Fantasy

DREAMLAND

Pezzolla Indro

Descrizione: Esiste un luogo magico dove tutto inizia e nulla può nire, dove ogni cosa è possibile e dove i desideri più autentici si realizzano. È un luogo dove chiunque può andare, dove qualcuno torna spesso e dove tutti sono stati almeno una volta, anche chi se lo è dimenticato. È un luogo fatto di sogni, di immaginazione e di eternità...

Categoria: Fantasy

Editore: La memoria del mondo

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Inizia in treno il viaggio verso Dreamland: Mouette e Zseni si incontrano, parlano come sono soliti fare i viaggiatori. Zseni un po’ trasognato, Mouette più dura, concreta, più ferita, disposta a tutto.

La storia sembra prendere un aspetto inatteso, ma siamo in cerca della terra dei sogni…

Il viaggio prosegue e Zseni incontra altre persone sul suo cammino; ognuno è dispensatore di consigli, ha una saggezza e filosofia di vita e saprà aiutare il giovane a raggiungere la terra dei sogni e a portare a compimento il proprio sogno.

Racconto lungo, fiabesco, sospeso, che ricorda per stile il viaggio sulla terra del biondo principino di Antoine de Saint-Exupéry. Come nel racconto dello scrittore francese, l’autore fa uso costante di dialoghi che permettono al lettore di comprendere l’azione più compiutamente.

Malgrado la brevità, “Dreamland” avvince e intriga il lettore fin dalla prima pagina: cos’è questa terra dei sogni che Zseni vuole raggiungere a tutti i costi per partecipare alle nozze della sua ex? Un pizzico di thriller, molto fantasy e un tocco di romanticismo accompagnano la lettura fino all’epilogo con inevitabile lieto fine. I personaggi che Zseni incontra via via sono legati l’uno all’altro da vincoli inattesi e anche la misteriosa scatola che Zseni reca con sé e che è oggetto delle brame della giovane e disillusa Mouette ha un suo fondamentale ruolo nella vicenda.

Pagina dopo pagina il lettore immagina la sua terra dei sogni: è una sorta di Shangrilà? E’ un villaggio incantato, come quello raccontato in Brigadoon? E’ un parto della fantasia?

Fiaba per ogni età, compiuta ma aperta alla personale interpretazione di chi legge, “Dreamland” è una boccata d’ossigeno, un tocco di aria pulita, come lo stile narrativo lieve e divulgativo adottato dallo scrittore Pezzolla.

Per chi ama sognare, per chi non sogna più ma vorrebbe ricominciare a farlo, per chi è tenacemente legato a un obiettivo, per chi ha un fanciullino nascosto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Indro

Pezzolla

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pezzolla Indro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato per la prima volta nel 1959, Una vita violenta venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane. Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Con la prefazione di Vincenzo Cerami.

UNA VITA VIOLENTA

Pasolini Pier Paolo

Colette ha sempre rifiutato di scrivere deliberatamente sulla sua vita, ma ne La stella del vespro, pubblicato per la prima volta nel 1946 l’esistenza della più grande scrittrice francese del ’900 si svela discretamente, lungo frammenti scritti con la cura e la sofisticatezza a cui ormai ha abituato i suoi lettori e di cui è diventata maestra. Si tratta di una sorta di cronologia frammentata che trascrive gli avvenimenti e le osservazioni della vita quotidiana: i capricci di primavera; i viavai del compagno Maurice Goderek; le visite che riceve – tra cui Truman Capote – le audizioni per la riduzione teatrale de La Seconde; l’impegno a raccogliere tutte le sue opere per il progetto OEuvre complete per l’editore Le Fleuron; l’Académie Française. Ormai immobilizzata dalla vecchiaia, dal peso e dall’artrosi, osserva il cielo, il succedersi al giorno della luna o del vespro nel quadrato ritagliato dalle finestre del suo grande appartamento a Palais–Royal. Leggiamo una Colette malinconica e meditativa, chiusa nel suo appartamento, in cui riceve, mangia, scrive e legge. In questo testo, evoca dei ricordi dai tempi della guerra, medita sulla sua condizione di invalidità e i suoi nuovi rapporti con il mondo da scrittrice “nota e riconosciuta” e, amabilmente, conversa con le sue care presenze, con gli esseri da lei sempre amati – appassionatamente o teneramente – come la madre Sido; la figlia di cui evoca il ricordo della nascita nel 1913; Missy (la contessa Mathilde de Morny); l’ex marito Henry de Jouvenel; Polaire; il migliore amico nonché terzo e ultimo marito Maurice Goderek; il giovane reporter che viene ad intervistarla; la prostituta Renée che le appare nel giardino innevato della sua casa, un giardino dalla cui descrizione si distingue a fatica da quello di Saint–Sauveur.

La stella del vespro

Colette

La storia romantica di una modesta e poco appariscente istitutrice che, con il suo fascino discreto e la sua forza di carattere, riesce a conquistare il tenebroso e avvenente signore di Rochester, la cui giovane figlia è affidata alle sue cure. La donna vittoriana di metà Ottocento, ridotta allo stato di femmina asessuata, trova in Jane Eyre un ideale contraltare antropologico sulla via dell'emancipazione e del suffragio universale.

Jane Eyre

Brontë Charlotte

In una Venezia magica, si consuma l'ultimo atto di un'antica storia d'amore, rivissuta attraverso l'adagio di un concerto per oboe di un Anonimo del '700, da un uomo e una donna che non hanno mai cessato di amarsi.

Anonimo Veneziano

Berto Giuseppe