Letteratura americana

DRACULA IN LOVE

Essex Karen

Descrizione: Londra, fine Ottocento: la giovane Mina Murray convive segretamente dall'infanzia con un dono inquietante, la capacità di leggere i pensieri e di vedere presenze invisibili agli altri. Quando il suo fidanzato Jonathan si allontana per lavoro, chiamato da un misterioso Conte, Mina raggiunge la sua amica Lucy nello Yorkshire: qui, tra leggende sugli spiriti locali e macabre avventure notturne, scopre la sessualità disordinata dell'amica, fidanzata con un Lord ma amante di un focoso pittore americano. Poco dopo il matrimonio con il Lord, Lucy viene a mancare: al funerale Mina conosce il dottor Seward, direttore dell'ospedale psichiatrico in cui Lucy è morta. Da alcune lettere, Mina scopre che Lucy era stata ricoverata a forza dal marito e sottoposta da Seward a torture spaventose per curarla, e decide di indagare. Nel manicomio sono ricoverate donne “isteriche”, curate con vere e proprie torture, spesso a sfondo sessuale. Mina viene imprigionata da Seward e sottoposta alle stesse torture che hanno ucciso Lucy, ma viene liberata da una belva misteriosa e si risveglia in casa del Conte. Qui troverà la spiegazione alle sue facoltà sovrannaturali, mentre il Conte che veglia su di lei la preparerà allo scontro finale tra il bene e il male, suggellato da un vampiresco patto di sangue.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Bompiani

Collana: Narratori Stranieri

Anno: 2010

ISBN: 9788845266232

Trama

Le Vostre recensioni

Dopo aver apprezzato davvero molto le due precedenti opere di Karen Essex (I cigni di Leonardo e Le due donne del Partenone) mi sono avvicinata al suo ultimo romanzo con un pochino di timore: come mai una scrittrice tanto avvezza alla ricostruzione storica, all’indagine quasi scientifico-sociologica sul ruolo della donna attraverso i secoli, si cimenta in un romanzo che è quasi un fantasy?

Avverto i lettori che non ho raggiunto la consapevolezza della risposta, ma posso con sereno compiacimento dire che ho ritrovato anche in quest’opera le tematiche tanto care all’autrice e credo ai suoi lettori.

Aggiungo immediatamente che di vere e proprie digressioni e fughe fantasy non se ne incontrano per tre quarti del libro, e che la ricostruzione fedele e di taglio storico dell’epoca risulta come sempre molto affascinante ed istruttiva. Attraverso i pensieri e l’evoluzione della protagonista, Mina, che molti ricorderanno come protagonista sia del romanzo di Bram Stoker, sia del film di Francis Ford Coppola allo stesso ispirato, si riesce a comprendere la mentalità dell’epoca, la si riesce a percepire in modo vitale e davvero umano, lasciando da parte il freddo distacco dello studio sociologico fine a se stesso ed affrontandola con la consapevolezza che, a parte le convenzioni, l’indole umana è la stessa che potremmo incontrare in ogni epoca.

Si potrebbe riflettere e dire molto delle incongruenze di trama rispetto agli illustri predecessori cui il romanzo si ispira volutamente e anche di quella mitica Mina immaginata e creata da Bram Stoker e rivoluzionata dal film di Coppola; osservo solo che in questo libro, che si propone in sostanza come un diverso punto di vista della vicenda, interamente focalizzata dal punto di vista interno di Mina (ma lontano per la maggior parte del tempo dalla vicenda fantastica in cui è invece coinvolto Dracula insieme agli altri personaggi, da Lucy a Seward e Van Helsing, a Jonathan Harker), ci siano molte più somiglianze con la versione cinematografica che con quella letteraria ottocentesca.

Probabilmente questo permette all’autrice una maggiore duttilità in funzione dei temi a lei cari, più moderni rispetto a quelli trattati nel libro di Stoker, che in fondo è ben fermo nella rappresentazione orrorifica del vampiro e della sua disumanizzazione, mentre in quest’opera si da molto risalto all’evoluzione passionale e sensuale della vicenda, alle credenze popolari e alla critica al fanatismo, ed in fondo l’autrice gioca davvero bene sull’orlo del confine tra superstizione e cultura, lasciando aperte più chiavi di lettura.

Che abbiate apprezzato o solo conosciuto i prodotti letterari o cinematografici cui Karen Essex si ispira in questo suo nuovo romanzo, o che non ne sappiate nulla, penso di poter dire che questa storia piacerà o colpirà la maggior parte dei lettori che la avvicinino: a patto che non rimangano sconcertati dalle tante, forse troppe, scene erotiche raccontate nello scandire l’evoluzione psichica della protagonista, e che nutrano una sana e robusta curiosità verso le epoche storiche passate (ma non troppo lontane, in fondo).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Karen

Essex

Libri dallo stesso autore

Intervista a Essex Karen


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È il 2 maggio del 1945. Martin Bormann, braccio destro di Adolf Hitler, scompare per le strade di Berlino durante l'avanzata sovietica. Vent'anni dopo, fonti prossime alla CIA lo identificano come Martin Weisberg, finanziatore eccentrico e pacifista della rock band The Love's White Rabbits vicina al Movimento radicale. Da qui ha inizio una caccia all'uomo che coinvolgerà settori deviati dei servizi segreti americani e israeliani, uno scovanazisti italiano, un attore cieco fan di Charles Bronson, un reduce dal Vietnam fuori di testa. La vicenda è ambientata prevalentemente negli Stati Uniti, con incursioni fra Città del Guatemala, Singapore, Saigon. Sullo sfondo il clima esplosivo dell'estate del '68. Storia, cronaca e finzione si rincorrono fondendosi dalla prima all'ultima pagina di questo originale romanzo dal ritmo incalzante e dal finale al cardiopalma. Così accade che una spia in gonnella semini il Caos. Uno scheletro sia perdutamente innamorato di Anita Garibaldi. Una chitarra racconti la Beat generation. Una scultrice plasmi marijuana e hashish. Uno spietato killer del Mossad adori indossare scarpe rosa coi tacchi a spillo. E mentre scorrono fiumi di limonata all'LSD, esplode la questione nera, le università sono in rivolta, la musica psichedelica spopola tra i giovani e gli agenti dell'FBI reprimono le proteste.

Quando le chitarre facevano l’amore

Mazzoni Lorenzo

Pubblicato postumo dopo il precoce suicidio del suo autore e tradotto ora per la prima volta in Italia, “Lezioni di striptease” conferma il talento brillante e misconosciuto di John O'Brien, che con “Via da Las Vegas” aveva già creato uno dei romanzi di culto degli anni Novanta, portato al successo dal fortunato adattamento cinematografico con cui Nicolas Cage si aggiudicò un premio Oscar. In queste pagine O'Brien torna a indagare le esistenze di silenziosa disperazione che si annidano ai margini del sogno americano, regalandoci una storia d'amore e di solitudine che non è solo il ritratto toccante di un personaggio, ma anche un atto di accusa contro la società del benessere, del profitto, della performance. Il protagonista è Carroll, un uomo timido di mezza età, archivista in un ufficio legale dove accumula solo umiliazioni e nevrosi. Carroll è privo di fascino e di amici: a rischiarare il grigiore della sua esistenza ci sono solo gli scintillii di paillettes dello strip-club di second'ordine dove passa sempre più spesso le sue serate, in cerca non tanto di eccitazione sessuale, quanto - per improbabile che sia - di un contatto umano con le ragazze che ai suoi occhi rappresentano solo calore e bellezza. Quando nel locale arriva una nuova spogliarellista, Stevie, che per la prima volta sembra concedergli un briciolo di confidenza, la sua vita abituale comincia a sussultare e sgretolarsi: sarà un nuovo inizio, o solo l'inizio della fine?

LEZIONI DI STRIP-TEASE

O'Brien John

Il venir meno della promessa del lavoro per tutti (mito degli anni Cinquanta) e l'affermarsi di condizioni lavorative saltuarie pone il problema di come assicurare a tutti condizioni di vita dignitose. Il tema è quello del "reddito garantito" o "reddito di cittadinanza" o "basic incom", cioè di un reddito minimo assicurato dallo Stato in mancanza di attività lavorativa. La soluzione, molto discussa a livello teorico, è oggi adottata in tutti i paesi europei eccettuate l'Italia, la Grecia e l'Ungheria. In Italia c'è una sola sperimentazione, prevista da un decreto legislativo del 1998, ormai abbandonata nel tempo. Sui fondamenti etici e politici del reddito di cittadinanza, sulle realizzazioni in Europa e sulle possibilità in Italia, fa il punto il volume di Giuseppe Bronzini, magistrato, autore di numerose pubblicazioni in materia.

Il reddito di cittadinanza

Bronzini Giuseppe

Fu il primo dei tribunali della Curia romana ecclesiastica, ed è istituito per le questioni di coscienza. Le sue origini risalgono al XIII secolo, quando per autorità di Innocenzo IV i penitenzieri di Roma si costituirono in collegio sotto la presidenza di un cardinale. Il suo potere giurisdizionale variò secondo i tempi, ma è certo che la Penitenzieria si sia occupata e continui a occuparsi di cose oscure, indicibili e pericolose. Come fu in epoca controriformista per le suppliche dei condannati a morte per stregoneria. La Santa Penitenzieria Apostolica è anche altrimenti conosciuta come: il tribunale delle anime. È qui che Bene e Male giocano la loro partita con il destino degli uomini. Il tribunale infatti si occupa dell'archivio criminale più imponente che esista al mondo, quello delle confessioni dei peccati più gravi. È per questo che esistono i penitenzieri: sono loro la presenza segreta su molte scene del crimine, sono loro alla costante ricerca di ciò che l'occhio di un semplice detective non può scorgere. Un'anomalia.

Il cacciatore del buio

Carrisi Donato