Fantasy

DREAMLAND

Pezzolla Indro

Descrizione: Esiste un luogo magico dove tutto inizia e nulla può nire, dove ogni cosa è possibile e dove i desideri più autentici si realizzano. È un luogo dove chiunque può andare, dove qualcuno torna spesso e dove tutti sono stati almeno una volta, anche chi se lo è dimenticato. È un luogo fatto di sogni, di immaginazione e di eternità...

Categoria: Fantasy

Editore: La memoria del mondo

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Inizia in treno il viaggio verso Dreamland: Mouette e Zseni si incontrano, parlano come sono soliti fare i viaggiatori. Zseni un po’ trasognato, Mouette più dura, concreta, più ferita, disposta a tutto.

La storia sembra prendere un aspetto inatteso, ma siamo in cerca della terra dei sogni…

Il viaggio prosegue e Zseni incontra altre persone sul suo cammino; ognuno è dispensatore di consigli, ha una saggezza e filosofia di vita e saprà aiutare il giovane a raggiungere la terra dei sogni e a portare a compimento il proprio sogno.

Racconto lungo, fiabesco, sospeso, che ricorda per stile il viaggio sulla terra del biondo principino di Antoine de Saint-Exupéry. Come nel racconto dello scrittore francese, l’autore fa uso costante di dialoghi che permettono al lettore di comprendere l’azione più compiutamente.

Malgrado la brevità, “Dreamland” avvince e intriga il lettore fin dalla prima pagina: cos’è questa terra dei sogni che Zseni vuole raggiungere a tutti i costi per partecipare alle nozze della sua ex? Un pizzico di thriller, molto fantasy e un tocco di romanticismo accompagnano la lettura fino all’epilogo con inevitabile lieto fine. I personaggi che Zseni incontra via via sono legati l’uno all’altro da vincoli inattesi e anche la misteriosa scatola che Zseni reca con sé e che è oggetto delle brame della giovane e disillusa Mouette ha un suo fondamentale ruolo nella vicenda.

Pagina dopo pagina il lettore immagina la sua terra dei sogni: è una sorta di Shangrilà? E’ un villaggio incantato, come quello raccontato in Brigadoon? E’ un parto della fantasia?

Fiaba per ogni età, compiuta ma aperta alla personale interpretazione di chi legge, “Dreamland” è una boccata d’ossigeno, un tocco di aria pulita, come lo stile narrativo lieve e divulgativo adottato dallo scrittore Pezzolla.

Per chi ama sognare, per chi non sogna più ma vorrebbe ricominciare a farlo, per chi è tenacemente legato a un obiettivo, per chi ha un fanciullino nascosto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Indro

Pezzolla

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pezzolla Indro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Opera curata da Alessandra Grandelis

Quando verrai sarò quasi felice. Lettere a Elsa Morante (1947-1983)

Moravia Alberto

Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Il tamburo di latta

Grass Günter

Dopo l'acclamata trilogia della frontiera, il nuovo, atteso romanzo di Cormac McCarthy ha ancora una volta come sfondo il confine fra Texas e Messico. La storia è però ambientata ai giorni nostri, in un paese che, come annuncia il titolo, ha abbandonato i vecchi valori per cadere in preda a una violenza cieca e incontrollata. Questa violenza si incarna in Anton Chigurh, un assassino psicopatico munito di un'arma micidiale e di una pericolosa filosofia della giustizia. Il suo avversario, un uomo del passato che non sa farsi una ragione della ferocia del presente, è lo sceriffo Bell. Entrambi sono alla ricerca di Llewelyn Moss, un reduce del Vietnam che mentre cacciava antilopi sul Rio Grande si è ritrovato sul luogo affollato di cadaveri di una battaglia fra narcotrafficanti, e ha colto al volo un'occasione che si è rivelata troppo grande per lui. L'inseguimento si svolge lungo e oltre il confine, in un crescendo di suspense e violenza. Il destino di Moss, erede di tutti i cowboy di McCarthy e dei loro valori di dignità e onore, dipende da quale dei due inseguitori lo troverà per primo. Scritto in uno stile veloce e asciutto, crudo e implacabile come una premonizione di tragedia, con i dialoghi incisivi, decisamente cinematografici che rendono unica la scrittura di McCarthy, Non è un paese per vecchi riporta il lettore nei paesaggi del Sudest degli Stati Uniti, popolati da anime perdute, uomini che, «se uno li ammazzasse tutti, toccherebbe costruire una dépendance dell'inferno».

NON E’ UN PAESE PER VECCHI

McCarthy Cormac

Storia della seduzione del monaco Ambrosio ad opera della sensuale Matilde, che lo inizia ai segreti delle arti demoniache.

Il monaco

Lewis Matthew Gregory