Giallo - thriller - noir

Dracula ed io

Morozzi Gianluca

Descrizione:

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: TEA

Collana: Narrativa Tea

Anno: 2019

ISBN: 9788850253012

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Cosa succede se Dracula abbandona la Transilvania e si manifesta a Bologna? L’esperimento è il tema di Dracula ed io di Gianluca Morozzi, che ambienta nella città felsinea una vicenda humour-horror con un protagonista irrituale: un vampiro che sfida i cliché (“Dracula aveva impiegato qualche secolo a imparare a uscire in pieno giorno senza danni”), le mitologie (“Lo aveva sempre divertito l’idea romantica del vampiro che dorme nella bara”) e le dicerie (“Come quelle altre sciocchezze sull’aglio, la croce, il frassino e gli specchi”), ferme restando la vocazione (“Dracula aprì la dispensa: c’erano fiale di sangue in numero tale da sfamare non solo lui, ma tutti i figli ancora vivi che aveva sparso per il mondo”) e le proprietà del personaggio (“Se fosse diventato nebbia, il pezzo di metallo in testa che lo devastava di dolore… sarebbe caduto per terra lasciandolo libero”).

L’io narrante è Lajos, figlio di uno scrittore famoso alla ricerca di una propria identità letteraria con l’avvenente e ambigua editrice Maddalena: abita in un palazzo maledetto, frequenta con i coinquilini Betty, Diana, Lobo e Orrido (“Saremo un’unica, splendida famiglia felice… sembra… l’undicesima stagione di Friends”) una bettola nel Quadrilatero (“Il Quadrilatero è bello e suggestivo, ma quelle vecchie stradine…”), gestisce la fumetteria Batcaverna coadiuvato dalla sensuale Henna (“Essendo la prima volta in assoluto che Henna e io avevamo un contatto fisico, l’evento aveva irrorato all’istante i miei corpi cavernosi”).

La vita di Lajos incrocia una delle vite del condomino Vlad alias Dracula (“Una sorprendente somiglianza con l’interprete di Iron Man… il sosia di Robert Downey Jr.”), che periodicamente – il 23 agosto di anni determinati dal lancio del dado – incontra l’ambivalente Indaco (“L’assassino conosceva la particolarità di Indaco, la resurrezione a senso invertito?”) proprio nell’osteria delle Tre spade, gestita da Ringo nel vicolo di Mezzo.

Introdotto da una scena splatter (“Jadel Piva spalanca gli occhi, fissando le proprie budella esposte all’aria, lì, davanti a lui”), il romanzo si snoda tra situazioni surreali e omicidi (“Jadel Piva, il ginecologo, viene trovato con un buco nella pancia e gli intestini srotolati. Oggi una donna incinta ricompare morta e senza più il bambino… Cos’è, il serial killer della pancia?”) che sembrano avere una matrice comune ascrivibile a un serial killer (“Dopo tre madri e tre bambini morti o spariti in un week end, il nome di Erode non suona poi male per definire il killer”) che s’ispira agli atroci destini delle consorti di Dracula (“Lettera dopo lettera, con calma degna di un antico amanuense, incide un altro messaggio per Dracula”).

Molto divertente il doppio finale: con doppia sorpresa e con appuntamento alla prossima puntata!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianluca

Morozzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morozzi Gianluca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

21 marzo, giornata della poesia: Dora Markus di Montale

Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio… Il silenzio in cui si sono suicidati gli scrivani di Vectis. Dopo aver compilato la sterminata Biblioteca che riporta il giorno di nascita e di morte di ogni uomo vissuto dall’VIII secolo in poi, la loro eredità è una data: il 9 febbraio 2027. Ma la giovane Clarissa non sa nulla di tutto ciò. Il suo unico pensiero è fuggire. Fuggire da quell’abbazia maledetta, per mettere in salvo il dono più prezioso che Dio le abbia mai concesso. Il futuro dell’umanità è un mistero nascosto tra le pagine di un libro… Il libro in cui è indicato il giorno del giudizio. Mentre il mondo s’interroga su cosa accadrà davvero il 9 febbraio 2027, alcune persone ricevono una cartolina sulla quale ci sono il disegno di una bara e una data: il giorno della loro morte. Proprio come all’inizio della straordinaria serie di eventi che avevano portato alla scoperta della Biblioteca dei Morti. C’è soltanto una differenza: tutte le «vittime» sono di origine cinese. È una provocazione? Un avvertimento? L’ultima verità non è mai stata trovata… Will Piper ha trovato la pace: sa che vivrà oltre il 9 febbraio 2027, e ha deciso di lasciarsi alle spalle l’enigma della Biblioteca di Vectis e la sua secolare scia di sangue. Almeno finché suo figlio non parte all’improvviso per l’Inghilterra e poi sparisce nel nulla. D’un tratto, per Will, ogni cosa torna a ruotare intorno all’origine della Biblioteca dei Morti. Lì dove tutto è cominciato. E dove tutto finirà.

I custodi della biblioteca

Cooper Glenn

Le stazioni del vento

Nicoletta Vinciguerra

Un’auto lascia Roma di primo mattino. Durante tutto il viaggio, l’uomo al volante, un famoso regista, racconta la sua vita a chi gli siede accanto, il suo compagno, che ama di un amore sconfinato ormai da qualche anno. Sullo sfondo, il palazzo dove ogni cosa accade, crocevia di diverse solitudini, ma anche di incontri folgoranti e travolgenti passioni. E, soprattutto, Roma, come nessuno l’ha mai raccontata. Gli anni Ottanta e l’atmosfera di estrema libertà, la comunità gay e le lunghe estati nel segno della trasgressione, il flagello dell’Aids, la solidarietà che cementa grandi amicizie. Con uno stile irresistibile, lieve e toccante al tempo stesso, al suo secondo libro Ferzan Ozpetek, il regista che più di ogni altro sa parlare di sentimenti, ci guida in un viaggio avanti e indietro nel tempo, sospeso tra pianti e risate, fiction e realtà. Il suo è un mondo popolato da personaggi indimenticabili e bizzarri. Trans sul viale del tramonto, ballerini cleptomani, raffi nati intellettuali, inguaribili romantiche, madri degeneri e fi gli devoti. Le loro storie, esilaranti eppure commoventi, compongono “la Storia” di una vita che si annulla in un’altra, come estremo dono d’amore. Al centro, un sentimento assoluto, capace di resistere a qualsiasi prova della vita: l’Amore.

Sei la mia vita

Ozpetek Ferzan