Racconti

Dritto al cuore

Autori vari

Descrizione: "Io sono per il finale aperto. Diciamo che sono uno strenuo difensore dei puntini sospensivi. [...] Sono perle predisposte a diventare girocollo e ruota panoramica da Luna Park quando gli scrittori si incontrano nello stesso libro, anche se alcune storie puzzano di zolfo prevale l'essenza di zucchero filato. Un'essenza che passando per le narici arriva 'dritto al cuore'. [...] Puntini sospensivi non sono solo canzonette questi racconti. Se scrivi solo di 'testa' ti può venire un'emicrania, se scrivi di 'pancia' rischi la pancreatite, se scrivi di 'cuore' hai un fine, non una fine." (dalla prefazione di Andrea G. Pinketts) "Molti potranno pensare che sia di cattivo gusto pubblicare racconti di morti, delitti e misteri a favore dei bambini, ma abbiamo voluto indirizzare l'antologia non a chi conosce e vive l'Ospedale Bambino Gesù, ma ai lettori accaniti di un genere che non ha età. Non ci interessa che siano i genitori dei supereroi ad acquistare una copia di Dritto al Cu ore, ma speriamo che siano soprattutto i lettori che non hanno idea di cosa significhi vivere mesi e anni nell'attesa che la medicina risponda a silenziose domande di speranza." (dall'introduzione di Sira Terramano)

Categoria: Racconti

Editore: Galaad Edizioni

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788898722143

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La raccolta “Dritto al cuore” viene proposta come “antologia del mistero, del grottesco e della follia”.
Nella prefazione, Andrea G. Pinketts ricorre all’immagine di “perle predisposte a diventare girocollo e ruota panoramica da Luna Park”, asserendo che “se scrivi di cuore hai un fine, non una fine”.
L’opera è stata pubblicata per un’importante finalità benefica: il ricavato sarà devoluto al progetto “Mettici il cuore” dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.
Al link http://www.galaadedizioni.com/dritto-al-cuore/ potrete aderire fattivamente all’iniziativa, mediante l’acquisto dell’antologia.

Anche noi riprendiamo un passaggio importante dell’introduzione di Sira Terramano, instancabile curatrice (insieme a Igor De Amicis e Vincenzo Valleriani) di questo progetto: “Molti potranno pensare che sia di cattivo gusto pubblicare racconti di morti, delitti e misteri a favore dei bambini, ma abbiamo voluto indirizzare l’antologia non a chi conosce e vive l’Ospedale Bambino Gesù, ma ai lettori accaniti di un genere che non ha età. Non ci interessa che siano i genitori dei supereroi ad acquistare una copia di Dritto al Cuore, ma speriamo che siano soprattutto i lettori che non hanno idea di cosa significhi vivere mesi e anni nell’attesa che la medicina risponda a silenziose domande di speranza.”

Peraltro, a questi pensieri e autorizzati dall’interessata, noi rispondiamo pubblicando uno dei racconti dell’antologia. Non a caso, scegliamo “Notte al Museo” di Marina Paolucci: per sua stessa professione, la nostra testimonial non si sente portata a scrivere nel genere al quale, purtuttavia, è approdata con il solo fine di andare direttamente “Dritto al cuore”… rappresentando, con romantica fantasia, il coraggio ingenuo e (in questo caso, anche narrativamente) disarmante che può avere un bambino…
A proposito, avete mai pensato che il termine “coraggio” ha la stessa radice di “cuore” (dal latino cor, cordis)?

Notte al Museo 

Quella sera la classe si recò al museo d’arte contemporanea.
La “notte al museo” era contemplata nelle uscite scolastiche.
Il guardiano accolse quattordici bambini di quinta elementare accompagnati dall’insegnante di scienze. Chiuse il cancello dell’edificio e rientrò nella guardiola.
La classe iniziò il percorso entrando in una piccola sala, che si immetteva in un’altra. Così via. Un labirinto.
Visitò il museo, alla scoperta di capolavori. Rimase divertita dai quadri di Antonio Conte, pittore dei pesci rossi, e rapita da quelli vitali e surreali di Nicola Piscopo.
A mezzanotte si accampò nella penultima sala per dormire. L’ultima era troppo umida, confinava con il giardino.
L’insegnante spense la luce e augurò la buonanotte.
Nel silenzio esplosero sonore risate e pernacchie. Il buio divenne un animato brusio. Brillavano occhietti vispi, rischiarati dai raggi della luna che filtrava dalle finestrelle.
Giunsero dei rumori dall’ultima sala. Chi era?
Qualcuno accese la luce.
Due ladri, col volto coperto dal passamontagna!
Gli alunni gridarono terrorizzati. Qualcuno pianse.
«Tutti a terra! Fermi, o sparo!» urlò un ladro, armato di pistola.
L’insegnante si offrì come ostaggio.
All’improvviso, un bimbo paffutello, dai capelli pel di carota e il viso punteggiato di lentiggini, puntò un dito verso i banditi.
«Voi, ce l’avete una famiglia? Dei bambini? Uccidereste per dei quadri?»
I ladri rimasero colpiti al cuore da quelle parole. Tentarono la fuga. Vennero catturati dalla polizia, chiamata dal guardiano.
I bambini, rientrati a casa sani e salvi, ingigantirono l’accaduto come commedianti.
L’indomani, a scuola, il preside si complimentò con il coraggioso bambino e gli donò un bellissimo quadro d’autore, con dedica speciale.

Marina Paolucci

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vari

Autori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Autori vari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una nevicata senza precedenti, una coppia in crisi, una donna svanita nel nulla. Giornali e social media iniziano a parlare dell’impiegata quarantenne scomparsa senza lasciare una riga o un indizio. Edo e Guia sono sposati da quattro anni. D’inverno vivono a Roma, d’estate in Versilia, dove Edo gestisce lo stabilimento balneare dei suoceri. Guia è una scrittrice in cerca della consacrazione, e il loro sembra un matrimonio solido, di forte complicità. La coppia è però consumata dal desiderio di avere un figlio, che non arriva nonostante la fecondazione assistita, con le sue speranze e disillusioni. I due hanno deciso di non condividere con nessuno il calvario tra cliniche e ambulatori, e reclusi in questa bolla di intimità sembrano essere sempre più legati tra loro. Invece l’unione è destinata a sbriciolarsi: Edo deve trattenersi a Viareggio e attraversa un insolito periodo di separazione dalla moglie, assaporando la solitudine del mare d’inverno. Guia si immerge nella stesura del suo nuovo libro. Poi però Edo incontra Anna. Single quarantenne, Anna deve difendersi dall’invadenza, ai limiti dello stalking, del suo ex fidanzato Giangi, un comico che per breve tempo ha avuto successo in tv. Fin quando Anna sparisce misteriosamente, dopo un appassionato incontro clandestino con Edo. Da qui la vicenda si avvia verso la deflagrazione. Le indagini per la scomparsa della donna suscitano un circo mediatico fragoroso e invadente, che si insinua velenosamente nelle vite dei personaggi. Edo, timoroso di essere scoperto nella sua infedeltà e di trovarsi sospettato nel caso, vorrà cercare il colpevole che crede di vedere nell’ex fidanzato di Anna, principale accusato. Guia invece si lancia in una strenua difesa di Giangi, e in quella vita di provincia, vischiosa, ipocrita, velleitaria, una tessitura di piccole bugie farà nascere il male.

Cosa resta di noi

Simi Giampaolo

QUANDO ERO UN’OPERA D’ARTE

Schmitt Eric-Emmanuel

Dalla tragica morte della moglie, A. J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A. J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all'infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A. J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l'esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri, per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell'affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all'interno e, grazie a lei, A. J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore.

La misura della felicità

Zevin Gabrielle

Pietro è un bambino autistico. Non riesce a comunicare con il mondo esterno, ma nei suoi disegni rappresenta tutto quello che vede, in ogni dettaglio. Un giorno un gruppo di ragazzi del quartiere lo prende di mira e si accanisce violentemente contro di lui. Lo fa assistere a una scena di masturbazione, lo insulta, lo deride, gli sputa addosso. Quella stessa sera un ragazzo del gruppo scompare sulle rive del fiume. Di lui si perde ogni traccia, e poi, qualche giorno dopo, scompaiono altri due ragazzi, anche il fratello di Pietro, mentre è in sua compagnia. Quando Alice, l'insegnante di Pietro, gli chiede di disegnare quello che è accaduto, nota un particolare inquietante: nel disegno c'è anche un vecchio seduto su una panchina, vestito di nero, con le scarpe bianche e un bastone. Alice conosce bene quel vecchio. È l'uomo degli incubi della sua infanzia. L'uomo dei Sogni. Presentazione di Valerio Evangelisti.

IL DIVORATORE

Ghinelli Lorenza