

Descrizione:

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: TEA

Collana: Narrativa Tea

Anno: 2019

ISBN: 9788850253012

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Cosa succede se Dracula abbandona la Transilvania e si manifesta a Bologna? L’esperimento è il tema di Dracula ed io di Gianluca Morozzi, che ambienta nella città felsinea una vicenda humour-horror con un protagonista irrituale: un vampiro che sfida i cliché (“Dracula aveva impiegato qualche secolo a imparare a uscire in pieno giorno senza danni”), le mitologie (“Lo aveva sempre divertito l’idea romantica del vampiro che dorme nella bara”) e le dicerie (“Come quelle altre sciocchezze sull’aglio, la croce, il frassino e gli specchi”), ferme restando la vocazione (“Dracula aprì la dispensa: c’erano fiale di sangue in numero tale da sfamare non solo lui, ma tutti i figli ancora vivi che aveva sparso per il mondo”) e le proprietà del personaggio (“Se fosse diventato nebbia, il pezzo di metallo in testa che lo devastava di dolore… sarebbe caduto per terra lasciandolo libero”).

L’io narrante è Lajos, figlio di uno scrittore famoso alla ricerca di una propria identità letteraria con l’avvenente e ambigua editrice Maddalena: abita in un palazzo maledetto, frequenta con i coinquilini Betty, Diana, Lobo e Orrido (“Saremo un’unica, splendida famiglia felice… sembra… l’undicesima stagione di Friends”) una bettola nel Quadrilatero (“Il Quadrilatero è bello e suggestivo, ma quelle vecchie stradine…”), gestisce la fumetteria Batcaverna coadiuvato dalla sensuale Henna (“Essendo la prima volta in assoluto che Henna e io avevamo un contatto fisico, l’evento aveva irrorato all’istante i miei corpi cavernosi”).

La vita di Lajos incrocia una delle vite del condomino Vlad alias Dracula (“Una sorprendente somiglianza con l’interprete di Iron Man… il sosia di Robert Downey Jr.”), che periodicamente – il 23 agosto di anni determinati dal lancio del dado – incontra l’ambivalente Indaco (“L’assassino conosceva la particolarità di Indaco, la resurrezione a senso invertito?”) proprio nell’osteria delle Tre spade, gestita da Ringo nel vicolo di Mezzo.

Introdotto da una scena splatter (“Jadel Piva spalanca gli occhi, fissando le proprie budella esposte all’aria, lì, davanti a lui”), il romanzo si snoda tra situazioni surreali e omicidi (“Jadel Piva, il ginecologo, viene trovato con un buco nella pancia e gli intestini srotolati. Oggi una donna incinta ricompare morta e senza più il bambino… Cos’è, il serial killer della pancia?”) che sembrano avere una matrice comune ascrivibile a un serial killer (“Dopo tre madri e tre bambini morti o spariti in un week end, il nome di Erode non suona poi male per definire il killer”) che s’ispira agli atroci destini delle consorti di Dracula (“Lettera dopo lettera, con calma degna di un antico amanuense, incide un altro messaggio per Dracula”).

Molto divertente il doppio finale: con doppia sorpresa e con appuntamento alla prossima puntata!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianluca

Morozzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morozzi Gianluca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

ome si gioca a nascondino da soli? Un bambino ricerca un riparo dalla morte del padre e trova nell'aria le voci dei matti, degli animali, dei vecchi e delle donne che popolano i luoghi marginali di una sperduta valle di montagna. Riti collettivi di addio all'inverno, campane ferme, racconti orali, cadute, incantamenti e ossessioni animano il romanzo d'esordio di Sergio Peter che, ispirandosi alla lezione del Celati di "Narratori delle pianure" e del Calvino delle "Città invisibili", dà vita a un ritorno a casa che è anche viaggio iniziatico nei territori della memoria.

Dettato

Peter Sergio

Satira della società, specchio di un’infanzia che osserva l’assurdo mondo dei “grandi”, storia di un sogno e bibbia del bizzarro. “Alice” è un magico gioco di intelletto e parole, che affascina da 150 anni i lettori di tutto il mondo. Con le eccentriche e argute annotazioni del matematico americano Gardner, le illustrazioni del più noto incisore di epoca vittoriana e la traduzione di un raffinato scrittore italiano, questa edizione, completa di entrambi i libri di Carroll, “Alice nel paese delle meraviglie” e “Dietro lo specchio”, riesce a rivelare tutte le curiosità e gli enigmi di un capolavoro letterario senza tempo.

Alice nel paese delle meraviglie

Carroll Lewis

Chiedete a un uomo qualunque il segreto del suo successo. Molto probabilmente vi risponderà: quale successo? Non l'avvocato Giuseppe Ilario Sobreroni. Nessuna crisi, nessuna precarietà per lui, Giuseppe ce l'ha fatta: ha una famiglia ideale, un solido conto in banca, una carriera in ascesa. Ma proprio quando un'intervista in uscita sulla principale rivista di settore e l'invito al più esclusivo dei ricevimenti sono lì a decretare il suo trionfo, quel mondo così perfetto mostra tutte le sue crepe e, pezzo dopo pezzo, comincia a franare. Sprezzante e narcisista, Giuseppe non ha intenzione di rinunciare alla sua fetta di paradiso. A volte però, tenersi stretto il proprio posto sulla vetta può richiedere molto più di un po' di ambizione e qualche riga sul curriculum. In una Milano canicolare, popolata da un'umanità alla ricerca disperata di un modo per stare a galla o quantomeno di un parcheggio vicino al ristorante, Federico Baccomo allestisce una commedia caustica e brillante, per raccontare con spietata ironia il ghigno di un uomo che, pagina dopo pagina, ha sempre meno motivi per ridere.

LA GENTE CHE STA BENE

Baccomo Federico

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO – di Elettra Groppo