Fantasy

DREAMLAND

Pezzolla Indro

Descrizione: Esiste un luogo magico dove tutto inizia e nulla può nire, dove ogni cosa è possibile e dove i desideri più autentici si realizzano. È un luogo dove chiunque può andare, dove qualcuno torna spesso e dove tutti sono stati almeno una volta, anche chi se lo è dimenticato. È un luogo fatto di sogni, di immaginazione e di eternità...

Categoria: Fantasy

Editore: La memoria del mondo

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Inizia in treno il viaggio verso Dreamland: Mouette e Zseni si incontrano, parlano come sono soliti fare i viaggiatori. Zseni un po’ trasognato, Mouette più dura, concreta, più ferita, disposta a tutto.

La storia sembra prendere un aspetto inatteso, ma siamo in cerca della terra dei sogni…

Il viaggio prosegue e Zseni incontra altre persone sul suo cammino; ognuno è dispensatore di consigli, ha una saggezza e filosofia di vita e saprà aiutare il giovane a raggiungere la terra dei sogni e a portare a compimento il proprio sogno.

Racconto lungo, fiabesco, sospeso, che ricorda per stile il viaggio sulla terra del biondo principino di Antoine de Saint-Exupéry. Come nel racconto dello scrittore francese, l’autore fa uso costante di dialoghi che permettono al lettore di comprendere l’azione più compiutamente.

Malgrado la brevità, “Dreamland” avvince e intriga il lettore fin dalla prima pagina: cos’è questa terra dei sogni che Zseni vuole raggiungere a tutti i costi per partecipare alle nozze della sua ex? Un pizzico di thriller, molto fantasy e un tocco di romanticismo accompagnano la lettura fino all’epilogo con inevitabile lieto fine. I personaggi che Zseni incontra via via sono legati l’uno all’altro da vincoli inattesi e anche la misteriosa scatola che Zseni reca con sé e che è oggetto delle brame della giovane e disillusa Mouette ha un suo fondamentale ruolo nella vicenda.

Pagina dopo pagina il lettore immagina la sua terra dei sogni: è una sorta di Shangrilà? E’ un villaggio incantato, come quello raccontato in Brigadoon? E’ un parto della fantasia?

Fiaba per ogni età, compiuta ma aperta alla personale interpretazione di chi legge, “Dreamland” è una boccata d’ossigeno, un tocco di aria pulita, come lo stile narrativo lieve e divulgativo adottato dallo scrittore Pezzolla.

Per chi ama sognare, per chi non sogna più ma vorrebbe ricominciare a farlo, per chi è tenacemente legato a un obiettivo, per chi ha un fanciullino nascosto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Indro

Pezzolla

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pezzolla Indro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato nel 1942, "Lo straniero", un classico della letteratura contemporanea, sembra tradurre in immagini quel concetto dell'assurdo che Albert Camus andava allora delineando e che troverà teorizzazione nel coevo "Il mito di Sisifo". Protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili conseguenze del fatto - il processo e la condanna a morte - senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Come Sisifo, Meursault è un eroe "assurdo": la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e di sentire. "E una verità ancora negativa," ebbe a scrivere Camus in una prefazione per un'edizione americana dello "Straniero", "senza la quale però nessuna conquista di sé e del mondo sarà mai possibile."

Lo straniero

Camus Albert

Attore cinematografico e teatrale, regista, doppiatore, Giancarlo Giannini è un grande protagonista del cinema italiano, tra i più dotati e apprezzati dal pubblico e dalla critica, pluripremiato (nel suo palmarès vanta anche una nomination all'Oscar come miglior attore protagonista per "Pasqualino Settebellezze"). Grazie alla sua lunga e fulgida carriera, tutti conoscono le grandi interpretazioni di Giannini in film famosissimi in cui è stato diretto da registi del calibro di Lina Wertmüller, Luchino Visconti, Ettore Scola, Francis Ford Coppola, Ridley Scott, Mario Monicelli, Dino Risi e Rainer Fassbinder. Quello che scopriamo in queste pagine è sì il Giannini attore e personaggio pubblico, ma anche e soprattutto il Giannini privato, che da grande affabulatore qual è si racconta a ruota libera, intrecciando la sua storia personale a quella del nostro paese e del cinema internazionale. In questa autobiografia, generosa e travolgente come lui, troviamo dunque il racconto della sua adolescenza tra Napoli e Roma, gli studi di perito elettronico, la grande passione per la cucina e per le invenzioni (è suo il giubbotto pieno di gadget che Robin Williams indossa nel film "Toys"), i suoi incontri con le stelle del cinema internazionale, il lungo sodalizio con Mariangela Melato, le telefonate (e le abbuffate) notturne con Fellini...

Sono ancora un bambino (ma nessuno può sgridarmi)

Giannini Giancarlo

OCEANO MARE

Baricco Alessandro

Libero e Viola si stanno cercando. Ancora non si conoscono, ma questo è solo un dettaglio. Nel 2007 Libero ha prenotato un tavolo alla Locanda dell'Ultima Solitudine, per dieci anni dopo. Ed è certo che lì e solo lì, in quella locanda arroccata sul mare costruita col legno di una nave mancata, la sua vita cambierà. L'importante è saper aspettare, ed essere certi che "se qualcosa nella vita non arriva è perché non l'hai aspettato abbastanza, non perché sia sbagliato aspettarlo". Anche Viola aspetta: la forza di andarsene. Da anni scrive lettere al padre, che lui non legge perché tempo prima, senza che nessuno ne conosca la ragione, è scomparso, lasciandola sola con la madre a Bisogno, il loro paese. Ed è a Bisogno, dove i fiori si scordano e da generazioni le donne della famiglia di Viola, che portano tutte un nome floreale, si tramandano il compito di accordarli, che lei comincia a sentire il peso di quell'assenza e la voglia di un nuovo orizzonte. Con ironia leggera, tra giochi linguistici, pennellate surreali e grande tenerezza, Alessandro Barbaglia ci racconta una splendida storia d'amore.

La Locanda dell’Ultima Solitudine

Barbaglia Alessandro