Fantasy

Drona

Fiandro Serena

Descrizione: Daar ha realizzato il proprio desiderio: Drona è la città ideale, creata con l'intercessione della Dama dotata di immensi poteri. A Drona, nessuno può essere infelice o manchevole di grandi virtù; ma col tempo, specularmente alla città d'Oro, dai peccati e dalle mancanze di quest'ultima se n'è formata una seconda. Mille anni ormai trascorsi dall'accordo fra Daar e la Dama, il sovrano di Drona invia Odar a recuperare lo specchio in cui egli, preda dell'ira, aveva precedentemente rinchiuso la maga - colpevole di aver preso parte all'accordo senza informare preventivamente Daar della possibile nascita della peccaminosa città speculare.

Categoria: Fantasy

Editore: Edizioni della Sera

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897139157

Recensito da Chiara Amato

Le Vostre recensioni

Drona – La città ideale” è il romanzo fantasy con cui Serena Fiandro fa il suo ingresso sulla scena letteraria. Un libro che conduce gli appassionati del genere in un complesso intrigo di magia, fiaba, vendetta, amori e conflitti.

La storia narra la creazione di una città ideale, dal nome Drona, luogo in cui regna la felicità ed i cui abitanti non conoscono alcun tipo di sofferenza. Drona è l’emblema della perfezione, la città d’Oro, sorta per opera di Daar, il suo sovrano, e della Dama, una creatura dagli innumerevoli poteri.

“Daar sapeva di essere diverso dagli altri. Trascorse diversi anni coltivando l’ossessione di un mondo perfetto, un mondo in cui ogni cosa potesse essere al suo posto e nella quale non ci fosse spazio per il caos.”

Dopo mille anni, però, l’incantesimo che aveva originato la città è destinato a rompersi, proprio a causa della Dama: è lei che ha nascosto a Daar l’esistenza di un’altra città in cui regna il male che è stato estirpato da Drona! Per impedire che la malvagità invada Drona, Daar deve recuperare lo specchio in cui la Dama è stata rinchiusa. Il prescelto a cui verrà conferito l’incarico è Odar, uno degli abitanti di Drona.

Ha inizio così il viaggio di Odar: durante il suo cammino egli incontrerà ostacoli e sarà sottoposto alle tentazioni di Sina, creatura ammaliatrice e vendicativa che custodisce lo specchio.

La narrazione si sviluppa in modo articolato e (forse) estremamente dettagliato in alcuni punti. Gli scenari, che fanno da sfondo alle intricate vicende, seguono un’ambientazione fiabesca e ricca di immagini diverse tra loro. Gli stessi personaggi sono caratterizzati da sfumature al contempo sottili e complesse.

Drona” racchiude anche un messaggio simbolico, ovvero la continua ricerca della perfezione che l’essere umano insegue da sempre e che è solo fonte di illusione e di dispiacere. Attraverso il suo libro, la scrittrice Serena Fiandro ci comunica come l’unica forza su cui costruire un mondo migliore è l’equilibrio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Serena

Fiandro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fiandro Serena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Finalista al Booker Prize 2010, “In una stanza sconosciuta” prende il titolo da una frase di William Faulkner: "In una stanza sconosciuta ti devi svuotare per il sonno. E prima che tu sia svuotato per il sonno, che cosa sei." Il protagonista del romanzo legge questo passaggio mentre riposa sulla riva di un fiume durante uno dei suoi viaggi tra Europa, Africa, Asia e tra ricerca, irrequietezza e passione. Il protagonista è lui, il giovane Damon, che strada facendo resta segnato nel profondo dalle intense vicende che vive. Cambiano gli ambienti e i paesaggi, ma al centro resta la persona, i rapporti umani che nascono e muoiono, il tentativo di stabilire un contatto e lo sforzo contro le condizioni, le circostanze avverse, le persone stesse che lo ostacolano. I sentimenti sono forti, ma nello stesso tempo c'è il distacco, che consente al protagonista narratore di raccontare fatti e moti dell'anima da due punti di vista differenti, da dentro e da fuori. E il racconto si divide in due, e segue in parallelo viaggio fisico e viaggio dello spirito con una lingua tersa, asciutta, essenziale che è stata paragonata a quella di John M. Coetzee e dello stesso William F aulkner. “In una stanza sconosciuta” esalta la grande intelligenza e l'acuta sensibilità di uno scrittore straordinario e straordinariamente umano.

IN UNA STANZA SCONOSCIUTA

Galgut Damon

Un crimine, due diari, la vittima e il suo assassino.Una donna diabolica e affascinante trascina il commissario Cristiani nel vortice del delitto.

Diario di un delitto d’amore

Panzacchi Francesca

Protetti e intoccabili. Sono 2 milioni di italiani divisi nelle 25 sacche di privilegio degli ordini professionali. Avvocati, ingegneri, psicologi, medici, farmacisti, notai, giornalisti, chimici, commercialisti... Rappresentano il 12,5 per cento del Pil. Hanno enti previdenziali propri, che gestiscono un tesoro di 40 miliardi di euro investiti in immobili e titoli finanziari. Il solo patrimonio dell'ordine dei medici vale 9,3 miliardi di euro. 4,5 quello degli avvocati; 4,3quello di architetti e ingegneri. Il presidente della Cassa dei medici guadagna circa 10.000 euro lordi al mese più 600 euro a ogni riunione a cui partecipa. L’élite al comando annovera 18,000 persone, impegnate in quotidiani giochi di potere, lotte interne, investimenti occulti, vere e proprie azioni di spionaggio e controspionaggio. Questo libro entra per la prima volta dentro gli ordini, ne racconta il funzionamento, i soldi e i traffici finanziari, gli scandali e le inchieste, i poteri forti che li animano, tra logge massoniche e gruppi religiosi come Opus Dei e Comunione e Liberazione, la presenza in Parlamento. Un sistema che risale a più di un secolo fa. Ancora oggi potentissimo e mai raccontato.

I veri intoccabili

Stefanoni Franco

Ci sono bar e bar e poi c’è il Bar Sport che tutti li accomuna e li fonde in un solo paradigmatico universo, in una sola grande scena di umanità raccolta sotto la fraterna insegna come intorno a un fuoco, intorno al calore di un’identità minacciata. Stefano Benni, con il suo Bar Sport, ha aperto la porta su un mondo che per tutti è diventato un luogo, anzi il luogo familiare per eccellenza. Il Bar Sport è quello dove non può mancare un flipper, un telefono a gettoni e soprattutto la "Luisona", la brioche paleolitica condannata a un’esposizione perenne in perenne attesa del suo consumatore. Il Bar Sport è quello in cui passa il carabiniere, lo sparaballe, il professore, il tecnnico (proprio così, con due n) che declina la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofare. Nel Bar Sport fioriscono le leggende, quella del Piva (calciatore dal tiro portentoso), del Cenerutolo (il lavapiatti che sogna di fare il cameriere) e delle allucinazioni estive. Vagando e divagando Benni ha scritto la sua piccola commedia umana, a cui presto aggiungerà un nuovo capitolo. Ebbene sì, Bar Sport è vivo, è ancora vivo.

BAR SPORT

Benni Stefano