Saggi

Due vite

Trevi Emanuele

Descrizione: «L'unica cosa importante in questo tipo di ritratti scritti e cercare la distanza giusta, che è lo stile dell'unicità». Così scrive Emanuele Trevi in un brano di questo libro che, all'apparenza, si presenta come il racconto di due vite, quella di Rocco Carbone e Pia Pera, scrittori prematuramente scomparsi qualche tempo fa e legati, durante la loro breve esistenza, da profonda amicizia. Trevi ne delinea le differenti nature: incline a infliggere colpi quella di Rocco Carbone per le Furie che lo braccavano senza tregua; incline a riceverli quella di Pia Pera, per la sua anima prensile e sensibile, cosi propensa alle illusioni. Ne ridisegna i tratti: la fisionomia spigolosa, i lineamenti marcati del primo; l'aspetto da incantevole signorina inglese della seconda, così seducente da non suggerire alcun rimpianto per la bellezza che le mancava. Ne mostra anche le differenti condotte: l'ossessione della semplificazione di Rocco Carbone, impigliato nel groviglio di segni generato dalle sue Furie; la timida sfrontatezza di Pia Pera che, negli anni della malattia, si muta in coraggio e pulizia interiore. Tuttavia, la distanza giusta, lo stile dell'unicità di questo libro non stanno nell'impossibile tentativo di restituire esistenze che gli anni trasformano in muri scrostati dal tempo e dalle intemperie. Stanno attorno a uno di quegli eventi ineffabili attorno a cui ruota la letteratura: l'amicizia. Nutrendo ossessioni diverse e inconciliabili, Rocco Carbone e Pia Pera appaiono, in queste pagine, come uniti da un legame fino all'ultimo trasparente e felice, quel legame che accade quando «Eros, quell'ozioso infame, non ci mette lo zampino».

Categoria: Saggi

Editore: Neri Pozza

Collana: Bloom

Anno: 2021

ISBN: 9788854522633

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Due vite di Emanuele Trevi

Due vite: quelle di Rocco Carbone e di Pia Pera, entrambi amici di Emanuele Trevi.

Scomparsi in modo prematuro – il primo per un incidente (“Che cos’è un incidente?… Libero dal vincolo della necessità, gratuito, imprevedibile, accade non smettendo però di ricordarci che poteva benissimo non accadere”), la seconda per una malattia progressiva – i due scrittori-amici, così diversi per indole (“Pia era… un’inveterata masochista… la natura di Rocco… era all’opposto… sadica”), rivivono nei ricordi letterari dell’autore di questo saggio – a cavallo tra critica letteraria e romanzo biografico – candidato al Premio Strega 2021.

Rocco Carbone

Aspro di carattere (“Rocco Carbone suona… come una perizia geologica. E molti lati del suo carattere per niente facile suggerivano un’ostinazione, una rigidità da regno minerale”), problematico per temperamento (“Parlare della vita di Rocco significa necessariamente parlare della sua infelicità… faceva parte della schiera predestinata dei nati sotto Saturno”) e origini (“L’origine sociale ti seguirà sempre come un’ombra e un segno indelebile e rivelatore”), polemico (“un campione del risentimento cosmico”), insoddisfatto nonostante le case editrici non gli abbiano negato opportunità di pubblicazione, Rocco viene evocato per i tratti stilistici essenziali (“una vera e propria fobia dell’ornamento”), riconoscibili (“L’uniformità è il principio basilare della scrittura di Rocco”) e letterari (“L’orrore del parlato va inquadrato in una strategia sempre rivolta al tenere a bada, ammansire, allontanare la potenza dell’irrazionale, dell’imprevedibile”).

Sul piano umano, Trevi rimpiange di aver lesinato in disponibilità (“in ogni amicizia c’è un rimorso”) nei confronti dell’amico, che torna come incubo ricorrente a turbare il sonno dopo il tragico incidente – preannunciato da sinistri presagi e seguito da un riconoscimento civico (“piantare un albero, un ulivo, a pochi metri dal luogo dell’incidente”) – nel quale Carbone perse la vita.

Curare la pubblicazione postuma del romanzo che Carbone stava scrivendo quando la morte l’ha sorpreso diviene per Trevi un tributo di fedeltà all’amico scomparso.

Pia Pera

Eclettica per produzione – autrice erotica esplicita ne La bellezza dell’asino, raffinata traduttrice della letteratura russa, scrittrice dei cosiddetti libri naturali dopo che si ritirò nella villa toscana di campagna a coltivare la sua passione per la botanica – dopo una disavventura editoriale (“L’idea di rifare al femminile Lolita di Nabokov” nel Diario di Lo, pubblicato nel 1995 e osteggiato da una vertenza intentata dal figlio di Nabokov) per un esperimento non propriamente riuscito (“Questa letteratura derivata… si basa troppo sulla cultura del lettore”), viene accostata al romanzo da lei tradotto – Il giardino segreto di Frances Hodgson Burnett – e alle poesie di Emily Dickinson: “Come farà il giardino a capire perché la giardiniera non viene più ad accudirlo?

***

Percorso dalle palpitazioni che le amicizie vere possono riservare, questo saggio ha pagine vibranti di commozione e induce a (ri)leggere le opere dei compianti autori, che proponiamo in calce dopo il nostro commento.

Due vite di Emanuele Trevi è tra i finalisti del premio Strega 2021, così come Sanguina ancora. L’incredibile vita di Fëdor M. Dostojevskij di Paolo Nori è nella cinquina finalista del Campiello 2021: e questo piace a chi – come me – ama leggere opere imparentate con la critica letteraria…

Bruno Elpis

________________________________________

Rocco Carbone

Mito/romanzo: semiotica del mito e narratologia, Roma: Bulzoni, 1986
Introduzione a Arturo Loria, La scuola di ballo, Palermo: Sellerio, 1989
Alberto Moravia e “Gli indifferenti”, Milano: Loescher, 1991
La natura dell’antico: studi pascoliani, Firenze: La nuova Italia, 1991
Traduzione e nota in Honoré de Balzac, Il capolavoro sconosciuto, Roma: Empiria, 1993
Agosto, Roma-Napoli: Theoria, 1993
Il comando, Milano: Feltrinelli, 1996
L’assedio, Milano: Feltrinelli, 1998
L’apparizione, Milano: Mondadori, 2002
Libera i miei nemici, Milano: Mondadori, 2005
Per il tuo bene, introduzione (“La breve vita felice”) di Emanuele Trevi, Milano: Mondadori, 2009
Il padre americano, Cavallo di ferro, Roma 2011

Pia Pera 

I vecchi credenti e l’anticristo (Marietti Editore, 1992)
La bellezza dell’asino (Marsilio 1992)
Diario di Lo (Marsilio 1995)
L’arcipelago di Longo Maï. Un esperimento di vita comunitaria, (Baldini e Castoldi, 2000)
L’orto di un perdigiorno Confessioni di un apprendista ortolano (Ponte alle Grazie, 2003; TEA, 2015)
Il giardino che vorrei (Electa, 2006; Ponte alle Grazie, 2015)
Contro il giardino dalla parte delle piante (Ponte alle Grazie, 2007)
Giardino & ortoterapia (Salani, 2010)
Le vie dell’orto (Terre di mezzo, 2011).
Al giardino ancora non l’ho detto (Ponte alle Grazie, 2016), premio Rapallo.
Le virtù dell’orto (Ponte alle Grazie 2016, postumo), seconda edizione corretta e ampliata di Giardino & ortoterapia (Salani 2010).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emanuele

Trevi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Trevi Emanuele

Artur Paz Semedo, impiegato di una storica fabbrica d'armi, le Produzioni Bellona s.a., e intenditore di film bellici, viene profondamente colpito da alcune commoventi immagini de "L'espoir", di André Malraux, cui assiste casualmente. La successiva lettura del libro, che pare già provocare un'impercettibile incrinatura nelle sue certezze di amante appassionato delle armi da fuoco e, poco dopo, il suggerimento della ex moglie Felícia, una pacifista convinta, di investigare negli archivi dell'azienda per scoprire se le Produzioni Bellona s.a. abbiano mai venduto armamenti ai fascisti lo avviano verso un'avventura...

Alabarde Alabarde

Saramago Jose

Venezia,1762. La città della Laguna è uno sfavillio di palazzi sontuosi e balli in maschera. La bellissima Leonora Pucci, cresciuta in un convento di suore a Vicenza, viene richiamata in città da suo padre. Il suo destino è di andare in sposa, un matrimonio concordato per fini politici. Ma lontano dalle feste di Carnevale e dalle cerimonie per l’elezione del Doge, qualcuno trama nell’ombra... Il giorno delle nozze il padre di Leonora verrà arrestato e rinchiuso nelle segrete di Palazzo Ducale e presto la giovane si accorgerà che anche la sua stessa vita è in pericolo. Nel perverso gioco di maschere che la circonda, Leonora dovrà imparare a distinguere gli amici dai nemici. Fino a scoprire che nel dedalo di vicoli bui della città si nasconde un terribile segreto…

La spia del doge

Loredan

I delitti della Rue Morgue

È il 2 maggio del 1945. Martin Bormann, braccio destro di Adolf Hitler, scompare per le strade di Berlino durante l'avanzata sovietica. Vent'anni dopo, fonti prossime alla CIA lo identificano come Martin Weisberg, finanziatore eccentrico e pacifista della rock band The Love's White Rabbits vicina al Movimento radicale. Da qui ha inizio una caccia all'uomo che coinvolgerà settori deviati dei servizi segreti americani e israeliani, uno scovanazisti italiano, un attore cieco fan di Charles Bronson, un reduce dal Vietnam fuori di testa. La vicenda è ambientata prevalentemente negli Stati Uniti, con incursioni fra Città del Guatemala, Singapore, Saigon. Sullo sfondo il clima esplosivo dell'estate del '68. Storia, cronaca e finzione si rincorrono fondendosi dalla prima all'ultima pagina di questo originale romanzo dal ritmo incalzante e dal finale al cardiopalma. Così accade che una spia in gonnella semini il Caos. Uno scheletro sia perdutamente innamorato di Anita Garibaldi. Una chitarra racconti la Beat generation. Una scultrice plasmi marijuana e hashish. Uno spietato killer del Mossad adori indossare scarpe rosa coi tacchi a spillo. E mentre scorrono fiumi di limonata all'LSD, esplode la questione nera, le università sono in rivolta, la musica psichedelica spopola tra i giovani e gli agenti dell'FBI reprimono le proteste.

Quando le chitarre facevano l’amore

Mazzoni Lorenzo