Racconti

Dritto al cuore

Autori vari

Descrizione: "Io sono per il finale aperto. Diciamo che sono uno strenuo difensore dei puntini sospensivi. [...] Sono perle predisposte a diventare girocollo e ruota panoramica da Luna Park quando gli scrittori si incontrano nello stesso libro, anche se alcune storie puzzano di zolfo prevale l'essenza di zucchero filato. Un'essenza che passando per le narici arriva 'dritto al cuore'. [...] Puntini sospensivi non sono solo canzonette questi racconti. Se scrivi solo di 'testa' ti può venire un'emicrania, se scrivi di 'pancia' rischi la pancreatite, se scrivi di 'cuore' hai un fine, non una fine." (dalla prefazione di Andrea G. Pinketts) "Molti potranno pensare che sia di cattivo gusto pubblicare racconti di morti, delitti e misteri a favore dei bambini, ma abbiamo voluto indirizzare l'antologia non a chi conosce e vive l'Ospedale Bambino Gesù, ma ai lettori accaniti di un genere che non ha età. Non ci interessa che siano i genitori dei supereroi ad acquistare una copia di Dritto al Cu ore, ma speriamo che siano soprattutto i lettori che non hanno idea di cosa significhi vivere mesi e anni nell'attesa che la medicina risponda a silenziose domande di speranza." (dall'introduzione di Sira Terramano)

Categoria: Racconti

Editore: Galaad Edizioni

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788898722143

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La raccolta “Dritto al cuore” viene proposta come “antologia del mistero, del grottesco e della follia”.
Nella prefazione, Andrea G. Pinketts ricorre all’immagine di “perle predisposte a diventare girocollo e ruota panoramica da Luna Park”, asserendo che “se scrivi di cuore hai un fine, non una fine”.
L’opera è stata pubblicata per un’importante finalità benefica: il ricavato sarà devoluto al progetto “Mettici il cuore” dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.
Al link http://www.galaadedizioni.com/dritto-al-cuore/ potrete aderire fattivamente all’iniziativa, mediante l’acquisto dell’antologia.

Anche noi riprendiamo un passaggio importante dell’introduzione di Sira Terramano, instancabile curatrice (insieme a Igor De Amicis e Vincenzo Valleriani) di questo progetto: “Molti potranno pensare che sia di cattivo gusto pubblicare racconti di morti, delitti e misteri a favore dei bambini, ma abbiamo voluto indirizzare l’antologia non a chi conosce e vive l’Ospedale Bambino Gesù, ma ai lettori accaniti di un genere che non ha età. Non ci interessa che siano i genitori dei supereroi ad acquistare una copia di Dritto al Cuore, ma speriamo che siano soprattutto i lettori che non hanno idea di cosa significhi vivere mesi e anni nell’attesa che la medicina risponda a silenziose domande di speranza.”

Peraltro, a questi pensieri e autorizzati dall’interessata, noi rispondiamo pubblicando uno dei racconti dell’antologia. Non a caso, scegliamo “Notte al Museo” di Marina Paolucci: per sua stessa professione, la nostra testimonial non si sente portata a scrivere nel genere al quale, purtuttavia, è approdata con il solo fine di andare direttamente “Dritto al cuore”… rappresentando, con romantica fantasia, il coraggio ingenuo e (in questo caso, anche narrativamente) disarmante che può avere un bambino…
A proposito, avete mai pensato che il termine “coraggio” ha la stessa radice di “cuore” (dal latino cor, cordis)?

Notte al Museo 

Quella sera la classe si recò al museo d’arte contemporanea.
La “notte al museo” era contemplata nelle uscite scolastiche.
Il guardiano accolse quattordici bambini di quinta elementare accompagnati dall’insegnante di scienze. Chiuse il cancello dell’edificio e rientrò nella guardiola.
La classe iniziò il percorso entrando in una piccola sala, che si immetteva in un’altra. Così via. Un labirinto.
Visitò il museo, alla scoperta di capolavori. Rimase divertita dai quadri di Antonio Conte, pittore dei pesci rossi, e rapita da quelli vitali e surreali di Nicola Piscopo.
A mezzanotte si accampò nella penultima sala per dormire. L’ultima era troppo umida, confinava con il giardino.
L’insegnante spense la luce e augurò la buonanotte.
Nel silenzio esplosero sonore risate e pernacchie. Il buio divenne un animato brusio. Brillavano occhietti vispi, rischiarati dai raggi della luna che filtrava dalle finestrelle.
Giunsero dei rumori dall’ultima sala. Chi era?
Qualcuno accese la luce.
Due ladri, col volto coperto dal passamontagna!
Gli alunni gridarono terrorizzati. Qualcuno pianse.
«Tutti a terra! Fermi, o sparo!» urlò un ladro, armato di pistola.
L’insegnante si offrì come ostaggio.
All’improvviso, un bimbo paffutello, dai capelli pel di carota e il viso punteggiato di lentiggini, puntò un dito verso i banditi.
«Voi, ce l’avete una famiglia? Dei bambini? Uccidereste per dei quadri?»
I ladri rimasero colpiti al cuore da quelle parole. Tentarono la fuga. Vennero catturati dalla polizia, chiamata dal guardiano.
I bambini, rientrati a casa sani e salvi, ingigantirono l’accaduto come commedianti.
L’indomani, a scuola, il preside si complimentò con il coraggioso bambino e gli donò un bellissimo quadro d’autore, con dedica speciale.

Marina Paolucci

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vari

Autori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Autori vari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ernesto vive un rapporto ormai logoro con la moglie depressa, il suo taxi è teatro di storie che si intrecciano a un delitto nella Roma "bene". La vittima è uno scultore di fama internazionale, pochissimi avevano accesso all'appartamento dove viene ritrovato cadavere e nessuno ha un movente valido per torturarlo a morte. L'ispettore Paolo Proietti, a capo dell'indagine, intuisce che sta per sollevare un verminaio. La verità lo lascerà schifato, esausto e fragile come mai un poliziotto dovrebbe sentirsi. É un malessere che conosce fin troppo bene, lo rivive negli incubi che lo angosciano a quattordici anni di distanza da un caso in cui si è lasciato coinvolgere troppo. Ernesto e Paolo sono fratelli senza un filamento di DNA in comune, condividono tutto fin dal giorno in cui si sono incontrati sui banchi delle scuole superiori. Tutto, tranne un segreto che ciascuno nasconde all'altro: il poliziotto per non giocarsi il distintivo, il tassista perché è impossibile confessare al suo amico cosa lo torturi da giorni. Il silenzio viaggia nel mondo degli artisti malati, viziati e viziosi, e in quello dei ricordi che fanno male da morire, nella paura di non essere più abbastanza o di non averci provato a sufficienza, protegge i mostri e offende gli innocenti. Si spezzerà, poi, nella voce di una giustizia sommaria che non regala pace o reale assoluzione dai peccati, ma dignità a quanti sono costretti a macchiarsi le mani di sangue.

I silenzi di Roma

Troncanetti Luana

Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto

Tom Smith e Jerry Wesson si incontrano davanti alle cascate del Niagara nel 1902. Nei loro nomi e nei loro cognomi c’è il destino di un’impresa da vivere. E l’impresa arriva insieme a Rachel, una giovanissima giornalista che vuole una storia memorabile, e che, quella storia, sa di poterla scrivere. Ha bisogno di una prodezza da raccontare, e prima di raccontarla è pronta a viverla. Per questo ci vogliono Smith e Wesson, la coppia più sgangherata di truffatori e di falliti che Rachel può legare al suo carro di immaginazione e di avventura. Ci vuole anche una botte, una botte per la birra, in cui entrare e poi farsi trascinare dalla corrente. Nessuno lo ha mai fatto. Nessuno è sceso giù dalle cascate del Niagara dentro una botte di birra. È il 21 giugno 1902. Nessuno potrà mai più dimenticare il nome di Rachel Green? E sarà veramente lei a raccontarla quella storia?

Smith & Wesson

Baricco Alessandro

Colorare di giallo…