Fantasy

Drona

Fiandro Serena

Descrizione: Daar ha realizzato il proprio desiderio: Drona è la città ideale, creata con l'intercessione della Dama dotata di immensi poteri. A Drona, nessuno può essere infelice o manchevole di grandi virtù; ma col tempo, specularmente alla città d'Oro, dai peccati e dalle mancanze di quest'ultima se n'è formata una seconda. Mille anni ormai trascorsi dall'accordo fra Daar e la Dama, il sovrano di Drona invia Odar a recuperare lo specchio in cui egli, preda dell'ira, aveva precedentemente rinchiuso la maga - colpevole di aver preso parte all'accordo senza informare preventivamente Daar della possibile nascita della peccaminosa città speculare.

Categoria: Fantasy

Editore: Edizioni della Sera

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897139157

Recensito da Chiara Amato

Le Vostre recensioni

Drona – La città ideale” è il romanzo fantasy con cui Serena Fiandro fa il suo ingresso sulla scena letteraria. Un libro che conduce gli appassionati del genere in un complesso intrigo di magia, fiaba, vendetta, amori e conflitti.

La storia narra la creazione di una città ideale, dal nome Drona, luogo in cui regna la felicità ed i cui abitanti non conoscono alcun tipo di sofferenza. Drona è l’emblema della perfezione, la città d’Oro, sorta per opera di Daar, il suo sovrano, e della Dama, una creatura dagli innumerevoli poteri.

“Daar sapeva di essere diverso dagli altri. Trascorse diversi anni coltivando l’ossessione di un mondo perfetto, un mondo in cui ogni cosa potesse essere al suo posto e nella quale non ci fosse spazio per il caos.”

Dopo mille anni, però, l’incantesimo che aveva originato la città è destinato a rompersi, proprio a causa della Dama: è lei che ha nascosto a Daar l’esistenza di un’altra città in cui regna il male che è stato estirpato da Drona! Per impedire che la malvagità invada Drona, Daar deve recuperare lo specchio in cui la Dama è stata rinchiusa. Il prescelto a cui verrà conferito l’incarico è Odar, uno degli abitanti di Drona.

Ha inizio così il viaggio di Odar: durante il suo cammino egli incontrerà ostacoli e sarà sottoposto alle tentazioni di Sina, creatura ammaliatrice e vendicativa che custodisce lo specchio.

La narrazione si sviluppa in modo articolato e (forse) estremamente dettagliato in alcuni punti. Gli scenari, che fanno da sfondo alle intricate vicende, seguono un’ambientazione fiabesca e ricca di immagini diverse tra loro. Gli stessi personaggi sono caratterizzati da sfumature al contempo sottili e complesse.

Drona” racchiude anche un messaggio simbolico, ovvero la continua ricerca della perfezione che l’essere umano insegue da sempre e che è solo fonte di illusione e di dispiacere. Attraverso il suo libro, la scrittrice Serena Fiandro ci comunica come l’unica forza su cui costruire un mondo migliore è l’equilibrio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Serena

Fiandro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fiandro Serena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una sera, un affermato regista turco, che vive a Roma da alcuni anni, prende in gran fretta un aereo per Istanbul, la città dov'è nato e cresciuto. L'improvviso ritorno a casa scatena una serie di ricordi che sembravano sopiti: oltre alla madre affascinante ed elegantissima, il padre, misteriosamente scomparso per dieci anni (in Italia?), e altrettanto misteriosamente ricomparso; le zie zitelle, assetate di vita e di Martini, e i loro giovani amanti; e poi i fratelli, la fedele cuoca. E un amore, un amore perduto. Ma mai dimenticato. Stanza dopo stanza, i ricordi diventano più reali e la Istanbul della sua infanzia e adolescenza sembra riprendere forma. Ma con il passato il protagonista dovrà anche fare i conti. A questa storia se ne intreccia, imprevedibilmente, un'altra. Perché sullo stesso aereo Roma-Istanbul c'è, insieme al marito e a una coppia di amici, una donna. Il loro è un viaggio d'affari e di piacere, per festeggiare un evento importante. Finché accade qualcosa, e il loro futuro cambia direzione. Tra caffè e hammam, amori irrisolti e tradimenti svelati, melanconia e voluttà, il regista e la donna si sfiorano e, alla fine, si incontrano. Proprio come in un film di Ozpetek. Solo che stavolta è lui - forse - il protagonista.

Rosso Istanbul

Ozpetek Ferzan

Alla vigilia del suo nono compleanno, la timida Rose Edelstein scopre improvvisamente di avere uno strano dono: ogni volta che mangia qualcosa, il sapore che sente è quello delle emozioni provate da chi l'ha preparato, mentre lo preparava. I dolci della pasticceria dietro casa hanno un retrogusto di rabbia, il cibo della mensa scolastica sa di noia e frustrazione; ma il peggio è che le torte preparate da sua madre, una donna allegra ed energica, acquistano prima un terrificante sapore di angoscia e disperazione, e poi di senso di colpa. Rose si troverà così costretta a confrontarsi con la vita segreta della sua famiglia apparentemente normale, e con il passare degli anni scoprirà che anche il padre e il fratello - e forse, in fondo, ciascuno di noi - hanno doni misteriosi con cui affrontare il mondo. Mescolando il realismo psicologico e la fiaba, la scrittura sensuale di Aimee Bender torna a regalarci una storia appassionante sulle sfide che ogni giorno ci pone il rapporto con le persone che amiamo.

L’INCONFONDIBILE TRISTEZZA DELLA TORTA AL LIMONE

Bender Aimee

C'è Remo, poeta bevitore, antifascista e protagonista di una surreale Resistenza alcolica, che ogni giorno si reca davanti alla statua di Garibaldi spronandolo a scendere dal piedistallo per porre rimedio a torti e soprusi. C'è Ciccillo, basso, grosso, peloso come un orso, un passato da stellina del beat nel gruppo I Planetari, che dilapida tutto per farsi star dell'ospizio comunale. C'è la Bombolina, esile donzelletta dalla mano pesante. C'è Bighe Boghe, fulminato sulla via dell'America come il Nando Moriconi di Alberto Sordi, innamorato di ogni moda e tendenza esterofila, che si ritiene il più grande ballerino al mondo di "boogie woogie" (che però, come ogni altra parola straniera, non sa assolutamente pronunciare).

Toscani innamorati

Senesi Vauro

De Amicis, Edmondo – LA PICCOLA VEDETTA LOMBARDA (Cuore, 1886)