Fantasy

Drona

Fiandro Serena

Descrizione: Daar ha realizzato il proprio desiderio: Drona è la città ideale, creata con l'intercessione della Dama dotata di immensi poteri. A Drona, nessuno può essere infelice o manchevole di grandi virtù; ma col tempo, specularmente alla città d'Oro, dai peccati e dalle mancanze di quest'ultima se n'è formata una seconda. Mille anni ormai trascorsi dall'accordo fra Daar e la Dama, il sovrano di Drona invia Odar a recuperare lo specchio in cui egli, preda dell'ira, aveva precedentemente rinchiuso la maga - colpevole di aver preso parte all'accordo senza informare preventivamente Daar della possibile nascita della peccaminosa città speculare.

Categoria: Fantasy

Editore: Edizioni della Sera

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897139157

Recensito da Chiara Amato

Le Vostre recensioni

Drona – La città ideale” è il romanzo fantasy con cui Serena Fiandro fa il suo ingresso sulla scena letteraria. Un libro che conduce gli appassionati del genere in un complesso intrigo di magia, fiaba, vendetta, amori e conflitti.

La storia narra la creazione di una città ideale, dal nome Drona, luogo in cui regna la felicità ed i cui abitanti non conoscono alcun tipo di sofferenza. Drona è l’emblema della perfezione, la città d’Oro, sorta per opera di Daar, il suo sovrano, e della Dama, una creatura dagli innumerevoli poteri.

“Daar sapeva di essere diverso dagli altri. Trascorse diversi anni coltivando l’ossessione di un mondo perfetto, un mondo in cui ogni cosa potesse essere al suo posto e nella quale non ci fosse spazio per il caos.”

Dopo mille anni, però, l’incantesimo che aveva originato la città è destinato a rompersi, proprio a causa della Dama: è lei che ha nascosto a Daar l’esistenza di un’altra città in cui regna il male che è stato estirpato da Drona! Per impedire che la malvagità invada Drona, Daar deve recuperare lo specchio in cui la Dama è stata rinchiusa. Il prescelto a cui verrà conferito l’incarico è Odar, uno degli abitanti di Drona.

Ha inizio così il viaggio di Odar: durante il suo cammino egli incontrerà ostacoli e sarà sottoposto alle tentazioni di Sina, creatura ammaliatrice e vendicativa che custodisce lo specchio.

La narrazione si sviluppa in modo articolato e (forse) estremamente dettagliato in alcuni punti. Gli scenari, che fanno da sfondo alle intricate vicende, seguono un’ambientazione fiabesca e ricca di immagini diverse tra loro. Gli stessi personaggi sono caratterizzati da sfumature al contempo sottili e complesse.

Drona” racchiude anche un messaggio simbolico, ovvero la continua ricerca della perfezione che l’essere umano insegue da sempre e che è solo fonte di illusione e di dispiacere. Attraverso il suo libro, la scrittrice Serena Fiandro ci comunica come l’unica forza su cui costruire un mondo migliore è l’equilibrio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Serena

Fiandro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fiandro Serena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Vent'anni fa, un'estate in Riviera, una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, il ragazzo aspetta come ogni anno "l'ospite dell'estate, l'ennesima scocciatura": uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato. Ma Oliver, il giovane americano, conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti. Anche Elio ne è irretito. I due condividono, oltre alle origini ebraiche, molte passioni: discutono di film, libri, fanno passeggiate e corse in bici. E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all'estasi. "Chiamami col tuo nome" è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una domanda che resta aperta finché Elio e Oliver si ritroveranno un giorno a confessare a se stessi che "questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta".

Chiamami col tuo nome

Aciman André

Colin è un giovane parigino ricco e annoiato. Passa il tempo dedicandosi a ricette inverosimili, strimpellando bizzarri strumenti di sua invenzione, bighellonando con Chick – il suo migliore amico – un ingegnere spiantato e sperperone che ha uno strano pallino: collezionare le opere di Jean-Sol Partre. Poi, nella vita del signorino entra, in modo esplosivo, l'amore. L'incontro con la bella Chloé è un colpo di fulmine: decidono di sposarsi nel giro di pochi giorni. Per la cerimonia nuziale, Colin non bada a spese: ingaggia un Arcivettovo, settantatré musicisti, quattordici Figli della Fede e due pederasti d'onore. Nella chiesa, ridipinta di fresco a strisce gialle e viola, entrano anche le nuvole, profumate di coriandolo e di erbe di montagna. Gli sposini si imbarcano in un lungo e stralunato viaggio di nozze nel Sud della Francia, scortati dal cuoco di Colin, Nicolas. Al ritorno dal viaggio, Chloè si ammala. Nei suoi polmoni si annida un male terribile, fatica a respirare. Mentre il tempo va sempre più veloce, e l'appartamento dove vivono, inizialmente di dimensioni faraoniche, si fa sempre più stretto... Romanzo dolce e pirotecnico, surreale fiaba d'amore e feroce denuncia del conformismo, piena di invenzioni che fanno ridere e piangere, La schiuma dei giorni è il capolavoro di un genio ventisettenne: Boris Vian. Prefazione di Ivano Fossati. Con un'intervista a Daniel Pennac.

LA SCHIUMA DEI GIORNI

Vian Boris

Verga, Giovanni – LA LUPA (Vita dei campi, 1880)

Il muggito di Sarajevo di Lorenzo Mazzoni

Mazzoni Lorenzo