Letteratura americana

DRACULA IN LOVE

Essex Karen

Descrizione: Londra, fine Ottocento: la giovane Mina Murray convive segretamente dall'infanzia con un dono inquietante, la capacità di leggere i pensieri e di vedere presenze invisibili agli altri. Quando il suo fidanzato Jonathan si allontana per lavoro, chiamato da un misterioso Conte, Mina raggiunge la sua amica Lucy nello Yorkshire: qui, tra leggende sugli spiriti locali e macabre avventure notturne, scopre la sessualità disordinata dell'amica, fidanzata con un Lord ma amante di un focoso pittore americano. Poco dopo il matrimonio con il Lord, Lucy viene a mancare: al funerale Mina conosce il dottor Seward, direttore dell'ospedale psichiatrico in cui Lucy è morta. Da alcune lettere, Mina scopre che Lucy era stata ricoverata a forza dal marito e sottoposta da Seward a torture spaventose per curarla, e decide di indagare. Nel manicomio sono ricoverate donne “isteriche”, curate con vere e proprie torture, spesso a sfondo sessuale. Mina viene imprigionata da Seward e sottoposta alle stesse torture che hanno ucciso Lucy, ma viene liberata da una belva misteriosa e si risveglia in casa del Conte. Qui troverà la spiegazione alle sue facoltà sovrannaturali, mentre il Conte che veglia su di lei la preparerà allo scontro finale tra il bene e il male, suggellato da un vampiresco patto di sangue.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Bompiani

Collana: Narratori Stranieri

Anno: 2010

ISBN: 9788845266232

Trama

Le Vostre recensioni

Dopo aver apprezzato davvero molto le due precedenti opere di Karen Essex (I cigni di Leonardo e Le due donne del Partenone) mi sono avvicinata al suo ultimo romanzo con un pochino di timore: come mai una scrittrice tanto avvezza alla ricostruzione storica, all’indagine quasi scientifico-sociologica sul ruolo della donna attraverso i secoli, si cimenta in un romanzo che è quasi un fantasy?

Avverto i lettori che non ho raggiunto la consapevolezza della risposta, ma posso con sereno compiacimento dire che ho ritrovato anche in quest’opera le tematiche tanto care all’autrice e credo ai suoi lettori.

Aggiungo immediatamente che di vere e proprie digressioni e fughe fantasy non se ne incontrano per tre quarti del libro, e che la ricostruzione fedele e di taglio storico dell’epoca risulta come sempre molto affascinante ed istruttiva. Attraverso i pensieri e l’evoluzione della protagonista, Mina, che molti ricorderanno come protagonista sia del romanzo di Bram Stoker, sia del film di Francis Ford Coppola allo stesso ispirato, si riesce a comprendere la mentalità dell’epoca, la si riesce a percepire in modo vitale e davvero umano, lasciando da parte il freddo distacco dello studio sociologico fine a se stesso ed affrontandola con la consapevolezza che, a parte le convenzioni, l’indole umana è la stessa che potremmo incontrare in ogni epoca.

Si potrebbe riflettere e dire molto delle incongruenze di trama rispetto agli illustri predecessori cui il romanzo si ispira volutamente e anche di quella mitica Mina immaginata e creata da Bram Stoker e rivoluzionata dal film di Coppola; osservo solo che in questo libro, che si propone in sostanza come un diverso punto di vista della vicenda, interamente focalizzata dal punto di vista interno di Mina (ma lontano per la maggior parte del tempo dalla vicenda fantastica in cui è invece coinvolto Dracula insieme agli altri personaggi, da Lucy a Seward e Van Helsing, a Jonathan Harker), ci siano molte più somiglianze con la versione cinematografica che con quella letteraria ottocentesca.

Probabilmente questo permette all’autrice una maggiore duttilità in funzione dei temi a lei cari, più moderni rispetto a quelli trattati nel libro di Stoker, che in fondo è ben fermo nella rappresentazione orrorifica del vampiro e della sua disumanizzazione, mentre in quest’opera si da molto risalto all’evoluzione passionale e sensuale della vicenda, alle credenze popolari e alla critica al fanatismo, ed in fondo l’autrice gioca davvero bene sull’orlo del confine tra superstizione e cultura, lasciando aperte più chiavi di lettura.

Che abbiate apprezzato o solo conosciuto i prodotti letterari o cinematografici cui Karen Essex si ispira in questo suo nuovo romanzo, o che non ne sappiate nulla, penso di poter dire che questa storia piacerà o colpirà la maggior parte dei lettori che la avvicinino: a patto che non rimangano sconcertati dalle tante, forse troppe, scene erotiche raccontate nello scandire l’evoluzione psichica della protagonista, e che nutrano una sana e robusta curiosità verso le epoche storiche passate (ma non troppo lontane, in fondo).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Karen

Essex

Libri dallo stesso autore

Intervista a Essex Karen

La tranquilla campagna ferrarese non è poi così tranquilla. Questa vicenda delittuosa ambientata alla Pieve della Buona Morte ha tutti gli ingredienti del giallo storico – tutto quello che vi aspettate di trovarci, almeno – ma con qualcosa di nuovo: si tratta infatti di un giallo comico. Dato alle stampe nel 2014 – era incluso in “Novelle col morto” – è ora nuovamente disponibile per chi vorrà affrontare la bufera di neve che tenta di nascondere al carabiniere, al prete e all'oste la soluzione del mistero delle dodici mummie.

La Pieve della Buona Morte

Conventi Gaia

«L'eccezionale romanzo di Andrea Bajani – eccentrico e appassionato, spiazzante e destabilizzante, torna di continuo a visitarmi, lasciandomi ogni volta leggermente scosso, ma anche consapevole dell'importanza cruciale dei romanzi nel gettare maggiore chiarezza sulla nostra esistenza. Davvero straordinario» – Richard Ford Un giovane uomo e una madre persa da tempo. A riunirli, infine, la morte di lei, avvenuta lontano, nella Romania che l'aveva allontanata da casa e dall'affetto del figlio per inseguire un sogno di ricchezza, lo stesso di molti italiani partiti alla conquista dell'Est dopo il crollo del blocco comunista. «Mi avevi disegnato il mondo sopra un foglio, la sera prima, e mi avevi fatto vedere dove andavi. Noi siamo qui, avevi detto, e domani io sarò in questo punto quaggiù. Avevi tracciato una riga con un pennarello rosso che partiva da casa e arrivava fin lì. È un ponte, dicevi, è come passare dall'altra parte del fiume.» Ripercorrendo il tragitto che l'ha portata via, osservando i medesimi panorami, occupando i luoghi in cui lei stessa ha vissuto il tempo della loro separazione, Lorenzo cerca di immaginare i pensieri e le emozioni di una donna il cui ritratto elusivo è diventato negli anni sempre più indecifrabile. Un tentativo, in extremis, di ricostruire un ponte che possa finalmente riunire le due metà dell'esistenza della madre.

Se consideri le colpe

Bajani Andrea

Una ragazza è stata uccisa nel parco giochi di un quartiere residenziale di Stoccolma, in piena notte. Sulla scena del crimine restano i chiari segni di un'esecuzione in piena regola. Ma chi può aver voluto infliggerle una morte così spettacolare e crudele? Se lo chiede il commissario Joona Linna mentre scopre che la vittima era sparita nel nulla un pomeriggio di cinque anni prima, e da allora non si era più saputo nulla di lei. Joona deve ricucire i pezzi di questa storia dai contorni sempre più inquietanti, trovare il colpevole e consegnarlo alla giustizia il prima possibile. Ma come fare? Da dove partire se nessuno sa, nessuno ha visto? Eppure qualcuno deve avere visto, qualcuno che forse non vuole parlare o non riesce a parlare. Qualcuno che per qualche oscuro motivo dev'essere aiutato a ricordare, perché il segreto è imprigionato nel buio della sua mente. Ed è per questo che Joona, bloccato in un labirinto di specchi, decide di infrangere ancora una volta le regole della polizia. Perché sa di non avere altra scelta, deve ricorrere all'aiuto di un professionista che in passato gli ha fornito la chiave per arrivare alla verità: il dottor Erik Maria Bark, meglio conosciuto come l'Ipnotista...

L’uomo dello specchio

Kepler Lars

Così scrive Maria, la protagonista del nuovo, sorprendente romanzo di Paulo Coelho, all’inizio del suo diario. Maria è una ragazza del sertão brasiliano che, dopo aver incontrato un impresario teatrale sulla spiaggia di Rio de Janeiro, si lascia sedurre dal miraggio di una vita diversa. Trasferitasi a Ginevra, sfumato rapidamente il sogno di lavorare come ballerina di samba, la ragazza, con l’ingenuo cinismo di chi non ha ancora conosciuto il vero amore, affronterà la vita come un’avventura, cercando di conoscere il mondo e l’anima delle persone attraverso la lente dei fugaci incontri che la sua attività le impone, finché un pittore non saprà aprirle le porte di una nuova consapevolezza. Dall’autore di L’Alchimista, una sconvolgente meditazione sul sesso come strumento di conoscenza e di esplorazione di sé, un meraviglioso percorso di risveglio sensuale, emotivo e spirituale.

UNDICI MINUTI

Coelho Paulo